Confederazione del Reno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Confederazione del Reno
Confederazione del Reno - Stemma
Dati amministrativi
Nome completo Confederazione del Reno
Nome ufficiale Confédération du Rhin
Lingue ufficiali francese e tedesco
Lingue parlate tedesco, francese
Capitale Monaco di Baviera
Dipendente da Flag of France.svg Impero francese
Politica
Forma di governo Federazione di 35 Stati posti sotto protettorato francese
Presidente della Confederazione Napoleone Bonaparte
Nascita 1806 con Napoleone Bonaparte
Causa Scioglimento del Sacro Romano Impero da parte di Napoleone
Fine 1814 con Napoleone Bonaparte
Causa caduta di Napoleone
Territorio e popolazione
Bacino geografico Germania
Popolazione 15.000.000 nel 1814
Economia
Commerci con Impero francese, Regno d'Olanda, Ducato di Varsavia
Religione e società
Religioni preminenti luteranesimo
Religioni minoritarie calvinismo, cattolicesimo
Classi sociali nobiltà fondiaria, contadini, borghesia manifatturiera
Confederazione del Reno - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Banner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg Sacro Romano Impero
Succeduto da Flag of Germany (3-2 aspect ratio).svg Confederazione germanica

La Confederazione del Reno esistette dal 1806 al 1813 e venne formata da 16 stati tedeschi, messi insieme da Napoleone dopo le sconfitte inflitte a Francesco II d'Asburgo-Lorena e ad Alessandro I di Russia nella battaglia dei tre imperatori, la battaglia di Austerlitz.

I membri della Confederazione erano dei principi tedeschi (Fürsten) del Sacro Romano Impero. Il numero degli stati arriverà a 35, comprendenti una popolazione di 15 milioni di persone. Essi fornirono un vantaggio strategico significativo alla Francia sulle sue frontiere orientali.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Il 12 luglio 1806, alla firma del trattato della Confederazione del Reno, 16 stati lasciarono il Sacro Romano Impero tedesco e costituirono la confederazione chiamata "Stati nazionali del Reno", dei quali Napoleone sarebbe stato il "protettore". Il 6 agosto, obbedendo ad un ultimatum di Napoleone, Francesco II rinunciò al suo titolo d'imperatore e dissolse il Sacro Romano Impero Germanico. Dall'anno successivo, 23 altri stati tedeschi si unirono alla Confederazione. Soltanto l'Austria, l'Holstein e la Pomerania ne rimasero fuori. Karl Theodor von Dalberg, il Granduca di Francoforte sul Meno, alleato di Napoleone, divenne presidente e principe primate della Confederazione; nel 1813 fu sostituito, per meno di un anno da Eugenio di Beauharnais, figliastro di Napoleone.

La Confederazione fu soprattutto un'alleanza militare. Gli stati membri si erano obbligati a fornire alla Francia un gran numero di militari. In cambio gli stati ottenevano statuti più elevati: Baden, Assia, Kleve e Berg vennero trasformati in granducati. Il Württemberg e la Baviera divennero dei regni. Per la loro cooperazione, alcuni stati incorporarono piccoli domini imperiali.

Secondo il trattato stipulato, la Confederazione avrebbe dovuto essere governata da un presidente comune, ma i differenti stati, in particolare i più grandi, preferirono salvaguardare la loro sovranità.

Molti stati piccoli e medi entrarono nella Confederazione nel 1808, nel momento di massima importanza della Confederazione. In quel momento essa era costituita da 4 regni, 5 granducati, 13 ducati e 17 principati, oltre alle città della Lega anseatica (Amburgo, Lubecca e Brema). Nel 1810, grandi regioni del nord-ovest della Germania vennero velocemente incorporate al Primo Impero Francese, allo scopo di migliorare il Blocco Continentale contro l'Inghilterra.

Nel 1813, con l'insuccesso della Campagna di Russia, alcuni Stati membri cambiarono campo e la Confederazione del Reno crollò. Il 30 maggio 1814, il Secondo Trattato di Parigi dichiarò gli Stati tedeschi indipendenti. Nel 1815, il Congresso di Vienna ridisegnò la carta politica del continente. In effetti, solo alcuni cambiamenti minori vennero apportati alle frontiere della Germania: la Confederazione tedesca risultante dagli accordi di Vienna corrispondeva pressappoco agli Stati già appartenuti alla Confederazione del Reno.

Stati membri[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]