Castelletto di Branduzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castelletto di Branduzzo
comune
Castelletto di Branduzzo – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Luciano Villani (lista civica) dal 7-6-2009
Territorio
Coordinate 45°04′00″N 9°06′00″E / 45.066667°N 9.1°E45.066667; 9.1 (Castelletto di Branduzzo)Coordinate: 45°04′00″N 9°06′00″E / 45.066667°N 9.1°E45.066667; 9.1 (Castelletto di Branduzzo)
Altitudine 70 m s.l.m.
Superficie 11,77 km²
Abitanti 1 026[1] (30-06-2014)
Densità 87,17 ab./km²
Frazioni Castelletto Po, Branduzzo, Valle Botta, Bassino, Case Nuove
Comuni confinanti Bastida Pancarana, Bressana Bottarone, Casatisma, Lungavilla, Pancarana, Pizzale, Verretto
Altre informazioni
Cod. postale 27040
Prefisso 0383
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018038
Cod. catastale C157
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti castellettesi
Patrono santi Siro e Alberto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelletto di Branduzzo
Posizione del comune di Castelletto di Branduzzo nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Castelletto di Branduzzo nella provincia di Pavia
Sito istituzionale
Castelletto di Branduzzo.jpg

Castelletto di Branduzzo è un comune italiano di 1.026 abitanti[2] della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella pianura dell'Oltrepò Pavese, tra i torrenti Coppa e Luria. È formato da due centri, Castelletto Po e Branduzzo, quest'ultimo formato da un'unica grande cascina con annesso un castello del XV secolo. È percorso dalla S.P. Bressana-Salice, poco distante dal casello autostradale di Casteggio sulla A21 Torino-Piacenza. È altresì raggiungibile dal casello autostradale di Bereguardo/Pavia sulla A7 Milano-Genova. Con i mezzi pubblici si raggiunge grazie all'autolinea Pavia-Voghera della società Arfea. La stazione ferroviaria più vicina si trova a Bressana Bottarone (sulla linea Milano-Genova).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Castelletto di Branduzzo fu formato nel 1928 unendo i due comuni di Castelletto Po e Branduzzo.

Castelletto Po[modifica | modifica wikitesto]

Noto dalla fine del XII secolo quando, con le vicine Pancarana e Bastida Pancarana, apparteneva alla mensa vescovile di Pavia. Successivamente fece parte del feudo di Montebello, di cui erano investiti i Beccaria fino al 1629, quindi gli Orozco de Rivera e i Machado da Silva, e infine gli Spinola.

Nei suoi pressi si trovava lo scomparso paese di Regalia, di incerta localizzazione. (CC C164)

Branduzzo[modifica | modifica wikitesto]

Noto dal XIII secolo, apparteneva probabilmente anch'esso alla mensa vescovile di Pavia, ma fu dato in enfiteusi alla famiglia pavese Botta, che nel XV secolo ne ebbe la piena signoria nell'ambito del feudo di Calcababbio. Qui i Botta avevano il loro castello e possedevano la maggioranza delle terre (la località Valle Botta ricorda l'opera di bonifica da essi intrapresa nelle zone paludose presso il Po), per cui organizzarono il paese come una sola enorme cascina unita al loro castello. (CC B122)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Persone legate a Castelletto di Branduzzo[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Le elezioni comunali del 2009 hanno visto la vittoria della lista civica "La Torre". L'attuale Amministrazione Comunale è così composta: Luciano Villani (Sindaco), Silvano Firpo (vice-sindaco), Serena Bruni (Assessore all'Ordinamento Finanziario), Lucia Gelmini (Assessore ai Servizi Sociali e alle Pari Opportunità), Mirko Casarini (Assessore alla Cultura).

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi del paese è presente un motodromo di fama internazionale dedicato principalmente alle gare di supermotard (è stato tappa italiana del campionato europeo e mondiale supermoto). Dal 2001 è stato inaugurato il kartodromo dei 7 laghi. La locale squadra di calcio (l'A.C.D. Castelletto), fondata nel 1980, milita nel campionato di Seconda Categoria. La sua massima storica classificazione è stata il 5º posto nel campionato di Prima Categoria durante la stagione 1996/97. I colori sono nero e verde.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2014.
  2. ^ Dato Istat al 31/7/2010.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia