Diocesi di Tortona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Tortona
Dioecesis Derthonensis
Chiesa latina
26 ott 2008 009.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Genova
Regione ecclesiastica Liguria
Vescovo Vittorio Francesco Viola, O.F.M.
Vicario generale Pier Giorgio Pruzzi
Vescovi emeriti Martino Canessa
Sacerdoti 202 di cui 146 secolari e 56 regolari
1.353 battezzati per sacerdote
Religiosi 60 uomini, 345 donne
Diaconi 20 permanenti
Abitanti 280.060
Battezzati 273.490 (97,7% del totale)
Superficie 2.350 km² in Italia
Parrocchie 314 (11 vicariati)
Erezione II secolo
Rito romano
Cattedrale Maria Santissima Assunta e San Lorenzo
Santi patroni San Marziano martire
Indirizzo Piazza Duomo, 12 - 15057 Tortona [Alessandria], Italia
Sito web www.diocesitortona.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Italia
Ingresso del palazzo vescovile a Tortona.
Il santuario di Nostra Signora della Guardia, fondato da san Luigi Orione e costruito tra il 1928 ed il 1931.

La diocesi di Tortona (in latino: Dioecesis Derthonensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Genova e appartenente alla regione ecclesiastica Liguria. Nel 2010 contava 273.490 battezzati su 280.060 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Vittorio Francesco Viola, O.F.M.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio della diocesi si estende su tre regioni amministrative: il Piemonte, la Liguria e la Lombardia. Le sue 314 parrocchie sono infatti così suddivise sul territorio:

Queste sono organizzate in 11 vicariati: Broni-Stradella, Casteggio, vicariato padano, Voghera, bassa valle Scrivia, Tortona, Varzi, valli Curone e Grue, Novi Ligure, Arquata-Serravalle, genovesato.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Parrocchie della Diocesi di Tortona.

Sede vescovile è la città di Tortona, dove si trova la cattedrale di Maria Santissima Assunta e di San Lorenzo. Nel territorio diocesano si trovano anche due basiliche minori: San Pietro apostolo a Broni, e la basilica di Nostra Signora della Guardia a Tortona.

Comprende interamente o in parte i seguenti comuni:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione, la diocesi di Tortona risalirebbe ai primi decenni del II secolo. San Marziano, morto martire nel 120, è considerato l'evangelizzatore della regione e il protovescovo della diocesi. Tuttavia, il più antico testo che riguarda il santo, composto fra l'VIII e il IX secolo, «non gli da per niente il titolo di vescovo e molto meno di primo vescovo di Tortona...», il che vuol dire che «quando fu composta la leggenda non s'era ancora formata né diffusa l'opinione che S. Marziano fosse stato primo vescovo di Tortona».[1]

Molti dei primi vescovi attribuiti dalla tradizione alla sede di Tortona furono martirizzati e sono venerati come santi. Secondo Lanzoni, si tratta di «una lista episcopale molto sospetta, a quanto pare, racimolata nel secolo XVI per portare i primordi di Tortona al I secolo».[2] La diocesi è attestata storicamente nel IV secolo con il primo vescovo noto di Tortona, Innocenzo, vissuto a metà circa del IV secolo; lo segue Esuperanzio, che partecipò al concilio di Aquileia del 381. Al concilio provinciale di Milano nel 451 prese parte il vescovo Quinzio (o Quinziano). Un anonimo vescovo di Tortona è menzionato in una lettera di Gregorio Magno al vescovo Costanzo di Milano del 599. Sono questi gli unici vescovi storicamente documentati nei primi sei secoli cristiani. Originariamente la diocesi era suffraganea dell'arcidiocesi di Milano.

Tortona uscì indenne dalle invasioni barbariche; anzi accrebbe la propria giurisdizione territoriale, che arrivava fino al Po e al mar Ligure, e a partire dalla fine del IX secolo cominciò ad affermarsi anche la supremazia civile dei vescovi di Tortona. Il vescovo Giselprando fu cancelliere di Lotario e contemporaneamente abate di Bobbio; al vescovo Gereberto l'imperatore Ottone II confermò nel 979 tutti i beni posseduti dalla sua Chiesa ed inoltre la giurisdizione civile su Tortona. Questo potere civile durò de iure fino al 1784.

A partire dall'XI secolo il vasto territorio della diocesi iniziò ad essere smembrato per l'erezione delle diocesi circostanti. Nel 1014 Tortona cedette una porzione del proprio territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Bobbio; nel 1175 fu eretta la diocesi di Alessandria con territorio ricavato in parte da quello di Tortona; nel 1248 con bolla di papa Innocenzo IV, furono sottratte a Tortona le pievi della val Lemme e della valle Scrivia, che furono assegnate all'arcidiocesi di Genova.

Dagli atti del primo sinodo diocesano del 1595, celebrato dal vescovo Maffeo Gambara, risulta che la diocesi era composta di 33 pievi, 180 parrocchie, 5 collegiate, 99 canonicati, 137 chiese non parrocchiali, 125 confraternite, 45 monasteri e conventi di entrambi i sessi, 20 ospedali. Dagli atti del secondo sinodo diocesano, convocato dal vescovo Carlo Settala nel 1673, la diocesi risulta organizzata in 8 regioni, in cui erano distribuite le parrocchie e le pievi diocesane.

«Sul finire del sec. XVIII la diocesi di Tortona contava circa 160.000 abitanti; il territorio era suddiviso in 44 pievanie con 9 chiese collegiate e 221 chiese parrocchiali; le chiese semplici, le chiese campestri e gli oratori ammontavano a 530, i conventi maschili erano 43, quelli femminili 16, nel seminario diocesano risiedevano circa 70 chierici. Il clero secolare superava il migliaio, mentre il clero regolare ammontava a circa 400 unità, le religiose conventuali erano 350 circa».[3]

Su pressione del governo francese, il 1º giugno 1803 la diocesi fu soppressa con una bolla pontificia; il territorio fu aggregato dapprima a quello di Alessandria e poi dal 1805 a quello della diocesi di Casale Monferrato, ed il vescovo fu costretto a rinunciare.

La sede di Tortona fu ristabilita il 17 luglio 1817 con la bolla Beati Petri di papa Pio VII, con territorio modificato rispetto al passato: perdette 22 parrocchie a favore delle diocesi di Alessandria e di Acqui, ma ne acquisì 67 dalle diocesi di Pavia e di Piacenza. Con la stessa bolla la diocesi entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Genova.

Sul finire dell'Ottocento, il giovane Luigi Orione entrò nel seminario di Tortona; nel 1903 l'istituto da lui fondato, la Piccola Opera della Divina Provvidenza, riceverà l'approvazione del vescovo diocesano, Igino Bandi. Luigi Orione, a cui si deve la costruzione del santuario di Nostra Signora della Guardia, è stato canonizzato da papa Giovanni Paolo II nel 2004.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

La presente cronotassi riporta la lista tradizionale dei vescovi tortonesi, pubblicata per la prima volta da Ferdinando Ughelli nella sua Italia sacra, e poi ripetuta, con alcune aggiunte o correzioni, da Giuseppe Antonio Bottazzi, Giuseppe Cappelletti e Pius Bonifacius Gams. Vengono riportati i dati cronologici solo per i vescovi certi e documentati storicamente, con eventuali note esplicative tratte dalle opere di Savio e di Lanzoni.

  • San Marziano I
  • Sant'Ariberto † [4]
  • Sant'Ammonio †
  • San Terenziano † [5]
  • San Costanzo †
  • San Lorenzo I †
  • Sant'Anastasio †
  • San Marcellino †
  • San Giuliano †
  • San Meliodoro I †
  • Sant'Innocenzo † (metà circa del IV secolo)[6]
  • Giovanni I † [7]
  • Sant'Esuperanzio † (menzionato nel 381)[8]
  • Eustasio o Teodulo ? † [9]
  • San Marziano II †
  • San Quinziano o Quintino o Quinto † (menzionato nel 451)
  • San Marcello †
  • Albonio (o Albino) o Saturnino † [10]
  • Giovanni II †
  • Sisto †
  • Anonimo † (menzionato nel 599)[11]
  • Procolo o Peno o Probo † (menzionato nel 626)
  • Meliodoro II † (menzionato nel 649)
  • Beato I †
  • Lorenzo II †
  • Audace † (menzionato nel 679)
  • Ottavio †
  • Benedetto I †
  • Tondero (Tendero) †
  • Giacomo †
  • Giuseppe † (menzionato nel 769)[12]
  • Flaviano †
  • Gerolamo †
  • Desiderio †
  • Roberto †
  • Valerio †
  • Giovanni III (prima metà del IX secolo)[13]
  • Rofredo o Ermanfredo † (menzionato nell'842)[14]
  • Teodolfo † (prima dell'862 - dopo l'877)
  • Giovanni IV †
  • Glarardo o Gerardo o Geroardo † (menzionato nel 901)[15]
  • Ildegino †
  • Gerebaldo †
  • Benedetto II o Beato II † (prima del 915 - circa 929/930 deceduto)[16]
  • Andrea † (menzionato nel 933)
  • Giselprando † (943[17] - dopo il 963)
  • Giovanni V † (prima del 967 - dopo il 969)
  • Ottone o Zenone ? † [18]
    • Sede vacante (circa 969-979) [19]
  • Gereberto (Guiberto) † (circa 979 - dopo il 983)
  • Eriberto ? † [20]
  • Lintifredo (o Liutfredo) † (prima del 997 - dopo il 1001)
  • Tenone o Zenone † (menzionato nel 1003)[21]
  • Agirio † [22]
  • Pietro I † (prima del 1022 - dopo il 1068)[23]
  • Oddo I † (prima del 25 giugno 1080[24] - dopo il 1083)
  • Guido o Wido † (prima del 1098 - dopo il 1099)
  • Lambardo o Lombardo o Lamberto † (circa 1105 - 26 maggio circa 1111 deceduto)[25]
  • Pietro II † (circa 1111 - 30 maggio 1134 deposto)[26]
  • Guglielmo † (1134 - circa 1152 deceduto)[27]
  • Oberto † (circa 1153 - dopo il 25 febbraio 1181)[28]
  • Ugo † (prima del 21 febbraio 1183 - dopo il 21 marzo 1193)
  • Gandolfo † [29]
  • Oddo II † (prima del 16 luglio 1196 - aprile 1202 deceduto)
  • Obizzo o Opizzone † (1202 - dopo il 14 agosto 1220 deceduto)
  • Pietro Busetto † (1220 - ?)
  • Pietro Tasso † (? - dopo il 1255)[30]
  • Melchiorre Busetto † (prima del 1283 - 1284 deceduto)
    • Sede vacante (1284-1295)
  • Giacomo Calcinari, O.S.B. † (2 ottobre 1295[31] - prima del 16 dicembre 1316[32] deceduto)
  • Tiberio della Torre † (11 luglio 1317 - 24 maggio 1325 nominato vescovo di Brescia)
  • Princivalle Fieschi † (24 maggio 1325 - 1348 deceduto)
  • Giacomo Visconti † (2 luglio 1348 - 1363 deceduto)
  • Giovanni di Ceva † (13 settembre 1364 - circa 1380 deceduto)
  • Giovanni ? †
  • Giorgio Torti † (1380 - circa 1385 nominato vescovo di Ceneda)
  • Antonio † (28 febbraio 1393 - ? deceduto)
  • Pietro de Giorgi † (30 marzo 1394 - 15 febbraio 1413 nominato vescovo di Novara)
  • Enrico Rampini † (10 maggio 1413 - 7 giugno 1435 nominato vescovo di Pavia)
  • Giovanni Barbavara † (6 marzo 1437 - ?)
  • Michele Marliani † (9 gennaio 1461 - 24 aprile 1475 nominato vescovo di Piacenza)
  • Fabrizio Marliani † (24 aprile 1475 - 10 gennaio 1476 nominato vescovo di Piacenza)
  • Giacomo Botta † (10 gennaio 1476 - 1496 deceduto)
  • Gian Domenico de Zazi † (20 aprile 1496 - 1528 deceduto)
  • Uberto Gambara † (8 maggio 1528 - 22 marzo 1548 dimesso)
  • Cesare Gambara † (22 marzo 1548 - 1591 deceduto)
  • Maffeo Gambara † (11 maggio 1592 - 1612 deceduto)
  • Cosimo Dossena, B. † (23 febbraio 1612 - 12 marzo 1620 deceduto)
  • Paolo Arese, C.R. † (20 luglio 1620 - 1644 dimesso)
  • Francesco Fossati O.S.B.Oliv. † (23 maggio 1644 - 11 marzo 1653 deceduto)
  • Carlo Settala † (18 agosto 1653 - 23 aprile 1682 deceduto)
  • Carlo Francesco Ceva † (12 luglio 1683 - agosto 1700 deceduto)
  • Giulio Resta † (21 febbraio 1701 - 11 gennaio 1743 deceduto)
  • Giuseppe Ludovico Andujar, O.P. † (11 marzo 1743 - 2 dicembre 1782 deceduto)
  • Carlo Maurizio Peyretti † (18 luglio 1783 - 18 febbraio 1793 deceduto)[34]
    • Sede vacante (1793-1796)
  • Pio Bonifacio Fassati, O.P. † (27 giugno 1796 - 1803 dimesso)
    • Sede soppressa (1803-1817)
  • Carlo Francesco Carnevale † (21 dicembre 1818 - 29 ottobre 1831 deceduto)
  • Giovanni Negri † (15 aprile 1833 - 19 gennaio 1874 deceduto)
  • Vincenzo Capelli † (4 maggio 1874 - 25 aprile 1890 deceduto)
  • Igino Bandi † (23 giugno 1890 - 8 settembre 1914 deceduto)
  • Simone Pietro Grassi † (22 dicembre 1914 - 1º novembre 1934 deceduto)
  • Egisto Domenico Melchiori † (5 dicembre 1934 - 2 marzo 1963 deceduto)
  • Francesco Rossi † (21 aprile 1963 - 29 novembre 1969 dimesso)
  • Giovanni Canestri † (7 gennaio 1971 - 8 febbraio 1975 nominato vicegerente di Roma)
  • Luigi Bongianino † (6 giugno 1975 - 2 febbraio 1996 ritirato)
  • Martino Canessa (2 febbraio 1996 - 15 ottobre 2014 ritirato)
  • Vittorio Francesco Viola, O.F.M., dal 15 ottobre 2014

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 280.060 persone contava 273.490 battezzati, corrispondenti al 97,7% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 299.000 300.000 99,7 630 500 130 474 200 500 316
1969 303.800 306.936 99,0 456 370 86 666 177 704 265
1980 295.000 297.000 99,3 375 313 62 786 94 720 317
1990 272.500 275.000 99,1 324 254 70 841 12 104 715 315
1999 276.000 280.000 98,6 268 203 65 1.029 13 68 442 314
2000 276.000 280.000 98,6 261 198 63 1.057 12 66 435 314
2001 276.000 280.000 98,6 256 196 60 1.078 12 63 426 314
2002 276.000 280.000 98,6 247 188 59 1.117 12 62 417 314
2003 270.980 278.500 97,3 241 182 59 1.124 12 62 412 314
2004 272.960 279.070 97,8 232 173 59 1.176 15 63 365 314
2010 273.490 280.060 97,7 202 146 56 1.353 20 60 345 314

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Savio, op. cit., pp. 377-378.
  2. ^ Lanzoni, op. cit., p. 820.
  3. ^ Dati statistici riportati dal sito web della diocesi.
  4. ^ Il nome, di chiara origine germanica, è «inverosimilissimo nel II secolo» (Lanzoni, op. cit., p. 826), epoca in cui Ariberto viene cronologicamente collocato dalla tradizione.
  5. ^ Secondo Lanzoni (p. 826), questo vescovo potrebbe essere lo stesso Terenziano di Todi, con probabile confusione fra Derthona (ossia Tortona) e Tudertum (ossia Todi).
  6. ^ Per Savio, Innocenzo è probabilmente il vero protovescovo di Tortona.
  7. ^ Secondo Lanzoni (p. 826), Giovanni I, assieme al precedente Marcellino, potrebbero in realtà essere i due preti omonimi celebrati nella vita di sant'Innocenzo e onorati a Tortona di culto pubblico.
  8. ^ Gams inizia la serie dei suoi vescovi solo con Esuperanzio.
  9. ^ Dopo Esuperanzio, Cappelletti e Gams (ma non Ughelli) pongono un vescovo di nome Eustasio o Teodulo, ricavandone il nome dalla lista dei firmatari degli atti del concilio di Milano del 385, dove però ai singoli vescovi non è attribuita la sede di appartenenza. Secondo Lanzoni, nessuno di questi due vescovi poteva essere di Tortona, in quanto Teodulo (o Teodoro) era vescovo di Octodurus, ossia Sion; mentre Eustasio era vescovo di Aosta o di Bologna.
  10. ^ Secondo Ughelli, un vescovo di nome Albonio o Saturnino avrebbe preso parte ad un concilio di papa Simmaco nel 499; ora, restando ignoto Albonio (o Albino), di certo Saturnino era vescovo di Erdonia in Puglia, e non di Tortona.
  11. ^ Menzionato in una lettera di papa Gregorio I al vescovo Costanzo di Milano, quest'anonimo vescovo di Tortona è citato solo da Lanzoni, ma è sconosciuto da tutte le altre fonti.
  12. ^ Dei vescovi che Ughelli attribuisce all'VIII secolo (da Ottavio a Roberto), solo Giuseppe è storicamente documentato, avendo partecipato ad un concilio romano nel 769. Questo dato certo, rende vana la cronologia tradizionale, che fa finire l'episcopato di Giuseppe nel 765.
  13. ^ Circa questo vescovo, realmente esistito, non si hanno date certe; secondo Savio (op. cit., p. 382), Giovanni fu vescovo dopo l'820 e prima dell'862.
  14. ^ Dopo Giovanni, Ughelli mette il vescovo Rofredo, che Bottazzi identifica con Ermanfredo, che sottoscrisse nell'842 ad un diploma dell'arcivescovo milanese Angilberto; nel diploma tuttavia non è indicata la sede di appartenenza di Ermanfredo.
  15. ^ Ughelli parla di Glarardo, che Bottazzi corregge in Gerardo; storicamente un vescovo di nome Geroardo intervenne ad un placito tenuto a Pavia nel mese di marzo del 901 (Savio, op. cit., p. 383); questo vescovo potrebbe essere lo stesso Gerebaldo, documentato da Ughelli e dagli altri autori dal 901.
  16. ^ Ughelli e Gams parlano di Benedetto, Savio e Cappelletti di Beato, mentre Bottazzi distingue in due vescovi separati. Beato morì in una data imprecisata tra il 12 maggio 929 e il 16 settembre 930.
  17. ^ Giselprando è il primo vescovo di Tortona di cui si ha la data esatta dell'inizio del suo episcopato.
  18. ^ Cappelletti e Gams inseriscono un vescovo di nome Ottone, che avrebbe preso parte ad un concilio milanese nel 969; per Savio a quel concilio prese parte Giovanni V e non Ottone. Bottazzi inserisce invece il vescovo Zenone, il cui nome compare in un diploma del 979, nel quale l'imperatore Ottone II conferma a Gereberto i beni della Chiesa di Tortona, già concessi ai predecessori Beato, Andrea e Zenone. Secondo Savio si tratta «di una svista dei copisti, che scrissero Zenone in luogo di Gezone, che è il nome abbreviato di Giseprando» (p. 388). Entrambi questi nomi sono ignoti a Ughelli.
  19. ^ Dal diploma del 979, si evince che la sede di Tortona fu diu viduata rectore, ossia fu a lungo senza pastore.
  20. ^ Ughelli ignora il vescovo Gereberto (o Guiberto), inserendo al suo posto il vescovo Eriberto (nel 984), annotando però che an forte idem sit cum Giberto. Cappelletti e Gams parlano di due vescovi distinti, mentre per Savio e Bottazzi Gereberto e Eriberto sono la stessa persona.
  21. ^ Questo vescovo è ignoto a Ughelli, Cappelletti e Gams, ed ammesso da Bottazzi e Savio, in base ad una pergamena conservata nell'archivio della cattedrale di Tortona.
  22. ^ Secondo Ughelli, Agirio prese parte alla dieta di Roncaglia nel 1004 assieme all'arcivescovo Ariberto di Milano. Tuttavia nel 1004 era arcivescovo di Milano Arnolfo e non Ariberto, eletto nel 1018. Ad un sinodo romano nel 1015 prese parte anche il vescovo di Tortona, ma gli atti non ne riportano il nome; potrebbe essere Agirio oppure il suo successore Pietro I.
  23. ^ Secondo Ughelli, Pietro I fu eletto nel 1014 e morì nel 1077; storicamente è documentato solo dal 1022 al 1068.
  24. ^ Nel sinodo di Brixen dove appare il suo nome, Oddo si sottoscrive come Otto terdonensis electus.
  25. ^ La successione e la cronologia dei vescovi da Lambardo a Oberto è documentata da un atto notarile del 1183, riportato da Savio (op. cit., p. 393). Secondo quest'atto, Lambardo governò la chiesa tortonese per 6 anni, Pietro II per 24 anni, Guglielmo per 18 anni.
  26. ^ Pietro II è storicamente documentato dal 10 marzo 1114 ad agosto 1127.
  27. ^ Guglielmo è storicamente documentato dal 12 maggio 1140 al 12 dicembre 1151.
  28. ^ Una bolla di papa Lucio III del 17 maggio 1182 o 1183, parla del vescovo di Tortona, senza farne il nome. Se si tratta di Oberto, la bolla è del 1182, perché il 17 maggio 1183 era già vescovo il successore Ugo.
  29. ^ Vescovo presente nella cronotassi di Ughelli, ma con datazione errata. Se Gandolfo fu vescovo di Tortona, lo fu tra marzo 1193 e aprile 1196 (Savio, op. cit., pp. 397-398).
  30. ^ Ughelli, e con lui Gams e Cappelletti, ammettono un solo vescovo di nome Pietro. Bottazzi invece riferisce di due vescovi omonimi; Savio concorda con Bottazzi, anche se è difficile stabilire la fine dell'episcopato di Pietro Busetto e l'inizio di quello di Pietro Tasso. Dal punto di vista documentario, il vescovo o i vescovi di nome Pietro sono attestati dall'8 agosto 1221 al 5 giugno 1255. In seguito, non sono più documentati vescovi di Tortona fino al 12 luglio 1283.
  31. ^ Come riporta Gams, Giacomo Calcinari venne eletto già nel 1288, ma fu confermato da papa Bonifacio VIII solo nel 1295, dopo un lungo processo circa l'elezione di Giacomo, eletto da una parte del capitolo, in contesa con un altro candidato, Corrado di Beccaria.
  32. ^ Secondo Bottazzi, sarebbe morto nel 1313.
  33. ^ Vescovo di Lodi, non acconsentì al trasferimento a Tortona.
  34. ^ Eubel riporta come alternativa data di decesso il febbraio 1795.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi