Valle Salimbene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valle Salimbene
comune
Valle Salimbene – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Velea Daniela Maria Gatti Comini (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°10′00″N 9°14′00″E / 45.166667°N 9.233333°E45.166667; 9.233333 (Valle Salimbene)Coordinate: 45°10′00″N 9°14′00″E / 45.166667°N 9.233333°E45.166667; 9.233333 (Valle Salimbene)
Altitudine 71 m s.l.m.
Superficie 7 km²
Abitanti 1 494[1] (31-12-2010)
Densità 213,43 ab./km²
Frazioni Motta San Damiano, San Leonardo
Comuni confinanti Albuzzano, Cura Carpignano, Linarolo, Pavia, Travacò Siccomario
Altre informazioni
Cod. postale 27010
Prefisso 0382
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018169
Cod. catastale L617
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti salimbenesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Valle Salimbene
Posizione del comune di Valle Salimbene nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Valle Salimbene nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Valle Salimbene (la Vàl in dialetto pavese[2]) è un comune italiano di 1.487 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nel Pavese meridionale, non lontano dalla riva destra del Ticino presso la confluenza nel Po.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La zona di Valle Salimbene fu caratterizzata dalla presenza, a partire dal medioevo, più che di veri paesi, di cascine spesso dotate di ville padronali, che (secondo l'uso locale) già nel XVI-XVII secolo avevano autonomia comunale nonostante le limitate dimensioni. Ciò caratterizza invero un po' tutta la zona nelle immediate vicinanze di Pavia.

Valle Salimbene, nata probabilmente come semplice cascina della famiglia Bottigella, passata poi ai Salimbene, appare nel XVII secolo come comune col nome di Cassina della Valle; faceva parte della Campagna Sottana di Pavia e non era infeudata. Nel 1871 furono aggregati a Valle Salimbene i comuni di Belvedere al Po e Motta San Damiano.

  • Belvedere (CC A775), acquistata nel 1503 dai Bottigella, assorbì nel XVIII secolo i comuni di Ca' Scarpona, Moncucco e Cassina Oltrona, quest'ultima già comune nel secolo precedente. Il comune prese nome di Belvedere al Po nel 1863 (il Po infatti allora scorreva nelle vicinanze, e il suo vecchio corso è ora occupato dal Ticino che qui vi confluiva). Nel 1871 il comune di Belvedere al Po fu soppresso e unito a Valle Salimbene.
  • Il comune di Motta San Damiano (CC F778) si formò nel XVIII secolo con l'unione dei due comuni di Cassina della Motta e di Cassina di San Damiano. Quest'ultima è la località più antica della zona, nota fin dal XII secolo come Sancto Damiano e nel XV secolo come Cassina Sancti Damiani. Era costituita da una sola proprietà, appartenente all'Ordine di Malta, ma non era infeudata. Il comune di Motta San Damiano nel 1871 fu soppresso e unito a Valle Salimbene.

Presentava uno stabilimento di solfuro di carbonio lavorazione molto tossica del gruppo Châtillon.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria recente[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria dell'ODB Valle Salimbene
  • 2006-07 - 1º nel girone F di Promozione. Promosso in Eccellenza.
  • 2007-08 - 13º nel girone A dell'Eccellenza. Vince i play out contro il Tradate.
  • 2008-09 - 8º nel girone A dell'Eccellenza.
  • 2009 - la società cede il titolo sportivo al Villanterio. L'Oratorio Don Bosco San Leonardo riparte dalla Terza Categoria.
  • 2009-10 - 8º nel girone C della Terza Categoria Pavia.
  • 2010-11 - 5º nel girone B della Terza Categoria Pavia.
  • 2011-12 - nel girone C della Terza Categoria Pavia, promosso in Seconda Categoria, dopo la vittoria in finale play-off, contro l'ASD Albuzzano, per 3 a 2 nei supplementari, con gol del Capitano Marco Svecchia Montagna.
  • 2012-13 - nel girone W della Seconda Categoria Lombardia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 805.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.