Francesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesi
Francesi
1ª riga: Giovanna d'Arco, Jacques Cartier, Cartesio, Molière, Blaise Pascal, Luigi XIV, Voltaire, Denis Diderot, Napoleone Bonaparte

2ª riga: Victor Hugo, Alexandre Dumas, Évariste Galois, Louis Pasteur, Jules Verne, Gustave Eiffel, Pierre de Coubertin, Henri de Toulouse-Lautrec, Marie Curie
3ª riga: Marcel Proust, Charles de Gaulle, Joséphine Baker, Jacques-Yves Cousteau, Albert Camus, Édith Piaf, François Mitterrand, Brigitte Bardot, Zinédine Zidane

Luogo d'origine Francia Francia
Popolazione ~63 milioni (100 milioni compresi i cittadini di ascendenza francese nel mondo)
Lingua Francese, vari dialetti e lingue regionali (alsaziano, basco, bretone, còrso e provenzale)
Religione Cattolicesimo, comunità ebraiche e protestanti; di recente formazione minoranze musulmane, ortodosse e altre

I francesi (Français in lingua francese) sono un gruppo etnico[senza fonte], nell'accezione storica e culturale del termine, localizzato prevalentemente in Francia e parlanti maggioritariamente il francese (ma anche il bretone, l'occitano, il corso, il catalano, il tedesco - dialetto alsaziano - e il fiammingo). Il nome proviene dai Franchi, un'antica tribù germanica, che acquisì la lingua e la cultura latina, vissuta nell'area dell'attuale Francia prima e dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente.

Considerevoli comunità di parlanti la lingua francese e con antenati francesi sono presenti anche in Svizzera, Stati Uniti, Belgio e soprattutto Canada. In tutto, se si contano le comunità extraeuropee il numero totale arriva a circa 100 milioni (70 milioni in Europa e 30 nelle Americhe). Ci sono comunque piccole comunità sparse in Asia, Africa e Oceania. Nel primo caso le si individuano in Medio Oriente o nel sud-est asiatico, nel secondo tra i paesi nordafricani. Per quanto riguarda l'Oceania ci sono molti immigrati e/o oriundi francesi negli arcipelaghi appartenenti ancor oggi alla Francia.

Origini ed etnogenesi[modifica | modifica wikitesto]

L'origine e la formazione dell'identità biologica della popolazione francese viene fatta risalire alla rivoluzione neolitica, e cioè tra il 4000 e il 2500 a.C., quando la popolazione crebbe da 50.000 a 5 milioni di abitanti. Pare infatti che più di 6.000 anni fa arrivarono agricoltori dal Medio Oriente. Inoltre un recente studio genetico ha scoperto che oltre l'80% dei cromosomi Y dei francesi e degli europei in generale, vengono da questi agricoltori[1][2][3].

L'origine dell'identità etnica e nazionale francese la si deve comunque ai Galli, termine con il quale i Romani indicavano le tribù celtiche presenti in Francia e in parte del Centro Europa, che all'epoca era denominata appunto Gallia. I Galli si stanziarono nell'odierna Francia tra i secoli VIII e V a.C. e vi dominarono sino all'occupazione e la sottomissione all'Impero Romano. Sotto l'occupazione romana, fu avviato un processo di fusione dell'elemento celtico con quello latino, che diede vita alla cultura gallo-romana.

Con la caduta dell'Impero Romano, si aggiunsero immigrazioni di altri popoli, i Franchi che sconfissero e cacciarono i Romani, e le successive invasioni di tribù barbare quali i Visigoti, gli Unni, i Mori e i Normanni, che contribuirono ulteriormente alla formazione dell'identità francese.

Il Medioevo fu il periodo storico in cui effettivamente si formarono la Francia e i francesi, con la nascita della lingua francese, che derivò dalla lingua d’Oïl, quella parlata a Parigi e diffusasi rapidamente in tutto il paese, ma soprattutto con il processo di unificazione nazionale avviato nella prima metà del Trecento, e conclusosi definitivamente nel 1477.

Religioni[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente i francesi sono di religione cattolica, ma attualmente il numero di praticanti è il più basso d'Europa[4]. Sono in crescita costante i francesi che praticano l'Islam, l'ateismo, l'agnosticismo e il buddismo.

Nel corso delle guerre religiose scoppiate in Francia nella seconda metà del Cinquecento, furono numerosi i protestanti sterminati dai cattolici. Attualmente sono oltre 1 milione i francesi di confessione protestante, perlopiù evangelisti e pentecostali[4].

Comunità di origine francese nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Principali comunità di oriundi francesi nel mondo Note
Stati Uniti Stati Uniti 11,5 milioni (ca. 4-5% pop. totale) Franco-americani [5]
Canada Canada 8 milioni (ca. 24% pop. totale) Franco-canadesi [6]
Argentina Argentina 6,8 milioni (ca. 18% pop. totale) Franco-argentini [7]
Belgio Belgio 4,2 milioni (ca. 40% pop. totale) Franco-belgi [8]
Svizzera Svizzera 1,2 milioni (ca. 18% pop. totale) Franco-svizzeri [9]
Cile Cile 520.000 (ca. 3-4% pop. totale) Franco-cileni [10].
Brasile Brasile 500.000 (ca. 0,25% pop. totale) Franco-brasiliani [11]
Uruguay Uruguay 300.000 (ca. 8% pop. totale) Franco-uruguaiani [12]

Anche se in minor misura rispetto ad altri popoli europei, il popolo francese è stato interessato dal fenomeno dell'emigrazione che durò tra l'inizio del XIX secolo fino alla metà del XX. Nel mondo, sono circa 30 milioni le persone con ascendenza francese, mentre i cittadini francesi residenti fuori dal loro paese, sono circa 2 milioni.

L'emigrazione francese aveva caratteristiche diverse rispetto a quelle di altri paesi, si può affermare che esistevano due tipi di emigrazione, quella economica diretta verso le Americhe (Stati Uniti, Canada, Argentina, Cile e Uruguay), e quella a scopo di colonizzazione, diretta appunto verso le colonie francesi del Maghreb e dell'Africa sub-sahariana.

Si calcola che tra il 1848 e il 1939 furono 1 milione i cittadini francesi che lasciarono la propria nazione[13], e la maggior parte di questi provenivano dai Pirenei Atlantici, Senna, Alti Pirenei, Alto e Basso Reno, Alta Garonna e Gironda. Molto meno significativi, e più scarsi, i flussi migratori diretti verso altri paesi europei, concentrati perlopiù verso Belgio e Svizzera.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jacques Dupâquier - Histoire de la population française: Des origines à la Renaissance - Presses Univ. de France, 1995, ISBN 2-13-046821-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A Predominantly Neolithic Origin for European Paternal Lineages
  2. ^ (EN) Most Britons descended from male farmers who left Iraq and Syria 10,000 years ago, Daily Mail, 20 janvier 2010
  3. ^ (EN) Most European males 'descended from farmers', BBC News, 20 janvier 2010
  4. ^ a b (FR) http://www.ladocumentationfrancaise.fr/dossiers/religions-france/panorama-religieux.shtml
  5. ^ (EN) US census Bureau
  6. ^ (EN) French Canadian
  7. ^ (FR) Les merveilleux francophiles argentins-1, Canalacademie.com. URL consultato il 18 gennaio 2009.
  8. ^ (FR) SPF Intérieur - Office des Étrangers
  9. ^ pag. 89 del libro Ethnic groups worldwide: a ready reference handbook di David Levinson, Greenwood Publishing Group, 1998
  10. ^ (ES) La influencia francesa en la vida social de Chile de la segunda mitad del siglo XIX.
    «Los datos que poseía el Ministerio de Relaciones Exteriores de Francia en Chile al año 2008, tal como lo consignaba el Ministerio Plenipotenciario Francés en Chile, a un número cercano a los 520.000 descendientes de franceses en Chile..».
  11. ^ (FR) Vivre à l'étranger.
  12. ^ (EN) French in Uruguay
  13. ^ (EN) Possible paradises: Basque emigration to Latin America - J. M. Azcona Pastor, University of Nevada Press, 2004