Istria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Istria (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 45°15′40″N 13°54′16″E / 45.261111°N 13.904444°E45.261111; 13.904444

Istria
(IT) Istria
(SLHR) Istra
Istria – Stemma Istria – Bandiera
Vista su Pola
Vista su Pola
Stati Croazia Croazia
Slovenia Slovenia
Italia Italia
Regioni Grb Istarske županije.svg Regione istriana
Primorje-Gorski Kotar County coat of arms.png Regione litoraneo-montana
Litorale-Carso
Provincia di Trieste-Stemma.png Provincia di Trieste
Lingue croato, sloveno, italiano
Fusi orari UTC+1
Nome abitanti istriani
Istria – Mappa

L'Istria (in croato, sloveno e serbo Istra; in istrioto Eîstria; in tedesco Istrien; in greco Ἰστρία; in veneto Ístria) è una penisola nel mare Adriatico (superficie: circa 3.600 km²) situata tra il Golfo di Venezia, le Alpi Dinariche e il Golfo del Quarnero. Il nome deriverebbe dall'antico popolo degli Istri o dal latino Hister, cioè Danubio, a indicarla come regione del confine danubiano. Secondo le convenzioni geografiche l'Istria rientra nella regione geografica italiana.

La maggior parte dell'Istria appartiene alla Croazia. Una piccola parte, che comprende le città costiere di Isola d'Istria, Portorose, Pirano e Capodistria, rientra invece nel territorio della Slovenia. Una parte minima della penisola (limitata all'incirca ai territori del comune di Muggia e di San Dorligo della Valle/Dolina) si trova in territorio italiano.

La costa occidentale dell'Istria è lunga 242,5 km e con le isole 327,5 km. La costa orientale è lunga 202,6 km e con gli isolotti raggiunge i 212,4 km. La lunghezza totale della costa è 445,1 km (la costa frastagliata è lunga il doppio della rete stradale). La costa dell'Istria slovena è lunga circa 50 km.

L'Istria è legata per motivi storici, geografici e culturali al Friuli-Venezia Giulia e al Veneto. Le due regioni italiane prevedono dei capitolati di spesa nei propri bilanci a sostegno della minoranza italiana e per il mantenimento delle memorie storiche istro-venete.

Trasporto in Istria
Cartello autostradale plurilingue presso Capodistria

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La penisola ha forma triangolare e all'interno è delimitata dalla valle del Rosandra, dal valico di Erpelle-Cosina e dal solco di Castelnuovo d'Istria. Si distinguono tre tipologie di paesaggi, ognuno dominato da una colorazione caratteristica. L’Istria bianca, dominata da rocce calcaree e di morfologia montuosa, si eleva fino a 1396 m con il Monte Maggiore e si estende nelle zone settentrionali e orientali, quelle più scarsamente popolate. È il paesaggio tipico della Cicceria. L'Istria gialla (o grigia), prende il suo nome dal colore dei suoi terreni ricchi di rocce sedimentarie quali argilla, marna e arenaria e calcaree. Occupa la zona centrale della regione e si estende dal Golfo di Trieste al Quarnaro. L'Istria rossa, che presenta uno strato di terra rossa poggiato su rocce calcaree, è un altopiano che si estende dalle zone meridionali e occidentali (le più densamente popolate) fino raggiungere le coste.

Tutti i fiumi della regione hanno la loro origine nell’Istria gialla. Sul versante occidentale troviamo il Rosandra, il Risano, il Dragogna e il Quieto mentre su quello orientale l'Arsa.

Il Quieto, lungo 53 km, sorge nei pressi di Pinguente e sfocia nel Mare Adriatico, nelle vicinanze di Cittanova d'Istria.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Lungo la costa prevale il clima tipicamente mediterraneo, mentre verso l'entroterra si fa gradualmente sempre più continentale, per l'influsso dell'aria fredda proveniente dalle Alpi e dalle montagne circostanti. Le estati si presentano lunghe e asciutte, mentre gli inverni sono miti e gradevoli con rare nevicate. La media annuale della temperatura dell'aria lungo la costa settentrionale è di 14 °C, mentre nella parte meridionale e nelle isole è di 16 °C. Gennaio è il mese più freddo con una media di 6 °C, mentre luglio e agosto sono i mesi più caldi con una temperatura che oscilla attorno ai 24 °C. Il periodo in cui la media giornaliera della temperatura dell'aria supera i 10 °C dura all'incirca 260 giorni all'anno e il tempo caldo, con apici giornalieri che superano i 30 °C, dura al massimo una ventina di giorni.

La quantità delle precipitazioni aumenta dalla costa occidentale verso l'interno. I venti caratteristici sono la bora, lo scirocco e il maestrale. La bora soffia da nord verso sud recando  un tempo asciutto e sereno; il vento caldo lo scirocco, porta pioggia, mentre il leggero maestrale soffia d'estate dal mare verso la terraferma.

La temperatura minima del mare è in marzo quando varia fra i 9 e gli 11 °C, mentre tocca le sue punte maggiori in agosto, con 24 °C.  Il congelamento del mare nelle baie piccole e poco profonde è un fenomeno molto raro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Istria preromana e romana[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Illiri e Illyricum.
Nazario.jpg Noricum Pict 2.JPG
Ricostruzione grafica della città di Nesazio
(177 a.C.)
L'Istria nell'ambito dell'Impero Romano
(117 d.C.)

Il nome "Istria" deriva dalla tribù degli Istri (o Histri), di probabile origine illirica, che Strabone menzionò come abitanti di questa regione[1]. Gli Istri diedero vita insieme ai Liburni, ai Giapidi, ai Carni e ad altri gruppi etnici di minore importanza, alla cultura dei castellieri. Massimo centro politico, economico ed artistico sviluppatosi nell'ambito di tale cultura fu la città di Nesazio, situata nei pressi di Pola.

In epoca romana gli Istri vennero descritti come una tribù feroce di pirati, protetta dalla difficoltà di navigazione lungo le loro coste rocciose. Occorsero ai romani due campagne militari per soggiogarli (177 a.C.). Augusto creò numerose colonie di legionari in Istria, allo scopo di proteggere i confini orientali dell'Italia romana dai barbari. Secondo lo storico Theodor Mommsen, l'Istria era completamente latinizzata nel V secolo.

L'Alto Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, l'Istria venne saccheggiata dai Goti, quindi passò sotto il controllo di Bisanzio (538) e in questo periodo storico si sviluppò un dialetto del ladino parlato dagli abitanti della Istria settentrionale (nell'Istria meridionale si sviluppò l'Istrioto). Dopo una breve occupazione longobarda, l'Istria fu annessa al Regno Franco da Pipino d'Italia (789) venendo costituita in marca da Arnolfo di Carinzia (887-899). Risalgono a questo periodo le prime testimonianze sulla presenza di popolazioni slave nella regione istriana (Placito del Risano).

Frankenreich 768-811.jpg Patriarchat Aquileia.jpg
L'impero di Carlo Magno Nel trecento l'Istria risultava divisa tra Repubblica di Venezia, Patriarcato di Aquileia, Contea di Gorizia e Ducato di Carniola

Nel 933, con la pace di Rialto, Venezia ottenne un primo riconoscimento del diritto di navigare e commerciare lungo le coste istriane. In questo periodo gruppi di italici e di slavi si trasferirono in Istria. I primi si stabilirono lungo la costa e in alcune zone interne dell'Istria occidentale, mentre i secondi nell'entroterra e su alcuni tratti del litorale adriatico orientale.

Successivamente l'Istria fu controllata dai duchi di Merano, dal duca di Baviera (dal 952), dai duchi di Carinzia (dal 976) e dal patriarca di Aquileia (dal 1077).

Periodo veneziano[modifica | modifica wikitesto]

La dedizione spontanea alla Serenissima della maggior parte dell'Istria occidentale e meridionale iniziò nel XII secolo e poteva dirsi praticamente conclusa attorno alla metà del Trecento. L'entroterra istriano centro-settentrionale fu feudo del Patriarca di Aquileia e del Conte di Gorizia (il quale era contemporaneamente vassallo del Patriarca di Aquileia e del sovrano del Sacro Romano Impero) fino al 1445.

Joan Blaeu, Atlas Maior - Venezia.png Italia 1796.png
Mappa dei domini veneziani nel Cinquecento[2] I possedimenti della Repubblica di Venezia alla vigilia della caduta

Successivamente anche i territori del Patriarca di Aquileia (parte settentrionale dell'Istria interna) entrarono a far parte dello Stato veneto.

La massima estensione della sovranità veneziana sulla penisola istriana fu raggiunta in seguito all'esito del lodo arbitrale di Trento del 1535, quando Venezia ottenne anche una parte del territorio della villa di Zamasco nei pressi di Montona.

Da quel momento, Venezia conservò la sovranità su buona parte dell'Istria fino alla scomparsa del suo Stato ad opera di Napoleone nel 1797.

HRR 1400.png AvI Provinz Innerösterreich.jpg
Mappa storica in cui è rappresentata l'estensione dei possedimenti degli Asburgo nel Quattrocento Mappa del 1794

Nel 1335 gli Asburgo acquisirono il possesso della Carinzia e della Carniola, venendo così in contatto con i territori dei conti di Gorizia. Uno di essi - Alberto IV, conte d'Istria - oberato dai debiti e senza figli, nel 1354 stipulò un accordo con gli Asburgo, cedendo loro tutti i diritti sui suoi possedimenti alla sua morte (che avvenne nel 1374) in cambio del pagamento di tutte le sue pendenze. A partire dl 1374 gli Asburgo dominarono quindi anche una parte dell'Istria nord-orientale intorno a Castelnuovo e parte dell'Istria centro-orientale (Contea di Pisino).[3]. Tale dominio rimarrà ininterrotto fino al 1918, con l'eccezione del periodo delle guerre veneto-arciducali e della parentesi napoleonica.

Fra il XIV e il XVI secolo numerosi pastori romeni si rifugiarono in Istria durante le invasioni ottomane, e (mescolandosi con i discendenti dei locali ladini, secondo Antonio Ive[4]) formarono una popolazione di lingua istrorumena, tuttora presente a Seiane e nelle vallate intorno al Monte Maggiore dell'Istria. Durante i primi secoli dell'epoca moderna, e in particolare nel Seicento, la regione fu devastata da guerre e pestilenze, perdendo gran parte della propria popolazione[5]. Per colmare il vuoto che si era creato, il governo della Serenissima ripopolò ampie zone dell'Istria veneta con coloni di diverse etnie slave (oltre che con greci e albanesi)[6]. L'Istria assunse così la propria caratteristica composizione etnica, con la costa ed i centri urbani di lingua sia istroveneta che istriota e le campagne abitate prevalentemente da slavi e da altre popolazioni di origine balcanica.

Periodo napoleonico[modifica | modifica wikitesto]

A seguito del trattato di Campoformio l'Istria assieme a tutto il territorio della Repubblica di Venezia fu ceduta agli Asburgo d'Austria. Dal 1805 al 1813 cadde sotto la dominazione francese ed i suoi destini furono decisi da Napoleone. Dal 1805 al 1808 fece parte del Regno d'Italia napoleonico ed in seguito fu inserita nelle Province Illiriche, direttamente annesse all'Impero francese.

Periodo asburgico[modifica | modifica wikitesto]

Istria (ethnic).JPG Litorale austriaco 1897.jpg
Mappa etnografica dell'Istria e del Quarnero nel 1880 Litorale austriaco nel 1897

Nel 1814 l'Istria tornò sotto gli Asburgo. Nel 1825 venne costituita la provincia istriana unendo il territorio già veneziano al territorio già austriaco, con l'aggiunta delle isole quarnerine di Cherso, Lussino e Veglia. Nell'ambito delle varie riforme costituzionali dell'Impero, nel 1861 venne creata la Dieta istriana, con sede a Parenzo.

Quando Venezia si ribellò nel 1848, in alcune cittadine della costa occidentale si ridestò un sentimento di appartenenza alla vecchia dominante, unito ad una nuova consapevolezza nazionale. La vigilanza delle autorità venne rafforzata, di conseguenza la situazione rimase relativamente calma.

Importante fu il trasferimento da Venezia a Pola, della principale base della Marina imperiale. Tale decisione fu presa e seguito della insurrezione di Venezia nel 1848-49. In pochi anni Pola ebbe uno sviluppo tumultuoso, passando da poche centinaia di abitanti ai 30-40.000 di fine Ottocento. L'Istria al tempo era abitata da italiani, croati, sloveni e gruppi minori di valacchi/istro-rumeni e serbi. Con la delibera del 12 novembre 1866, del consiglio dei ministri austro-ungarico, su pressione dell'Imperatore Francesco Giuseppe, iniziò una politica di deitalianizzazione dell'Istria, "con energia e senza indugio alcuno", favorendo l'elemento slavo, reputato più malleabile.[7].

Secondo il censimento austriaco del 1910, su un totale di 404.309 abitanti dell'Istria, si ebbe la seguente ripartizione[8]:

  • 168.116 (41,6%) parlavano serbo-croato[9] (dialetti kajkavo e ibridi štokavo-ciakavo) prevalentemente concentrati nella zona centrale della penisola e nella costa orientale;
  • 147.416 (36,5%) parlavano italiano (istroveneto e istrioto in massima parte) prevalentemente concentrati lungo la costa occidentale e in alcune cittadine dell'interno
  • 55.365 (13,7%) parlavano sloveno prevalentemente concentrati nella zona rurale nord occidentale
  • 13.279 (3,3%) parlavano tedesco, prevalentemente concentrati nel comune di Pola
  • 882 (0,2%) parlavano romeno (istrorumeno)
  • 2.116 (0,5%) parlavano altre lingue
  • 17.135 (4,2%) erano cittadini stranieri a cui non era stato chiesto di dichiarare la lingua d'uso (in massima parte di nazionalità italiana).

Più specificamente, ecco la suddivisione per comune dell'intera provincia istriana nel 1910, con le rilevazioni della lingua d'uso:

Comune Nome croato/sloveno Lingua d'uso italiana Lingua d'uso slovena Lingua d'uso croata Lingua d'uso tedesca Altre lingue e stranieri Attuale appartenenza statale
Rovigno Rovinj 10859 63 57 320 1024 Croazia Croazia
Capodistria Koper 9840 2278 154 74 464 Slovenia Slovenia
Decani Dekani 9 6231 0 0 11 Slovenia Slovenia
San Dorligo della Valle Dolina 1 5198 1 4 57 Italia Italia
Maresego Marezige 0 3126 0 0 2 Slovenia Slovenia
Muggia Milje 8671 2299 4 38 566 Italia Italia
Occisla-San Pietro di Madrasso Očisla-Klanec 4 2682 0 6 3 Slovenia Slovenia
Paugnano Pomjan 719 3624 0 0 1 Slovenia Slovenia
Pinguente Buzet 658 2105 14164 7 23 Croazia Croazia
Rozzo Roč 216 46 3130 8 14 Croazia Croazia
Isola Izola 6215 2097 2 34 113 Slovenia Slovenia
Pirano Piran 12173 2209 118 161 549 Slovenia Slovenia
Cherso Cres 2296 97 5708 4 148 Croazia Croazia
Lussingrande Veli Lošinj 873 6 1169 130 285 Croazia Croazia
Lussinpiccolo Mali Lošinj 5023 80 2579 288 420 Croazia Croazia
Ossero Osor 1692 5 541 0 7 Croazia Croazia
Albona Labin 1767 151 9998 39 73 Croazia Croazia
Fianona Plomin 629 15 4141 1 897 Croazia Croazia
Antignana Tinjan 84 16 4100 4 2 Croazia Croazia
Bogliuno Boljun 18 14 3221 4 4 Croazia Croazia
Gimino Žminj 156 34 5498 0 25 Croazia Croazia
Pisino Pazin 1378 58 15966 44 181 Croazia Croazia
Buie Buje 6520 61 518 9 73 Croazia Croazia
Cittanova Novigrad 2086 0 0 0 189 Croazia Croazia
Grisignana Grožnjan 2903 32 1064 0 29 Croazia Croazia
Umago Umag 5609 8 321 4 150 Croazia Croazia
Verteneglio Brtonigla 2610 2 1 1 37 Croazia Croazia
Montona Motovun 2052 1042 3147 14 21 Croazia Croazia
Portole Oprtalj 3817 784 1182 0 7 Croazia Croazia
Visignano Višnjan 2421 5 2566 0 97 Croazia Croazia
Visinada Vižinada 2714 8 1708 7 16 Croazia Croazia
Orsera Vrsar 2321 19 2577 6 68 Croazia Croazia
Parenzo Poreč 8223 1 3950 34 324 Croazia Croazia
Barbana Barban 94 11 3995 1 7 Croazia Croazia
Dignano Vodnjan 5910 84 4520 92 129 Croazia Croazia
Sanvincenti Svetvinčenat 616 2 2555 3 13 Croazia Croazia
Pola Pula 30900 8510 16431 9500 10607 Croazia Croazia
Canfanaro Kanfanar 889 52 2832 5 17 Croazia Croazia
Valle Bale 2452 7 187 6 5 Croazia Croazia
Bescanuova Baška 5 9 3666 0 36 Croazia Croazia
Castelmuschio Omišalj 3 0 2229 0 10 Croazia Croazia
Dobasnizza Dubašnica 14 3 2989 4 18 Croazia Croazia
Dobrigno Dobrinj 3 1 4.038 2 2 Croazia Croazia
Ponte Punat 17 0 3057 0 17 Croazia Croazia
Veglia Krk 1494 14 630 19 39 Croazia Croazia
Verbenico Vrbnik 8 2 2924 0 6 Croazia Croazia
Castelnuovo Podgrad 7 5471 1809 0 7 Slovenia Slovenia
Elsane Jelšane 0 3729 467 1 10 Slovenia Slovenia
Matteria Materija 0 4223 755 6 4 Slovenia Slovenia
Castua Kastav 81 380 19252 67 523 Croazia Croazia
Laurana Lovran 595 2334 489 376 397 Croazia Croazia
Moschiena o Moschenizze Moščenice 12 0 3150 0 2 Croazia Croazia
Apriano o Veprinaz Veprinac 24 104 2401 422 500 Croazia Croazia
Volosca-Abbazia Volosko-Opatija 235 724 2155 1534 1904 Croazia Croazia

Questi dati si riferiscono all'intero marchesato d'Istria, che amministrativamente comprendeva anche aree non appartenenti alla penisola – tra cui le isole di Cherso e Lussino (la cui popolazione era nel complesso a leggera maggioranza croata, con prevalenza italiana a Lussinpiccolo, al tempo una delle più dinamiche cittadine dell'intera costa adriatica orientale), nonché l'isola di Veglia –, o località carsiche ai confini settentrionali la cui appartenenza all'Istria non veniva da tutti accettata – come Castelnuovo d'Istria (abitata prevalentemente da sloveni). Per questa ragione i dati vennero criticati da storici e linguisti italiani come Matteo Bartoli. Altra critica che venne mossa al censimento del 1910 riguardò la nazionalità dei funzionari preposti ad effettuare le rilevazioni e che, essendo impiegati comunali avevano la possibilità di manipolare i risultati del censimento.[10]. Gli Italiani e gli slavi si accusarono a vicenda di falsificazioni.[11]. In senso generale, gli italiani erano maggioranza assoluta in tutta la fascia occidentale costiera e nell'agro buiese nonché in quasi tutti i centri principali dell'interno, il che aveva causato in epoca moderna una serie di dicotomie collegate alla differenziazione etnica di base: gli italiani in genere erano cittadini, più ricchi e più istruiti e dominavano nelle classi intellettuali; sloveni e croati erano invece in genere contadini e più poveri e solo nel tardo XIX secolo iniziarono ad esprimere dal proprio interno un ceto intellettuale. Frequente fu quindi in età moderna il processo di italianizzazione collegato allo spostamento delle famiglie dalle campagne verso le città o collegato al miglioramento economico: si assiste quindi a quel singolare fenomeno per cui fra i maggiori irredentisti filoitaliani vi siano stati anche dei personaggi appartenenti a famiglie di ceppo slavo, italianizzatesi nel tempo.

Nel XIX secolo, con la nascita e lo sviluppo dei movimenti nazionali italiano, croato e sloveno, iniziarono i primi attriti fra gli italiani da una parte e gli slavi dall'altra. L'Istria era una delle terre reclamate dall'irredentismo italiano. Gli irredentisti sostenevano che il governo Austro-ungarico incoraggiava l'immigrazione di ulteriori slavi nella regione per contrastare il nazionalismo degli italiani.[12]

Notevoli furono i benefici sull'economia della penisola, che negli ultimi anni del dominio asburgico migliorò alquanto, grazie anche al turismo balneare proveniente dalle regioni dell'Impero.

Suddivisione amministrativa in età asburgica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Margraviato d'Istria.

Nel 1910[13] il marchesato contava 403.566 abitanti sparsi su 4.956 km², ed era suddiviso in sette distretti amministrativi (Politischer Bezirk). In ogni distretto amministrativo esistevano diversi distretti giudiziari (Gerichtsbezirk), che comprendevano uno o più comuni (Ortsgemeinde). La città di Rovigno era regolata da uno statuto autonomo. I nomi delle località riportati nel successivo schema sono registrati nei Repertori speciali delle regioni dell'Impero, alcune volte differenti rispetto ai nomi utilizzati dalle popolazioni locali all'epoca o in epoche successive, così come in qualche caso risultano differenti rispetto ai nomi ufficiali dell'epoca o di epoche successive[14].

Tra la prima e la seconda guerra mondiale: l'Istria italiana[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Provincia dell'Istria.
Litorale 1.png Venezia Giulia province.png
Con il Trattato di Rapallo (1920) l'Italia ottenne
l'intero Litorale Austriaco, parte della Carinzia e
parte della Carniola.
Divisione amministrativa dell'Istria tra le provincie di Trieste (colore verde), Pola (giallo) e Fiume (rosso)

A seguito della vittoria italiana nella prima guerra mondiale con il trattato di Saint-Germain-en-Laye (1919) e il trattato di Rapallo (1920), l'Istria divenne parte del Regno d'Italia.

Il censimento del 1921 ribaltò i risultati della rilevazione austriaca del 1910, sia per quanto riguarda la Venezia Giulia nel suo insieme, che per l'Istria, indicando in regione una maggioranza di popolazione culturalmente italiana. Secondo le rilevazioni censuali di quell'anno la popolazione istriana appartenente al gruppo linguistico italiano risultava composta da ben 199.942 unità (58,2% del totale). Seguiva il gruppo croato, predominante secondo i dati del censimento anteriore, con 90.262 parlanti (26,3%), e quello sloveno con 47.489 (13,8%). Le restanti 5.708 unità (1,7%) vennero invece classificate come "altri"[15]. Anche questo censimento, come il precedente, fu oggetto di numerose critiche: molti istriani di lingua croata si definirono italiani e in alcune località (Briani, frazione di Fianona, Sanvincenti, ecc.) i dati ottenuti erano scarsamente rappresentativi della realtà linguistica dei rispettivi comuni. Nonostante queste critiche, durante la conferenza di pace, i dati di questo censimento vennero generalmente utilizzati, insieme a quelli del 1910, dai rappresentanti dei paesi partecipanti[16]. Carlo Schiffrer si sentì in dovere di rettificare i risultati del censimento del 1921 come si può evincere dalla tabella riprodrotta qui di seguito. Con le rettifiche dello Schiffrer l'etnia italiana in Istria continuava ad avere una predominanza numerica sui gruppi nazionali di origine slava, ma meno accentuata rispetto a quella risultante dai dati censuali del 1921.

Zona Lingua d'uso italiana Lingua d'uso slovena Lingua d'uso croata Altri
Parte della Venezia Giulia assegnata alla Slovenia 4000 167000 0 0
Parte della Venezia Giulia assegnata all’Italia 112000 21000 0 0
Zona A del Territorio Libero di Trieste 184000 45000 0 0
Zona B del Territorio Libero di Trieste 50000 28000 0 0
Parte della Venezia Giulia assegnata alla Croazia 138000 0 122000 24000

Con l'avvento del fascismo (1922) si inaugurò una politica d'italianizzazione della regione:

Volantino distribuito dagli squadristi a Dignano
  • Nelle scuole fu vietato l'insegnamento del croato e dello sloveno in tutte le scuole della regione. Con l'introduzione della Legge n. 2185 del 1/10/1923 (Riforma scolastica Gentile), fu infatti abolito nelle scuole l'insegnamento delle lingue croata e slovena. Nell'arco di cinque anni tutti gli insegnanti croati delle oltre 130 scuole con lingua d'insegnamento croata e tutti gli insegnanti sloveni delle oltre 70 scuole con lingua d'insegnamento slovena, presenti in Istria, furono sostituiti con insegnanti originari dell'Italia, che imposero agli alunni l'uso esclusivo della lingua italiana[17][18]
  • Con il R. Decreto N. 800 del 29 marzo 1923 furono imposti d'ufficio nomi italiani a tutte le località dei territori assegnati all'Italia col Trattato di Rapallo, anche laddove precedentemente prive di denominazione in lingua italiana, in quanto abitate quasi esclusivamente da croati o sloveni (questo decreto colpì soltanto un piccolo numero di frazioni).[19]
  • In base al Regio Decreto Legge N. 494 del 7 aprile 1926 le autorità fasciste riuscirono a italianizzare i cognomi di diversi croati e sloveni.[20].
Zone in cui operava la resistenza iugoslava (1943)

Tali soprusi vennero denunciati da molti italiani antifascisti e dallo stesso prefetto Giuseppe Cocuzza che, in un pro memoria del 2 settembre 1943 metteva in evidenza un diffuso senso di paura di vendetta che avrebbe potuto spingere successivamente le popolazioni slave ad infierire contro gli italiani dell'Istria.

A seguito degli avvenimenti dell'8 settembre del 1943 la comunità italiana restò in balia di tedeschi e della resistenza croata. Quest'ultima era più efficiente e preparata militarmente del movimento di liberazione sloveno che invece operava nella parte settentrionale della penisola. Buona parte della regione cadde, per un breve periodo, sotto il controllo dei partigiani slavi aderenti al movimento partigiano di Tito. In questo breve lasso di tempo si verificarono i primi episodi di violenza anti-italiana, che provocarono un numero non del tutto precisato di vittime (tra 250 a 500).

Occupazione tedesca[modifica | modifica wikitesto]

Zona d'operazioni del Litorale Adriatico (settembre 1943 – maggio 1945)

Il due ottobre 1943, a seguito dell'Armistizio di Cassibile, fino al termine del conflitto mondiale, l'Istria fu occupata da ingenti forze militari tedesche, che la incorporarono ufficialmente alla cosiddetta Zona di Operazioni del Litorale Adriatico o OZAK (acronimo di Operations Zone Adriatisches Küstenland) sottraendola totalmente al controllo della neonata Repubblica Sociale Italiana, e annettendola di fatto alla Germania del Terzo Reich (anche se non fu formalmente proclamata la sua annessione, dato che, secondo Hitler, essa sarebbe poi ufficialmente avvenuta a guerra conclusa[senza fonte]).

L’Operazione Nubifragio con cui i Tedeschi assunsero il controllo militare nella Zona di Operazioni del Litorale Adriatico venne coordinata dal generale Paul Hausser, comandante della 2. Panzerkorps-SS

L’occupazione ebbe inizio nella notte del 2 ottobre 1943 sotto il comando del generale delle SS Paul Hausser. I tedeschi penetrarono in Istria con tre colonne, precedute da forti bombardamenti aerei, raggiungendo in pochi giorni tutte le principali località. I reparti partigiani furono annientati o costretti alla fuga. L'operazione iniziata ai primi di ottobre si concluse il 9 ottobre con la conquista di Rovigno.

Il rastrellamento antipartigiano dell'Istria andò avanti tutto il mese di ottobre, colpendo con brutalità i seguaci del Maresciallo Tito. Le vittime partigiane furono circa 2.500[senza fonte].

L'amministrazione civile fu affidata al Supremo Commissario Friedrich Rainer. Si realizzò così il predeterminato disegno di Hitler, Himmler, e Joseph Goebbels di occupare militarmente e poi annettere a guerra conclusa tutti i vasti territori che furono un tempo sotto il dominio dell'Impero Austro-Ungarico. Il Supremo Commissario Tedesco creò il Tribunale Speciale di Sicurezza Pubblica per giudicare gli atti di ostilità alle autorità tedesche, la collaborazione col nemico, le azioni di sabotaggio. Il Tribunale non era tenuto a seguire le norme procedurali consuete e le domande di grazia potevano essere inoltrate ed accolte solo da Rainer.

Il comandante militare della regione Ludwig Kübler avviò una lotta crudele e senza quartiere al movimento partigiano comandato da Tito, attraverso l'utilizzo di forze armate collaborazioniste italiane (oltre a forze slovene, croate, serbe, russe, ecc.). Nel Litorale operarono infatti varie formazioni tra cui due reparti regolari dell’esercito della Repubblica Sociale Italiana (Battaglione Bersaglieri Mussolini e Reggimento Alpini Tagliamento), la Milizia Difesa Territoriale (il nuovo nome voluto da Rainer per la Guardia Nazionale Repubblicana nell'OZAK), le Brigate nere, la Polizia di Pubblica Sicurezza (di cui fece parte la famigerata Banda Collotti), la Guardia Civica, i battaglioni italiani volontari di polizia, la polizia tedesca e vari reparti di collaborazionisti sloveni, croati, serbi e russi-cosacco-caucasici.

Mappa tratta da un atlante militare americano che rappresenta la situazione dei fronti europei al 1º maggio 1945

Tra la fine di aprile e i primi di maggio del 1945 l'Istria, grazie allo sforzo congiunto della resistenza locale (sia slava che italiana), fu liberata dall'occupazione tedesca dall'armata jugoslava di Tito.

Il dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Confini Trieste-Istria2.jpg Territorio libero di Trieste carta.png
I confini orientali italiani dal 1945. Si noti in rosso la Linea Morgan, che divise la regione nel giugno 1945 in Zona A e Zona B in attesa delle decisioni del trattato di Parigi (1947) fra l'Italia e le potenze alleate. Pola era un'exclave nell'Istria meridionale, e faceva parte della "Zona A" Territorio libero di Trieste, definito dal trattato di Parigi (10 febbraio 1947). Secondo le stime della Commissione internazionale inviata dalle quattro potenze nel 1946 nella Zona A risiedevano circa 63.000 sloveni, mentre nella Zona B risiedevano circa 51.000 italiani[senza fonte].

La successiva politica di persecuzioni, vessazioni ed espropri messa in atto da Tito ai danni della popolazione italiana, culminata nel dramma dei massacri delle foibe, nelle quali persero la vita 20.000 civili[21], spinse la massima parte della popolazione locale di etnia italiana ad abbandonare l'Istria, dando vita ad un vero e proprio esodo (si stima che le persone coinvolte nell'esodo furono tra i 300.000 e le 350.000[21][22][23])-

Dopo la fine della seconda guerra mondiale con il trattato di Parigi (1947), l'Istria fu assegnata alla Jugoslavia che l'aveva occupata, con l'eccezione della cittadina di Muggia e del comune di San Dorligo della Valle inserite nella Zona A del Territorio libero di Trieste.

La Zona B del Territorio libero di Trieste rimase temporaneamente sotto amministrazione jugoslava, ma dopo la dissoluzione del Territorio Libero di Trieste nel 1954 (memorandum di Londra), fu di fatto incorporata alla Jugoslavia; l'assegnazione della Zona B alla Jugoslavia fu ufficializzata col trattato di Osimo (1975).

L'esodo e i massacri delle foibe[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Massacri delle foibe, Esodo istriano, Toscana (piroscafo) e Questione triestina.

Durante e subito dopo la seconda guerra mondiale un certo numero di italiani fu soppresso dai partigiani titini. Sulla quantificazione delle vittime vi sono tuttora aspri dibattiti: le stime vanno da 4.000 a 30.000 italiani trucidati[24], all'interno di un ben più ampio processo di eliminazione postbellica degli oppositori - reali o presunti - del costituendo regime comunista jugoslavo che durò fino agli anni cinquanta e le cui stime variano fra le 350.000 e le 800.000 vittime[25]. Alcuni esponenti del PCI, successivamente alla rottura fra Tito e Stalin del 1948 giudicarono con estrema durezza gli autori di tali crimini. Lo stesso Vittorio Vidali, istriano di Muggia e notissima figura del comunismo italiano dell'epoca, si riferì ai «trozkisti titini» come a «una banda di assassini e spie»[26].

Norma Cossetto, ragazza italiana ventitreenne uccisa in una foiba

Questo processo di slavizzazione forzata[27] secondo alcuni[28] sarebbe confermato dalla testimonianza del braccio destro di Tito, Milovan Gilas, che affermò testualmente d'essere andato in Istria nel 1946 assieme a Edvard Kardelj per «organizzare la propaganda anti-italiana» e «dimostrare alla commissione alleata che quelle terre erano jugoslave» organizzando «manifestazioni con striscioni e bandiere». Il fine degli jugoslavi - per Gilas - era quello di indurre gli italiani «ad andare via con pressioni d'ogni genere».[29] La testimonianza di Gilas tuttavia è reputata "di limitata attendibilità" e "da considerare con una certa cautela" dallo storico Raoul Pupo.[30] In un'intervista concessa al Giornale di Brescia nel 2006, Pupo si è spinto oltre, definendo tale testimonianza una "bufala sparata da Gilas": secondo Pupo è stato dimostrato che nel 1946 Gilas non si recò mai in Istria.[31]

Altri storici, invece, contestano l'esistenza di una preordinata e sistematica politica di pulizia etnica attuata dagli jugoslavi ai danni della comunità italiana e tantomeno considerano l'esodo quale diretta conseguenza delle Foibe; tra questi il triestino Sandi Volk che nel saggio “Esuli a Trieste” rileva tra le cause principali dell’esodo anche l'atteggiamento assunto dalle organizzazioni filoitaliane che avrebbero caldeggiato un «esodo di massa, con il quale speravano di riuscire a ottenere la revisione dei confini»[32]

Negli anni del dopoguerra il graduale riconoscimento alla Jugoslavia della sovranità sulla Dalmazia, Quarnero e Istria portò la gran maggioranza degli Italiani ivi residenti[33] ad intraprendere la via dell’esilio.

Una celebre fotografia del piroscafo Toscana impiegato per il trasporto dei profughi dal porto di Pola da gennaio a marzo del 1947
Maria Pasquinelli, il 10 febbraio 1947 – giorno della firma del Trattato di Parigi, per protesta contro la cessione dell'Istria e della Dalmazia alla Jugoslavia, uccise il comandante della guarnigione britannica di Pola.

L'esodo si intensificò con la firma del trattato di Parigi del 10 febbraio 1947, che prevedeva la definitiva assegnazione di gran parte dell'Istria alla Jugoslavia (ad esclusione della Zona B del Territorio libero di Trieste). Il Trattato di Parigi prevedeva per chi volesse mantenere la cittadinanza italiana l'abbandono della propria terra.

Per commemorare questi drammatici eventi è stato istituito in Italia dal 2005 un Giorno del ricordo: il 10 febbraio - anniversario della firma del trattato di Parigi (1947).

L'ultima fase migratoria ebbe luogo dopo il 1954 allorché il Memorandum di Londra assegnò definitivamente la zona B del Territorio Libero di Trieste alla Jugoslavia.

Come in altri casi di pulizia etnica, eliminato il "problema italiano", le nuove autorità slave provvidero a cancellare anche la memoria della presenza italiana in Istria: i monumenti furono abbattuti, le tombe divelte dai cimiteri, la toponomastica cambiata. Le proprietà italiane vennero interamente confiscate ed assegnate agli slavi che vennero insediati nella regione ormai vuota dei suoi precedenti abitanti.

Quando l'ultima ondata dell'esodo fu completata, l'Istria aveva perduto metà della sua popolazione e gran parte della sua identità sociale e culturale. Non c'è accordo fra gli storici sul numero degli esodati[34], ma si stima che circa il 90% degli appartenenti al gruppo etnico italiano abbia abbandonato definitivamente l'Istria. Attualmente (in base al censimento croato del 2001 e di quello sloveno nel 2002) nella parte dell'Istria assegnata alla Jugoslavia vivono non meno di 18.700 abitanti di lingua madre italiana[35], di cui circa 15.850 risiedono sul territorio dello Stato croato e circa 2.850 risiedono sul territorio dello Stato sloveno.

L'Istria nella Jugoslavia socialista[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Esodo dei cantierini monfalconesi 1946 - 1948.

Dopo l'esodo, le aree rimaste disabitate furono ripopolate da croati e sloveni e, in minor numero, da popolazioni di altre nazionalità jugoslave, come serbi, bosniaci e montenegrini. Parimenti vi fu un notevole flusso della popolazione rurale sparsa (in larga parte istro-croata), specie delle aree più depresse, verso le cittadine ed i borghi in cui la pressoché totalità delle abitazioni e dei poderi erano rimasti vuoti ed abbandonati.
Nella seconda metà degli anni cinquanta l'esodo era pressoché concluso e le persecuzioni più evidenti cessarono. Agli italiani rimasti furono assicurate dai trattati internazionali delle tutele, anche se molto spesso solo sulla carta. In alcune città dell'Istria – prevalentemente quelle della ex Zona B del Territorio Libero di Trieste, come previsto dal Memorandum di Londra del 1954 – gli jugoslavi dovettero conservare l'uso dell'italiano, consentendo il bilinguismo (sloveno-italiano o croato-italiano); la bandiera della comunità nazionale italiana (il tricolore italiano con la stella rossa al centro: la stessa bandiera utilizzata dai partigiani italiani filojugoslavi durante la guerra) dovette essere esposta sugli edifici pubblici e nelle cerimonie, affiancando le altre bandiere ufficiali jugoslave. Furono mantenuti alcuni periodici e una radio (dal 1971 radio-televisione) in italiano, il tutto comunque strettamente asservito al volere ed al controllo del partito e destinato soprattutto a svolgere propaganda filojugoslava verso l'Italia; le autorità dovettero inoltre garantire agli italiani il diritto di ricevere l'istruzione elementare e media nella propria lingua, anche se la chiusura di decine di scuole italiane e il divieto di frequentare le restanti che colpì molti allievi (in particolare dal 1953, col famigerato decreto Peruško) spesso impedì che tale diritto potesse trovare una attuazione pratica. In realtà, tutte le forme di tutela previste dalla costituzione e dalle leggi jugoslave furono spesso meramente formali, tanto che alcuni fra gli studiosi della minoranza affermano che durante il regime comunista vi fosse "una realtà revanscista che minacciava di sopprimerli"[36]. Parecchi cittadini di madrelingua italiana che decisero di restare in Istria dopo il 1947 furono sottoposti, dopo la rottura di Tito con Stalin nel 1948, a persecuzioni in quanto sospetti di essere "stalinisti". Alcuni furono internati nel famigerato gulag sull'Isola Calva ed in altre strutture concentrazionarie e di "rieducazione" sparse nel Paese. Tra i superstiti di questo campo di concentramento va ricordato il noto poeta in istrioto Ligio Zanini.

Porto di Capodistria.

Istria contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la disgregazione della Jugoslavia gli stati sovrani di Croazia e Slovenia hanno mantenuto nell'area istriana i confini delle rispettive repubbliche federali.

Tra Croazia e Slovenia si è aperta una disputa confinaria riguardo alla linea di demarcazione in corrispondenza del Vallone di Pirano, con ripercussioni sul confine marittimo tra i due stati.

Dall'adesione della Slovenia all'Unione Europea sono stati aboliti i controlli frontalieri tra Italia e Slovenia, rendendo la porzione settentrionale dell'Istria uno spazio senza barriere di confine. Il 1º luglio 2013 la Croazia ha aderito all'Unione Europea, ma non rientra ancora nella "zona Schengen", per cui permangono controlli alle frontiere.[37]

Nell'Istria italiana e nell'Istria slovena si usano gli Euro; invece nell'Istria croata si usano le Kune.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

I popoli autoctoni dell'Istria sono: croati, italiani, sloveni, istrorumeni.

Come accade in molte regioni di confine, i concetti di etnia e di nazionalità mostrano i loro limiti anche quando vengono applicati alla regione giuliana (comprendente Trieste, Gorizia, Istria e Fiume). Spesso si usano i termini Italiano, Croato, Sloveno ed Istrorumeno per descrivere l'appartenenza etnica degli Istriani. Nella realtà questi aggettivi sono molto sfumati e sono spesso solo dei sentimenti di appartenenza, che possono esistere anche in assenza degli attributi linguistici, culturali e storici. Talvolta sono il risultato di una scelta personale: per fare un esempio il celebre irredentista triestino Guglielmo Oberdan, era di famiglia mista italo-slovena e si chiamava Oberdank, mentre l'altrettanto noto scrittore-patriota Scipio Slataper, volontario nell'esercito italiano durante la prima guerra mondiale, era, in parte, di origine boema. Si riscontrano molti casi di famiglie che si sono spezzate in rami italiani e slavi (anche a livello di fratelli e cugini) a seconda delle vicende personali.

Istria census 1910.PNG Istria italiani 2001.png
Diffusione degli italofoni nei comuni catastali istriani secondo il censimento del 1910 Distribuzione per comuni degli italiani madrelingua nella Regione Istriana (Croazia) (2001)

Nel contesto istriano, il termine italiano può riguardare sia un discendente di quegli italiani trasferitisi durante la sovranità italiana, sia un autoctono di lingua veneta o di lingua istriota. In quest'ultimo gruppo a volte potevano essere inclusi anche i discendenti delle popolazioni slave residenti nelle zone rurali che adottarono la lingua e la cultura della borghesia italiana, quando, dalla campagna, si trasferirono nelle città a maggioranza italiana.

Discorsi analoghi possono essere fatti per gli slavi, le cui origini sono ancora più variegate.

Ignorando questa situazione, le diverse potenze nazionali hanno sempre censito gli istriani solo in base alla parlata.

Andando incontro alla vera natura dell'Istria, molti istriani tendono oggi a considerarsi semplicemente istriani, senza nessun altro ulteriore sentimento nazionale.

Nell'intero territorio istriano è oggi presente un notevole movimento particolarista e autonomista che si è espresso in vari modi, ma ha avuto una configurazione politica soltanto nell'Istria croata, dove il partito regionalista della Dieta Democratica Istriana ha conquistato l'egemonia nella politica locale.

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Istria lingueitaliche2001.png Romance 20c it.svg
Distribuzione dei residenti di etnia italiana, veneta o istriana (giuliana) che adottano una delle lingue italiche o derivate (2001) Mappa delle lingue romanze con indicazione delle aree in cui erano diffusi l'istrioto e l'istrorumeno
Diffusione della lingua e dei dialetti italiani prima della seconda guerra mondiale (Clemente Merlo: Lingue e dialetti d'Italia, Milano 1937, p.4)
Aree di lingua istriota:
(nel 1850 - verde, nel 1900 - grigio, nel 1950 - linea rossa);
nel 2000 solo sparuti gruppi nei sei centri cittadini indicati nella mappa.
Aree popolate dagli Istrorumeni in Istria:
nel 1810 - linea verde,
nel 1920 - tratteggiato verde.

Oltre all'italiano (che oggigiorno gode di una certa tutela sia nell'Istria slovena che in parte di quella croata), in Istria vengono utilizzati anche due ulteriori distinti idiomi autoctoni di origine romanza: l'istroveneto e l'istrioto.

L'istroveneto è considerato un dialetto, o una varietà, del veneto.

L'istrioto è un'evoluzione autonoma del latino volgare con forti influenze venete e, in minor misura, dalmate e slave.

Entrambe le parlate si iniziarono con ogni probabilità a formare ancor prima della dominazione veneziana.

Romanzo è anche l'istrorumeno utilizzato da un esiguo numero di Istriani.

Tra gli Istriani croati è prevalentemente usato il dialetto ciacavo e in minor misura lo stocavo e il caicavo.

Tra gli Istriani sloveni prevale il dialetto istriano, seguito da quello litoraneo. Va inoltre evidenziato che le parlate delle città costiere (Capodistria, Isola, Pirano) sono completemente differenti dai dialetti rurali, in quanto sviluppate nel secondo dopoguerra con la fusione di vari dialetti portati dagli immigrati che sostituirono l'originaria popolazione italiana.

Buona parte della popolazione dell'Istria costiera è in grado di parlare italiano, o almeno capirlo, anche per l'influsso della TV e del turismo italiano.

Informazioni generali[modifica | modifica wikitesto]

Istria italiana[modifica | modifica wikitesto]

Porto di Muggia

Comune di San Dorligo della Valle/Dolina[modifica | modifica wikitesto]

  • Numero di abitanti: 6.025 (Anagrafe Comunale 31.12.2004)
  • Lingua ufficiale: italiana (secondo lo statuto nell'attività del Comune è garantita pari dignità sociale alla lingua slovena)
  • Gruppi linguistici d'appartenenza: 4.009 sloveni (70,5%), 1.659 italiani (29,2%), 15 altri (0,3%) (censimento 1971, popolazione 5.683)
  • Valuta: l'Euro

Comune di Muggia[modifica | modifica wikitesto]

  • Numero di abitanti: 13.208 (Anagrafe Comunale 31.12.2004)
  • Lingua ufficiale: italiana
  • Gruppi linguistici d'appartenenza: 12.424 italiani (94,8%), 623 sloveni (4,8%), 57 altri (0,4%) (censimento 1971, popolazione 13.104)
  • Valuta: l'Euro

Istria slovena[modifica | modifica wikitesto]

██ Area di utilizzo dei dialetti appartenenti al gruppo dialettale litoraneo nell'ambito dei principali gruppi dialettali sloveni[38]
1 – Dialetto istriano

  • Divisione amministrativa: comuni di Capodistria (Koper), Isola d'Istria (Izola) e Pirano (Piran)
  • Superficie: 384 km²
  • Numero di abitanti: 78.846 (censimento 2002)
  • Fiumi: Risano (Rižana), Ospo (Osapska reka)
  • Lingue ufficiali: slovena, italiana (in una parte delle zone costiere)
  • Lingue materne: 56.482 slovena (75,13%), 13.579 croata (18,08%), 2.853 italiana (3,80%), 3.669 sconosciuta (-)
  • Composizione etnica: sloveni (68,4%), croati (4,8%), serbi (3,4%), bosniaci (2,5%), italiani (2,3%), istriani (1,5%), albanesi (0,6%), altri (18,0%) (censimento 2002)
  • Valuta: dal 2007 è l'Euro, in precedenza era il tallero sloveno (tolar)
Pirano

Istria croata[modifica | modifica wikitesto]

Regione Istriana[modifica | modifica wikitesto]

Diffusione delle principali varianti del dialetto ciakavo (croato) in Istria[39]

██ ciakavo settentrionale

██ ciakavo meridionale

██ ciakavo sud-occidentale

  • Posizione: la Regione Istriana è la contea più ad ovest della Croazia.
  • Superficie: 2.820 km²
  • Numero di abitanti: 206.344 (censimento 2001)
  • Fiumi: Dragogna, Quieto, e Arsa
  • Centro amministrativo: Pisino, 9.000 abitanti
  • Centro economico: Pola, 59.000 abitanti
  • Lingue ufficiali: croata, italiana
  • Lingue materne: 183.636 croata (89,00%), 15.867 italiana (7,71%), 1.894 slovena (0,92%), 1.877 albanese (0,91%), 655 sconosciuta (-) (censimento 2001)
  • Composizione etnica: 148.328 croati (71,88%), 14.284 italiani (6,92%), 6.613 serbi (3,20%), 3.077 bosniaci (1,49%); 8.865 istriani (4,30%), 13.113 non dichiarati (6,35%) (censimento 2001)
  • Valuta: la kuna croata (kn).
    Monte Maggiore/Učka: vista sul Quarnero

Regione litoraneo-montana (parte istriana)[modifica | modifica wikitesto]

  • Divisione amministrativa: comuni di Abbazia, Laurana, Mattuglie, e Val Santamarina
  • Superficie: 310 km²
  • Numero di abitanti: 28.891 (censimento 2001)
  • Lingua ufficiale: croata
  • Lingue materne: 27.440 croata (95,29%), 554 slovena (1,93%), 278 italiana (0,97%), 125 sconosciuta (-) (censimento 2001)
  • Composizione etnica: 25.398 croati (88,33%), 657 serbi (2,28%), 556 sloveni (1,93%), 287 italiani (1,00%), 1.032 non dichiarati (3,59%) (censimento 2001)
  • Valuta: la kuna croata (kn).

Istriani celebri[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli istriani celebri di ogni nazionalità (inclusi gli esuli) si ricordano:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strabone scrive: «Dopo il Timavo c'è la costa degli Istri fino a Pola, che fa parte dell'Italia» e ancora: «Sono pertanto i Veneti e gli Istri che popolano la regione oltre il Po fino a Pola». Citazioni tratte da: Strabone, Geografia (ΓΕΩΓΡΑΦΙΚΑ), libro V, 1.9
  2. ^ L'autore, Blaeu, non segnala sulla mappa la contea asburgica di Pisino, poiché il suo Atlante si basa sull'opera del 1570 Theatrum Orbis Terrarum di Abraham Ortelius che riporta dati politici anteriori al 1536 (quando Pisino era veneziana da un secolo).
  3. ^ Boris Gobmač: Atlante storico dell'Adriatico orientale (op. cit.)
  4. ^ Antonio Ive, I dialetti ladino-veneti dell'Istria
  5. ^ Sotto il profilo demografico catastrofica fu l'epidemia del 1630 che decimò la popolazione istriana, (A Parenzo ad esempio, sopravvissero solo trenta residenti, mentre Capodistria perse circa i due terzi dei propri abitanti). Cfr. a tale proposito: Raoul Pupo, Il lungo esodo (pag. 15), Milano, Rizzoli, 2005, ISBN 88-17-00562-2
  6. ^ Raoul Pupo, Il lungo esodo (pag. 15), Milano, Rizzoli, 2005, ISBN 88-17-00562-2
  7. ^ L'ordine dell'imperatore fu intitolato "Misure contro l’elemento italiano in alcuni territori della Corona", ossia "Maßregeln gegen das italienische Element in einigen Kronländern": “Se. Majestät sprach den bestimmten Befehl aus, daß auf die entschiedenste Art dem Einflusse des in einigen Kronländern noch vorhandenen italienischen Elementes entgegengetreten und durch geeignete Besetzung der Stellen von politischen, Gerichtsbeamten, Lehrern sowie durch den Einfluß der Presse in Südtirol, Dalmatien und dem Küstenlande auf die Germanisierung oder Slawisierung der betreffenden Landesteile je nach Umständen mit aller Energie und ohne alle Rücksicht hingearbeitet werde. Se. Majestät legt es allen Zentralstellen als strenge Pflicht auf, in diesem Sinne planmäßig vorzugehen”. La delibera è reperibile in Die Protokolle des Österreichischen Ministerrates 1848/1867. V Abteilung: Die Ministerien Rainer und Mensdorff. VI Abteilung: Das Ministerium Belcredi, Wien, Österreichischer Bundesverlag für Unterricht, Wissenschaft und Kunst 1971; la citazione compare alla Sezione VI, vol. 2, seduta del 12 novembre 1866, p. 297
  8. ^ I censimenti della popolazione dell'Istria, con Fiume e Trieste, e di alcune città della Dalmazia tra il 1850 e il 1936 di Guerrino Perselli
  9. ^ I censimenti austriaci non facevano distinzione fra croato e serbo
  10. ^ Perciò nei comuni con amministrazione italiana (circa 70% dei comuni istriani vedi:Istria. Storia, cultura, arte di Dario Alberi, 2ª ed., Trieste 2001, p. 103), il numero degli Italiani poteva essere sopravvalutato, così come nei comuni con amministrazione slava (30% dei comuni istriani), lo poteva essere quello degli sloveni o dei croati (vedi: Irredentismo adriatico di Angelo Vivante, Firenze 1912, p. 158-164; Autour de Trieste di Carlo Schiffrer, 1946, p. 16-17)
  11. ^ Secondo lo storico sloveno Darko Darovec si giunse in Istria a una serie di vertenze legate alle manipolazioni politiche da parte italiana (cit. tratta da: Rassegna di storia istriana di Darko Darovec, Biblioteca Annales, Koper/Capodistria, 1993, versione online: http://razor.arnes.si/~mkralj/istra-history/i-index.html). Secondo un altro storico sloveno, Bogdan C. Novak, invece, gli scrittori italiani accusarono a loro volta le autorità austriache di aver favorito gli slavi nel censimento del 1910, servendosi di impiegati slavi per raccogliere i dati nelle zone rurali. Soprattutto nell'Istria questi funzionari registrarono come croati molti italiani che avevano nomi slavi (...) gli scrittori italiani sostennero perciò che erano più vicini alla realtà i censimenti austriaci anteriori al 1910, dai quali risultava una più alta percentuale di italiani. I precedenti risultati furono difatti confermati dal censimento italiano del 1921, dal quale risultò un rapporto fra italiani e slavi corrispondente a quello delle precedenti statistiche austriache (cit. tratta da: Trieste, 1941-1954, la lotta politica, etnica e ideologica di Bogdan C. Novak, pag.22 Milano 1973, traduz. italiana da: Trieste, 1941-1954. The ethnic, political and ideological struggle, di Bogdan C. Novak, Chicago-London 1970). Al di fuori della regione istriana ci furono alcuni tentativi anche da parte italiana di alterazione di dati: il caso più noto fu quello di Trieste, punito con il massimo rigore dalle autorità austriache che fecero ripetere, sempre nel 1910, le rilevazioni censuali (ibid. pag.22).
  12. ^ irredentismo italiano in Istria (in inglese)
  13. ^ ISTRIEN in: Gemeindelexikon, der im Reichsrate Vertretenen Königreiche und Länder. . Herausgegeben von der K.K. Statistischen Zentralkommission. VII. Österreichisch-Illyrisches Küstenland (Triest, Görz und Gradiska, Istrien). Wien 1910
  14. ^ Spezialortrsrepertorium der österreichischen Länder (...) Österreichisch-Illyrisches Küstenland, Wien 1918.
  15. ^ Guerrino Perselli, I censimenti della popolazione dell'Istria, con Fiume e Trieste, e di alcune città della Dalmazia tra il 1850 e il 1936, Trieste-Rovigno, Unione Italiana-Università Popolare di Trieste, 1993, p. 469
  16. ^ Come si verificò poi alla conferenza per la pace dopo la seconda guerra mondiale, normalmente venivano prese in considerazione soltanto le statistiche austriache del 1910, che denunciarono una maggioranza slava, e il censimento italiano del 1921, che confermava le speranze degli italiani circa una loro superiorità numerica (cit. tratta da: Trieste, 1941-1954, la lotta politica, etnica e ideologica di Bogdan C. Novak, pag.21 Milano 1973, traduz. italiana da: Trieste, 1941-1954. The ethnic, political and ideological struggle, di Bogdan C. Novak, Chicago-London 1970). Secondo Jean-Baptiste Duroselle il confine jugoslavo tracciato nel 1947 era basato sui dati del censimento austriaco (vedi: Le conflit de Trieste 1943-1954 di Jean-Baptiste Duroselle, Bruxelles, 1966, pag.229). In realtà non venne tenuto conto neppure del censimento del 1910 perché come ebbe a rilevare lo storico istriano Diego De Castro (Il problema di Trieste, Genesi e sviluppi della questione giuliana in relazione agli avvenimenti internazionali, 1943-1952, Bologna, 1953) la Jugoslavia incorporò nel 1947 territori da sempre etnicamente italiani
  17. ^ Pavel Strajn, La comunità sommersa – Gli Sloveni in Italia dalla A alla Ž, - Editoriale Stampa Triestina, Trieste 1992
  18. ^ Boris Gombač, Atlante storico dell'Adriatico orientale (op.cit.)
  19. ^ Paolo Parovel, L'identità cancellata, Eugenio Parovel Editore, Trieste 1986
  20. ^ Paolo Parovel, L'identità cancellata, Eugenio Parovel Editore, Trieste 1985
  21. ^ a b http://www.repubblica.it/cronaca/2013/02/10/news/foibe_memoria-52325748/
  22. ^ http://www.panoramitalia.com/it/blog/politics-society/l-istria-le-foibe-300000-esuli/1461/
  23. ^ http://www.dovatu.it/news/giorno-del-ricordo-5-000-italiani-nelle-foibe-e-350-000-esuli-4433/
  24. ^ http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/homepage/tragedia-delle-foibe-marmo-questo-e-l-elenco-delle-vittime-pugliesi-no693042
  25. ^ R.J.Rummel, Statistics of Democide. Genocide and Mass Murder Since 1900, Charlottesville, Virginia: Center for National Security Law, School of Law, University of Virginia, 1997, Cap. 9: Statistics Of Yugoslavia's Democide. Estimates, Calculations, and Sources, vedasi la tabella 9.1.
  26. ^ Cit. da Maurizio Zuccari, Il PCI e la "scomunica" del '48. Una questione di principio in: Francesca Gori e Silvio Pons (a cura di), Dagli archivi di Mosca. L'URSS, il Cominform e il PCI, 1943-1951, Roma, 1998, p. 242-244. Rif. tratto da: Roberto Finzi, Claudio Magris e Giovanni Miccoli (a cura di), Il Friuli-Venezia Giulia, della serie Storia d'Italia, le Regioni dall'unità ad oggi Vol. I (capitolo: Dalla crisi del dopoguerra alla stabilizzazione politica e istituzionale di Giampaolo Valdevit), Torino, Giulio Einaudi Ed., 2002, p. 632
  27. ^ nata in istria, Anna Maria MORI
  28. ^ Indro Montanelli, Le difficili scelte di Milovan Gilas, in Corriere della Sera, 20 dicembre 2000, p. 41
  29. ^ Intervista di Alvaro Ranzoni a Milovan Đilas dal titolo “Se interviene anche l’Islam”, in Panorama (Mondadori), 21 luglio 1991
  30. ^ Raoul Pupo, Il lungo esodo. Istria: le persecuzioni, le foibe, l'esodo, Rizzoli, Milano 2005, [1].
  31. ^ Intervista rilasciata da Raoul Pupo al Giornale di Brescia il 9 febbraio 2006. Intervistatore: "Scusi, ma cosa c'è da scoprire ancora? Non fu Milovan Gilas, uno dei più stretti collaboratori di Tito, ad ammettere pubblicamente, nel 1991, che lui ed Edvard Kardelj furono espressamente inviati nel 1946 in Istria, per costringere "con ogni mezzo" gli italiani ad andarsene?" Pupo: "Lei si stupirà, ma è saltato furoi di recente che quella fu una grossa "bufala" sparata da Gilas, che non aveva perso neppure da dissidente la sua nota propensione a raccontare bugie. Una ricercatrice di Lubiana ha appurato, senza ombra di dubbio, che in quell'anno Gilas non mise mai piede in Istria." Intervistatore: "E Kardelj cosa fece?" Pupo: "Lui effettivamente ci andò, ma per convincere la gente a restare. Tito voleva dimostrare agli alleati, impegnati nella definizione dei nuovi confini post-bellici, la volontà "annessionista" degli italiani e quindi diede istruzioni affinché fossero invogliati a legarsi al regime e non a espatriare."
  32. ^ «Con l'esodo, che doveva essere il più massiccio possibile, si posero le premesse perché la questione dei confini rimanesse comunque aperta anche negli anni avvenire. La presenza in Italia di una massiccia e compatta comunità di profughi assicurava infatti una base di massa per continuare l'agitazione per la revisione dei confini. E fu proprio questo il fine primario dell'attività del CLN di Pola». Si veda Sandi Volk, Esuli a Trieste (op. cit.)
  33. ^ di questi il 70% era rappresentato da abitanti autoctoni, mentre il restante 30% era rappresentato da italiani immigrati da altre regioni d'Italia dopo la prima guerra mondiale in seguito dell'assegnazione al Regno d'Italia di quelle terre, precedentemente appartenenti all'impero austro-ungarico (Sandi Volk, Esuli a Trieste - op. cit.)
  34. ^ Secondo i dati di una commissione presieduta da Amedeo Colella e pubblicati nel 1958 si può ragionevolmente stimare il numero degli esuli fra i 250.000 e i 270.000
  35. ^ il numero degli italiani è sicuramente superiore, poiché le definizioni di appartenenza ad un gruppo etnico, linguistico o nazionale usate nei censimenti spesso non coincide con il sentimento di appartenenza dei singoli, che non identificandosi in una delle categorie proposte, optano per non dichiarare tale sentimento
  36. ^ F.Radin-G.Radossi (cur.), La comunità rimasta, Garmond, Pola-Rovigno-Fiume-Trieste 2001, p.11
  37. ^ Croazia: nel 2015 domanda per entrare in Schengen, Ansa, 27 settembre 2013. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  38. ^ Inštitut za slovenski jezik Frana Ramovša
  39. ^ Dalibor Brozović

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Commissione storico-culturale italo-slovena, I rapporti italo-sloveni 1880-1956', Nova revija, Ljubljana 2001, ISBN 961-6352-23-7.
  • Dario Alberi, Istria – Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trieste, edizione italiana ISBN 88-8190-158-7
  • Fabio Amodeo, Nives Millin, TuttoIstria, Lint Editoriale, Trieste, edizione italiana ISBN 88-8190-038-6
  • D'Alessio, Vanni. Il cuore conteso. Il nazionalismo in una comunità multietnica nell'Istria asburgica. Filema Edizioni, Napoli 2003
  • Antolini, Nicola. Slavi e Latini in Istria tra cinquecento e novecento: origini storiche e problemi del contesto multietnico istriano. Storicamente. n. 2, 2006 [2]
  • Bacicchi, Silvano; Gombač, Boris M.; Mattiussi, Dario. La deportazione dei civili sloveni e croati nei campi di concentramento italiani: 1942-1943: i campi del confine orientale, Centro Isontino di Ricerca e Documentazione Storica e Sociale "L. Gasparini", Gradisca d'Isonzo 2004
  • Bartoli, Matteo. Le parlate italiane della Venezia Giulia e della Dalmazia. Tipografia italo-orientale. Grottaferrata 1919.
  • Benussi, Bernardo. L'Istria nei suoi due millenni di storia. Treves-Zanichelli. Trieste 1924.
  • Brignioli, Pietro. Santa messa per i miei fucilati. Le spietate rappresaglie italiane contro i partigiani in Croazia dal diario di un cappellano. Longanesi, Milano 1973.
  • Čermelj, Lavo. Sloveni e Croati in Italia tra le due guerre. Editoriale Stampa Triestina, Trieste, 1974.
  • Cernigoi, Claudia. Operazione "Foibe" tra storia e mito. Edizioni Kappa Vu, Udine 2005
  • Curtis, Ervino. La lingua, la storia, le tradizioni degli istroromeni. Carta Europea delle Lingue Regionali o Minoritarie. Strasburgo, novembre 1992, pp. 6–13.
  • Darovec, Darko. A Brief History of Istra. Archivio del Litorale Adriatico/ALA Publications, Yanchep, Western Australia 1998
  • De Franceschi, Carlo. L'Istria. Arnaldo Forni Editore. Parenzo 1879.
  • Ferenc, Tone. La legge inflessibile di Roma: il fascismo e la lotta di liberazione degli sloveni nella Venezia Giulia 1941-1943: documenti (ed. bilingue italo-slovena). DPZ NOB, Lubiana 2004.
  • Gombač, Boris: Atlante storico dell'Adriatico orientale Bandecchi & Vivaldi Editori, Pontedera 2007, ISBN 978-88-86413-27-5.
  • Ive, Antonio. I dialetti ladino-veneti dell'Istria. Strasburgo 1900.
  • Kovačec, August. Descrierea istroromânei actuale. Bucureşti 1971.
  • Molinari, F Istria contesa Mursia, Milano ISBN 9788842520092
  • La Perna, G. Pola, Istria, Fiume, Mursia, Milano ISBN 9788842528333
  • Novak, Bogdan C. Trieste, 1941-1954, la lotta politica, etnica e ideologica, Mursia Milano 1973 ISBN 9788842528029 (traduz. italiana da: Trieste, 1941-1954. The ethnic, political and ideological struggle, Chicago-London 1970).
  • Oliva, Gianni; La resa dei conti - aprile-maggio 1945; foibe, piazzale Loreto e giustizia partigiana, Mondadori, Milano 1999 ISBN 88-04-45696-5.
  • Perselli, Guerrino. I censimenti della popolazione dell'Istria, con Fiume e Trieste, e di alcune città della Dalmazia tra il 1850 e il 1936. Centro di ricerche storiche – Rovigno, Trieste – Rovigno 1993.
  • Petacco, Arrigo. L'esodo, la tragedia negata degli italiani d'Istria, Dalmazia e Venezia Giulia, Mondadori, Milano, 1999.
  • Pirjevec, Jože; Kacin-Wohinz, Milica. Storia degli sloveni in Italia, 1866-1998. Marsilio, Venezia 1998.
  • Pirjevec, Jože; Foibe - Una storia d'Italia. Einaudi, Torino 2009, ISBN 978-88-06-19804-6.
  • Pupo, Raoul; Spazzali, Roberto. Foibe. Bruno Mondadori, Milano 2003.
  • Rumici G. Fratelli d'Istria Mursia, Milano ISBN 9788842528029
  • Scotti, Giacomo; Dossier Foibe, Piero Manni S.R.L., Lecce 2005 ISBN 88-8176-644-2
  • Seton-Watson, "Italy from Liberalism to Fascism, 1870-1925", John Murray Publishers, Londra 1967.
  • Stranj, Pavel La comunità sommersa, Editoriale Stampa Triestina, Trieste 1992, ISBN 88-7174-031-9
  • Tomaz, Luigi. Il confine d'Italia in Istria e Dalmazia. Duemila anni di storia, Presentazione di Arnaldo Mauri, Think ADV, Conselve 2007.
  • Tomaz Luigi, In Adriatico nel secondo millennio, Presentazione di Arnaldo Mauri, Think ADV, Conselve, 2010.
  • Vignoli, Giulio. I territori italofoni non appartenenti alla Repubblica Italiana, Giuffrè, Milano, 1995.
  • Vignoli, Giulio. Gli Italiani dimenticati, Giuffrè, Milano, 2000.
  • Volk Sandi. Esuli a Trieste. Edizioni Kappa Vu, Udine 2004
  • Zidar, Alojz. Il popolo sloveno ricorda e accusa, Založba Lipa, Koper 2001, ISBN 961-215-040-0

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]