Castelnovetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castelnovetto
comune
Castelnovetto – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Gabriele Bonassi (lista civica) dal 20/05/2014
Territorio
Coordinate 45°15′00″N 8°37′00″E / 45.25°N 8.616667°E45.25; 8.616667 (Castelnovetto)Coordinate: 45°15′00″N 8°37′00″E / 45.25°N 8.616667°E45.25; 8.616667 (Castelnovetto)
Altitudine 111 m s.l.m.
Superficie 18,21 km²
Abitanti 642[1] (31-12-2010)
Densità 35,26 ab./km²
Comuni confinanti Ceretto Lomellina, Cozzo, Nicorvo, Robbio, Rosasco, Sant'Angelo Lomellina
Altre informazioni
Cod. postale 27030
Prefisso 0384
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018040
Cod. catastale C213
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti castelnovettesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelnovetto
Posizione del comune di Castelnovetto nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Castelnovetto nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Castelnovetto (Castarnöv in dialetto lomellino[2]) è un comune italiano di 651 abitanti[3] della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella Lomellina occidentale, nella pianura tra il Sesia e l'Agogna.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1971 è presente in paese la società calcistica U.S.CASTELNOVETTO, che raggiunge l'apice della sua fama negli anni 80, vincendo la 2ª categoria. In 1ª categoria disputa vari derby con i rivali del Robbio e Confienza comuni che distano a pochi km. Nel 2010 la società si è sciolta e non partecipa a nessun campionato dopo lunghe militanze in 3ª categoria. Nel febbraio 2011 si ricostituisce per l'anniversario dei 40 anni di storia, a guidare il nuovo direttivo è il Castelnovettese Matteo Zanardi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Castelnovetto è citato come Castrum Novetum nell'elenco delle terre pavesi del 1250; nel secolo successivo fu signoria dei Beccaria, probabilmente del ramo di Arena Po; nel 1407, durante la crisi del ducato visconteo, si diede al Marchese del Monferrato, ma ben presto tornò ai Visconti e poi agli Sforza. Questi, nel 1454, lo infeudarono al ministro Cicco Simonetta. Da questo punto in avanti seguì le stesse vicende della vicina Valle Lomellina, con una girandola di brevi infeudazioni: ad Antonio Tasino di Ferrara nel 1479, al cardinal d'Amboise nel 1499, l'anno dopo al ministro ducale Bergonzo Botta, nel 1527 a un capitano spagnolo, Filippo Herrera, e successivamente a un ramo cadetto dei Visconti. Morto Luigi Visconti nel 1564, il feudo fu incamerato, e venduto a Marcantonio Rasini, primo Conte di Castelnovetto. La signoria dei Rasini durerà fino all'abolizione del feudalesimo (1797). Nel 1707 intanto Castelnovetto, con la Lomellina, era passato sotto il dominio dei Savoia; nel 1859 fu incluso nella provincia di Pavia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Persone legate a Castelnovetto[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 659.
  3. ^ Dato Istat al 31/7/2010.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia