Zeccone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zeccone
comune
Zeccone – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Terenzio Angelo Grossi (lista civica) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 45°16′00″N 9°12′00″E / 45.266667°N 9.2°E45.266667; 9.2 (Zeccone)Coordinate: 45°16′00″N 9°12′00″E / 45.266667°N 9.2°E45.266667; 9.2 (Zeccone)
Altitudine 86 m s.l.m.
Superficie 5,53 km²
Abitanti 1 694[1] (31-12-2010)
Densità 306,33 ab./km²
Frazioni Villareggio
Comuni confinanti Bornasco, Giussago, San Genesio ed Uniti
Altre informazioni
Cod. postale 27012
Prefisso 0382
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018185
Cod. catastale M152
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti zecconesi
Patrono san Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Zeccone
Posizione del comune di Zeccone nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Zeccone nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Zeccone (Scón in dialetto pavese[2]) è un comune italiano di 1.686 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nel Pavese settentrionale, nella pianura tra l'Olona e il Naviglio Pavese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È possibile che la località fosse abitata dall'Alto Medioevo. Nel gennaio 1869 casualmente avvenne la scoperta di un tesoretto di monili e di monete del sec. V: esse furono studiate dal Brambilla e si trovano attualmente nel Museo Civico del castello Visconteo di Pavia. Il nome di Zeccone (Zacono) compare la prima volta in un diploma del Vescovo Bernardo I, concesso il 18 maggio 1129 a favore della canonica di S. Giovanni Domnarum di Pavia, dal quale risulta che quei canonici vi possedevano circa 200 pertiche di terra. Successivamente appartenne, con l'attuale frazione Villareggio, al Vicariato di Settimo, insieme al territorio dell'attuale comune di Bornasco in cui si trovava il capofeudo Settimo. Nel 1441 il Vicariato di Settimo fu infeudato al condottiero visconteo Guido Torelli, restando ai suoi discendenti. Nel 1539 Marsilio Torelli si accordò con i parenti, tenendo per sé la totalità del feudo di Zeccone e Villareggio, col titolo di Contea, che separò le sorti dal resto del Vicariato. Nel 1688 un discendente di Marsilio cedette Zeccone al parente Gian Antonio Torelli, marchese di Casei, ai cui discendenti rimase fino alla fine del feudalesimo (1797). Nel 1871 venne aggregato a Zeccone il soppresso comune di Villareggio.

Tra il 1928 e il 1946 il comune di Zeccone fu soppresso e aggregato a Bornasco. Nel 1947 Zeccone ritornò ad essere comune autonomo. Primo sindaco nel 1949 fu eletto il generale Ambrogio Clerici. Fino agli anni 1950-60, la popolazione era prevalentemente dedita all'agricoltura; in seguito alla riduzione della manodopera necessaria ad attività agricole, i contadini a mezzadria si sono trasformati in operai, trovando lavoro nella vicina città di Pavia, a Milano oppure presso gli stabilimenti della Certosa di Pavia.

  • Villareggio (CC M005), noto come Villa Regia nel XII secolo, appartenne al Vicariato di Settimo, infeudato ai Torelli come Zeccone. Antica villa regia teodoriciana e longobarda, come indica il nome latino "Villaregia", conservò fino a tempi recentissimi la lastra tombale marmorea di Severino Boezio. Fra le terre più floride tra Pavia e Milano, nel 1181, pagava al comune di Pavia, per tassa di fodro e giogatico, la rilevante somma di soldi 315, la più alta tassazione dopo quella di Porto Morone, che era la maggiore. Nel XVIII secolo invece risulta infeudato ai Beccaria (signori anche di Gualdrasco). Nel 1871 il comune fu soppresso e unito a Zeccone.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 846.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.