Domini di Terraferma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Repubblica di Venezia.

Questa voce è parte della serie
Lion col saint-marc 082005.jpg
Repubblica di Venezia

Categoria: Repubblica di Venezia


Questa voce è parte della serie
Bandiere dal Friûl.svg
Storia del Friuli
Categoria: Storia del Friuli

Nella Repubblica di Venezia con il termine di Domini di Terraferma (chiamati anche Dominio di Terraferma e Stato da Tera) venivano indicati i territori assoggettati dell'entroterra padano-veneto. I Domini, assieme al Dogado e allo Stato da Màr costituivano le tre ripartizioni in cui era suddiviso lo Stato veneziano.

Nel periodo di massima espansione essi comprendevano il Veneto, il Friuli e parti della Lombardia con confini estesi al Po, all'Adda alle Alpi e al Carso. Nel complesso dei Domini di Terraferma a partire dal 1445 venne compresa la Patria del Friuli, comprendente i territori dell'ex-Patriarcato di Aquileia, retti da un Provveditore Generale, detto anche Luogotenente.

Eccezionalmente dal 12 maggio 1796 sino alla fine del governo veneziano, l'anno successivo, di fronte alla minaccia dell'invasione francese, i Domini di Terraferma vennero affidati all'amministrazione accentrata di un Provveditore Generale di Terraferma risiedente di Verona, presto affiancato da un Provveditore Straordinario risiedente in Brescia.

Ceduti da Napoleone all'Austria nel 1797 con la caduta della Repubblica e il trattato di Campoformio, dopo una breve parentesi di dominio francese, col Regno d'Italia (1805-1814), nel 1815 gli ormai ex-domini di terraferma, uniti alla parte rimanente della Lombardia, andarono a costituire il Regno Lombardo-Veneto sotto il controllo dell'Impero Austriaco.

I Reggimenti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista dei reggimenti veneziani.

Il meccanismo delle dedizioni[modifica | modifica sorgente]

Nel corso dell'espansione della Repubblica di Venezia, un particolare meccanismo di integrazione nello Stato veneziano fu quello caratterizzato dalle dedizioni. Si tratta cioè di quei casi, piuttosto frequenti soprattutto nella conquista della Terraferma, nei quali furono le stesse comunità e città a darsi alla Serenissima, la quale in cambio si impegnava a rispettare e salvaguardare attraverso lo Statuto buona parte delle leggi e magistrature precedenti.

In taluni casi alla base della dedizione vi era un meccanismo di spontaneità, perlopiù legato alla ricerca di vantaggi commerciali o fiscali connessi a legarsi al potente vicino o alla possibilità di migrare da una signoria più gravosa ad una che, in cambio della dedizione e quindi dell'annessione incruenta, garantiva appunto maggiori privilegi e libertà.

Tuttavia molto più frequente risultava invece il caso in cui, di fronte all'avanzata militare veneziana, gli sconfitti o le terre, le città e i borghi ad essi sottomessi, si affrettavano a darsi al vincitore, risparmiandosi in tal modo la presa manu militari ed il conseguente saccheggio (per secoli tradizionale e riconosciuto diritto del vincitore). Un caso lampante di tale meccanismo è quello relativo alla dedizione di Verona.

All'atto della dedizione il consiglio cittadino presentava al Serenissimo Principe una serie di capitoli, cioè di clausole, definenti i termini di consegna della città, le richieste di privilegi e i limiti di autorità che avrebbero avuto i rettori veneziani. Dall'accettazione di tali capitoli da parte della Serenissima scaturiva quindi la base legale del potere veneziano e la giurisprudenza riguardante i rapporti tra la Dominante e la città dominata. Modifiche e aggiunte ai capitoli originali erano poi possibili per approvazione della Signoria delle istanze presentate degli ambasciatori della città suddita.

Di seguito vengono riportate le date di dedizione di taluni territori e città che nei secoli appartennero, anche brevemente, alla Serenissima (alcune località sono relative allo Stato da Mar). Nel caso piuttosto frequente che la dedizione si sia ripetuta più di una volta, viene indicata la data della prima:


La massima espansione dei domini veneziani di Terraferma, agli inizi del Cinquecento: per tutti i territori è segnalata la data di acquisizione

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Berengo, Marino: Il governo veneziano a Ravenna, [1].
  • Da Mosto, Andrea: L'Archivio di Stato di Venezia, Biblioteca d'Arte editrice, Roma, 1937.
  • Mutinelli, Fabio: Lessico Veneto, tipografia Giambattista Andreola, Venezia, 1852.
Venezia Portale Venezia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia