Horatio Nelson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Horatio Nelson, I visconte Nelson
Nelson ritratto da Lemuel Abbott
Nelson ritratto da Lemuel Abbott
29 settembre 1758 - 21 ottobre 1805
Nato a Burnham Thorpe, Norfolk
Morto a Capo Trafalgar
Cause della morte Colpito da un cecchino francese
Luogo di sepoltura Cattedrale di St. Paul
Dati militari
Paese servito Regno Unito Regno Unito
Forza armata Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Anni di servizio 1771-1805
Grado Vice Admiral of the White
Ferite Perdita della vista dall'occhio destro (1794)
Perdita del braccio destro (1797)
Guerre Guerra di indipendenza americana
Guerre rivoluzionarie francesi
Guerre napoleoniche
Battaglie Battaglia di Copenaghen
Battaglia di Capo San Vincenzo
Battaglia del Nilo
Incursioni di Boulogne
Battaglia di Trafalgar
Decorazioni Cavaliere dell'Ordine del Bagno

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Lord Horatio Nelson, primo visconte Nelson e primo duca di Bronte (Burnham Thorpe, 29 settembre 1758Capo Trafalgar, 21 ottobre 1805), è stato un ammiraglio britannico.

Per le sue vittorie nelle tre grandi battaglie navali in cui era comandante in capo è ancora oggi uno dei più amati e celebrati eroi nazionali d'Inghilterra, ma non mancano nella sua vita episodi controversi, come la parte avuta negli orrori[1] seguiti alla fine della Repubblica partenopea nel 1799.

Il suo ruolo di Eroe Nazionale dell'Impero britannico, vittorioso in importanti battaglie, ha attirato su di lui l'attenzione di numerosi biografi, la maggior parte dei quali si è limitata a riproporre la consolidata biografia ufficiale, edita pochi anni dopo la morte con la collaborazione interessata del fratello di Nelson e di numerosi esponenti governativi. Recentemente alcune opere (specialmente il libro di Terry Coleman) hanno dedicato maggior attenzione a documenti ancora disponibili dai quali è possibile risalire ad un Nelson meno "agiografico".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Horatio Nelson entrò in marina all'età di dodici anni grazie a un suo zio, il Capitano Maurice Suckling. Il suo primo viaggio in mare lo portò a visitare le Indie Occidentali, ed al rientro prese ad esercitarsi, affascinato dal mare, a pilotare piccoli velieri nell'estuario del Tamigi.

Lady Nelson
Miniatura di Daniel Orme, 1798, acquerello su carta.

Fu promosso tenente di vascello nell'aprile del 1777, dopo aver preso parte ad una spedizione nell'Artico agli ordini del comandante Phipps e dopo aver fatto esperienza nel mare delle Indie.

Avendo portato a termine diverse operazioni ancora nelle Indie Occidentali, all'età di vent'anni fu promosso capitano di vascello nel 1778. Nel 1780 partecipò ad una spedizione in Nicaragua dalla quale dovette anticipatamente rientrare a causa di gravi problemi di salute.

Ripresosi dalla malattia, nel 1781 fu pronto per una nuova spedizione in Canada, a bordo della fregata Albemarle, comandata dall'Ammiraglio Hood.

Nel 1783 rientrò in patria dopo la guerra contro le colonie americane che si risolse con la dichiarazione d'indipendenza delle stesse; l'anno seguente operò ancora una volta nelle Indie Occidentali dove conobbe e sposò nel 1787 Frances Nisbet.

Il primo comando[modifica | modifica sorgente]

Lady Hamilton
Ritratto di George Romney, 1782-84, olio su tela.

Nel 1793 a Nelson fu affidato il comando del vascello HMS Agamemnon durante la guerra contro la Francia rivoluzionaria. Di nuovo agli ordini dell'Ammiraglio Hood, fu inviato nel Mediterraneo dove partecipò all'assedio di Tolone. L'esito positivo di tale operazione contribuì ad accrescere la già elevata popolarità di cui Horatio Nelson godeva in patria. Nel corso di una missione a Napoli, nel settembre del 1793, conobbe Emma Lyon, moglie dell'ambasciatore britannico presso la corte borbonica Sir William Hamilton, con la quale strinse successivamente una intensa relazione sentimentale.

Fu poi impegnato nelle operazioni militari che puntavano alla conquista della Corsica: nel luglio del 1794 durante un attacco a Calvi, perse l'occhio destro. Nel 1795 al comando dell'HMS Agamemnon si distinse nella battaglia di Genova, attaccando coraggiosamente la nave francese di classe superiore Ça Ira, catturandola assieme alla Censeur e impedendo uno sbarco di truppe francesi in Corsica. Nel 1796 fu nominato commodoro e poi gli fu affidato il comando della Captain, un vascello di linea di terza classe (74 cannoni).

L'anno seguente si distinse nel corso della battaglia di Capo San Vincenzo (14 febbraio 1797), durante la quale una manovra, divenuta poi famosa, che contravveniva apertamente alle Istruzioni per il Combattimento della marina Inglese permise all'ammiraglio John Jervis (nominato poi conte di St. Vincent) di portare in patria due grandi navi catturate, a prova della sua vittoria sulla flotta spagnola.

L'esperienza, la fama, le vicende[modifica | modifica sorgente]

Promosso contrammiraglio della "squadra blu” e creato Cavaliere dell'Ordine del Bagno, nel luglio del 1797 partecipò al temerario ma inutile attacco sferrato contro la città di Santa Cruz de Tenerife, nelle Isole Canarie, durante il quale fu gravemente ferito al braccio destro che, divenuto incurabile, gli venne amputato.

La colonna dedicata ad Horatio Nelson a Trafalgar Square

Nell'aprile del 1798 riprese servizio dopo un lungo periodo di convalescenza. Gli fu assegnata nel Mediterraneo una divisione incaricata di sorvegliare i movimenti della flotta francese con base a Tolone. Essendosi lasciato sfuggire la flotta comandata dall'Ammiraglio Brueys, diretta in Egitto con la spedizione di Napoleone Bonaparte, iniziò una lunga caccia che lo portò ad inseguire l'armata navale nemica per quasi due mesi dopo i quali, il 1º agosto 1798, sorprese il nemico ancorato nella baia di Abukir e lo annientò (battaglia del Nilo), bloccando in tal modo le truppe di Napoleone sul suolo egiziano.

Successivamente fu inviato a Napoli con una flotta congiunta britannico portoghese, divisa in due flotte comandate dallo stesso Nelson e dall'ammiraglio portoghese Domingos Xavier de Lima noto come il Marchese di Nisa, per colpire gli insorti giacobini e mettere in salvo la corte borbonica, ma al suo arrivo sul teatro di guerra la Repubblica Napoletana, sconfitta su tutti i fronti dal cardinale Fabrizio Ruffo e abbandonata dalle truppe francesi, aveva già capitolato. Tuttavia Nelson non volle rispettare i patti della resa che gli vennero trasmessi dal cardinale Ruffo, consegnando così i capi giacobini ed i fautori della rivolta alla vendetta di Ferdinando IV, tra cui l'ammiraglio Francesco Caracciolo, ritenuto colpevole di alto tradimento e condannato all'impiccagione[2]. Durante la parentesi napoletana Nelson strinse un legame più intenso con Lady Hamilton.

Nominato da Re Ferdinando Duca di Bronte, tornò in Inghilterra con Emma Hamilton agli inizi del 1800 dopo alcune divergenze con l'ammiragliato; poco tempo dopo si separò dalla moglie Frances Nisbet per vivere con l'amante, dalla quale lo stesso anno ebbe una figlia, Horatia. Proprio Lady Hamilton venne nominata come unica depositaria del testamento dell'ammiraglio.[3]

Le turbolente vicende legate alla sua vita privata non ridussero la stima che l'Ammiragliato e gli alti vertici della marina militare britannica riponevano nei confronti di Nelson: nel 1801 difatti fu promosso dall'Ammiragliato viceammiraglio e comandante in seconda della flotta con la quale il comandante Hyde Parker doveva reprimere le forze della Lega dei neutri.

L'operazione comandata da Parker e Nelson aveva il compito di sconfiggere le flotte di Danimarca e Svezia; entrambi i paesi infatti appoggiavano economicamente la Francia napoleonica e per questo dovevano essere rapidamente fermate. Il 2 aprile del 1801 Nelson e Parker riportarono una brillante vittoria con la Battaglia di Copenaghen che cancellò in modo definitivo la minaccia navale scandinava.

Nelson prima della battaglia di Trafalgar in un dipinto del 1854 di George Lucy Good.

L'ultima battaglia[modifica | modifica sorgente]

Lord Nelson ferito a morte e sorretto dal cappellano Alexander Scott insieme con i medici Neil Smith e William Beatty durante la battaglia di Trafalgar

Dopo un periodo di congedo a seguito della Pace di Amiens, Nelson fu nominato comandante in capo della flotta operante nel Mar Mediterraneo, la prestigiosa Mediterranean Fleet. Con queste forze riuscì a bloccare a Tolone la flotta francese che si preparava all'invasione dell'Inghilterra; Nelson assediò la città per due anni, attendendo le mosse della marina avversaria dall'isola de La Maddalena fino al marzo 1805, quando l'ammiraglio Pierre Charles Silvestre de Villeneuve riuscì ad eludere la sorveglianza ed a dirigersi verso le Indie Occidentali. La manovra avrebbe dovuto far credere ad un attacco francese ai possedimenti inglesi nell'America Centrale mentre Napoleone sarebbe potuto sbarcare in Inghilterra ed in effetti essa riuscì. Ma l'ammiraglio Villeneuve, sfuggito all'inseguimento inglese, anziché dirigersi nel canale della Manica per "coprire" lo sbarco francese in territorio inglese, si lasciò impressionare da uno scontro di poco conto al largo di El Ferrol e riparò a Cadice.

Il 21 ottobre l'ammiraglio Villeneuve, ricongiuntosi con le forze navali spagnole del Gravina, si portò al largo di Capo Trafalgar dove la flotta britannica era pronta alla battaglia: benché le forze navali inglesi fossero numericamente inferiori a quelle franco-spagnole (trentatré navi franco-spagnole contro le ventisette inglesi), Nelson inflisse una decisiva sconfitta alla flotta nemica (battaglia di Trafalgar). Questo evento bellico permise all'Inghilterra di rafforzare la propria supremazia navale su quella francese che da quel momento non ebbe più alcun peso nello scacchiere operativo navale.

Il famoso dipinto di William Turner, in cui l'artista rappresenta il Victory, dove sulla sommità dell'albero maestro era issato il famoso messaggio: England expects that every man will do his duty

Il giorno in cui si svolse la battaglia navale di Trafalgar, Horatio Nelson fece innalzare sull'albero maestro della sua nave ammiraglia, la Victory, il segnale d'incitamento rivolto a tutta la sua flotta: England expects that every man will do his duty ("L'Inghilterra si aspetta che ogni uomo compia il proprio dovere").

Tuttavia Nelson non poté godere degli allori della vittoria poiché fu colpito a morte da un tiratore francese che sparò dall'albero maestro della nave Redoutable. Il cadavere dell'ammiraglio, come confermano i documenti degli archivi britannici, venne conservato in una botte di rum (in quanto a base di alcol) fino al rientro in Inghilterra, dove ricevette i funerali di Stato.

Il suo corpo venne solennemente tumulato nella Cattedrale di San Paolo a Londra, all'interno di una bara ricavata da un pezzo di legno, ripescato in mare, dell'albero maestro de L'Orient. Quest'ultima era ammiraglia francese nella battaglia del Nilo. Prese fuoco e affondò in seguito all'esplosione dei due depositi di polveri situati uno a poppa e l'altro a prua. Alla vigilia della partenza per la campagna d'oriente, Napoleone aveva appropriatamente fatto cambiare il nome della nave da Sans Culotte a L'Orient[4], risvegliando la superstizione dei marinai, per i quali cambiare nome ad una nave porta disgrazia. C'è da aggiungere che si trattava del secondo cambio di nome, essendo la nave stata varata col nome di Le Dauphin Royal.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere commendatore dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere commendatore dell'Ordine del Bagno
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di San Ferdinando e al merito - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di San Ferdinando e al merito
Cavaliere gran commendatore dell'Ordine equestre germanico di San Gioacchino - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere gran commendatore dell'Ordine equestre germanico di San Gioacchino
Cavaliere dell'Ordine del Crescente - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Crescente
— 1799
Chelengk - nastrino per uniforme ordinaria Chelengk
— 1799

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Film[modifica | modifica sorgente]

Manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Bevande[modifica | modifica sorgente]

  • Quando il corpo dell'ammiraglio Nelson venne posto nella botte di rum per poter essere conservato e trasportato in Inghilterra, all'arrivo in madre patria, si scoprì che nel contenitore non vi era più traccia d'alcol. I marinai avevano praticato un foro sul fondo della botte e bevuto tutto il rum ignari o incuranti del fatto che all'interno giaceva il corpo dell'Ammiraglio. Ancora oggi, memori di questo episodio, viene prodotto il Nelson's Blood, rum dall'inconfondibile colore rosso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ernle Bradford, Horatio Nelson - l'uomo e l'eroe Milano, Mursia, 1981 pag. 244, ma passim pagg. 239-248
  2. ^ AA.VV., Storia d'Italia, vol. 6, pp. 100-101.
  3. ^ Jane Austen, Shakespeare, Francis Bacon, sir Francis Drake: testamenti online. URL consultato l'11 marzo 2014.
  4. ^ Jean-Michel Riou. Il segreto di Champollion

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Terry Coleman, The Nelson Touch: The Life and Legend of Horatio Nelson, Londra, Bloomsbury, 2002.
  • Ernle Bradford, Horatio Nelson. L'uomo e l'eroe, Milano, Mursia, 1981.
  • Francesco Giordano, Horatio Nelson e la Sicilia - with English translation include, Catania, La Fenice, 2002.
  • Alberto Cavanna, Furio Ciciliot, Nelson e noi, Milano, Mursia, 2006

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Barone Nelson del Nilo e di Burnham Thorpe Successore Union flag 1606 (Kings Colors).svg
Titolo inesistente 1798 - 1805 Titolo estinto
Predecessore Barone Nelson del Nilo e di Hillborough Successore Flag of the United Kingdom.svg
Titolo inesistente 1801 - 1805 William Nelson
Predecessore Visconte Nelson Successore Flag of the United Kingdom.svg
Titolo inesistente 1801 - 1805 Titolo estinto
Predecessore Duca di Bronté Successore Flag of the Kingdom of the Two Sicilies (1816).svg
Titolo inesistente 1799 - 1805 William Nelson

Controllo di autorità VIAF: 76324981 LCCN: n80066193