Lungavilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lungavilla
comune
Lungavilla – Stemma Lungavilla – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
Sindaco Andrea Daprati (lista civica "Nuovo Comune - Insieme per Lungavilla") dal 25 maggio 2014 [1]
Territorio
Coordinate 45°02′00″N 9°05′00″E / 45.033333°N 9.083333°E45.033333; 9.083333 (Lungavilla)Coordinate: 45°02′00″N 9°05′00″E / 45.033333°N 9.083333°E45.033333; 9.083333 (Lungavilla)
Altitudine 74 m s.l.m.
Superficie 6,88 km²
Abitanti 2 410[1] (31/04/2014)
Densità 350,29 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 27053
Prefisso 0383
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018084
Cod. catastale B387
Targa PV (provincia di Pavia)
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Lungavillesi
Patrono Santa Maria Assunta in Cielo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lungavilla
Posizione del comune di Lungavilla nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Lungavilla nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Lungavilla, fino al 1894 Calcababbio, è un comune italiano di 2.412 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella Pianura Padana dell'Oltrepò Pavese, tra i torrenti Coppa e Staffora ai piedi delle colline e del relativo Appennino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Calcababbio è noto dal XIII secolo, quando apparteneva ai domini pavesi nell'Oltrepò, probabilmente aggregato alla podesteria di Voghera. Nel XIV secolo vi sorgeva una rocchetta appartenente ai Buscaglia di Voghera. Nel XV secolo fu infeudato ai Fregoso di Genova (signori anche di Rivanazzano), ma nel 1493 fu acquistato dal ministro ducale Bergonzo Botta, pavese, la cui famiglia da tempo aveva la signoria del vicino Branduzzo. In breve Calcababbio divenne il centro principale e sede del feudo, rimasto sempre ai Botta (dal 1613 Botta Adorno), che fu elevato a Marchesato nel 1663. La signoria dei Botta Adorno durò fino all'abolizione del feudalesimo.

Nel 1894, dopo lunghe discussioni e polemiche, il comune di Calcababbio prese il nome di Lungavilla. Fino a quando passò alla diocesi di Tortona, Calcababbio fu della diocesi di Piacenza (Giacomo Coperchini). In comune di Redavalle sui confini di Castignara esiste un altro Calcababbio, che storicamente potrebbe trarre in inganno. Si vedrà in Archivum Bobiense 2013.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Possiede un clima continentale, più estremizzato rispetto al resto della Pianura Padana: maggiori escursioni termiche sia giornaliere sia annue. Gli inverni sono spesso rigidi e nevosi, con una media temperatura a +3 °C e una media neve sui 50cm. Le estati sono calde e secche, con una temperatura media sui +30 °C e una piovosità quasi inferiore della metà rispetto al resto della Pianura Padana: è terra, infatti, di pochi temporali.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Lungavilla ospita una riserva palustre gestito dal comune con aiuti regionali. Oggi il parco è diventato la Riserva Naturale "Stagni di Lungavilla".

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Polisportiva UPOL Lungavilla[3]
  • Calcio: G.S.G. Lungavilla[4]
  • Ciclismo: UPOL Bike Lungavilla e UPOL Pedale Lungavilla
  • Pallavolo: ASD Volley Lungavilla

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Istat - Popolazione residente al 31 aprile 2014.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Polisportiva UPOL Lungavilla
  4. ^ G.S.G. Lungavilla

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]