Caselle Landi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caselle Landi
comune
Caselle Landi – Stemma
La chiesa parrocchiale
La chiesa parrocchiale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Lodi-Stemma.png Lodi
Amministrazione
Sindaco Piero Luigi Bianchi (lista civica di centrosinistra) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°06′13″N 9°47′48″E / 45.103611°N 9.796667°E45.103611; 9.796667 (Caselle Landi)Coordinate: 45°06′13″N 9°47′48″E / 45.103611°N 9.796667°E45.103611; 9.796667 (Caselle Landi)
Altitudine 44 m s.l.m.
Superficie 26,01 km²
Abitanti 1 658[1] (30-11-2012)
Densità 63,74 ab./km²
Comuni confinanti Caorso (PC), Castelnuovo Bocca d'Adda, Corno Giovine, Cornovecchio, Meleti, Piacenza (PC), Santo Stefano Lodigiano
Altre informazioni
Cod. postale 26842
Prefisso (+39) 0377
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 098011
Cod. catastale B961
Targa LO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 545 GG[2]
Nome abitanti casellesi
Patrono San Savino
Giorno festivo quarta domenica di ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Caselle Landi
Posizione del comune di Caselle Landi nella provincia di Lodi
Posizione del comune di Caselle Landi nella provincia di Lodi
Sito istituzionale

Caselle Landi (Caséli in lingua lombarda, variante lodigiana[3]) è un comune italiano di 1.658 abitanti della provincia di Lodi, in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di diventare feudo dei marchesi Landi (1262), si chiamava Caselle Vecchie, poi Caselle del Po. Solo successivamente prese il nome odierno. Seguì fino al 1797 le vicende storiche di Piacenza.
Fino alla fine del Cinquecento si trovava sulla riva destra del Po. Fu poi fatta un'opera di deviazione del corso del fiume e Caselle si trovò sulla riva sinistra, pur restando appartenente alla Diocesi di Piacenza e al territorio piacentino.
Solo con l'istituzione della Repubblica Cisalpina (1797), Caselle Landi divenne definitivamente territorio lombardo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Castello medievale è stato trasformato dai Landi in un palazzo (detto Palazzo Vecchio per distinguerlo da un altro, appartenente alla stessa famiglia), che conserva ben poche tracce dell'edificio originario, di pianta quadrata. Conserva ancora una sola delle quattro torri angolari.
  • L'altro Castello, adiacente al precedente, è chiamato Palazzo Nuovo, o più semplicemente Palàsi (dal dialetto del paese), ed è stato dato in uso dal Marchese Manfredi Landi, ad alcune famiglie. Fino agli anni '80, ha ospitato i locali dell'unica Farmacia cittadina, ora trasferitasi in Via Garetti.
  • Il Pozzuolo: piccolo lago di acqua sorgiva, adiacente al Po, formatosi con le acque di quest'ultimo, filtrate attraverso la sabbia. Nei periodi estivi è meta di numerosi bagnanti.
  • È presente, nel territorio comunale, anche un salone cinematografico, acquistato dal Comune e oggi completamente ristrutturato. Viene usato per spettacoli, conferenze, rappresentazioni e proiezioni di film.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2008 gli stranieri residenti nel comune di Caselle Landi in totale sono 102[5], pari al 5,92% della popolazione. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Paese Popolazione (2008)
Albania Albania 23
Marocco Marocco 20
India India 18

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'ISTAT, il territorio comunale comprende il centro abitato di Caselle Landi, la frazione di Gerrone, e le località di Bruzzelle, Cascina Oratorio, Isola e Piardello[6].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio occupa quella zona pianeggiante di origine fluviale che il fiume Po ha liberato, spostandosi col tempo più a sud. Vi si trovano numerosi cascinali e frazioni sparsi nella campagna, dediti all'agricoltura. Questa è infatti l'attività prevalente, con coltura di mais e foraggi, allevamenti di bovini di carne e da latte e allevamento di suini su scala industriale. Il quadro economico è completato da imprese artigiane nei settori edilizio, tessile e meccanico. C'è comunque un certo tasso di pendolarismo diretto a Piacenza, Codogno e Milano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Segue un elenco delle amministrazioni locali.[7]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1945 1946 Giovanni Bonvicini Sindaco
1946 1951 Ilario Rocca Sindaco
1951 1964 Francesca Pigozzi Sindaco
1964 1972 Luigi Anelli Sindaco
1972 1978 Domenico Bonfanti Sindaco
1978 1980 Siro Montanari Sindaco
1980 1985 Enrico Lambri Sindaco
1985 1990 Roberto Anelli Sindaco
1990 1991 Franco Lucchini Sindaco
1991 1995 Angela Losi Sindaco
1995 1999 Roberto Anelli Sindaco
1999 2004 Gianfranco Contardi Sindaco
2004 2009 Renzo Contardi Sindaco
2009 Piero Luigi Bianchi lista civica (centrosinistra) Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 156.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dati demografici ISTAT
  6. ^ ISTAT - Dettaglio località abitate
  7. ^ Lista pubblicata in Il Lodigiano. Quarant'anni di autonomia, Provincia di Lodi, 2008, p. 270.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]