Marzano (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marzano
comune
Marzano – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Angelo Bargigia (lista civica) dal 29/05/2007
Territorio
Coordinate 45°15′00″N 9°18′00″E / 45.25°N 9.3°E45.25; 9.3 (Marzano)Coordinate: 45°15′00″N 9°18′00″E / 45.25°N 9.3°E45.25; 9.3 (Marzano)
Altitudine 78 m s.l.m.
Superficie 9,29 km²
Abitanti 1 700[1] (31-12-2010)
Densità 182,99 ab./km²
Frazioni Castel Lambro, Spirago, Gattinara, Cascina Bianca
Comuni confinanti Ceranova, Lardirago, Roncaro, Torre d'Arese, Torrevecchia Pia, Valera Fratta (LO), Vidigulfo, Vistarino
Altre informazioni
Cod. postale 27010
Prefisso 0382
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018087
Cod. catastale E999
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 328 GG[2]
Nome abitanti marzanini
Patrono san Mauro
Giorno festivo 15 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Marzano
Posizione del comune di Marzano nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Marzano nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Marzano (Marsàn in dialetto pavese[3]) è un comune italiano di 1.572 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nel Pavese orientale, sul fiume Lambro meridionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è di origini romane, recenti scavi hanno riportato alla luce parti di una grande villa residenziale produttiva di vasta ampiezza, che comprendeva anche terme private. Tuttavia l'attuale abitato risale all'Alto Medioevo, è citato in documenti dell'XI e XII secolo, ed era parte della proprietà del Monastero di S. Pietro in Ciel d'Oro di Pavia. In antico, il toponimo risulta da documenti come Marcianum o Marciano. Faceva parte della Campagna Sottana di Pavia, e appartenne alla Contea di Belgioioso fin dall'investitura del 1431 ad Alberico II da Barbiano. Alla principesca famiglia appartenne fino all'abolizione del feudalesimo (1797). Nel 1872 al comune di Marzano vennero aggregati i soppressi comuni di Castel Lambro e Spirago.

  • Castel Lambro (CC C131), posto di fronte a Marzano oltre il Lambro, è nominato come Castellum Lambi nel 1164 nel diploma con cui Federico I concesse a Pavia la giurisdizione sull'Oltrepò, la Lomellina e alcune località del Pavese che forse non appartenevano da tempi remoti al dominio pavese. Castel Lambro non rimase a lungo a Pavia, in quanto fu poi compreso nella Pieve di San Giuliano, appartenente alla Provincia del Ducato di Milano, e solo nel 1786 fu incluso nella Provincia di Pavia. Fu feudo dell'antica famiglia Arese di Milano, conti da Castel Lambro dal XVII secolo, e passò per matrimonio nel 1676 ai Visconti Borromeo Arese. Nel 1872 il comune di Castel Lambro fu unito a Marzano.
  • Spirago (CC I918) è noto fin dall'XI secolo come Spiraco. Faceva parte della Campagna Sottana di Pavia, e come Marzano fu infeudato ai Barbiano di Belgioioso fin dal 1431. Nel 1872 il comune di Spirago fu unito a Marzano.
  • Cascina Bianca è una località rurale confluita nell'allora comune di Spirago nel 1840.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 450.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia