Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il Regno Unito di oggi, vedi Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord.
Regno Unito
Regno Unito – Bandiera Regno Unito - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Motto: Dieu et mon droit (FR)
(Dio e il mio diritto)
Regno Unito - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda
Nome ufficiale United Kingdom of Great Britain and Ireland
Lingue parlate Inglese
Capitale Londra
Politica
Forma di governo Monarchia parlamentare costituzionale
Sovrani Giorgio III
Giorgio IV
Guglielmo IV
Vittoria
Edoardo VII
Giorgio V
Organi deliberativi House of Lords
House of Commons
Nascita 1801 con Giorgio III
Causa Atto di Unione
Fine 1922 con Giorgio V
Causa Trattato anglo-irlandese
Territorio e popolazione
Bacino geografico Europa settentrionale
Massima estensione 315.093 km² nel 19181922
Popolazione 16.345.646 nel 1801
42.769.196 nel 1921
Economia
Valuta Sterlina
Risorse carbone,minerali
Religione e società
Religioni preminenti Anglicanesimo, Cattolicesimo
Religione di Stato Anglicanesimo
Classi sociali Nobiltà,Borghesia,Terzo Stato
Evoluzione storica
Preceduto da Union flag 1606 (Kings Colors).svg Regno di Gran Bretagna
St Patrick's saltire.svg Regno d'Irlanda
Succeduto da Regno Unito Regno Unito
Irlanda Stato Libero d'Irlanda

Il Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda (ing.: United Kingdom of Great Britain and Ireland) fu uno Stato sovrano esistito dal 1801, anno in cui fu applicato l'Atto d'Unione ratificato nel 1800 che annetteva il Regno d'Irlanda al Regno di Gran Bretagna, al 1922, anno in cui cessò la Guerra d'indipendenza irlandese. Fu firmato il Trattato Anglo-Irlandese che costituiva lo Stato Libero d'Irlanda, lasciando solo la porzione nord-orientale dell'isola, l'attuale Irlanda del Nord, alla Corona britannica, rendendo i resti del vecchio regno l'attuale Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, sebbene questo nome fu adottato ufficialmente solo nel 1927.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Scozia e l'Inghilterra esistevano come entità separate già a partire dal X secolo. Il Galles passò sotto il controllo dell'Inghilterra dal 1284, ed entrò a far parte del regno d'Inghilterra tramite l'atto di Unione del 1536. L'Inghilterra e la Scozia, sebbene separate, avevano già sperimentato l'Unione delle Corone dal 1603, quando Giacomo VI, Re di Scozia, aveva ereditato il trono del Regno d'Inghilterra e aveva trasferito la sua corte da Edimburgo a Londra. Era l'inizio della dinastia Stuart, che terminò nel 1714 con la morte della regina Anna. Proprio durante il regno della regina Anna, il 1º maggio 1707 venne creato il Regno di Gran Bretagna, dall'unione politica del Regno d'Inghilterra (che comprendeva il Galles) e il Regno di Scozia. Questo evento fu il risultato dell'Atto di Unione che era stato concordato il 22 luglio 1706 e successivamente ratificato dal Parlamento d'Inghilterra e dal Parlamento di Scozia. Quasi un secolo più tardi, con l'Atto di Unione del 1800, il Regno d'Irlanda (sotto controllo inglese fin dal 1171 e proclamato regno da re Enrico VIII nel 1541) si unì con il Regno di Gran Bretagna a formare il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda.

Nel suo primo secolo di vita, il Regno Unito svolse un ruolo importante nello sviluppo del sistema parlamentare e nel campo della letteratura, delle arti e delle scienze. La rivoluzione industriale portò alla trasformazione del paese e alimentò il crescente impero britannico. Durante questo periodo, come le altre grandi potenze, il Regno Unito venne coinvolto nello sfruttamento coloniale, compreso il commercio degli schiavi attraverso l'Atlantico, anche se con lo Slave Trade Act del 1807 fu il primo paese a vietarne la pratica. Dopo la sconfitta di Napoleone nelle guerre napoleoniche, concluse nel 1815 il Regno Unito emerse come principale potenza navale del XIX secolo e rimase una potenza di prim'ordine per tutta la prima metà del XX secolo. Tensioni in Irlanda portarono alla separazione di tutta l'isola nel 1920, seguita dall'indipendenza nel 1922 di ventisei contee irlandesi, comprese tre contee dell'Ulster (Cavan, Monaghan e Donegal) formando lo Stato Libero d'Irlanda. Le rimanenti sei contee dell'Ulster rimasero parte del Regno Unito e formarono l'odierna Irlanda del Nord. Come risultato, nel 1927 il nome ufficiale dello Stato venne cambiato da "Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda" a "Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord", nome dello Stato attualmente esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]