Isole Ionie sotto il dominio veneziano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isole Ionie
Coat of Arms of the Republic of Venice.svg Flag of Republic of Venice.svg
(dettagli) (dettagli)
Mappa di localizzazione
William Faden. Composite Mediterranean. 1785.R.jpg
Informazioni generali
Nome ufficiale Ixołe Jonie
Ιόνιοι Νήσοι
Capoluogo Corfù
Dipendente da Repubblica di Venezia
Suddiviso in Stato da Màr
Evoluzione storica
Inizio 1202
Causa Quarta crociata
Fine 1797
Causa Trattato di Campoformio
Moneta veneziana (gazzetta) per le Isole Ionie, dal valore di due soldi (epoca del dogato di Giovanni Corner II, 1709-1722)

Le isole Ionie sono state un possedimento marittimo estero della Repubblica di Venezia a partire dalla metà del XIV fino al XVIII secolo. La conquista delle isole avvenne gradualmente. Le prime ad essere state conquistate furono Cerigo e l'isolotto di Cerigotto, nel 1363. Ventitré anni dopo, Corfù entrò volontariamente a far parte delle colonie di Venezia. Dopo circa un secolo, Venezia conquistò Zante nel 1485, Cefalonia nel 1500 e Itaca nel 1503. La conquista fu completata nel 1718 con la presa di Leucade. Ognuna delle isole rimase parte dei possedimenti della Repubblica di Venezia fino a quando Napoleone Bonaparte sciolse la Repubblica nel 1797.

Le Isole Ionie sono situate nel Mar Ionio, al largo della costa occidentale della Grecia. Citera, la più meridionale, è appena al largo della punta meridionale del Peloponneso e Corfù, la più settentrionale, si trova all'ingresso del Mar Adriatico.

Il governatore delle Isole Ionie durante il periodo veneziano era il Provveditore Generale da Mar, che risiedeva a Corfù. Inoltre, le autorità di ogni isola erano divise fra veneziani e locali. L'economia delle isole si basava sull'esportazione di prodotti locali, in primo luogo uvetta, olio d'oliva e vino, mentre la lira veneziana, la moneta di Venezia, era anche la valuta locale. Alcune caratteristiche della cultura di Venezia vennero incorporate in quella delle Isole Ionie. La lingua italiana, per esempio, che venne introdotta nelle isole come lingua ufficiale, venne adottata dalla classe superiore ed è ancora oggi abbastanza diffusa in tutte le isole.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]