Ducato di Parma e Piacenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Ducato di Parma" rimanda qui. Se stai cercando i ducati longobardi, vedi Ducato di Parma (Longobardi) e Ducato di Piacenza.
Ducato di Parma e Piacenza
Ducato di Parma e Piacenza – Bandiera Ducato di Parma e Piacenza - Stemma
(dettagli)
Motto: Dirige me Domine!
(trad: Guidami o Signore!)
Ducato di Parma e Piacenza - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Ducato di Parma e Piacenza
Nome ufficiale Ducatus Parmae et Placentiae
Lingue parlate latino, emiliano, italiano
Capitale Parma
Altre capitali Piacenza
Dipendente da Sacro Romano Impero
Politica
Forma di governo monarchia assoluta
(ducato)
Capo di Stato duca
Nascita 1545 con Pier Luigi Farnese
Causa Creazione e concessione del titolo di duca a Pier Luigi Farnese da parte di papa Paolo III
Fine 15 settembre 1859 con Luisa Maria di Borbone (reggente) e Roberto I
Causa Incorporazione del ducato alle province Unite del Centro Italia e successiva annessione al Regno di Sardegna (1860)
Territorio e popolazione
Bacino geografico Emilia occidentale
Territorio originale Parma e Piacenza
Economia
Valuta lira parmense, soldo, scudo, sesino, ducato, zecchino
Commerci con Stati italiani
Religione e società
Religioni preminenti cattolicesimo
Religione di Stato cattolicesimo
Religioni minoritarie ebraismo
Classi sociali aristocrazia, clero, borghesia, popolo
Ducato di Parma e Piacenza - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of the Duchy of Milan (1450).svg Ducato di Milano
Succeduto da Flag of Italy.svg Province Unite del Centro Italia

Il Ducato di Parma e Piacenza fu uno Stato italiano esistito dal 1545 al 1859, con una pausa dal 1809 al 1814, dapprima sotto la dinastia dei Farnese e, dal 1731 sotto quella dei Borbone-Parma. Nel 1859 i territori ducali furono incorporati alle Province Unite del Centro Italia e successivamente annessi al Regno di Sardegna tramite il referendum del 5 marzo 1860.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Unificati sotto i Farnese i due ducati di Parma e di Piacenza il territorio del ducato era composto da varie entità amministrative autonome che, secondo le caratteristiche del regime tardo feudale, mantenevano proprie magistrature ed organi in unione personale con il duca sovrano. Verso la metà del XVIII secolo lo stato era costituito da:

Nel 1832 il ducato di Parma e Piacenza era formato da cinque territori amministrativi:

Il Ducato sotto il governo dei Farnese[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Farnese (famiglia).
Mappa cinquecentesca della città di Parma, agli inizi del ducato

L'inizio travagliato[modifica | modifica sorgente]

Fino al 1513 il territorio del Ducato di Parma fu parte del ducato di Milano sotto gli Sforza (fino al 1499), quindi sotto la Francia (dal 1499 al 1512). Nel 1512 Massimiliano Sforza riottenne il governo di Milano, ma lo Stato Pontificio annetté i territori a sud del Po.

Nel 1545 il papa Paolo III creò il Ducato di Parma e Piacenza per destinarlo a suo figlio Pier Luigi. A quella data Parma era considerata una città di medie dimensioni con 19.592 abitanti censiti; nel contado invece si contavano 97.123 anime e le 25.502 dello Stato Pallavicino.[6]

Pier Luigi Farnese, preso possesso del suo dominio il 23 settembre del 1545, rimase a Parma un solo mese per poi trasferirsi a Piacenza scegliendola quale capitale e sede della corte. Considerando il merito della formazione del ducato tutto suo, non mostrò alcuna riconoscenza verso il papa e avrebbe anzi trasformato la dipendenza feudale che legava il suo stato alla Santa Sede in vassallaggio imperiale se lo stesso Carlo V non vi si fosse opposto.

I primi provvedimenti a cui pose mano riguardarono l'apertura di numerose scuole (in cui si insegnavano la medicina, il diritto e la letteratura latina e greca), la costruzione di nuove vie di comunicazione per favorire il commercio, la riforma del sistema amministrativo prendendo spunto dal modello milanese e la riforma del sistema giudiziario con princìpi più garantisti (i giudici dovevano motivare gli arresti). Diede forte slancio all'agricoltura abolendo la tassa sul bestiame, riparando strade rurali, ricostruendo o restaurando ponti e migliorando il regime delle acque. Per l'industria e il commercio migliorò le comunicazioni all'interno del ducato e sviluppò il servizio postale. Per riassestare il bilancio assoggettò tutti gli abitanti al pagamento delle tasse e soppresse le esenzioni ingiustificate. A tale scopo ordinò ai preti di censire tutti i parrocchiani dai 10 ai 70 anni d'età: ogni parrocchia elesse tre rappresentanti, uno ricco, uno di modesta fortuna e uno povero, cui fu affidato il compito di censire i beni mobili, immobili e il bestiame di ogni parrocchiano. In questo modo il duca ebbe conoscenza delle ricchezze di ogni abitante e fu così in grado di ripartire equamente le cariche pubbliche e le tasse.

Pier Luigi Farnese, primo duca di Parma e Piacenza, in un ritratto di Tiziano (Museo di Capodimonte - Napoli)

Per garantire la sicurezza dello Stato, Pier Luigi Farnese creò delle legioni composte da cinque compagnie di 200 fanti ciascuna e una guardia personale. Sapeva bene, infatti, che i nobili lo odiavano, ma anche la borghesia e il popolo non lo avevano molto in simpatia; perciò, per avere un controllo più saldo della situazione, decise che chiunque possedeva una rendita superiore a 200 scudi avrebbe dovuto risiedere in città, pena la perdita dei beni. Tutte queste precauzioni non erano inutili perché Carlo V, che nel frattempo aveva assunto posizioni ostili al papa, non aveva gradito la cessione del ducato al Farnese.

A causa di questa rottura, inoltre, erano ricominciate a formarsi le fazioni guelfa con il papa, la Francia, Venezia, Parma e Ferrara e quella ghibellina con l'imperatore, la Spagna, Genova, i Medici e i Gonzaga. Fu proprio Ferrante I Gonzaga, conosciuto come Don Ferrante, governatore di Milano, che, avendo appreso che l'imperatore voleva appropriarsi del ducato di Parma e Piacenza alla morte del papa, decise di colpire i Farnese verso cui covava un odio mortale.

Gonzaga iniziò a far spiare Pier Luigi ed a mandare rapporti continui a Madrid ed a Carlo V mentre Pier Luigi, da parte sua, consapevole che, alla morte del padre la bufera si sarebbe abbattuta su di lui, non rimase con le mani in mano: il 4 giugno 1547 fece sposare la figlia Vittoria con il duca di Urbino, Guidobaldo II della Rovere; alla fine dello stesso mese stipulò il contratto di fidanzamento tra il figlio Orazio e la figlia del re di Francia, Enrico II, Diana; e continuò alacremente i lavori di fortificazione del suo ducato. Carlo V, preoccupato per il procedere dei lavori a Parma, si convinse a lasciare mano libera a Don Ferrante per organizzare una congiura contro il duca e Don Ferrante sperava anche di poter contare sull'appoggio della ricca famiglia dei nobili Cantadori, molto potente in città, ma non ricevette l'aiuto sperato. Già il marchese Pallavicini di Cortemaggiore, fuoriuscito a Crema, aveva offerto il suo braccio e quello dei suoi amici al Gonzaga, ma questi rifiutò perché costui era sotto la stretta sorveglianza delle spie dei Farnese. Preferì invece affidarsi al suo lontano parente Luigi Gonzaga, signore di Castiglione, e al di lui cognato conte Giovanni Anguissola, governatore di Como, che si impegnò a trovare altri congiurati tra la nobiltà parmense. L'Anguissola riuscì a convincere il conte Agostino Landi, il marchese Giovan Luigi Confalonieri e i marchesi Girolamo e Alessandro Pallavicini.

« "Nel fatal giorno 10 settembre 1547, trovandosi Pierluigi nella vecchia cittadella di Piacenza, furono presi i posti, trattenute le poche guardie tedesche, ed alcune uccise dai congiurati. Il conte Anguissola entrò risoluto nella stanza ov'era il duca, a cui tante pugnalate si calarono sinché diè segno di vita. Aperta la finestra che più riguarda verso la piazza egli, l'Anguissola, ed il Landi mostrarono il cadavere al popolo gridando libertà e Impero, e quindi lo piombarono giù nella fossa. Questa tragedia compiuta, furono introdotti in città i soldati imperiali che stavano in aspetto nelle vicinanze, e il giorno di poi D. Ferrante Gonzaga venne a prenderne possesso per Cesare" »

[7].

Statua equestre di Alessandro Farnese a Piacenza

L'occupazione spagnola e la restaurazione dei Farnese[modifica | modifica sorgente]

Dopo la morte del figlio, il papa riunì il concistoro ed accusò Don Ferrante della sua morte, ridicolizzando le motivazioni che adduceva per l'occupazione di Piacenza.

Dopo la morte del duca infatti, Piacenza fu occupata dalle truppe dell'Imperatore Carlo V sotto la guida del Gonzaga che iniziò a marciare su Parma con il pretesto che anche questa città doveva sottomettersi al Ducato di Milano, arrivando ad impossessarsi di tutti i territori ad ovest del fiume Taro dopo una guerra durata cinque anni. Nel frattempo il figlio di Pier Luigi, Ottavio veniva acclamato Duca dagli anziani e dal popolo[8].

In questa situazione di stallo, Ottavio dovette far fronte dapprima al rifiuto di Carlo V di rendere i territori occupati ed in seguito ai rimproveri del nonno papa Paolo III il quale, ormai convinto che il Ducato fosse prossimo alla fine, inviò truppe della Chiesa ad invadere Parma ingiungendo al nipote di tornare a Roma rinunciando al potere. Il bellicoso Ottavio reagì duramente e non accettò di piegarsi alla volontà del Gonzaga, dell'Imperatore e del Papa stesso, rifugiandosi nel castello di Torrechiara, a pochi chilometri dalla città occupata. Con la morte di Paolo III, un altro membro della famiglia Farnese favorevole al mantenimento del Ducato, l'influente cardinale Alessandro, riuscì nell'impresa di far eleggere papa Giulio III che per riconoscenza ordinò alle truppe di liberare Parma, riconoscendone nel 1550, la reggenza a Ottavio.

Il Ducato era salvo ma Piacenza e molti territori erano ancora sotto il dominio di Carlo V e di Don Ferrante Gonzaga che non volevano accettare il nuovo status quo a loro sfavore. Per riunire tutti i territori del Ducato, la famiglia Farnese cambiò strategia nel 1551, stringendo un'alleanza con il re di Francia Enrico II il quale si impegnava ad aiutare il duca Ottavio con truppe e finanze.

Fu l'inizio di un'altra guerra che durò fino alla primavera del 1552 causando prostrazione e carestie alle popolazioni ma che non produsse alcun risultato per le due parti belligeranti. Nemmeno l'elezione avvenuta nel 1555 di un nuovo papa, Paolo IV, favorevole alla riunificazione del ducato servì allo scopo. Con l'avvento del nuovo sovrano spagnolo, Filippo II, figlio di Carlo V, le cose iniziarono a cambiare ed i Farnese capirono che solamente un'alleanza con la Spagna poteva risolvere la questione territoriale.

Il cambio strategico di alleanze si concretizzò il 15 settembre 1556, Ottavio firmò la pace di Gand tornando in possesso di tutti i territori precedentemente perduti, il Ducato era di nuovo riunito e la capitale trasferita definitivamente a Parma, ma nelle clausole il Duca si impegnava a consegnare, quasi come ostaggio, il suo unico figlio Alessandro, alla corte di Spagna.

Il consolidamento del ducato[modifica | modifica sorgente]

Ottavio, si sforzò di rendere prospero il ducato, di accattivarsi la benevolenza del popolo applicando le sagge misure già prese dal padre e di blandire la nobiltà locale usando più moderazione di Pier Luigi, seppe consolidare il ducato promuovendone l'economia e gli scambi finanziari, commerciali e culturali, diede inizio all'espansione territoriale con l'annessione di alcuni feudi. Nel 1573 il numero degli abitanti della nuova capitale era notevolmente aumentato raggiungendo i 26mila. Alessandro, succedendo alla guida del ducato, fu costretto da Filippo II a nominare reggente il figlio diciassettenne Ranuccio (1569-1622), il Re di Spagna infatti non voleva privarsi dell'abile e valoroso generale.

Alessandro morì lontano da Parma, il 3 dicembre 1592 per la gangrena provocata da una palla di archibugio durante l'assedio a Can de Bec, un anno prima della scomparsa ordinò la costruzione della fortezza della Cittadella con lo scopo di affermare il potere della famiglia ma anche per fornire lavoro ad una manovalanza di 2.500 persone composta per lo più dalle fasce povere della popolazione cittadina. Ranuccio I, appassionato di arti e musica, rende la corte ducale la prima in Italia nelle arti musicali.

La città si arricchisce di monumenti unici quali, il Palazzo della Pilotta e il Teatro Farnese, viene varata una legislazione moderna, che resero Parma un centro d'eccellenza sia nello stile di vita, sia come modello architettonico, elevandola quale capitale culturale allo stesso livello di Londra e Parigi. Il suo governo si macchiò della pubblica esecuzione di oltre 100 cittadini parmensi accusati da aver cospirato contro di lui. Nel 1628, alla morte di Ranuccio I il ducato viene trasmesso al figlio legittimo appena sedicenne Odoardo il quale l'11 ottobre dello stesso anno sposa a Firenze la quindicenne Margherita de' Medici, figlia del granduca di Toscana Cosimo II de' Medici.

Furono anni difficili per il ducato, oltre alla terribile peste del 1630 che decimò la popolazione, il nuovo duca manteneva un esercito di 6.000 fanti e per finanziarlo costringeva i suoi sudditi a forti privazioni arrivando ad indebitarsi con banchieri e mercanti. Nonostante le forti spese sostenute, la sua prima campagna fu negativa: Piacenza fu occupata dalle truppe spagnole, le sue truppe furono sbaragliate in territorio parmense da Francesco I d'Este e il duca costretto a firmare un trattato di pace con la Spagna che, una volta sciolta l'alleanza con la Francia avrebbe sgomberato Piacenza.

La reggia di Colorno, costruita agli inizi del XVIII secolo dal duca Francesco Farnese sui resti della rocca di Colorno. Maria Luigia d'Austria ne fece una delle sue residenze preferite aggiungendo un ampio giardino all'inglese.

Alla sua morte, avvenuta a Piacenza l'11 settembre 1646 all'età di 34 anni, il ducato passò al figlio Ranuccio II e per due anni la reggenza fu assicurata dalla moglie Margherita de' Medici e dallo zio cardinale Francesco Maria Farnese, fino al compimento del diciottesimo anno. Nel 1691 il ducato di Parma fu invaso dalle truppe imperiali, e depredato, dai quattromila soldati giunti nel parmense con donne e bambini; non solo il loro mantenimento ricadde sui sudditi, ma stupri soprusi e violenze si succedettero senza tregua. Ranuccio II fece molte opere per migliorare la situazione dei suoi sudditi, ma il contrasto tra la spensierata vita di corte e le casse dell'erario era veramente notevole e per mantenere tutti i personaggi che ruotavano alla corte di Parma, il duca fu costretto a tassare ogni cosa, evitando, però, di toccare le rendite ecclesiastiche. Durante il suo regno Ranuccio II acquistò dipinti e volumi preziosi, trasferì a Parma la maggior parte delle opere appartenenti alle collezioni di famiglia conservate nelle residenze romane e nel 1688 venne inaugurato il nuovo Teatro Ducale. Ranuccio II ebbe un figlio destinato a succederli, Odoardo, che premorì al padre e pertanto non governò mai il ducato.

Tre anni prima del decesso, Odoardo aveva sposato Dorotea Sofia di Neuburg, dalla quale aveva avuto due figli: Alessandro, morto a soli otto mesi ed Elisabetta. L'11 dicembre 1694, alla morte improvvisa di Ranuccio II, il ducato passò quindi nelle mani dell'appena sedicenne secondogenito Francesco, che sposò la vedova di suo fratello Dorotea.

Il Governo di Francesco Farnese[modifica | modifica sorgente]

L'opera di Francesco riportò a pieno titolo i Farnese nel centro della grande politica. Avendo ereditato una situazione finanziaria disastrosa, per cercare di sanarla tagliò tutte le spese inutili della corte licenziando gran parte della servitù, dei musici, dei buffoni e nani. Abolì inoltre, spettacoli, feste di corte e banchetti. Per ottemperare alle clausole del Trattato di Torino e del Trattato di Vigevano del 1696 il ducato fu costretto al mantenimento delle truppe tedesche acquartierate nelle sue piazzeforti e quando nel 1702 il principe Eugenio di Savoia, al comando delle truppe imperiali, invade il ducato, Francesco è costretto a chiedere aiuto al papa Clemente XI, il quale invia truppe ad occupare Parma e Piacenza. Per il ducato fu comunque un periodo illuminato, oltre a cercare la pace a tutti i costi, Francesco favorì l'annona e distribuì più equamente il carico fiscale.

Venne costruita un'opera idraulica per difendere la città di Piacenza dall'erosione del Po, si favorì l'ampliamento dell'Università di Parma e del Collegio dei Nobili, incoraggiando lo studio del diritto pubblico, della storia, delle lingue e della geografia. Artisti, letterati, musicisti e drammaturghi godevano della protezione della Corte. Nel 1712 iniziarono i lavori di ristrutturazione della rocca di Colorno, terminati nel 1730.

Elisabetta Farnese, regina di Spagna

Nel 1714 il ducato conseguì un importante successo diplomatico quando Francesco, grazie agli uffici del suo ambasciatore in Spagna Giulio Alberoni, riuscì a dare in moglie sua nipote Elisabetta al re Filippo V di Borbone, divenuto in quell'anno vedovo di Maria Luisa di Savoia. In seguito, attraverso la regina Elisabetta ed Alberoni, il duca acquisì influenza presso la corte spagnola ed incoraggiò un intervento militare di Filippo V in Italia contro l'Austria, che con il trattato di Utrecht aveva sostituito la Spagna come potenza egemone della penisola.

Le successive invasioni spagnole della Sardegna (1717) e della Sicilia (1718) determinarono lo scoppio di un conflitto europeo, la guerra della Quadruplice Alleanza, in cui la Spagna fu sconfitta. Caduto in disgrazia, Alberoni fu esiliato, mentre negli anni successivi la capacità di Elisabetta di determinare la politica estera spagnola aumentò notevolmente, ponendo il ducato farnesiano al centro della scena europea.

Poiché il matrimonio tra suo zio Francesco e sua madre Dorotea era sterile, Elisabetta iniziò trattative diplomatiche con le potenze europee per assicurare la successione del ducato al suo primogenito Carlo di Borbone, a cui il trono di Spagna sembrava precluso dalla presenza dei figli di primo letto di Filippo V, e che avrebbe dovuto ereditare anche il Granducato di Toscana in caso di estinzione dei Medici. La prospettiva di tramandare Parma ad un principe di sangue reale era auspicata dallo stesso Francesco, che a questo scopo non favorì in alcun modo il matrimonio del fratello minore Antonio.

La fine della dinastia[modifica | modifica sorgente]

Antonio Farnese, ultimo duca della dinastia

Poiché Francesco non ebbe eredi, alla sua morte, il 26 febbraio 1727, il ducato passò al fratello Antonio che, quarantottenne e mondano, si trovò improvvisamente catapultato al centro della scena. Il suo fu un governo di breve durata, appena quattro anni; tra i provvedimenti dell'ultimo Farnese si notano: incentivi alle piantagioni di gelso al fine di potenziare l'industria della seta e sovvenzioni per l'apicoltura oltre che la ripresa della Fiera delle Mercanzie di Piacenza. Con Antonio, morto senza prole legittima, si chiuse la dinastia dei Farnese: governarono il Ducato dal 1545 fino al 1731, la loro magnificenza favorì la progettazione e la realizzazione di opere architettoniche che trasformeranno Parma da capitale di un piccolo ducato nato dal nepotismo papale a capitale di respiro italiano.

Il Ducato tra le Guerre di Successione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1731 il duca Antonio Farnese morì senza lasciare discendenti. Il trattato di Londra del 2 agosto 1718 aveva previsto di assicurare a Don Carlo di Borbone (Carlo I), infante di Spagna, la successione del ducato. Carlo infatti era figlio di Elisabetta, la nipote di Antonio Farnese e dal 1714 moglie del re di Spagna, Filippo V di Spagna. La reggenza passò a Dorotea Sofia di Neuburg che ne assunse il potere in nome di Don Carlo. Con Elisabetta Farnese il ducato fu quindi trasmesso direttamente ai Borbone e il 9 ottobre 1732 il nuovo duca Don Carlo di Borbone entrò in Parma. Fu un regno di breve durata, con la conquista del Regno di Napoli nel 1734, Carlo I cedette nel 1736 il Ducato all'imperatore Carlo VI d'Asburgo, per effetto dei preliminari di pace stipulati durante gli accordi di Vienna, senza prima dimenticarsi di spogliare Parma di tutte le raccolte di famiglia conservate nei palazzi per portarle con lui a Napoli.[9]

Intermezzo asburgico[modifica | modifica sorgente]

Con Carlo VI d'Asburgo, il Ducato passa quindi per la prima volta nelle mani degli Asburgo. Alla morte dell'imperatore Carlo VI, il ducato venne retto dalla figlia di questo Maria Teresa d'Asburgo, Regina di Ungheria e Boemia, Arciduchessa d'Austria, Duchessa di Parma e Piacenza, Granduchessa di Toscana, già Imperatrice (consorte) del Sacro Romano Impero.

Il secondo periodo borbonico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Borbone di Parma.
Léon Guillaume du Tillot, Ministro del Ducato. Grazie a lui nacquero l'Accademia delle Belle Arti, il Museo d'antichità, la Stamperia reale, il giornale Gazzetta di Parma. Si circondò di intellettuali e di artisti.
Maria Amalia d'Austria, duchessa di Parma. Fin dal suo arrivo nel ducato italiano entrò in aperto contrasto con Du Tillot. Alla fine, grazie alla sua influenza sul debole marito, riuscì a farlo destituire e a diventare la vera governante di Parma.

Nel 1748, con il Trattato di Aquisgrana, i ducati di Parma e Piacenza, con annessa Guastalla, vengono dati a don Filippo di Borbone, Filippo I, fratello di don Carlo di Borbone, che già governò il ducato dal 26 febbraio 1731 al 1735. Questo periodo borbonico fu caratterizzato da una forte presenza in città di artisti, artigiani e uomini di cultura che rendono Parma una città internazionale e multilingue. Viene soppresso il Tribunale della Inquisizione e molti beni appartenenti al clero sono assegnati a istituti di beneficenza e di istruzione pubblica. La città conta in questi anni il più grande numero di abbonati all'Encyclopédie di Diderot e d'Alembert dopo Parigi e 4.000 abitanti, su una popolazione complessiva di 40.000, sono francesi. L'illuminato ministro borbonico Guillaume du Tillot affida all'architetto Ennemond Alexandre Petitot il compito di intervenire sull'intero tessuto urbano con una volontà rappresentativa che puntava a Parma quale mito di una nuova Atene d'Italia. Nel 1765 alla morte del Duca Filippo I succederà, appena quattordicenne, il secondo (e unico maschio) figlio, Ferdinando I, che muterà la politica filofrancese del padre rivolgendosi verso Vienna, dove regnava la suocera e poi i potenti cognati. Il 19 luglio 1769, Ferdinando si era infatti sposato con Maria Amalia l'ottava figlia di Maria Teresa d'Austria e dell'imperatore Francesco I, che in questo modo mantenevano una componente influente della famiglia asburgica alla corte ducale. Maria Amalia cominciò ad interferire con la politica, inizialmente con l'appoggio ed i consigli della madre, che pensava che la figlia dovesse prendere parte attiva alla politica parmense, ma solo per aiutare Ferdinando. La Duchessa però seguì le direttive della madre portandole agli estremi, e la Corte di Parma divenne una ridicola esagerazione di quella viennese. Maria Teresa convinse le corti reali di Francia e Spagna a dare supporto finanziario ed aiuto politico alla corte di Parma, ma criticò l'operato del Du Tillot, costringendolo prima agli arresti domiciliari a Colorno (dove risiedeva) e poi alla fuga il 19 novembre del 1771 verso la Spagna, dove il brillante ministro caduto in disgrazia si ritirò, per poi tornare nella sua cara Francia, dove morì nel 1774. Il ministro Du Tillot fu sostituito dallo spagnolo Jose de Llano nel ruolo di primo ministro del Ducato.

Il XIX secolo[modifica | modifica sorgente]

Il periodo napoleonico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dipartimento del Taro.
Il dipartimento del Taro (in rosa al centro dell'immagine)

Il 21 marzo 1801 con il trattato di Madrid Napoleone Bonaparte ottenne l'annessione del Ducato di Parma e Piacenza alla Francia, mentre Ferdinando I di Parma dovette rinunciare al suo dominio in cambio del Regno di Etruria per il figlio Ludovico I di Borbone. Il nuovo governo produsse riforme importanti, sviluppando l'industria, l'agricoltura e il commercio, e venne affidato in un primo momento a Médéric Louis Élie Moreau de Saint-Méry, che protesse le scienze, le arti e le lettere. Moreau de Saint-Méry venne in seguito destituito da Napoleone per non aver represso subito, con fermezza, la rivolta della Val di Nure. Il nuovo prefetto Nardon, con decreto del 20 marzo 1806, divise il territorio in tredici mairies (comuni), nominando Stefano Sanvitale primo sindaco di Parma. Nel 1808 gli stati parmensi, ad esclusione del guastallese, divennero il Dipartimento del Taro e parte integrante dello Stato francese. Il 13 febbraio del 1814 il generale Nugent occupò Parma in nome degli austriaci, cacciando i francesi i quali, dopo un'effimera riconquista della città (2-9 marzo 1814), abbandonarono definitivamente gli ex ducati borbonici.

Il Congresso di Vienna ridisegna la carta dell'Italia. Viene ristabilito il Ducato di Parma e Piacenza
La Duchessa Maria Luigia d'Austria

Il secondo periodo asburgico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Maria Luisa d'Asburgo-Lorena.

Le misure stabilite dal Trattato di Fontainebleau dell'11 aprile 1814, confermate dal Congresso di Vienna, restaurano il ducato come Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla sotto la protezione dell'Austria, affidandolo, in seguito all'abdicazione di Napoleone, a sua moglie, Maria Luigia d'Austria, figlia dell'imperatore Francesco I.

« I Ducati di Parma, Piacenza e Guastalla apparterranno in tutta proprietà e sovranità a sua Maestà l'Imperatrice Marie-Louise (Maria Luigia). Questi andranno a suo figlio alla sua discendenza in linea diretta. Il principe, suo figlio, prenderà a partire da questo momento il titolo di Principe di Parma, Piacenza e Guastalla... »
(Art.5 del Trattato di Fontainebleau dell'11 aprile 1814)

Contrariamente a quanto stabilito a Fontainbleau, a Vienna la successione del ducato è sospesa a profitto dei Borbone di Lucca, escludendo il figlio di Maria Luigia e Napoleone, il re di Roma.

Francesco I d'Asburgo, padre della nuova sovrana, affida momentaneamente le sorti del Ducato ad un nobile irlandese di appena trent'anni, Filippo Francesco Magawly Cerati, che nel luglio 1814 assunse il pieno potere con il compito di preparare l'amministrazione ducale. Il conte Magawly Cerati governa con saggezza, riuscendo a mantenere le conquiste civili ottenute con la precedente amministrazione francese e contribuendo con la sua opera alla realizzazione di quello che più tardi si concretizzò con il Codice Civile promulgato da Maria Luigia. Nel contempo riesce a far rientrare a Parma i capolavori trafugati da Napoleone e ad avviare la costruzione del ponte sul Taro.

Maria Luigia entrò nella capitale ducale attraversando a piedi il ponte di barche, lungo 363 metri, posto sul Po a Casalmaggiore. Dopo aver sostato a Colorno, il giorno seguente il suono delle campane di tutte le chiese di Parma annunciò l'arrivo della sovrana. La nuova duchessa depose il conte irlandese per sostituirlo con il proprio amante, divenuto in seguito il marito morganatico, il conte Adam von Neipperg. La sovrana diede impulso alla costruzione di numerose opere, inaugurò i ponti sui fiumi Taro e Trebbia, fece costruire il cimitero della Villetta, restaurare l'Università che Napoleone aveva retrocesso al ruolo più modesto di Accademia, inaugurò il Teatro Ducale e istituì il Conservatorio.

Fin dall'inizio del suo governo dimostrò di essere una sovrana illuminata e sotto la sua reggenza, nel 1820, venne pubblicato il Codice Civile per gli Stati Parmensi, di grande importanza per la storia del diritto italiano. Si interessò subito, in modo molto attento, della prevenzione e della lotta alle epidemie, con una serie di regolamenti del 4 marzo 1817 che dovevano servire a contrastare un'epidemia di tifo e provvedette di persona al fabbisogno di poveri, indigenti e ammalati. Maria Luigia dedicò anche un particolare interesse alla condizione femminile e nel settembre del 1817 inaugurò l'Istituto di maternità e la Clinica Ostetrica Universitaria. Pensò anche ai malati di mente, che fece trasferire in un ambiente ampio e confortevole, chiamato l'Ospizio dei Pazzerelli, che fu ubicato in un convento cittadino.

Nel 1830 nominò ministro delle Finanze Vincenzo Mistrali, che mantenne la carica fino alla morte nel 1846. Il nuovo ministro riuscì a riassestare una difficile situazione finanziaria, permettendo l'esecuzione di numerose opere pubbliche, tra cui i ponti sull'Arda, sul Nure e sul Trebbia. Ottenne inoltre dalla duchessa, che lo volle anche come consigliere di fiducia, di scorporare il suo appannaggio dall'erario dello Stato.

Nel 1831, a seguito dei moti rivoluzionari di febbraio e marzo, indirizzati più contro il suo primo ministro, l'odiato barone Joseph von Werklein impostole dal Metternich, la duchessa fu costretta ad abbandonare la capitale, che nel frattempo insediava un governo provvisorio affidandolo al conte Filippo Linati. Il 18 febbraio Maria Luigia decretò che fino a nuova disposizione si sarebbe stabilita, con il governo, a Piacenza. In questa città la sovrana venne accolta calorosamente, ma temendo una rappresaglia dei parmensi, si decise di rinforzare la cinta muraria. Maria Luigia chiese rinforzi militari al padre e in agosto le truppe austriache entrarono in Parma e ristabilirono l'ordine con la forza. Questo intervento militare permise alla sovrana di far ritorno nella capitale ribelle e tanto amata, ma stavolta, dal governo nuovamente insediato scomparve la figura del barone Werklein, dismesso dal ruolo di Primo Ministro e cacciato dal Ducato.

« Spesso tutto questo mi sembra un brutto sogno dovuto alla febbre. Da ieri pomeriggio sono terribilmente sconvolta per via di Parma dove hanno preso parecchi ostaggi, tutti poveri tedeschi che avevo in casa: il mio giardiniere di Colorno, il mio confessore, addirittura anche un vescovo »
(Da uno scritto della Duchessa di Parma - Maria Luigia d'Austria)

La duchessa più amata[modifica | modifica sorgente]

Nell'immaginario piacentino e soprattutto parmense, Maria Luigia gode tuttora di un'aurea di magnificenza, tanto da essere ricordata quale la reggente più amata dal popolo ed il suo governo considerato tra i migliori della storia ducale. A Parma si organizzano regolarmente ogni anno convegni e mostre che raccontano e documentano le opere della sovrana. Sulla tomba di Maria Luigia, nella Cripta dei Cappuccini a Vienna, vengono sempre deposte dai parmigiani in visita i fiori di violetta, uno dei simboli della città.

Il ritorno dei Borbone, gli ultimi duchi[modifica | modifica sorgente]

Moneta del Ducato di Parma e Piacenza, raffigurante Maria Luisa d'Asburgo

Alla morte di Maria Luigia d'Austria, avvenuta nel 1847, il ducato venne riassegnato alla linea parmense dei Borbone, dapprima con Carlo II di Borbone che, per risanare le proprie magre finanze e ripianare i debiti contratti da un tenore di vita dispendioso, già nel 1844, prima ancora di divenire duca, aveva firmato un accordo segreto con il Duca di Modena, con il quale si impegnava a cedere al Ducato di Modena il territorio di Guastalla, incorporando però il circondario di Pontremoli e ricavando una forte rendita in denaro. Da quel momento il ducato cambierà nome in Ducato di Parma, Piacenza e Stati annessi. I cittadini ducali, per nulla soddisfatti dello scambio tra la fertile terra di Guastalla e le montagnose zone di Pontremoli, arrivarono a storpiare il nome dello Stato in "Ducato di Parma, Piacenza e sassi annessi". Il nuovo duca fece pubblicare la convenzione con cui l'Austria si impegnava ad intervenire a favore del trono parmense per sedare ogni tentativo di rivolta liberale. La reazione dei parmigiani sfociò nei moti del marzo 1848, che costrinsero Carlo II a collaborare addirittura con i Savoia e a cedere il potere alla Suprema Reggenza, un organo composto da notabili locali di ispirazione liberale e che mirava a proclamare la Costituzione. Carlo II fu costretto a fuggire da Parma, ritirandosi nel castello di Weisstropp in Sassonia e questo allontanamento permise alla città, arringata dalle parole di Vincenzo Gioberti, di proclamare l'annessione al Piemonte il 17 maggio 1848 tramite un plebiscito. Su 39.703 votanti, ci furono 37.250 voti favorevoli e un editto dei Savoia proclamò l'annessione della parte parmense e del guastallese, poiché quella piacentina era già stata annessa con il precedente plebiscito del 10 maggio. Con la sconfitta piemontese di Custoza e l'armistizio di Vienna, venne ripristinato il ducato sotto il dominio degli austriaci e già un anno dopo i moti del '48 la situazione era tornata sotto controllo, a parte un breve ritorno delle truppe dei Savoia durante la seconda fase della guerra di Indipendenza. La ripresa della guerra tra Austria e Piemonte infatti permise alla città, abbandonata dai militari austriaci, di proclamare per la seconda volta l'annessione del Ducato al Regno di Sardegna, ma la disfatta di Novara obbligò le truppe sabaude ad abbandonare nuovamente la capitale ducale. Il 24 marzo Carlo II abdica a favore del figlio, che assunse il nome di Carlo III. Dopo un breve governo provvisorio austriaco, retto prima dal generale D'Aspre e successivamente dal barone Sturmer, il 25 agosto 1849 Carlo III assunse ufficialmente la reggenza e nel 1852 il Ducato di Parma emise i suoi primi francobolli raffiguranti il giglio borbonico sormontato dalla corona ducale. Poco amato dalla popolazione, a causa delle spese militari eccessive e dai liberali, Carlo III venne ferito mortalmente cinque anni dopo dal sellaio Alfonso Carra. Il potere passò nella mani del figlio Roberto I di Parma (1854-1859) ma la reggenza venne assicurata dalla madre Luisa Maria di Berry che soffocò nel sangue un'ennesima rivolta popolare.

La fine del ducato[modifica | modifica sorgente]

Il 9 giugno 1859, Luisa Maria di Borbone, duchessa reggente, ed il figlio, il duca Roberto I, furono costretti ad abbandonare il Ducato, non senza aver prima esposto il proprio disappunto tramite una lettera di protesta. Il 15 settembre 1859 venne dichiarata decaduta la dinastia borbonica e Parma entrò a far parte delle province dell'Emilia, rette da Carlo Farini. Nel 1860 il ducato passò tramite plebiscito al Regno di Sardegna e la città di Piacenza, prima a votare per l'annessione allo stato sabaudo, meritò così il titolo di "Primogenita del regno d'Italia". La fine del ducato fu per molti anni la causa di declino demografico, effetto della chiusura dello Stato e della corte ducale; il cambiamento di sistema provocò la perdita di molte attività economiche, causando un conseguente decadimento sociale ed economico.

« ...il pubblico ricorre col pensiero a quei tempi in cui abbondavano gli uffici e la Corte spendeva, tempi che si ricordano da molti non senza qualche compiacenza, poiché del passato si sogliono ripetere le cose liete piuttosto che le tristi e dolorose... La città di Parma, come altre volte si è osservato, è forse quella fra tutte le italiane, che nel nuovo ordine di cose, per esser spoglia di propri spedienti e di forze locali, ebbe più a soffrire ne' materiali interessi. Il visibile e continuo deperimento rattrista e commuove questa popolazione... »
(Lettera di doglianza indirizzata al Ministero degli Interni scritta nel 1865 dal prefetto di Parma avv.Carlo Verga)

Attuale pretendente al titolo ducale è, dal 2010, il principe Carlo Saverio di Borbone-Parma, il cui nome completo è Carlo Saverio Bernardo Sisto Maria di Borbone-Parma.

Ordini equestri[modifica | modifica sorgente]

  • Sacro Ordine Militare Costantiniano di San Giorgio (1699)
  • Ordine di San Lodovico del merito civile (1836)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Molossi Lorenzo, Vocabolario topografico dei ducati di Parma Piacenza e Guastalla, Parma, 1832
  2. ^ Molossi Lorenzo, Vocabolario topografico dei ducati di Parma Piacenza e Guastalla, Parma, 1832
  3. ^ Molossi Lorenzo, Vocabolario topografico dei ducati di Parma Piacenza e Guastalla, Parma, 1832
  4. ^ Molossi Lorenzo, Vocabolario topografico dei ducati di Parma Piacenza e Guastalla, Parma, 1832
  5. ^ Molossi Lorenzo, Vocabolario topografico dei ducati di Parma Piacenza e Guastalla, Parma, 1832
  6. ^ Dati del censimento disposto dallo stesso Pier Luigi Farnese nel 1545 e riportati nel libro di Luigi Alfieri Parma, la vita e gli amori ed. Artegrafica Silva 1993.
  7. ^ dal Vocabolario topografico dei ducati di Parma, Piacenza e Guastalla, di Lorenzo Molossi, Parma, dalla tipografia ducale, 1832-34, pag. 317-8
  8. ^ Luigi Alfieri, Parma la vita e gli amori, edizione Artegrafica Silva, 1993, paragrafo LV
  9. ^ Nel 1926 furono trasferiti a Parma, presso la Galleria nazionale e la sede del municipio, e a Piacenza, al Palazzo Farnese, 138 dipinti farnesiani provenienti dal Museo di Capodimonte di Napoli come risarcimento delle presunte usurpazioni operate da Carlo di Borbone due secoli prima. Cfr. Nicola Spinosa, Museo di Capodimonte, Napoli, Electa Napoli, 2001, p. 18.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Alfieri, Parma, la vita e gli amori. Storia della città dal Mille al Millenovecento, Parma, Silva, 1993. ISBN 88-7765-042-7.
  • Luigi Alfieri, Gigli azzurri. Storia di casa Farnese, Parma, Silva, 1995.
  • Tullo Bazzi-Umberto Benassi, Storia di Parma (Dalle origini al 1860). Parma, Battei, 1908.
  • Ferdinando Bernini, Storia di Parma (Dalle terramare al 1914). Parma, Battei, 1954
  • Raimondo Meli-Lupi di Soragna, Bibliografia storica e statutaria delle Provincie Parmensi. Parma, Regia Deputazione di Storia Patria per le Prov. Psi, 1886. Scritti riguardanti la storia dei Ducati e in particolare di quello di Parma, fino al 1882.
  • Enciclopedia di Parma. Dalle origini ai giorni nostri. Marzio Dall'Acqua. Milano, Franco Maria Ricci, 1998.
  • Parma e Piacenza nei secoli : piante e vedute cittadine delle antiche e nuove province parmensi. Felice Da Mareto. Parma, Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, Rotary Club di Parma, 1975.
  • Le antiche famiglie nobili e notabili di Parma e i loro stemmi Palatina Editrice Parma

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]