Simon Langton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Simon Langton (Amersham, 5 novembre 1941) è un regista e produttore televisivo britannico.

Dopo aver diretto numerose serie televisive negli anni settanta, nel 1982 riceve le nomination al Premio Emmy e al Premio BAFTA per la regia della trasposizione televisiva del romanzo Tutti gli uomini di Smiley di John le Carré. Vincerà il BAFTA solo nel 1989 per la serie Mother Love interpretata da Diana Rigg. Nel 1996 ha ricevuto un'altra nomination per Orgoglio e pregiudizio, serie televisiva in 6 puntate sceneggiata da Andrew Davies e con protagonisti Colin Firth e Jennifer Ehle.

Attualmente dirige diversi episodi di serie televisive, tra cui Giardini e misteri e L'ispettore Barnaby.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

È figlio dell'attore David Langton, noto per aver interpretato Richard Bellamy nella serie televisiva Su e giù per le scale. Simon ha diretto il padre nel film Investigazione letale con Michael Caine del 1986 e in The Good Guys del 1992.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

  • Investigazione letale (1986)

Televisione[modifica | modifica sorgente]

  • L'ispettore Barnaby (2011)
  • Foyle's War (2008)
  • Diamond Geezer (2007)
  • Giardini e misteri (2004-2006)
  • Poirot e la salma (2004)
  • Murder Rooms: The Dark Beginnings of Sherlock Holmes (2001)
  • The Scarlet Pimpernel (2000)
  • Nancherrow (1999)
  • Orgoglio e pregiudizio (1995)
  • The Cinder Path (1994)
  • Headhunters (1994)
  • The Good Guys (1992)
  • Jeeves and Wooster (1991)
  • Mother Love (1989)
  • Laguna Heat (1987)
  • Casanova (1987)
  • Anna Karenina (1985, con Jacqueline Bisset e Christopher Reeve) - anche produttore
  • The Lost Honor of Kathryn Beck (1984)
  • Afterward (1983)
  • Tutti gli uomini di Smiley (1982)
  • I Remember Nelson (1982)
  • ITV Playhouse (1979-1980)
  • Teresa Raquin (1980, con Alan Rickman)
  • Il brivido dell'imprevisto (1979)
  • Danger UXB (1979)
  • Rebecca (1979)
  • Do You Remember? (1979)
  • Love for Lydia (1977)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 81900013