Carlo Borromeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando degli omonimi, vedi Carlo Borromeo (disambigua).
Carlo Borromeo
cardinale di Santa Romana Chiesa
Carlo Borromeo.jpg
DSC02997 - Duomo di Milano - Scurolo di san Carlo - Stemma dei Borromeo - Foto Giovanni Dall'Orto - 29-jan-2007.jpg
Humilitas
Nato 2 ottobre 1538
Creato cardinale 31 gennaio 1560 da papa Pio IV
Deceduto 3 novembre 1584
San Carlo Borromeo
Orazio Borgianni, San Carlo Borromeo
Orazio Borgianni, San Carlo Borromeo
Nascita Arona, 2 ottobre 1538
Morte Milano, 3 novembre 1584
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 1602
Canonizzazione 1º novembre 1610
Ricorrenza 4 novembre
Attributi Bastone pastorale
Patrono di Lombardia, Diocesi di Lugano (Svizzera), seminaristi, direttori spirituali, catechisti, vescovi, meleti, invocato contro le malattie dello stomaco

Carlo Borromeo (Arona, 2 ottobre 1538Milano, 3 novembre 1584) è stato un arcivescovo cattolico e cardinale italiano.[1] È stato canonizzato nel 1610 da papa Paolo V. San Carlo è considerato tra i massimi riformatori della chiesa cattolica nel XVI secolo assieme a Sant'Ignazio di Loyola ed a San Filippo Neri, guidando il movimento della Controriforma contrapposta alla riforma protestante. Tra le riforme di maggior peso da lui proposte ed accettate dal Concilio di Trento che patrocinò per tutta la sua durata, vi fu la fondazione dei seminari per la corretta formazione dei presbiteri e la loro educazione.

La vita in breve[modifica | modifica wikitesto]

In un secolo in cui l'altezza media degli uomini non superava il metro e sessanta, Carlo Borromeo era alto più di un metro e ottanta. Così lo descrive Federico Rossi di Marignano[2] non solo era molto alto, ma era anche di corporatura robusta. I digiuni di Carlo Borromeo negli ultimi anni di vita non consistevano nell'astinenza assoluta dal cibo, ma invece, secondo l'uso ecclesiastico antico, nel consumare un solo pasto al giorno, dopo il vespro, dando seguito alla raccomandazione di Ambrogio e di Agostino di destinare ai bisognosi il denaro risparmiato con il digiuno. Astenendosi da cibi costosi, elaborati e vari, cibandosi di un alimento comune e povero come il pane, Carlo l'assumeva tuttavia «in assai quantità», necessaria al sostentamento quotidiano di un corpo robusto come il suo.

Occorre anche ricordare che durante la vita adulta Carlo Borromeo portò sempre la barba, anche se la vasta iconografia seicentesca lo raffigura rasato. Egli cominciò infatti a radersi solo nel 1576, al tempo della peste, e mantenne il volto rasato in segno di penitenza durante gli ultimi otto anni di vita[3].

Inizialmente fu un celebre zio che aprì al giovane Carlo la strada della fama universale. Nipote per parte di madre, Margherita sorella di papa Pio IV, al secolo Gian Angelo Medici, il Borromeo fu da lui nominato cardinale e segretario privato quando aveva poco più di vent'anni. In tale veste, dando esecuzione alle direttive dello zio, il giovane Carlo ebbe la singolare occasione di contribuire a riaprire, concludere e attuare il concilio di Trento. La fama di Carlo Borromeo cominciò dunque grazie all'istituto del nepotismo.

Attuando nella diocesi ambrosiana la riforma tridentina, vivendo costantemente in ascetica povertà, Carlo Borromeo dedicò la sua azione pastorale alla cura delle anime e alla riforma dei costumi, promuovendo oltre al culto «interiore» anche il culto «esteriore» - riti liturgici, preghiere collettive, processioni - ravvivando in tal modo la fede, l'identità e la coesione sociale soprattutto dei ceti più popolari[4].

Quando tuttavia dopo la morte dello zio papa Pio IV, nel 1566 Carlo Borromeo, a ventotto anni, si trasferì da Roma a Milano per attuare in patria la riforma tridentina, si trovò a dover riformare una diocesi nella quale la disciplina ecclesiastica era «del tutto persa», perché da quasi un secolo gli arcivescovi titolari, risiedendo altrove, l'avevano abbandonata a se stessa limitandosi a goderne le rendite. Nel riformare una tal diocesi «del tutto persa», Carlo si trovò a dover affrontare «contrasti tanto grandi [...] et da persone tanto potenti che havriano impaurito ogni grand'animo».

Nell'attuare i decreti tridentini il Borromeo si espose infatti alla reazione di coloro che vedevano lesi i propri privilegi: fu contrastato dai governatori spagnoli e dal Senato milanese, minacciato con i bastoni dai frati minori osservanti, aggredito con le spade dai canonici di Santa Maria della Scala, minacciato dalle monache di Sant'Agostino, vilipeso da quelle di Lecco e colpito con una archibuggiata alla schiena da un sicario dell'ordine degli umiliati.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Particolare del ritratto del giovane Carlo Borromeo con la madre Margherita Medici di Marignano, Palazzo Borromeo, Isola Bella.

Figlio di Gilberto II Borromeo e Margherita Medici di Marignano, sorella di papa Pio IV, Carlo Borromeo era il giovane rampollo della nobile e potente famiglia lombarda dei Borromeo. Egli nacque il 2 ottobre 1538, di venerdì, tra le 8 e le 9 di mattina, nel Castello di Arona, nella stanza detta all'epoca "dei Tre Laghi" ed oggi detta "di san Carlo" in suo onore. Venne battezzato poco dopo nella chiesa parrocchiale di Arona.

Studiò a Milano materie umanistiche sotto la guida di frate Giacomo Merula e poi diritto canonico e civile a Pavia sotto la guida del futuro cardinale Francesco Alciato, dove si laureò in utroque iure il 6 dicembre 1559 e dove successivamente creò nel 1564 una struttura residenziale per studenti universitari di scarse condizioni economiche ma con elevati livelli di preparazione e attitudine allo studio; istituto che da lui prese il nome di Almo Collegio Borromeo, oggi il più antico e prestigioso collegio storico di Pavia e tra i più antichi d'Italia.

A Milano ricevette quindi l'abito clericale e la tonsura per mano del vescovo di Lodi, Giovanni Simonetta, il 13 ottobre 1547. All'età di circa dodici anni, per rinuncia di suo zio Giulio Cesare Borromeo, ottenne in affidamento l'abbazia di San Leonardo di Siponto nella provincia di Manfredonia, con l'ufficio e la dignità di abate commendatario, il reddito della quale fu da lui devoluto interamente per la carità verso i poveri. Divenne nel contempo anche commendatario delle abbazie dei Santi Felino e Graziano ad Arona (20 novembre 1547), di San Silano di Romagnano (10 maggio 1558) e priore commendatario di Santa Maria di Calvenzano (8 dicembre 1558).

Nel 1558 morì suo padre. Pur avendo un fratello maggiore, il conte Federico Borromeo, a Carlo fu richiesto dai parenti di prendere il controllo degli impegnativi affari di famiglia.

A Roma presso la corte dello zio Pio IV ed il cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 dicembre 1559 lo zio materno, Giovan Angelo Medici di Marignano, venne eletto papa con il nome di Pio IV e chiamò a Roma i suoi nipoti Federico e Carlo Borromeo per renderli suoi stretti collaboratori nell'amministrazione degli affari della chiesa. Il 13 gennaio 1560, Carlo Borromeo vnene nominato protonotario apostolico partecipante e referendario della corte papale. Il 22 gennaio successivo venne ammesso quale membro della consulta per l'amministrazione dello Stato Pontificio entrando così nel pieno della gestione statale e "laica" dei possedimenti del papa. Dal 27 gennaio di quello stesso anno divenne anche abate commendatario di Nonantola, San Gallo di Moggio, Serravalle (o della Follina), Santo Stefano del Corno, una in Portogallo ed una nelle Fiandre.

Nel concistoro del 31 gennaio del 1560, venne subito creato dallo zio cardinale diacono e ricevette la berretta ed il titolo dei Santi Vito e Modesto il 14 febbraio successivo. Venne nominato amministratore dell'arcidiocesi di Milano dal 7 febbraio di quello stesso anno e quindi legato pontificio a Bologna ed in Romagna per due anni dal 26 aprile 1560. Il 4 settembre del 1560 optò per il titolo cardinalizio di San Martino ai Monti.

Orientato ormai definitivamente alla carriera ecclesiastica per convenienza ed orientamento personale, iniziò il proprio percorso presbiteriale ricevendo il suddiaconato ed il diaconato il 21 dicembre del 1560 direttamente dal papa e poco dopo venne nominato Segretario di Stato, una delle massime cariche nell'amministrazione dello Stato della Chiesa. Dal 1º giugno 1561 venne nominato governatore di Civita Castellana e di Ancona, nonché proclamato cittadino onorario di Roma. Nel 1562 fondò l'Accademia Vaticana, di ispirazione arcadica, e dal 1º dicembre di quello stesso anno divenne governatore di Spoleto e membro del Sant'Uffizio.

Nel 1562 Federico morì improvvisamente e quindi a Carlo fu consigliato di lasciare l'ufficio ecclesiastico, di sposarsi ed avere dei figli, per non estinguere la dinastia familiare, ma Carlo preferì proseguire la propria missione ecclesiastica ed il 4 settembre 1563 venne ordinato sacerdote per mano del cardinale Federico Cesi nella basilica romana di Santa Maria Maggiore. Ereditò comunque il titolo di principe di Orta che spettava alla sua famiglia.

La consacrazione a vescovo ed i lavori per il Concilio di Trento[modifica | modifica wikitesto]

Allegoria del Concilio di Trento: il cardinale di fianco all'altare centrale è San Carlo Borromeo, affiancato dal cugino Marcus Sittikus von Hohenems, arcivescovo di Salisburgo, e dal cugino cardinale Marco Sittico Altemps.

San Carlo sfruttò la propria influenza come segretario di stato pontificio per riaprire il Concilio di Trento al quale prese parte direttamente nelle sessioni del 1562-1563, i cui decreti finali vennero confermati dal pontefice nel concistoro del 26 gennaio 1564. Durante queste ultime delicate fasi, il Borromeo intervenne direttamente perorando la causa cristiana nella visione della messa come vero e proprio sacrificio di Cristo riproposto ad ogni celebrazione, contrastando la visione protestante secondo la quale l'eucarestia sarebbe solo il ricordo dell'ultima cena. Sempre su impulso di san Carlo vennero approvati i decreti relativi agli ordini sacri ed all'istituzione dei seminari, giungendo a toccare temi importanti e molto sentiti all'epoca come il valore del matrimonio ed il celibato sacerdotale, pratica a cui il cardinale diede largo spazio personale.

San Carlo assiste lo zio Pio IV sul letto di morte

Intanto il 7 dicembre 1563 era stato consacrato vescovo nella Cappella Sistina per mano del cardinale Giovanni Antonio Serbelloni, assistito da Tolomeo Gallio, arcivescovo di Manfredonia, e da Felice Tiranni. Poco dopo divenne presidente della commissione di teologi incaricati dal papa sul finire dell'anno di elaborare il Catechismus Romanus assieme a grandi personaggi della controriforma come San Pietro Canisio, San Turibio da Mogrovejo e San Roberto Bellarmino; lavorò nel contempo per la revisione del messale e del breviario nonché della musica da utilizzarsi durante la messa, supportando in quest'ultima ottica la carriera del milanese Orfeo Vecchi.

Preconizzato arcivescovo di Milano il 12 maggio 1564 (dove già svolgeva la funzione di amministratore apostolico per conto dello zio), incontrò in questa nomina l'opposizione di Ippolito II d'Este che già aveva svolto nella diocesi la carica di amministratore e che sembrava il candidato favorito a succedere come arcivescovo effettivo dopo la salita al soglio pontificio di Giovanni Angelo Medici di Marignano.

Il Borromeo, ad ogni modo, venne poco dopo nominato governatore di Terracina (3 giugno) ed arciprete della basilica romana di Santa Maria Maggiore (ottobre [1564]]). Optò quindi per il titolo presbiteriale di Santa Prassede (17 novembre 1564) e gli venne garantito dal pontefice il titolo di conte palatino. Prefetto della Sacra Congregazione per il Concilio di Trento, mantenne la carica dal 1564 al settembre del 1565 quando venne nominato legato a Bologna nonché vicario generale spirituale per tutta l'Italia (17 agosto 1565). Penitenziere maggiore dal 7 novembre del 1565, rimase in questa carica sino al 12 dicembre del 1572.

Pur con la morte dello zio pontefice nel 1565, rimase uno dei principali personaggi influenti nella chiesa: prese parte al conclave del 1565-1566 che elesse papa Pio V; lasciò il conclave poco dopo l'elezione del papa a causa di un malessere, ma chiese al nuovo pontefice di prendere il nome di Pio.

L'opera riformatrice come arcivescovo di Milano[modifica | modifica wikitesto]

Il trionfale ingresso di San Carlo a Milano, dipinto di Filippo Abbiati.

Dopo la morte dello zio papa, nel 1566, lasciata la corte pontificia, prese possesso dell'arcidiocesi di Milano, nella quale da circa ottant'anni mancava un arcivescovo residente e nella quale si era radicata una situazione di pesante degrado. Fu questa l'occasione per Carlo Borromeo di sperimentare le nuove norme del concilio di Trento e Milano si presentava ai suoi occhi un ottimo esempio per l'Italia ed il mondo intero: in breve tempo ristabilì la disciplina nel clero, negli ordini religiosi maschili e femminili, dedicandosi al rafforzamento della moralità dei sacerdoti e alla loro preparazione religiosa fondando, secondo le direttive del Concilio tridentino, i primi seminari: il seminario maggiore di Milano, il seminario elvetico e altri seminari minori. Per la sua opera riformatrice si servì anche dell'opera degli ordini religiosi (gesuiti, teatini, barnabiti), fondando la congregazione degli Oblati di Sant'Ambrogio (1578).

San Carlo Borromeo comunica un appestato, dipinto di Tanzio da Varallo.

Negli anni del suo episcopato, dal 1566 al 1584, si dedicò alla diocesi milanese costruendo, rinnovando e promuovendo chiese (tra le più rilevanti i santuari di dell'Addolorata a Rho, della Beata Vergine dei Miracoli di Corbetta, del Sacro Monte di Varese, oltre a San Fedele a Milano ed alla chiesa della Purificazione di Maria Vergine in Traffiume); si impegnò nelle visite pastorali; curò la stesura di norme importanti per il rinnovamento dei costumi ecclesiastici. Instancabile visitatore, la sua azione pastorale fu minuziosa ed si apprestò a visitare anche i borghi più remoti della sua arcidiocesi, allargandosi anche all'istruzione del laicato con la fondazione di scuole e collegi (quello di Brera, affidato ai gesuiti, o il Borromeo di Pavia). Tra i suoi grandi meriti vi fu quello di obbligare i parroci delle parrocchie del milanese a tenere dei registri aggiornati e precisi circa i battesimi, i matrimoni e le morti dei fedeli, uno dei primissimi passi al mondo nel tentativo di stabilire i diretti antenati delle moderne anagrafi. Le riforme da lui promosse nell'arcidiocesi di Milano vennero raccolte nei cosiddetti Acta Ecclesiae Mediolanensis.

Processione di San Carlo col Santo Chiodo durante la peste

Si impegnò in opere assistenziali in occasione di una durissima carestia nel 1569-70 e, soprattutto nel periodo della terribile peste del 1576-1577, detta anche "peste di San Carlo". Assai noto è l'episodio della processione organizzata dal santo per chiedere l'intercessione affinché il morbo si placasse, fatta a piedi nudi, con in mano la reliquia del santo chiodo inserita in una croce lignea appositamente costruita. Incredibilmente, il morbo si placò e ciò fu interpretato da molti come una manifestazione della santità dell'arcivescovo.

Papa Gregorio XIII gli garantì i permessi necessari per stabilire la congregazione degli oblati di Sant'Ambrogio il 26 aprile 1578 e fu lui a celebrare la prima comunione di Luigi Gonzaga, futuro santo gesuita, il 22 luglio del 1580.

Durante gli anni della sua reggenza della cattedra episcopale milanese, molti inglesi cattolici lasciarono la patria d'origine alla volta dell'Italia a causa delle persecuzioni religiose perpetrate dalla regina protestante Elisabetta I. Il Borromeo ricevette proprio in questa occasione i gesuiti Edmund Campion e Ralph Sherwin a Milano nel 1580, ai quali concesse udienza ogni giorno per otto giorni prima della loro partenza alla volta dell'Inghilterra con l'intento di tornare ad evangelizzare. Promosse largamente il culto di San John Fisher il quale, assieme a san Tommaso Moro, era stato uno dei martiri per la fede cattolica sotto il regno di Enrico VIII.

Attuando nella diocesi di Milano la riforma tridentina si scontrò contro le resistenze dei governatori spagnoli, del senato e dei nobili.[5].

La soppressione degli Umiliati[modifica | modifica wikitesto]

Per ordine del papa Pio V procedette alla riforma del potente ordine religioso degli Umiliati le cui idee si erano distanziate dalla Chiesa cattolica approssimandosi verso posizioni protestanti e calviniste. Quattro membri di quest'ordine attentarono alla sua vita. Uno di loro, Gerolamo Donati, detto il Farina (originario di Astano[6]), gli sparò un colpo di archibugio nella schiena il 22 ottobre 1569, mentre Carlo Borromeo era inginocchiato a pregare nella cappella dell'arcivescovado. Il colpo lo ferì solo leggermente e in ciò si vide un evento miracoloso. Nella causa di canonizzazione del Borromeo si cita: "e circa mezz'ora di notte (verso le 22) va il manigoldo nell'Arcivescovado, e ritrovando il Cardinale inginocchiato nell'oratorio con la sua famiglia in oratione, secondo il suo solito, gli sparò nella schiena un archibuggio carico di palla e di quadretti, i quali perdendo la forza nel toccar le vesti non fecero a lui offesa veruna, eccetto che la palla, che colpì nel mezzo della schiena: vi lasciò un segno con alquanto tumore (gonfiore)".

Carlo non avrebbe voluto che i suoi attentatori fossero perseguiti, ma le autorità civili e un inquisitore inviato a Milano da papa Pio V procedettero secondo le leggi civili ed ecclesiastiche. Quattro responsabili dell'attentato alla sua vita furono arrestati e giustiziati secondo le leggi in vigore. L'ordine degli Umiliati fu soppresso e i beni furono devoluti ad altri ordini; in particolare, i possedimenti a Brera furono assegnati ai Gesuiti e furono finanziate opere religiose come le costruzioni del collegio Elvetico e della chiesa di San Fedele[7].

La persecuzione dei protestanti svizzeri e la lotta alla stregoneria[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le Diete di Ilanz[8] del 1524 e del 1526 avessero proclamato la libertà di culto nella Repubblica delle Tre Leghe[9] in Svizzera, egli combatté il protestantesimo nelle valli svizzere, imponendo rigidamente i dettami del Concilio di Trento. Nella sua visita pastorale in Val Mesolcina[10] in Svizzera fece arrestare per stregoneria oltre 150 persone. Dopo le torture quasi tutti abbandonarono le fede protestante, salvandosi così la vita; 12 donne ed il prevosto furono invece condannati al rogo nel quale furono gettati a testa in giù.[11][12].

Con l'intento di rispondere alle sempre crescenti pressioni della riforma protestante, il Borromeo incoraggiò Ludwig Pfyffer nello sviluppo della sua Lega d'Oro (definita anche Lega Borromeiana), ma non ne vide la formazione che ebbe luogo ufficialmente nel 1586. Con base a Lucerna, essa si impegnava a giudicare e ad espellere gli eretici, ma creò non pochi problemi all'amministrazione civile della confederazione elvetica, in particolare nell'Appenzell.

La morte, la canonizzazione e la venerazione[modifica | modifica wikitesto]

Lo "Scurolo di San Carlo" sotto l'altare del Duomo di Milano, che dal XVII secolo accoglie le spoglie del santo arcivescovo milanese.

Scampato alla peste, fu comunque indebolito in salute negli ultimi suoi anni e rimase in cura costante del suo medico personale Bartolomeo Assandri. Il 2 novembre 1584, l'arcivescovo Borromeo, febbricitante e di ritorno da una visita pastorale sul Lago Maggiore, tornò a Milano scendendo il Naviglio Grande, a bordo del famoso Barchett di Boffalora. Sostò quindi a Cassinetta di Lugagnano (dove una statua lo ricorda) ed a Corsico, per riprendersi dalla febbre alta, in località Guardia di Sotto e qui venne eretta un'edicola in ricordo. Proseguì quindi il viaggio verso Milano, su di una lettiga. Nonostante il trasporto in barella, la febbre, sempre più alta, lo spense per sempre, all'età di soli 46 anni, la sera del 3 novembre 1584 a Milano; essendo spirato dopo il tramonto (precisamente alle 20.30), secondo l'uso del tempo venne considerato il giorno 4 come sua ricorrenza.

Cassinetta di Lugagnano (MI), il ponte sul Naviglio Grande, affiancato dalla statua di San Carlo Borromeo eretta per commemorare il luogo ove stazionò nell'ultimo suo viaggio verso Milano dove sarebbe morto il giorno successivo

Il 7 novembre successivo, il cardinale Nicolò Sfondrati, vescovo di Cremona, poi papa col nome di Gregorio XIV, celebrò la prima messa in suffragio dell'anima del defunto arcivescovo; l'orazione funebre venne tenuta da Francesco Panigarola, futuro vescovo di Asti. Lo stesso pontefice in carica espresse la sua profonda tristezza per la perdita del devoto prelato nel concistoro del 14 novembre del 1584. Il cardinale Valerio da Verona scrisse di lui che il borromeo "fu un esempio di virtù, un esempio per i suoi fratelli cardinali di vera ed autentica nobiltà". Il cardinale Cesare Baronio lo definì "un secondo Ambrogio, la cui morte prematura, lamentata da tutti gli uomini di buon comando, ha inflitto una grave perdita alla Chiesa".

Nel suo testamento, san Carlo nominò suo erede universale l'Ospedale Maggiore di Milano. Dopo la sua morte, il suo corpo venne deposto nella cripta del Duomo di Milano dove ancora oggi si trova, mentre il suo cuore venne simbolicamente conservato nella basilica dei santi Ambrogio e Carlo al Corso a Roma, dietro l'altare maggiore.

Fu proclamato beato nel 1602 e fu canonizzato il 1º novembre del 1610 da Paolo V (Camillo Borghese); la ricorrenza cade, secondo tradizione della Chiesa, il giorno della sua morte, il 4 novembre. Assieme ad Anselmo di Lucca è uno dei due cardinali nipoti ad essere stato canonizzato.

Nel terzo centenario della canonizzazione, il 26 maggio 1910 papa Pio X scrisse l'enciclica Editae Saepe in cui celebrò la memoria e l'opera apostolica e dottrinale di Carlo Borromeo. È considerato patrono dei seminaristi, dei direttori spirituali e dei capi spirituali, protettore dei frutteti di mele; si invoca contro le ulcere, i disordini intestinali, le malattie dello stomaco; è patrono della Lombardia, del Canton Ticino, di Monterey in California, di Salò, di Portomaggiore (Ferrara), di Rocca di Papa (Roma), Nizza Monferrato (Piemonte) e compatrono di Francavilla Fontana in Puglia.

Tra le chiese più famose dedicate a san Carlo Borromeo citiamo la romana San Carlo alle Quattro Fontane, eseguita su disegno di Francesco Borromini, e la Karlskirche di Vienna, progettata da Johann Bernhard Fischer von Erlach.

San Carlo è spesso raffigurato con degli emblemi caratteristici come il suo motto personale Humilitas (umiltà) e spesso è raffigurato con gli abiti cardinalizi, benedicente o nell'atto di comunicare gli appestati. Tra le caratteristiche fisiche che lo rendono inconfondibile nei ritratti anche d'epoca ritroviamo un naso molto pronunciato. Tra le opere pittoriche di maggior pregio che raffigurano il Borromeo, ricordiamo la serie dei Quadroni di San Carlo, esposti ogni anno da novembre a dicembre nel Duomo di Milano, grandi tele ad firma di alcuni tra i più famosi artisti del primo barocco lombardo milanese tra cui il Cerano, il Morazzone e Giulio Cesare Procaccini.

San Carlo e le donne[modifica | modifica wikitesto]

Nell'esercizio della sua attività pastorale Carlo incontrava molte donne, religiose o laiche, sue parenti, conoscenti o sconosciute, nobili o popolane, ricche o povere, nobili o sposate. Con tutte queste donne Carlo Borromeo trattava tuttavia con molta prudenza per due ordini di motivi: anzitutto per non dare occasione ai maldicenti di fare insinuazioni sul suo conto e poi perché intendeva mantenere il voto di castità, sfuggendo anzitutto le occasioni che avrebbero potuto indurlo in tentazione. Durante i vent'anni del suo ministero episcopale a Milano, Carlo fu sempre nel pieno delle sue forze fisiche e il suo corpo, forte e robusto, era istintivamente attratto, al di là di ogni sua volontà, dalle grazie femminili. Quando era necessario parlare con qualche donna, il Borromeo faceva però sempre in modo che fossero presenti testimoni, solitamente ecclesiastici, e che il colloquio avvenisse, come ricordò il suo segretario Gerolamo Castano «in loco più publico che poteva [...] et non si tratteneva se non quel manco tempo che poteva, trattando se non di quelle cose che erano necessarie»[13].

Nel processo di canonizzazione i contemporanei dettero l'appellativo di "Castissimo" a Carlo Borromeo per la sua tenacia nella virtù della castità e della verginità consacrata. In gioventù aveva gettato a terra un suo vecchio servitore reo di avergli fatto accomodare una donna nel suo letto pensando di fargli cosa gradita, e non immaginando la sensibilità religiosa del giovane signore.

San Carlo rimase terribilmente sconvolto anche imbattendosi nell'immagine di Leobissa, la moglie del Barbarossa, dai Milanesi per scherno effigiata nuda nella pietra e in atto di radersi come usavano le prostitute. Essa aveva da secoli partecipato, con la sua familiare immobile presenza, a tutto lo scorrere della vita cittadina. Nel vederla incombente a gambe larghe dall'arco di Porta Tosa, il santo si sentì beffato e annichilito. «il Castissimo, in tutta la sua vita non volendo parlar mai con donna alcuna, anche se gli fosse stretta parente» (Padre Grattarola).

Il Sancarlone[modifica | modifica wikitesto]

La statua dedicata a San Carlo Borromeo detta il Sancarlone
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Colosso di San Carlo Borromeo.

La figura di san Carlo Borromeo è oggi ricordata con uno straordinario monumento, unico nel suo genere: una gigantesca statua posta ad Arona e chiamata popolarmente il Sancarlone per le enormi dimensioni che la contraddistinguono e che la rendono visibile anche a lunga distanza. Nelle intenzioni della città di Arona, essa avrebbe dovuto essere il culmine di un Sacro Monte a lui dedicato, ma mai completato.

Tale opera, alta 23 metri, in lamina di rame fissata con rivetti, su un'anima in muratura (al cui interno è possibile accedere), ha ispirato la tecnica di costruzione della Statua della libertà.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Genealogia episcopale.
Trattamenti di
Carlo Borromeo
Stemma
Trattamento di cortesia Sua Eminenza
Trattamento colloquiale Vostra Eminenza
Trattamento religioso Cardinale
I trattamenti d'onore

Iconografia[modifica | modifica wikitesto]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Albero genealogico di quattro generazioni di san Carlo Borromeo
Carlo Borromeo Padre:
Giberto II Borromeo
Nonno paterno:
Federico Borromeo
Bisnonno paterno:
Giberto I Borromeo
Trisnonno paterno:
Giovanni Borromeo
Trisnonna paterna:
Maria Cleofe Pio
Bisnonna paterna:
Margherita di Brandeburgo
Trisnonno paterno:
Fritz di Brandeburgo[14]
Trisnonna paterna:
?
Nonna paterna:
Veronica Visconti di Somma
Bisnonno paterno:
Galeazzo Visconti di Somma
Trisnonno paterno:
Guido Visconti di Somma
Trisnonna paterna:
?
Bisnonna paterna:
Antonia Mauruzzi
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Madre:
Margherita Medici di Nosigia
Nonno materno:
Bernardino Medici di Nosigia
Bisnonno materno:
Giacomo Medici di Nosigia
Trisnonno materno:
Cristoforo Medici di Nosigia
Trisnonna materna:
?
Bisnonna materna:
Clara Rajnoldi
Trisnonno materno:
Giovanni Battista Rajnoldi
Trisnonna materna:
?
Nonna materna:
Cecilia Serbelloni
Bisnonno materno:
Giovanni Gabriele Serbelloni
Trisnonno materno:
Giovanni Pietro Serbelloni
Trisnonna materna:
Elisabetta Rajnoldi
Bisnonna materna:
Caterina Bellingeri
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Borromeo in Dizionario storico della Svizzera.
  2. ^ biografia pubblicata dagli Oscar Mondadori nel 2010:
  3. ^ Rossi di Marignano, 2010, 5-6
  4. ^ Rossi di Marignano, 2010, 4-5.
  5. ^ Vaccaro, Chiesi, Panzera, 2003, 38, 40-42, 45-50, 53, 54, 56-61, 63, 66, 70nota, 80, 81, 89, 95, 97-99, 103nota, 135, 147, 153, 164, 170, 202, 205, 206, 208, 212, 220nota, 225, 235, 237, 248, 250, 252, 259nota, 264, 275, 286, 298, 300, 302, 307, 316, 339, 369nota, 405, 408nota, 409, 410, 411nota, 417.
  6. ^ Astano in Dizionario storico della Svizzera.
  7. ^ Bescapè, I965, I99-2II.
  8. ^ Carlo Borromeo in Dizionario storico della Svizzera.
  9. ^ Repubblica delle Tre Leghe in Dizionario storico della Svizzera.
  10. ^ Valle Mesolcina in Dizionario storico della Svizzera.
  11. ^ Emil Camenisch, "Storia della Riforma e Controriforma nelle valli meridionali del Canton Grigioni" Samedan: Engadin Press, 1950
  12. ^ Jacopo Fo, Malucelli e Tomat "Il libro nero del Cristianesimo".
  13. ^ Rossi di Marignano, 2010, 225-226.
  14. ^ Figlio illegittimo di Giovanni l'Alchimista

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Pietro Giussano, Vita di san Carlo Borromeo, Roma 1610.
  • Agostino Valier, Vita di Carlo Borromeo [...] scritta in latino dall’illustrissimo di Verona et tradotta da Bernardo Bertoglio, Milano 1587.
  • Carlo Bascapè, De vita et rebus gestis Caroli [...] archiepiscopi Mediolani, Ingolstadt 1592, ed. italiana con testo latino a fronte, a cura di Angelo Majo, traduz. di Giuseppe Fassi, note di Enrico Cattaneo, Nuove Edizioni Duomo - Veneranda Fabbrica del Duomo, Milano 1983.
  • Cesare Orsenigo, Vita di san Carlo Borromeo, vol. I e II, Milano 1929.
  • Carlo Marcora, Lettere giovanili di san Carlo, in Memorie storiche della diocesi di Milano, vol. XIV, Dep. presso la Biblioteca Ambrosiana, Milano 1967.
  • Rodolfo Maiocchi – Attilio Moiraghi, L’Almo Collegio Borromeo. Carlo Borromeo studente a Pavia, Pavia 1912.
  • Carlo Marcora, Il processo diocesano informativo sulla vita di san Carlo per la sua canonizzazione, in Memorie storiche della diocesi di Milano, vol. IX, Dep. presso la Biblioteca Ambrosiana, Milano 1962.
  • Luigi Gramatica, Il diploma di laurea in diritto canonico e civile di san Carlo Borromeo, Milano 1917, p. 21.
  • Pio Paschini, Il primo soggiorno di san Carlo Borromeo a Roma (1560-1565), Torino 1935, p. 11.
  • Giovan Battista Possevino, Discorsi della vita et attioni di Carlo Borromeo etc., Roma 1591.
  • Federico A. Rossi [di Marignano], Carlo Borromeo. I tre volti della riforma cattolica, Nuove Edizioni Duomo, Milano 2000.
  • Antonio Sala, Biografia di san Carlo Borromeo, Milano 1858.
  • Luigi Berra, L’accademia delle Notti vaticane fondata da san Carlo Borromeo, Roma 1915.
  • Carlo Vitali, San Carlo e il concilio di Trento, in «La scuola cattolica», dicembre 1910.
  • Achille Ratti, in AA.VV., San Carlo Borromeo nel III centenario della canonizzazione, Milano 1910.
  • Mario Bendiscioli, I conflitti giurisdizionali tra Carlo Borromeo e le autorità pubbliche, in Storia di Milano, vol. X, Fondazione Treccani degli Alfieri, Milano 1957.
  • Carlo Marcora, Nicolò Ormaneto, vicario di san Carlo, in Memorie storiche della diocesi di Milano, vol. VIII, Dep. presso la Biblioteca Ambrosiana, Milano 1961.
  • Antonio Castellucci (a cura di), Un episodio della vita di s. Carlo Borromeo, Roma 1927.
  • Aristide Sala (a cura di), Documenti circa la vita e le gesta di san Carlo Borromeo, Milano 1857.
  • Mario Bendiscioli, L’inizio della controversia giurisdizionale a Milano tra l’arcivescovo Carlo Borromeo e il Senato milanese (1566-1568), in «Archivio Storico Lombardo», 1926.
  • Paolo d’Alessandri (a cura di), Atti di san Carlo riguardanti la Svizzera e i suoi territori, Locarno 1909.
  • Adolfo Rivolta, San Carlo Borromeo. Note biografiche, Milano 1938.
  • I ricordi di san Carlo ai milanesi, a cura di Inos Biffi, Nuove Edizioni Duomo, Milano 1984.
  • Giovanni Francesco Besozzo, Vita di san Carlo Borromeo, Milano 1601.
  • Giovanni Sacco, Viaggio del beato Carlo Borromeo [...] Fatto al monastero di Tisintis, Milano 1605.
  • Casimiro Debiaggi, Il sacro Monte di Varallo all’epoca di Carlo Borromeo, in Quaderno di studio n. 2, Sacro Monte di Varallo, 1985.
  • Angelo Majo, San Carlo Borromeo. Vita e azione pastorale, Nuove Edizioni Duomo, Milano 1993.
  • Don Rinaldo Beretta, San Carlo Borromeo e l'inglese D. Giovanni Harris, (Fascicolo dedicato a San Carlo Borromeo nel III centenario della Canonizzazione), in «La Scuola Cattolica», fascicolo luglio-agosto, 1910, 313-314; Idem, San Carlo e l’inno Nostrum Parentem Maximum, «La Scuola Cattolica», fasc. luglio-agosto 1910, 317-320; Idem, (Recensione di) L. Anfosso, Storia dell’archibugiata tirata al cardinale Borromeo in Milano la sera del 26 ottobre 1569, in «Archivio Storico Lombardo», a. XL, fascicolo 40, Milano 1913, 407-410; Idem, (Recensione di) R. Putelli, Intorno al castello di Breno. Storia di Valcamonica, Lago d’Iseo e vicinanze, da Federico Barbarossa a S. Carlo Borromeo, in «Archivio Storico Lombardo», anno XLIII (1915), fascicolo 3, Breno 1916, 623-625; Idem, Il monastero Maggiore di Milano e la riforma operatavi da San Carlo Borromeo il 23 febbraio 1569, in «Rivista Storica Benedettina», anno XI, 1916, 127-142.
  • Giovanni F. Carlo Bescapè, Vita di San Carlo Borromeo, Ingolstadt, I592, ristampa Milano, I965.
  • Vittorio M. Michelini, San Carlo Borromeo, Roma, Edizioni Barnabitiche, 1985.
  • Fernando Vittorino Joannes, "Vita e Tempi di Carlo Borromeo", Oscar Mondadori Storia, I^ ed. aprile 1994
  • Vazzoler Moreno l giubileo di san Carlo Borromeo (Milano, 1576), 1999, Milano, Di Baio Editore.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003.
  • Cinzia Ligas, Fausto Crepaldi, Carlo Borromeo - lo splendore dell'umiltà, Ars Europa Edizioni, 2006.
  • Annalisa Albuzzi, «Per compire l’apparato che suole farsi ogn’anno nel Duomo di Milano». I più tardi teleri sulla vita di san Carlo: dal progetto alla realizzazione, Perugia, Editrice Pliniana, 2009.
  • Federico A. Rossi di Marignano, Carlo Borromeo. Un uomo, una vita, un secolo, Oscar Mondadori, Milano 2010.
  • Fabiola Giancotti, Per ragioni di salute. San Carlo Borromeo nel quarto centenario della canonizzazione 1610-2010, Spirali, Milano 2010.
  • Danilo Zardin, Carlo Borromeo. Cultura, santità, governo, Milano, Vita e pensiero, 2010.
  • La vita e i miracoli di san Carlo Borromeo tra arte e devozione: il racconto per immagini di Cesare Bonino, a cura di Danilo Zardin, con un saggio di Simonetta Coppa, Milano, Jaca Book, 2010.
  • Lara Maria Rosa Barbieri, L’iconografia di san Carlo Borromeo: presenze tra Ticino e Sesia, in Divo Carolo. Carlo Borromeo pellegrino e santo tra Ticino e Sesia, a cura di Francesco Gonzales, Cinzia Lacchia, catalogo della mostra: Vercelli, Museo del Tesoro del Duomo – Museo Borgogna, 16 dicembre 2010 – 20 febbraio 2011, Novara, Italgrafica, 2010, pp. 60-69; p. 115.
  • Annalisa Albuzzi, Da Milano al Piemonte: i miracoli di san Carlo Borromeo tra letteratura e iconografia, in Loca sancta fra Piemonte e Lombardia. Letteratura e rappresentazione iconografica, Atti del convegno di studi, Monte Mesma, 8-9 ottobre 2011, a cura di Carlo Carena e Fiorella Mattioli, Miasino (Novara), Associazione “Cusius”, 2011.
  • Lara Maria Rosa Barbieri, Le preaclara gesta: fonti per l’iconografia di san Carlo Borromeo, in Visibile teologia. Il libro sacro figurato in Italia tra Cinquecento e Seicento, a cura di Erminia Ardissino, Elisabetta Selmi, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2012, pp. 127-145.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

L'Humilitas, simbolo di San Carlo Borromeo, della sua famiglia e degli enti e istituzioni collegati alla sua persona.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • San Carlo Borromeo in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
Predecessore Abate Commendatario dei Santi Felino e Graziano di Arona Successore Prepozyt.png
Giulio Cesare Borromeo 1547 - 1560  ?
Predecessore Abate Commendatario di San Silano di Romagnano Successore Prepozyt.png
Giovanni Angelo de' Medici 1558 - 1560  ?
Predecessore Priore Commendatario della Chiesa di Santa Maria in Calvenzano Successore Prepozyt.png
Giovanni Angelo de' Medici 1558 - 1560  ?
Predecessore Cardinale diacono dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia Successore CardinalCoA PioM.svg
Carlo Carafa febbraio-settembre 1560 Sede Vacante (1560-1565)
dal 1565 Carlo Visconti
Predecessore Cardinale diacono pro illa vice dei Santi Silvestro e Martino ai Monti Successore CardinalCoA PioM.svg
Diomede Carafa 1560-1563 titolo promosso a presbiterato cardinalizio
Predecessore Arcivescovo di Milano
Amministratore
Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Giovanni Angelo Medici 1560-1564 Eletto Arcivescovo
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti Successore CardinalCoA PioM.svg
diaconia cardinalizia pro illa vice 1563-1564 Philibert Babou de la Bourdaisière
Predecessore Arcivescovo di Milano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Eletto da Amministratore 1564-1584 Gaspare Visconti
Predecessore Arciprete di Santa Maria Maggiore Successore Protonot.png
Giovanni Domenico De Cupis 1564 - 1584 Filippo Boncompagni
Predecessore Prefetto della Sacra Congregazione Concistoriale Successore Emblem Holy See.svg
nuova istituzione 1564-1565 Francesco Alciati
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore CardinalCoA PioM.svg
Cristoforo Guidalotti Ciocchi del Monte 1564-1584 Nicolas de Pellevé
Predecessore Legato pontificio a Bologna Successore Emblem Holy See.svg
 ? 1565  ? Bernicoli
Predecessore Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore Sede vacante.svg
Francisco Pacheco de Toledo 1575 - 1576 Alfonso Gesualdo
Controllo di autorità VIAF: (EN69005084 · LCCN: (ENn50032432 · SBN: IT\ICCU\CFIV\018351 · ISNI: (EN0000 0001 2138 1226 · GND: (DE118661957 · BNF: (FRcb12355795n (data) · NLA: (EN35878057