Armistizio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armistizio di Cassibile tra italiani e anglo-americani (1943)

L'armistizio (sostantivo maschile, dal latino moderno armistitium, composto di arma, "armi", ed il tema di stare, "fermarsi") è un accordo fra stati belligeranti che sospende totalmente o parzialmente, a tempo determinato o indeterminato le ostilità.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È una convenzione militare ed è di competenza dei comandi militari. Esso non significa cessazione dello stato di guerra, perciò sussistono sempre i diritti e i doveri dei belligeranti e rimangono in vigore sia la legge penale militare di guerra, sia l'esercizio della giurisdizione militare di guerra.

L'aspetto chiave in un armistizio è il fatto che "tutti i combattimenti si concludono senza che nessuno si arrenda". Questo è in contrasto con una resa incondizionata, che è una resa senza condizioni, ad eccezione di quelle previste dal diritto internazionale.

Trattati famosi[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]