Pizzale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pizzale
comune
Pizzale – Stemma Pizzale – Bandiera
Municipio del paese
Municipio del paese
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Simone Maggi (lista civica) dal 31/05/2014
Territorio
Coordinate 45°02′22″N 9°03′03″E / 45.039444°N 9.050833°E45.039444; 9.050833 (Pizzale)Coordinate: 45°02′22″N 9°03′03″E / 45.039444°N 9.050833°E45.039444; 9.050833 (Pizzale)
Altitudine 78 m s.l.m.
Superficie 7,09 km²
Abitanti 733[1] (31-12-2010)
Densità 103,39 ab./km²
Frazioni Porana
Comuni confinanti Castelletto di Branduzzo, Lungavilla, Pancarana, Voghera
Altre informazioni
Cod. postale 27050
Prefisso 0383
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018116
Cod. catastale G720
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti pizzalesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pizzale
Posizione del comune di Pizzale nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Pizzale nella provincia di Pavia
Sito istituzionale
Villa Meroni a Porana.JPG
Entrata alla Villa Meroni e giardino.JPG
Stemma commemorazione defunti della guerra.JPG
Chiesa presso Villa Meroni.JPG

Pizzale (al Pissà in dialetto oltrepadano) è un comune italiano di 721 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella pianura dell'Oltrepò Pavese, alla destra del torrente Staffora, poco a nord di Voghera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Pizzale è strettamente legata a quella di Voghera. Fu sotto la signoria di una famiglia che prese dal luogo il nome Pizzale (de Pizzalibus); insieme a Voghera entrò a far parte del territorio pavese nel 1164, e appartenne alla podesteria e poi al feudo di Voghera, cui restò sempre unito nei successivi passaggi dai Beccaria ai Dal Verme e ai Dal Pozzo, fino al 1770 quando Voghera fu liberata dal regime feudale. Tuttavia fu l'unico paese del feudo di Voghera a mantenere l'autonomia comunale, mentre gli altri numerosi centri di tale feudo, già comuni prima del XVII secolo, venivano assorbiti dal capoluogo.

Porana[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del XIX secolo fu unito a Pizzale il territorio del soppresso comune di Porana. Questo centro ebbe una storia molto diversa dal suo attuale capoluogo: apparteneva alla pieve di Casteggio, nella diocesi di Piacenza (mentre Pizzale era nella pieve di Voghera, diocesi di Tortona), e fu un antichissimo possesso della chiesa di Pavia cui sarebbe stato donato dal vescovo Crispino (la parrocchia è infatti dedicata a San Crispino). Come comune era noto già nel XIII secolo, ed era dotato di un castello, distrutto per ordine di Castellino Beccaria, signore di Voghera, durante le lotte con i Visconti (cui probabilmente Porana era rimasta fedele).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Persone legate a Pizzale[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]