Torre Beretti e Castellaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torre Beretti e Castellaro
comune
Torre Beretti e Castellaro – Stemma Torre Beretti e Castellaro – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Marco Broveglio (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°04′00″N 8°40′00″E / 45.066667°N 8.666667°E45.066667; 8.666667 (Torre Beretti e Castellaro)Coordinate: 45°04′00″N 8°40′00″E / 45.066667°N 8.666667°E45.066667; 8.666667 (Torre Beretti e Castellaro)
Altitudine 89 m s.l.m.
Superficie 17,66 km²
Abitanti 606[1] (31-12-2010)
Densità 34,31 ab./km²
Frazioni Castellaro de' Giorgi
Comuni confinanti Bozzole (AL), Frascarolo, Mede, Sartirana Lomellina, Valenza (AL)
Altre informazioni
Cod. postale 27030
Prefisso 0384
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018156
Cod. catastale L250
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti torreberettesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Torre Beretti e Castellaro
Posizione del comune di Torre Beretti e Castellaro nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Torre Beretti e Castellaro nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Torre Beretti e Castellaro è un comune italiano di circa 600 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nella Lomellina sudoccidentale, non lontano dalla riva sinistra del Po. Torre Beretti (La Tur in dialetto lomellino), sede comunale, si trova nella pianura alluvionale (alluvium antico), mentre Castellaro de' Giorgi (Al Castla in dialetto lomellino) è in posizione più elevata, sul bordo del terrazzo della pianura diluviale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Torre Beretti e Castellaro fu creato nel 1928, unendo i due vecchi comuni di Torre Beretti e Castellaro de' Giorgi.

  • Torre Beretti (CC L249), noto dapprima solo come Torre, si sviluppò piuttosto tardi rispetto ad altri centri lomellini, e prese il nome attuale dai suoi signori, i Beretta della Torre. Seguendo le sorti di Frascarolo, nel 1441 fu infeudato ai Birago di Milano e nel 1522 al cancelliere imperiale Mercurino Arborio di Gattinara, che era anche feudatario di Sartirana. Seguendo a questo punto le sorti di Sartirana (diversamente dai vicini Castellaro e Cassina de' Bossi), Torre Beretti rimase agli Arborio di Gattinara fino al XVII secolo. All'inizio del XIX secolo fu unito a Torre Beretti il comune di Cassina de' Bossi. Cassina de' Bossi era un abitato del tutto indistinguibile da Torre Beretti, di cui occupava gli isolati occidentali e orientali (mentre Torre Beretti costituiva il centro del paese). Nonostante la contiguità, Cassina de' Bossi ebbe vicende diverse da Torre Beretti, seguendo piuttosto quelle di Castellaro e di Frascarolo. Appartenne dunque feudalmente ai Varesini, e nel 1675 fu venduto ai Canobbio. Fu unito a Torre Beretti nel 1806 e definitivamente nel 1818. Vi trascorse l'estate la Marchesa Colombi nel 1885, durante la composizione dell'opera "Un triste Natale".
  • Castellaro de' Giorgi (CC C144) appare come Castellarium nell'elenco delle terre soggette a Pavia (1250). Seguì le sorti di Frascarolo, essendo infeudato nel 1441 ai Birago che lo vendono ai Varesini, tornando ai Birago ed essendo poi infeudato a Mercurino Arborio di Gattinara (1522), tornando infine ai Varesini. Questi ultimi (che vendettero Frascarolo ai Bellisomi e Cassina de' Bossi ai Cannobio), nel 1675 vendono anche Castellaro ai Pattigna, feudatari anche nel secolo successivo. Il feudo di Castellaro comprendeva anche il comune di Cassina Comuna, che fu soppresso e unito definitivamente a Castellaro nel 1818. Il comune di Castellaro de' Giorgi fu a sua volta soppresso e unito a Torre Beretti nel 1928.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]