Brignano-Frascata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brignano-Frascata
comune
Brignano-Frascata – Stemma
Brignano-Frascata – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Sindaco Roberto Mandirola (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°48′50″N 9°02′29″E / 44.813889°N 9.041389°E44.813889; 9.041389 (Brignano-Frascata)Coordinate: 44°48′50″N 9°02′29″E / 44.813889°N 9.041389°E44.813889; 9.041389 (Brignano-Frascata)
Altitudine 288 m s.l.m.
Superficie 17,53 km²
Abitanti 456[1] (31-12-2010)
Densità 26,01 ab./km²
Comuni confinanti Casasco, Cecima (PV), Dernice, Garbagna, Gremiasco, Momperone, San Sebastiano Curone
Altre informazioni
Cod. postale 15050
Prefisso 0131
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006024
Cod. catastale B179
Targa AL
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti brignanesi
Patrono san Giacomo
Giorno festivo 25 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brignano-Frascata
Sito istituzionale

Brignano-Frascata (Bërgnau e Frascà in piemontese) è un comune italiano di 486 abitanti della Val Curone, in provincia di Alessandria, provincia del Piemonte. È posto in riva al torrente Curone e si sviluppa lungo il lato di una zona leggermente collinare. Ha uno sviluppo quasi esclusivamente agricolo. Numerose sono le coltivazioni a frutta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Già frequentato nel Neolitico, come dimostrano i ritrovamenti in località Serra del Monte, il territorio comunale di Brignano Frascata fu dato in feudo dal duca di Milano alla famiglia genovese degli Spinola (1375). All'alba del 1º giugno 1478 Napoleone e Giovanni Antonio Spinola uccisero nel castello di Brignano il fratello Battista e i suoi tre figli maschi. Una delle figlie nubili morì poco dopo per le ferite riportate. In seguito alla confisca dei beni degli assassini il feudo passò a Enrico Bigurra, genero di Battista, che però lo vendette nel 1485 a Cavalchino Guidobono per 13.500 lire imperiali. Dal 1685 al 1800 circa appartenne ai Ferrari di San Sebastiano. Fu istituito comune nel 1928 a seguito della fusione dei comuni di Brignano del Curone e Frascata. Da quella data e fino al 1947, il comune comprendeva anche il territorio del comune di Momperone.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]


Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello, di impianto strutturale risalente al XVII secolo, fu restaurato in stile medievale nel secolo scorso ed ampliato (castelnuovo) nel 1936 da Alfonso Bruzzo di Genova.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte