Marziano di Tortona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Marziano di Tortona
statua del santo situata nel pronao della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta a Gaeta.
statua del santo situata nel pronao della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta a Gaeta.

Vescovo

Nascita  ?
Morte Tortona, II secolo
Venerato da Chiesa cattolica
Santuario principale Cattedrale di Tortona
Ricorrenza 6 marzo
Attributi Palma
Patrono di Tortona

San Marziano di Tortona, o Marciano (I secoloII secolo), è indicato dalla tradizione come protovescovo di Tortona, in provincia di Alessandria, ed è venerato dalla Chiesa cattolica come santo, martire e patrono di Tortona. La sua ricorrenza è il 6 marzo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di famiglia pagana, secondo la tradizione, sarebbe stato convertito da san Barnaba, compagno di san Paolo e confermato poi nella fede da san Siro che a quel tempo era vescovo di Pavia.

Vescovo di Tortona, dopo 45 anni alla guida della diocesi, sarebbe stato martirizzato sotto l'imperatore Adriano presumibilmente tra il 117 e il 138.

Secondo alcuni documenti dell'VIII secolo, non risulterebbe vescovo.[senza fonte]

Fu Valafrido Strabone che, in occasione della costruzione di una chiesa in onore del santo, lo indicò come primo vescovo della comunità derthonese e martire.

In un documento del X secolo viene indicato invece come vescovo di Ravenna, martire e sepolto a Tortona.

Le reliquie[modifica | modifica sorgente]

Le reliquie, secondo la leggenda, furono ritrovate sulla riva sinistra dello Scrivia dal vescovo sant'Innocenzo (suo successore del IV secolo) ed ora sono conservate presso la cattedrale di Tortona.

Anche a Genola, in provincia di Cuneo, il santo è venerato come patrono della città, un osso di un indice di Marziano è lì conservato dalla fine del XVII secolo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]