Villa Giusti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Giusti in una foto di inizio secolo

Villa Giusti è una villa presso Padova in località Mandria. Deve la sua fama ai negoziati che vi furono condotti nell'ottobre del 1918 tra le autorità militari italiane e i plenipotenziari austriaci e che nella serata del 3 novembre 1918 portarono alla firma presso la villa stessa dell'armistizio che pose fine alla prima guerra mondiale.

Completamente restaurata nel XIX secolo da un'originaria costruzione di proprietà dei Capodilista, nei giorni dell'Armistizio era di proprietà del conte Vettor Giusti del Giardino, di nobile famiglia veneta, già sindaco di Padova dal 1890 al 1897 e senatore del Regno d'Italia dal 1915. Prima dell'Armistizio, la villa era stata residenza di re Vittorio Emanuele III che, di ritorno dal fronte e per evitare bombardamenti aerei al centro della città di Padova dove aveva stabilito il suo Comando, vi aveva soggiornato dal novembre del 1917 sino al gennaio del 1918. La sala dove furono condotti i negoziati e firmato l'armistizio è tuttora intatta e il mobilio è ancora lo stesso di quella storica giornata.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]