Castana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castana
comune
Castana – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Maria Pia Bardoneschi (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°02′00″N 9°16′00″E / 45.033333°N 9.266667°E45.033333; 9.266667 (Castana)Coordinate: 45°02′00″N 9°16′00″E / 45.033333°N 9.266667°E45.033333; 9.266667 (Castana)
Altitudine 290 m s.l.m.
Superficie 5,17 km²
Abitanti 743[1] (31-12-2010)
Densità 143,71 ab./km²
Frazioni Ca' dei Colombi, Ca' dei Cristina, Ca' dei Rovati, Ca' del Moro, Cassinassa, Loglio, Martinasca, Quarti
Comuni confinanti Canneto Pavese, Cigognola, Montescano, Montù Beccaria, Pietra de' Giorgi, Santa Maria della Versa
Altre informazioni
Cod. postale 27040
Prefisso 0385
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018036
Cod. catastale C050
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti castanesi
Patrono sant'Andrea Apostolo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castana
Posizione del comune di Castana nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Castana nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Castana (Castàn in dialetto oltrepadano[2]) è un comune italiano di 747 abitanti[3] della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova sulle colline dell'Oltrepò Pavese, tra le valli Versa e Scuropasso.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Castana è noto fin dal 974; tuttavia la località non doveva avere grande importanza, non essendo citata nel diploma del 1164 con cui Federico I poneva il territorio sotto la giurisdizione di Pavia (il diploma cita invece il vicino Montescano). Nel 1250 appare comunque nell'elenco delle terre pavesi. Fece parte del feudo di Broni, di spettanza dei Beccaria fino al 1531 quando Castana (con la frazione Martinasca, che allora era un comune a sé) fece parte delle terre componenti metà circa del feudo di Broni che furono confiscate ai Beccaria e assegnate ai Visconti Scaramuzza. Successivamente (1531) passò ai Borromeo, e da essi nel 1740 ai Pallavicino-Trivulzio. I feudatari erano anche i maggiori proprietari terrieri nel comune. Il feudalesimo a Castana ebbe termine probabilmente un po' prima dell'abolizione definitiva (1797). Il castello, di proprietà privata, è stato completamente ristrutturato e restaurato tra il 2004 ed il 2006, e non è visitabile.

Nel XVIII secolo Martinasca, già comune autonomo, fu aggregato a Castana, il cui comune si chiamò per qualche tempo Castana con Martinasca.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]


Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Comunità montane[modifica | modifica sorgente]

Fino al 2009 faceva parte della fascia bassa della Comunità montana Oltrepò Pavese.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 160.
  3. ^ Dato Istat al 28/2/2010.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia