Conte Rosso (transatlantico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conte Rosso
CONTE ROSSO 1925.jpg
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946).svg
Tipo Transatlantico
Proprietario/a Lloyd Sabaudo - Genova Lloyd Triestino - Trieste
Costruttori William Beardmore & Co.
Cantiere Dalmuir, Glasgow (Scozia)
Varata 10 febbraio 1921
Entrata in servizio 29 marzo 1922
Destino finale Affondato il 24 maggio 1941
Caratteristiche generali
Stazza lorda 18.017 tsl
Lunghezza 180,1 m
Larghezza 22,6 m
Propulsione 2 gruppi turboriduttori a doppia demoltiplicazione, potenza 19.200 cv
Velocità 18,5 nodi
Passeggeri 208 (prima classe), 268 (seconda classe), 1890 (terza classe)

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Conte Rosso fu un transatlantico di 18.017 tonnellate di stazza lorda, costruito nel 1922 ed appartenente al Lloyd Sabaudo con sede a Genova. Fu costruito nei cantieri scozzesi William Beardmore & Co a Dalmuir nei pressi di Glasgow. Il nome era stato dato in onore di Amedeo VII di Savoia, Conte di Savoia e Conte d'Aosta, Moriana e Nizza dal 1383 al 1391.
Con la medesima onomastica, dai cantieri di Glasgow uscirono in breve periodo anche le navi Conte Biancamano, Conte Grande e Conte Verde. Mentre il Conte Verde era un'unità similare al Conte Rosso, sebbene leggermente più piccola, il Conte Biancamano ed il Conte Grande, di costruzione successiva, erano più grandi e presentavano varie differenze.

Il primo tentativo di varo, il 26 gennaio 1921, fallì perché la nave rimase ferma sullo scalo. Solo il 10 febbraio lo scafo del Conte Rosso poté scendere in acqua. Il viaggio inaugurale, con partenza il 29 marzo 1922, avvenne sulla rotta Genova-Napoli-Montevideo-Buenos Aires, ma dal 1922 al 1928 il piroscafo fu impiegato sulla linea da Genova a New York via Napoli.

Menu' di bordo - Colazione del 15 maggio 1924

Dall'aprile 1928 il Conte Rosso fu trasferito sulla linea per il Sudamerica percorsa nel primo viaggio e vi rimase sino al 1932, quando, con la fusione del Lloyd Sabaudo e di due altre importanti compagnie (Cosulich Line e Navigazione Generale Italiana) nella Società Italia, fu noleggiato al Lloyd Triestino che l'acquistò un anno più tardi, impiegandolo sulla rotta Trieste-Shanghai con tappe a Venezia, Brindisi, Suez, Bombay e Singapore.

Nel 1935, durante la Guerra d'Etiopia, fu requisito dal governo e adibito al trasporto di truppe e coloni in Africa Orientale Italiana.

L'anno successivo, restituito al Lloyd Triestino, fu sottoposto a lavori di sostituzione dell'apparato motore nei cantieri dello Stabilimento Tecnico Triestino: il nuovo apparato motore, costruito dalla Franco Tosi di Legnano, aveva una potenza di 25.000 HP e consentì di incrementare la velocità a 20 nodi.

Durante la seconda guerra mondiale, il 3 dicembre 1940, venne requisito dalla Marina Militare a Genova e adibito al trasporto di truppe in Libia. Effettuò diversi viaggi trasportando parecchie migliaia di uomini (fra cui per esempio, l'8 febbraio 1941, reparti della Divisione Ariete), sino al 24 maggio 1941.

Una delle sale interne

Alle 4.40 di quel giorno il Conte Rosso partì da Napoli per Tripoli assieme ad altre tre grandi navi passeggeri adibite al trasporto di truppe: i piroscafi Marco Polo ed Esperia e la motonave Victoria. La scorta era fornita dalle torpediniere Procione, Pegaso e Orsa, e dal cacciatorpediniere Freccia. Al comando del convoglio vi era il contrammiraglio Francesco Canzoneri. In mare vi era poi una scorta indiretta costituita dagli incrociatori pesanti Trieste e Bolzano e dai cacciatorpediniere Ascari, Corazziere e Lanciere. Altre tre torpediniere - Calliope, Perseo e Calatafimi - furono inviate a rafforzare la scorta diretta ma rientrarono in porto in serata. Il Conte Rosso aveva a bordo 280 uomini d'equipaggio e 2449 fra ufficiali, sottufficiali e soldati diretti in Libia, per un totale di 2729 uomini. Alle 20.40 la rotta del convoglio s'incrociò con quella del sommergibile inglese HMS Upholder comandato da David Wanklyn; esso lanciò due siluri che, dopo essere passati vicino al Freccia, colpirono il Conte Rosso, che affondò di prua in una decina di minuti, a circa 10 miglia per 83° da Capo Murro di Porco in Sicilia (al largo di Siracusa).

Persero la vita 1.297 persone e vennero recuperate soltanto 239 salme, nonostante il prodigarsi delle unità che facevano parte della scorta. Tra le navi soccorritrici ci fu la nave ospedale Arno, in navigazione tra Bengasi (Libia) e Napoli, che trasportava feriti e che alle ore 23:00 deviò la rotta verso il punto dell'affondamento. Presero parte ai soccorsi anche il Corazziere, il Lanciere, la Procione e la Pegaso, recuperando 1432 sopravvissuti. Gran parte delle vittime non ebbe il tempo di abbandonare la nave o fu strangolata dai propri giubbotti salvagente, dopo essersi tuffata da un'altezza di decine di metri (l'appruamento aveva infatti portato il Conte Rosso ad impennare la poppa molto al disopra della superficie). Il relitto del Conte Rosso - la nave italiana che nella seconda guerra mondiale, prima dell'armistizio, ebbe il maggior numero di vittime - giace in posizione 36°41' N, 15°42' E.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Notiziario della Marina, Anno XXXI N.7, luglio 1984, a cura di Tullio Marcon
  • Paolo Piccione, Genova, città dei transatlantici
  • Giorgio Giorgerini, La guerra italiana sul mare. La Marina tra vittoria e sconfitta 1940-1943
  • Rolando Notarangelo, Gian Paolo Pagano, Navi mercantili perdute (USMM)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]