Ciano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ciano (disambigua).
Ciano (secondario additivo)
Coordinate del colore
HEX #00FFFF
RGB1 (r, g, b) (0, 255, 255)
CMYK2 (c, m, y, k) (52, 0, 13, 0)
HSV (h, s, v) (180°, 100%, 100%)
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)
Ciano (primario sottrattivo)
Coordinate del colore
HEX #00AEEF
RGB1 (r, g, b) (0, 174, 239)
CMYK2 (c, m, y, k) (100, 0, 0, 0)
HSV (h, s, v) (196°, 100%, 94%)
Riferimento
Definizione del modello CMYK
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Il ciano (pronunciato «cìano», ovvero /ˈʧi.a.no/) è uno dei colori dello spettro che l'uomo riesce a vedere, la lunghezza d'onda è intorno a 480 nanometri. Insieme al giallo ed al magenta è un colore primario sottrattivo.

La stessa tonalità può essere generata miscelando uguali quantità di luce verde e blu. Il ciano è il colore complementare del rosso: il pigmento di colore ciano assorbe la luce rossa. Il ciano viene a volte denominato turchese e spesso non viene distinto dall'azzurro. Inoltre, nei testi sulla fotografia, fino agli anni settanta il ciano è stato solitamente chiamato blu-verde.

Il ciano è uno degli inchiostri comunemente utilizzati nella stampa a quattro colori, insieme con il magenta, giallo e nero; questo insieme di colori viene denominato CMYK. Il ciano è anche uno dei tre coloranti (gli altri due sono il magenta e il giallo) usati per la sintesi dei colori in fotografia e nel cinema.

È importante notare che se la luce e l'inchiostro hanno lo stesso nome, c'è una certa differenza: l'inchiostro da stampa è molto meno vivo, infatti la tecnologia di stampa CMYK non può riprodurre accuratamente il ciano puro (100% cianobatteri) sulla carta. Se ciano non è puro, allora esso è formato da 50% di cianobatteri e dal 50% di DILA.

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica