Belgioioso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Bedizzole in provincia di Brescia, vedi Belgioioso (Bedizzole).
Belgioioso
comune
Belgioioso – Stemma Belgioioso – Bandiera
Il Castello di Belgioioso
Il Castello di Belgioioso
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Francesca Rogato (lista civica) dal 07/06/2009
Territorio
Coordinate 45°10′00″N 9°19′00″E / 45.166667°N 9.316667°E45.166667; 9.316667 (Belgioioso)Coordinate: 45°10′00″N 9°19′00″E / 45.166667°N 9.316667°E45.166667; 9.316667 (Belgioioso)
Altitudine 75 m s.l.m.
Superficie 24,69 km²
Abitanti 6 427[1] (31-12-2010)
Densità 260,31 ab./km²
Frazioni San Giacomo della Cerreta, Santa Margherita, Zagonara
Comuni confinanti Albaredo Arnaboldi, Albuzzano, Corteolona, Filighera, Linarolo, San Cipriano Po, Spessa, Torre de' Negri
Altre informazioni
Cod. postale 27011
Prefisso 0382
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018013
Cod. catastale A741
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti belgioiosini
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Belgioioso
Posizione del comune di Belgioioso nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Belgioioso nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Belgioioso (Balgiuùs in dialetto pavese[2]) è un comune italiano di 6.428 abitanti[3]. della provincia di Pavia. Si trova nel Pavese meridionale, nella pianura a pochi chilometri dalla riva sinistra del Po. Le frazioni Santa Margherita e San Giacomo si trovano sul bordo del terrazzo che domina la valle alluvionale del fiume. Il comune è lambito nel suo confine a est, presso la frazione Zagonara, dal fiume Olona. Belgioioso fa parte dell'"Unione dei Comuni Terre Viscontee del Basso pavese" di cui è centro di riferimento per importanza e servizi.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel XIV secolo, in una località che si chiamava forse Torre dei Preti, fu fondato dai Visconti, signori e poi duchi di Milano, un castello di caccia, che chiamarono Zoiosus ('gioioso') e poi Belzoiosus. Nel 1431 il castello fu infeudato ad Alberico II da Barbiano, nipote dell'omonimo condottiero ed egli stesso valente capitano. Da allora Belgioioso legherà indissolubilmente il suo nome a quello della nobile famiglia, i Barbiano di Belgioioso appunto, che ne divennero Conti e poi Principi nel 1769. Attorno al castello, che fu reso una splendida residenza principesca, i da Barbiano promossero la formazione di un vero paese, attirando coltivatori e artigiani. Belgioioso era sede di squadra (podesteria) con il nome di Vicariato, che comprendeva molti centri vicini, e faceva parte della Campagna Sottana di Pavia. Si noti che il Vicariato di Belgioioso non era feudo dei Barbiano ma degli Estensi del ramo di San Martino, conti di Corteolona; passò ai primi per matrimonio nel 1757. Nel 1872 fu unito a Belgioioso il comune di Santa Margherita Po. Tra il 1929 e il 1947 fu momentaneamente unito a Belgioioso il comune di Torre de' Negri.

Santa Margherita (CC I228), derivato da un'antica località Pissarello non più esistente (e in gran parte confluita nel comune di Spessa), era un comune appartenente al feudo di Belgioioso. Nel XVIII secolo vennero uniti a Santa Margherita i comuni di San Giacomo della Cerreta e di Albaredo (per la parte rimasta a nord del Po). Nel 1863 prese nome di Santa Margherita Po, ma nel 1872 fu soppresso e unito a Belgioioso.

Dal 17 marzo 2011, nella ricorrenza del 150º anniversario dell'Unità d'Italia, al comune di Belgioioso è stato concesso, per mano del Prefetto di Pavia, il Decreto del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che gli conferisce il titolo di Città.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Le serre del castello di Belgioioso

Castello medioevale e Villa[modifica | modifica wikitesto]

Già infeudato dal Duca Filippo Maria Visconti ai Barbiano nel 1431. Nel XVIII secolo Antonio Barbiano ottenne l'innalzamento di Belgioioso a principato nel 1796 ed ampliò e ricostruì il castello medioevale, arricchendolo di vasti giardini e di serre in stile neoclassico opera dell'architetto Leopold Pollack. Il castello passò poi al figlio Alberico XII che fu amico di Parini e Foscolo e fu al centro della vita culturale milanese.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Gli abitanti di Belgioioso (belgioiosini), sono detti, nella tradizione popolare locale "Brüsacrist" (trad. "brucia cristo"), ciò deriva da un episodio, risalente al 1766, allorquando vi fu una rivolta della cittadinanza nei confronti della Curia Vescovile di Pavia, colpevole, secondo i belgioiosini, di temporeggiare eccessivamente per la designazione del nuovo Parroco. In seguito a questa rivolta, che culminò, secondo la leggenda, con il rogo presso la piazza principale, di un Crocefisso ligneo (da qui il soprannome), si ottenne, caso di privilegio unico nel Diritto Canonico, la possibilità da parte dei capifamiglia di decidere, con votazione a maggioranza, il Parroco del paese. Tale privilegio è perdurato fino alla fine del secolo scorso. Il soprannome di "Brüsacrist" invece è tuttora in uso.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Il mercato settimanale di Belgioioso, istituito con Decreto dell'Imperatore Carlo V d'Asburgo nel 1546 e già raffigurato, nella seconda metà dell'Ottocento da Angelo Inganni in un dipinto a olio su tela, è stato insignito nell'anno 2009 dalla Regione Lombardia, del titolo di mercato storico (mercato a valenza storica di tradizione) e si tiene tradizionalmente ogni lunedì.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il Corpo Bandistico Santa Cecilia, nato nel 1913, ha sede presso il locale Oratorio San Luigi. Nel giugno del 1965, durante una manifestazione all'Università di Pavia, la banda fu diretta per alcuni minuti da Herbert Von Karajan.

Persone legate a Belgioioso[modifica | modifica wikitesto]

- Lino Carenzio - Attore cinematografico (1907-1973) - Giuseppe Regali - Calciatore - Nato a Belgioioso 1948 - Domenico Rizzi - Scrittore ed esperto storia western - Nato a Belgioioso 1948 - Francesco Ferrara - Attore e comico legato a Belgioioso (1990-vivente).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Una curiosità degna di nota, riguarda l'esordio, presso Belgioioso, nel 1920, in un piccolo circolo teatrale, all'epoca attivo nella "corte del ghiaccio" ("la curt dal giass"), dell'attore torinese, allora diciottenne Erminio Macario, uno tra i più grandi attori e autori comici italiani del teatro e della televisione del '900 e massimo esponente del Teatro di Rivista ("Il Re della Rivista").

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Presso il castello si organizzano durante l'anno, svariate manifestazioni culturali:[5] Le principali sono: "Parole nel tempo", mostra annuale dei piccoli editori, patrocinata dalla Regione Lombardia, che costituisce una delle più importanti manifestazioni dell'editoria di qualità. Oltre a questa, si citano altre rassegne di rilevanza nazionale: Vintage dedicata alla moda d'epoca, ai complementi d'abbigliamento d'epoca e di recupero e Officinalia dedicata ai prodotti naturali, all'alimentazione biologica e al benessere.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Belgioioso è gemellato con La Fouillouse in Francia.[senza fonte]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è S.S. Belgioioso Constantes 1946 Calcio che milita nel girone W lombardo di 2ª Categoria. È nata nel 1946.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 80.
  3. ^ Dato Istat al 31/7/2010.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Sito ufficiale manifestazioni in castello

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]