Albera Ligure

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albera Ligure
comune
Albera Ligure – Stemma Albera Ligure – Bandiera
Albera Ligure – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Sindaco Roberto Massacane (lista civica Insieme per Albera) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°42′12″N 9°04′02″E / 44.703333°N 9.067222°E44.703333; 9.067222 (Albera Ligure)Coordinate: 44°42′12″N 9°04′02″E / 44.703333°N 9.067222°E44.703333; 9.067222 (Albera Ligure)
Altitudine 423 m s.l.m.
Superficie 21,23 km²
Abitanti 329[1] (31.12.2011)
Densità 15,5 ab./km²
Frazioni Astrata, Figino, San Martino, San Nazzaro, Santa Maria, Vendersi, Vigo, Volpara
Comuni confinanti Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Fabbrica Curone, Montacuto, Rocchetta Ligure
Altre informazioni
Cod. postale 15060
Prefisso 0143
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006002
Cod. catastale A146
Targa AL
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 831 GG[2]
Nome abitanti alberesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Albera Ligure
Mappa del Comune di Albera Ligure all'interno della Provincia di Alessandria.
Mappa del Comune di Albera Ligure all'interno della Provincia di Alessandria.
Sito istituzionale

Albera Ligure (Albera in piemontese, Arbea in ligure) è un comune italiano di 329 abitanti della provincia di Alessandria, in Piemonte, situato in val Borbera.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Situato sulla riva destra del torrente Borbera che dà il nome alla vallata, alle pendici nord-ovest del Monte Ebro (1.701 m) che è la vetta più elevata della Provincia di Alessandria. Il nucleo principale del comune, è diviso dal Borgo di San Martino dal torrente Albirola, un affluente del Borbera, da cui prende probabilmente il nome del comune. Fanno parte della località le frazioni: San Nazzaro, Astrata e Spinola, e si trovano lungo la provinciale che da Arquata Scrivia raggiunge Cabella Ligure. Le frazioni Santa Maria, Vendérsi, Vigo, Figino e Volpara sono situate ad est, sparse sul territorio comunale che raggiunge i 1.559 metri del monte Pana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia del paese, così come la sua gastronomia si alterna tra Piemonte e Liguria. Le prime notizie del borgo, anche se probabilmente di origini Liguri Dectunine, risalgono al medioevo. Circa mille anni fa, attorno al IX secolo, nella frazione di Vendérsi venne fondata, sulle vestigia di un insediamento romano un'abbazia benedettina, dove trovarono rifugio i contadini messi in fuga dalle invasioni barbariche. Con i beni dell'Abbazia, decaduta nel XIII secolo venne creato un feudo signorile ed un'immunità ecclesiastica con a capo un provosto sotto la diretta protezione papale. All'epoca della fondazione di Alessandria nel 1168 il comune di Albera viene menzionato tra quelli che aderirono alla lotta contro Federico Barbarossa. Verso la metà del XV secolo, passò sotto la dominazione dei Feudi imperiali liguri ed amministrata da varie famiglie nobili genovesi e tortonesi fino all'abolizione dei feudi imperiali nel luglio 1797. Solo nel 1861 ritornò ad essere compreso nella provincia di Alessandria. Nel 1929 il paese viene aggregato al comune di Rocchetta Ligure ma riacquistò l'indipendenza amministrativa, dopo la seconda guerra mondiale, nel 1947.

Edifici di pregio[modifica | modifica wikitesto]

Nella frazione di Vendérsi si trova l'interessante Chiesa dei Santi Matteo e Fortunato risalente al IX secolo La precedente abbazia si trovava invece a monte del paese, in località denominata "Pian dei Preti", ancora oggi visibilmente interessata da movimenti franosi che all'epoca distrussero l'abbazia. Dell'importante abbazia di Vendérsi rimane solo un coperchio di un sarcofago in granito, a sezione, con aggetti angolari, lungo 2 metri e largo 80 cm, addossato al muro esterno della chiesa e forse utilizzato in età medievale come copertura della tomba di un alto prelato o di un benefattore. Dell'antica pieve del capoluogo si conserva, addossato al lato sud della chiesa parrocchiale un porticato a due piani con volte a vela. Nella sacrestia, la parte più antica del complesso, vi sono volte affrescate con stemmi pontifici e motivi floreali. Nella frazione Figino si possono osservare i resti di una torre antica, forse un osservatorio per segnalare agli abitanti del tempo l'avvicinarsi dei Saraceni provenienti dalla Liguria e dal mare.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Nel paese secondo il censimento ISTAT al 31/12/2007 vivevano nel paese 5 stranieri.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Ad Albera ligure negli ultimi anni si sta profilando un turismo silenzioso e discreto per famiglie e amanti della natura e della pace, ma l'attività principale resta l'agricoltura. Ancora oggi si coltivano cereali, legumi, patate, e foraggi. Importante è l'allevamento, soprattutto degli ovini. La migrazione verso la pianura negli anni passati è sempre stata intensa, e negli ultimi cinquant'anni ha letteralmente spopolato diversi comuni e frazioni della valle.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ricorrenze e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

La manifestazione più importante è la Festa del Pane in località Molino di Santamaria, il cui forno, fin dal 1700, ha prodotto prelilibate forme di pane grazie alla forza di un mulino ad acqua. La festa è organizzata dal Comune e dalla Comunità Montana Val Borbera e ha luogo La domenica successiva a Ferragosto. Patrono del paese è San Giovanni Battista la cui ricorrenza cade il 24 giugno.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Questo paese fa parte del territorio culturalmente omogeneo delle Quattro province (Alessandria, Genova, Pavia, Piacenza), caratterizzato da usi e costumi comuni e da un importante repertorio di musiche e balli molto antiche. Strumento principe di questa zona è il piffero appenninico che accompagnato dalla fisarmonica, e un tempo dalla müsa (cornamusa appenninica), guida le danze e anima le feste.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte