Procuratori di San Marco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La basilica marciana in un dipinto del Guardi

I Procuratori di San Marco erano la più prestigiosa carica vitalizia della Repubblica di Venezia, subito dopo il Doge.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nominati sin dal IX secolo per curare la fabbrica e l'amministrazione dei territori della Basilica di San Marco, sparsi per tutto l'Oriente, nella persona di un solo procuratore nominato dal doge, nel 1231 divennero quattro e in seguito il loro numero crebbe sino a nove[1]. La nomina spettava al Maggior Consiglio quale supremo premio di una carriera brillante nell'amministrazione dello Stato.

Dal 1269 i loro compiti furono ampliati alla tutela degli orfani e dei mentecatti e all'esecuzione dei testamenti, così ripartiti:

  • i due Procuratori de supra (letteralmente di sopra o superiori), si occupavano dell'amministrazione della basilica marciana;
  • i due Procuratori de citra (letteralmente al di qua, inteso rispetto al Canal Grande), si occupavano delle incombenze caritatevoli e testamentarie per i sestieri di San Marco, Castello e Cannaregio;
  • i due Procuratori de ultra (letteralmente al di là sempre del canale considerando di trovarsi a San Marco), si occupavano invece di quelle per i sestieri di Dorsoduro, Santa Croce e San Polo.

Quale residenza loro e dei loro uffici furono erette in Piazza San Marco le due ali delle Procuratie, i maestosi edifici che racchiudono la piazza.

La Procuratoria di San Marco oggi[modifica | modifica sorgente]

L'istituto procuratorio è sopravvissuto alla caduta della Repubblica nel 1797 ed esiste ancor oggi a Venezia, continuando ad occuparsi dell'amministrazione del Patrimonio di San Marco[cos'era?] e della basilica stessa per conto del Patriarcato di Venezia con il nome di Procuratoria di San Marco, riconosciuto con Regio Decreto del 9 luglio 1931 alla Fabbriceria della basilica cattedrale di San Marco.

Attualmente si compone di sette procuratori, il cui presidente ha il titolo di Primo Procuratore di San Marco: ad essi spetta la nomina del Proto di San Marco, cioè dell'ingegnere o architetto cui è affidata la direzione tecnica della conservazione degli edifici e delle loro singole, in conformità alle esigenze del culto e alle disposizioni dell'autorità ecclesiastica, coadiuvato in questo da un ufficio composto di un ingegnere, due architetti e un geometra. Da esso dipendono:

  • lo Studio di mosaico, responsabile della conservazione e del restauro delle decorazioni musivive nell'antica tradizione tipicamente marciana;
  • la Fabbriceria, responsabile dei lavori di restauro e manutenzione degli immobili e dei beni mobili della fabbrica cattedrale.

Dalla Procuratoria dipende tutto il personale amministrativo, di custodia e vigilanza della basilica.

L'attuale Primo Procuratore di San Marco è l'avv. Giorgio Orsoni, ex sindaco di Venezia dimissionario dopo essere arrestato nel giugno 2014 in relazioni alle tangenti per gli scandali del Mose. Ha patteggiato pena.

Proto l'Arch. Ettore Vio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Da Mosto, Andrea: L'Archivio di Stato di Venezia, Biblioteca d'Arte editrice, Roma, 1937.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Frederic C. Lane, Storia di Venezia, Edizioni Einaudi, 1978, Torino, pag.117: "Il numero dei procuratori salì da uno nel secolo XII a quattro nel XIII; dopo che ebbero cessato di percepire uno stipendio furono portati generosamente a nove."
Venezia Portale Venezia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia