Repubblica Romana (1798-1799)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica Romana
Repubblica Romana – Bandiera
Motto: « Il popolo solo è sovrano »
Dati amministrativi
Lingue parlate italiano, francese
Capitale Roma
Dipendente da Flag of France.svg Repubblica francese
Politica
Forma di Stato Repubblica direttoriale
Forma di governo
Console di Roma Francesco Riganti
Carlo Luigi Costantini
Pio Bonelli
Antonio Bassi
Gioacchino Pessuti
Angelo Stampa
Domenico Maggi
Ennio Quirino Visconti
Nascita 15 febbraio 1798 con Francesco Riganti
Causa Deposizione di papa Pio VI
Fine 30 settembre 1799 con Ennio Quirino Visconti
Causa Occupazione napoletana
Territorio e popolazione
Bacino geografico Italia centrale
Territorio originale Lazio, Marche, Umbria
Economia
Valuta Scudo romano
Baiocco romano
Commerci con Flag of France.svg Repubblica francese
Flag of the Repubblica Cisalpina.svg Repubblica Cisalpina
Flag of Genoa.svg Repubblica Ligure
Flag of the Parthenopaean Republic.svg Repubblica Napoletana
Religione e società
Religione di Stato cattolicesimo
Repubblica Romana - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio
Succeduto da Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio

La Repubblica Romana fu una repubblica sorella della Repubblica francese del 1792. Comprendeva parte dei territori dello Stato Pontificio occupati dal generale Louis-Alexandre Berthier, che aveva invaso Roma strappandola al dominio temporale di Pio VI il 10 febbraio 1798. Fu proclamata il 15 febbraio 1798.

Dopo le annessioni del 7 marzo seguente (Repubblica Tiberina e Repubblica Anconitana), la Repubblica Romana arrivò a confinare con la Repubblica Cisalpina e il Granducato di Toscana a nord, con il mar Tirreno a ovest, con il Regno di Napoli a sud, con il mar Adriatico a est. Delle due exclave pontificie in territorio napoletano conservava soltanto il territorio di Pontecorvo, mentre rimase conteso il Principato di Benevento.

Con questo evento, la Rivoluzione Francese pose fine agli stati pontifici e al Sacro Romano Impero Germanico.

La Repubblica cadde già nel 1799 e pochi mesi dopo lo Stato Pontificio venne ripristinato.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fronte e retro di un assegnato da sette paoli Fronte e retro di un assegnato da sette paoli
Fronte e retro di un assegnato da sette paoli

La Repubblica Romana fu una delle repubbliche sorelle filofrancesi e giacobine proclamate in seguito alle conquiste francesi dopo la Rivoluzione. Il 10 febbraio 1798 le truppe di Napoleone, guidate dal generale Louis-Alexandre Berthier, invasero Roma dando inizio all'occupazione francese della città.

Il pretesto dell'invasione fu l'uccisione di un generale dell'ambasciata francese, Mathurin-Léonard Duphot, avvenuta il 28 dicembre 1797 in un tumulto popolare provocato da rivoluzionari italiani e francesi. Berthier marciò sulla città senza incontrare resistenza, dandosi poi al saccheggio dei tesori d'arte del Vaticano.

Il 15 febbraio fu dichiarato decaduto il potere temporale di Pio VI e fu proclamata a sua volta la Repubblica Romana, ispirata al modello francese. Pochi giorni dopo, il 20 febbraio, il papa fu tratto prigioniero e allontanato dalla città. Sarebbe morto in esilio l'anno seguente in Francia. Il 25 febbraio scoppiò una sommossa popolare che fu duramente repressa dai francesi.

Il 7 marzo alla Repubblica Romana furono annesse la Repubblica Tiberina e la Repubblica Anconitana. La Costituzione, sul modello di quella francese, fu promulgata il 20 marzo seguente. Prevedeva l'elezione di un Tribunato di 72 membri e di un Senato di 32: questi due organi esercitavano il potere legislativo e designavano cinque consoli ai quali era demandato il potere esecutivo. Di fatto, però, il potere era esercitato dagli occupanti francesi. Il nuovo regime fu accolto freddamente dalla popolazione romana, che, dopo aver subìto i saccheggi che avevano accompagnato la presa della città, dovette accollarsi anche le pesanti imposte richieste dagli occupanti.

Il 28 novembre la Repubblica Romana fu invasa dall'esercito napoletano, forte di 70.000 uomini e al comando del generale austriaco Karl von Mack, con l'appoggio della flotta britannica dell'ammiraglio Nelson. L'azione era diretta a ristabilire l'autorità papale. Dopo solo sei giorni Ferdinando IV entrò a Roma da conquistatore. Ma il 14 dicembre dello stesso anno un'immediata e risoluta controffensiva francese costrinse i napoletani alla ritirata, che ben presto si trasformò in una rotta. I francesi entrarono a Napoli il 23 gennaio 1799 e istituirono la Repubblica Napoletana.

Sul finire dell'anno, il 19 settembre, i francesi abbandonarono Roma, subito rioccupata il 30 settembre dai napoletani che posero così fine alla Repubblica Romana. Le truppe francesi sarebbero rientrate in città soltanto il 2 febbraio 1805, annettendo Roma all'Impero napoleonico il 17 maggio 1809. I territori caduti in mano francese sarebbero stati resi allo Stato Pontificio il 24 gennaio 1814.

Governanti[modifica | modifica sorgente]

Consoli temporanei (15 febbraio-20 marzo 1798)[1][2][modifica | modifica sorgente]

Consoli[modifica | modifica sorgente]

  • Liborio Angelucci, chirurgo e ostetrico
  • Giacomo De Matthaeis
  • Pietro Panazzi
  • Pietro Reppi
  • Ennio Quirino Visconti, archeologo

Tribuni[modifica | modifica sorgente]

Direttore della polizia[modifica | modifica sorgente]

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica sorgente]

La Repubblica Romana fu suddivisa in otto dipartimenti. La ripartizione variò nel tempo e giunse alla sistemazione definitiva il 26 fiorile anno VI).[4]

Dipartimento Capoluogo Distretti
Cimino Viterbo Civita Castellana, Orvieto, Viterbo
Circeo Anagni Anagni, Sezze, Veroli
Clitunno Spoleto Foligno, Rieti, Spoleto
Metauro Ancona Ancona, Sinigaglia, Urbino
Musone Macerata Macerata, Matelica, Osimo
Tevere Roma Roma, Tivoli, Velletri
Trasimeno Perugia Città della Pieve, Gubbio, Perugia
Tronto Fermo Ascoli, Camerino, Fermo

La repubblica romana nel teatro[modifica | modifica sorgente]

La Roma dei mesi successivi alla caduta della Repubblica romana è l'ambientazione in cui si svolge l'opera melodrammatica in tre atti Tosca di Giacomo Puccini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Richard Duppa, A brief account of the subversion of the papal government, 1798, John Murray, 1807, p. 190.
  2. ^ Memorie di religione, di morale e di letteratura, 1834, p. 346.
  3. ^ a b Riganti e Costantini parteciparono di rado alle riunioni.
  4. ^ Collezione di carte pubbliche, proclami, editti, ragionamenti ed altre produzioni tendenti a consolidare la rigenerata Repubblica Romana, Roma, 1798.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]