Rivanazzano Terme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rivanazzano Terme
comune
Rivanazzano Terme – Stemma
Rivanazzano Terme – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Romano Ferrari (lista civica) dal 28/05/2007
Territorio
Coordinate 44°56′00″N 9°01′00″E / 44.933333°N 9.016667°E44.933333; 9.016667 (Rivanazzano Terme)Coordinate: 44°56′00″N 9°01′00″E / 44.933333°N 9.016667°E44.933333; 9.016667 (Rivanazzano Terme)
Altitudine 153 m s.l.m.
Superficie 28,91 km²
Abitanti 5 191[1] (30-09-2012)
Densità 179,56 ab./km²
Frazioni Buscofà, Chioda, Nazzano
Comuni confinanti Casalnoceto (AL), Godiasco Salice Terme, Pontecurone (AL), Retorbido, Rocca Susella, Voghera
Altre informazioni
Cod. postale 27055
Prefisso 0383
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018122
Cod. catastale H336
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti rivanazzanesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rivanazzano Terme
Posizione del comune di Rivanazzano Terme nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Rivanazzano Terme nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Rivanazzano Terme (la Rìva in dialetto oltrepadano[2]) è un comune italiano con 5.191 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia.

Località termale, è situata presso il torrente Staffora nell'Oltrepò Pavese, 7 km a sud di Voghera (raggiungibile con la strada statale ss.461), al confine con la provincia di Alessandria, 15 km a est di Tortona.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale di San Germano

La più antica località della zona, nota fin dal 1006, era Vico Lardario, luogo della pieve di San Germano (diocesi di Tortona), che si trovava probabilmente nel luogo della parrocchia di Rivanazzano, leggermente decentrata rispetto al centro attuale dell'abitato. Il nome Vico Lardario fu utilizzato in campo ecclesiastico per tutto il medioevo. Già dal XII secolo però si ha notizia di un nuovo centro, Ripa, situato verosimilmente presso la Staffora, al centro dell'abitato attuale, dove sorgerà la torre pentagonale.

La località di Bidella compare in epoca longobarda e seguenti fra i possedimenti dell'Abbazia di San Colombano di Bobbio.[3]

Nel frattempo si andava sviluppando anche Nazzano, situato su un colle sull'opposta riva della Staffora, e il cui castello era il guardiano della valle. Era stato assegnato ai Malaspina, signori della vallata, nel 1164 da Federico I, ma già nel 1191 il successore Enrico VI lo aggiunse ai domini pavesi dell'Oltrepò, sotto i quali fu sede di podesteria.

La storia successiva di Riva e di Nazzano non è sempre chiara, anche perché è probabile che almeno fino al XVI secolo esistesse una località Ripa Nazzani posta sulla riva della Staffora, ma ai piedi di Nazzano, dunque sulla sponda opposta rispetto a Riva. Comunque fino al XVII secolo i due centri furono indipendenti.

Nazzano fu, dal XIII fino all'inizio del XV secolo, signoria dei Sannazzaro, maggiori feudatari guelfi dell'Oltrepò, sempre in lotta con i Beccaria; in questo periodo Nazzano fu quasi sempre in dissidio con la vicina Voghera. Successivamente passò ai Pusterla.

Riva, dal canto suo, dopo essere stato forse sotto la signoria del vescovo di Tortona e poi di un altro ramo dei Sannazzaro, nel 1457 fu infeudato ai Fregoso di Genova, ai Terzago nel 1488, ai Pietra nel 1540 e infine, nel 1609, ai Mezzabarba di Pavia. Essi, nel 1613, acquistarono anche il feudo di Nazzano, determinando così l'unione feudale e ben presto anche comunale dei due centri.

Il feudo unito di Riva di Nazzano passò poi ai De Mari di Genova e per eredità ai Rovereto – De Mari (dal 1712), che lo tennero fino all'abolizione del feudalesimo (1797).

Nel XIX secolo il nome del comune divenne Rivanazzano. A seguito del risultato positivo del referendum indetto nel marzo 2009, in cui i cittadini sono stati chiamati a pronunciarsi sulla proposta di modifica del nome, il comune ha assunto la denominazione di Rivanazzano Terme

Da Rivanazzano transitava la via del sale lombarda, percorsa da colonne di muli che passando per la valle Staffora raggiungevano Genova attraverso il passo del Giovà e il monte Antola.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Per Rivanazzano transitava tra il 1891 e il 1929 la tranvia per Voghera, prolungata nel 1909 a Salice Terme.

Tra il 1931 e il 1966 Rivanazzano fu servita dalla ferrovia Voghera-Varzi.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2012.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 636.
  3. ^ Eleonora Destefanis Il Monastero Di Bobbio in Eta Altomedievale - Carte di distribuzione Fig. 44 - Pag 67
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia