Manfredi di Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manfredi di Sicilia
Manfred bible1.jpg
Re di Sicilia
In carica 12581266 (Reggente dal 1250)
Incoronazione 10 agosto 1258
Predecessore Corradino di Svevia
Successore Carlo I d'Angiò
Altri titoli Principe di Taranto
Nascita Venosa, 1232
Morte Benevento, 26 febbraio 1266
Casa reale Hohenstaufen
Padre Federico II
Madre Bianca Lancia
Consorte Beatrice di Savoia, Elena Ducas
Figli Costanza, Beatrice, Federico, Enrico, Enzo (o Azzolino), Flordelis.
Regno di Sicilia
Hohenstaufen

King Manfred of Sicily Arms.svg

Figli
Figli
Figli
Manfredi
Figli

Manfredi di Hohenstaufen, o Manfredi di Svevia o Manfredi di Sicilia (Venosa, 1232Benevento, 26 febbraio 1266), fu l'ultimo sovrano svevo del regno di Sicilia. Figlio dell'imperatore Federico II di Svevia e di Bianca Lancia, fu reggente dal 1250 e quindi re di Sicilia dal 1258. Morì durante la battaglia di Benevento, sconfitto dalle truppe di Carlo I d'Angiò.

Il suo nome è legato indissolubilmente alla città pugliese di Manfredonia, da lui stesso fondata il giorno di San Giorgio nel 1256 e a cui conferì il suo nome in segno di prestigio e potenza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Manfredi soffoca il padre, secondo una leggenda riportata dal Villani; miniatura della Nuova Cronica di Giovanni Villani

Manfredi nacque e visse la sua fanciullezza a Venosa[1]. Era figlio naturale di Federico II di Svevia e di Bianca dei conti Lancia di Monferrato,[2] sposata dall’imperatore solo poco prima della sua morte e, quindi, pienamente legittimato, malgrado la Curia romana disconoscesse quel vincolo matrimoniale, mossa com'era dal suo profondo odio per la casa di Hohenstaufen.
Studiò a Parigi e a Bologna; dal padre apprese l'amore per la poesia e per la scienza, amore che mantenne da re. Si narra che l'imperatore avesse avuto una particolare predilezione fra tutti i suoi figli verso Manfredi ed Enzo, entrambi nati da relazioni extra-coniugali.

Alla fine del 1248 o all’inizio del 1249[3], la data è incerta, sposò Beatrice di Savoia, figlia del conte Amedeo IV di Savoia e di Margherita di Borgogna.

La reggenza in Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Federico II morì il 13 dicembre 1250 e lasciò a Manfredi il Principato di Taranto con altri feudi minori; gli affidò inoltre la luogotenenza in Italia, in particolare quella del regno di Sicilia, finché non fosse giunto l'erede legittimo, il fratellastro di Manfredi, Corrado IV, che in quel momento era impegnato in Germania. Anche se Palermo era la capitale del suo regno, Manfredi privilegiò come dimora il castello di Lagopesole, la cui costruzione, iniziata dai suoi avi normanni, fu terminata da suo padre[4]. Il giovane sovrano si trovò in una situazione assai difficile per le molte ribellioni scoppiate nel Regno e fomentate da papa Innocenzo IV, il quale considerava il Regno di Sicilia sotto la giurisdizione della Santa Sede. Manfredi agì con energia per ristabilire il dominio svevo e riuscì a ricondurre all'obbedienza varie città ribelli, ma non Napoli; in questa impresa fu aiutato dallo zio, Galvano Lancia. Tentò anche di giungere a un accordo con Innocenzo IV, ma non arrivò a nulla (si pensa che volesse farsi investire del Regno dal papa).

Manfredi incoronato, miniatura della Nuova Cronica di Giovanni Villani

Nell'ottobre 1251 Corrado scese in Italia e nel gennaio 1252 sbarcò a Siponto, proseguendo insieme al fratello nella pacificazione del regno. Nell'ottobre 1253 Napoli, infine, cadde nelle mani di Corrado. Questi ben presto era divenuto sospettoso e ostile verso Manfredi, il quale dovette rinunciare a tutti i feudi minori e accettare anche la diminuzione della sua autorità nel principato di Taranto. Il 21 maggio 1254 Corrado morì di malaria[5], lasciando il figlio Corradino (ancora bambino e rimasto in Germania) sotto la tutela del papa e nominando governatore del regno il marchese Bertoldo di Hohenburg. Il reggente inviò un'ambasciata di cui faceva parte anche Manfredi a trattare con il pontefice ad Anagni. Il tentativo di abboccamento fallì e Bertoldo rinunciò alla carica lasciando campo libero a Manfredi, che riprese il controllo del Regno di Sicilia. Dichiarato dal Papa l'usurpatore di Napoli, Manfredi fu scomunicato nel luglio del 1254.

Lo scontro con il papato[modifica | modifica wikitesto]

Il Papato, che continuava a non vedere di buon occhio l'insediamento della casa imperiale di Svevia nel regno di Sicilia, si accinse a occupare il regno con un esercito, considerando quel territorio come proprio vassallo. In questo contesto Manfredi si trovò subito in chiaro dissidio con il Pontefice; grazie però alla fine abilità diplomatica ereditata dal padre, concluse con il pontefice un accordo accettando l'occupazione pontificia con una semplice riserva dei diritti di Corradino e propri: fu assolto dalla scomunica, investito dal pontefice del principato di Taranto (27 settembre 1254) e degli altri suoi feudi e nominato vicario della Chiesa nella maggior parte del Regno. La Campania venne però occupata dalle truppe pontificie.

L'11 ottobre 1254 presso il ponte del fiume Liri a Ceprano, Manfredi consuma la sua umiliazione per volontà di papa Innocenzo IV.

La scabrosa posizione di Manfredi divenne ancor più difficile in seguito all'uccisione, da parte dei suoi uomini, di un barone protetto dalla Curia pontificia. Manfredi, non ritenendosi sicuro di fronte al papa, si recò in Puglia, a Lucera, ove si trovava la truppa della colonia saracena ivi stanziata da Federico II. Una volta assicuratasi la loro fedeltà, poté arruolare un ingente esercito e muovere guerra all'esercito pontificio, che sconfisse presso Foggia.

Nel dicembre 1254 morì papa Innocenzo IV e il conflitto proseguì sotto il comando del suo successore Alessandro IV, papa assai meno energico del suo predecessore, che pronunciò una nuova scomunica nei confronti dello svevo. Al papa non riuscì l'intento di arruolare i re d'Inghilterra e di Norvegia in una Crociata contro gli Hohenstaufen, anzi la guerra procedette vantaggiosamente per Manfredi, che nel corso del 1257 sbaragliò l'esercito pontificio e domò le ribellioni interne, rimanendo in saldo possesso del regno, mentre dalla Germania il giovanissimo nipote Corradino gli conferiva ripetutamente i poteri vicariali. Roma stessa divenne ghibellina sotto il controllo del senatore bolognese Brancaleone degli Andalò e il Papa fu costretto (1257) a trasferire la sede pontificia a Viterbo, dove morì quattro anni dopo.

Nel 1256 Manfredi fondò Manfredonia, nei pressi dell'antica Siponto: nei progetti del regnante, Manfredonia era stata designata a fungere da capitale di Puglia ("Apuliae Caput", dove per Apuliae si intendeva in quel tempo tutto il meridione continentale) e importante centro per i traffici commerciali del Mediterraneo.

Diffusasi nel 1258, probabilmente per opera stessa di Manfredi[6], la voce della morte di Corradino, i prelati e i baroni del regno invitarono Manfredi a salire sul trono ed egli fu incoronato il 10 agosto nella cattedrale di Palermo. Tale elezione non venne riconosciuta dal papa Alessandro IV che ritenne pertanto Manfredi un usurpatore.

Il 2 giugno 1259 Manfredi, da poco vedovo di Beatrice di Savoia, sposò nel castello di Trani, in virtù di una serie di accordi diplomatici, Elena Ducas, figlia del despota d'Epiro Michele II[7].

Fra il 1258 e il 1260 la potenza di Manfredi, diventato ovunque capo della fazione ghibellina, si estese in tutta Italia. Il comune romano strinse un'alleanza con lui. In Toscana il partito ghibellino, capitanato dalla città di Siena, guidata da Farinata degli Uberti, ottenne una netta vittoria nella battaglia di Montaperti (4 settembre 1260) e divenne così, con l’ausilio delle sue truppe, padrone assoluto di Firenze. Anche in Italia settentrionale, dopo la catastrofe di Ezzelino III da Romano (1259), i ghibellini, rimasti assai forti, fecero capo a lui. Poté nominare vicari imperiali in Toscana, nel ducato di Spoleto, nella Marca anconitana, in Romagna e in Lombardia. Il suo dominio si estese anche in Epiro (Grecia), sulle terre portategli in dote dalla seconda moglie Elena Ducas; la sua potenza fu aumentata anche dal matrimonio della figlia Costanza con Pietro III d'Aragona (1262).

L'avvento degli angioini e la fine[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia di Benevento, miniatura da Grandes Chroniques de France (BNF, FR 2813)
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Benevento (1266).

Eletto al soglio pontificio nella sede di Viterbo papa Urbano IV nel 1261, questi scomunicò nuovamente Manfredi e cercò di assegnare il Regno di Sicilia a un sovrano più influenzabile dal papato. Quindi, in un primo tempo, Urbano IV tentò di vendere il regno a Riccardo di Cornovaglia, che vantava anche una discendenza normanna, e poi a suo nipote Edmondo di Lancaster, ma senza successo. Nel 1263 riuscì, invece, a convincere Carlo I d'Angiò, fratello del Re Luigi IX di Francia e "senza terra" a prendere Sicilia e Piemonte. Lo stesso Papa avrebbe incoronato Carlo come Re di Sicilia l'anno successivo: i Francesi d'Angiò venivano ufficialmente chiamati in Italia per una sorta di Crociata nei confronti degli Svevi. Nello stesso anno 1264 moriva Urbano IV e a questi succedeva papa Clemente IV che proseguì la politica anti-sveva e favorì ulteriormente lo scontro con gli Angioini.

Carlo giunse a Roma per mare, nel giugno 1265, sfuggendo alla flotta siciliana. Vano riuscì l'appello rivolto da Manfredi ai Romani con un manifesto (24 maggio) in cui chiedeva di essere nominato Imperatore da loro, quali detentori dell'autorità imperiale. L'esercito di Carlo nel dicembre 1265 penetrò per la Savoia e il Piemonte in Lombardia, ove la parte ghibellina non riuscì ad opporre sufficiente resistenza, e di là per la Romagna giunse nell'Italia centrale e a Roma, ove Carlo fu incoronato re di Sicilia il 6 gennaio 1266. Mosse, quindi, verso il Mezzogiorno e poté entrare nel regno con poca difficoltà dopo che le truppe di Manfredi cedettero sul ponte sul Garigliano nei pressi di Ceprano.

La decisiva battaglia di Benevento, avvenne il 26 febbraio 1266; le milizie siciliane e saracene insieme alle tedesche difesero strenuamente il loro re, mentre quelle italiane abbandonarono Manfredi, che morì combattendo con disperato valore. Riconosciutone il corpo, fu seppellito sul campo di battaglia sotto un mucchio di pietre da parte degli stessi cavalieri francesi, che ne vollero così onorare il valore.

La vicenda delle spoglie e Dante[modifica | modifica wikitesto]

Or le bagna la pioggia e move il vento, incisione di Gustave Doré
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Or le bagna la pioggia e move il vento.

Sette mesi dopo la morte di Manfredi, la tomba fu violata dall'arcivescovo Bartolomeo Pignatelli, vescovo di Cosenza, con il consenso di papa Clemente IV. Gli storici sono concordi nel ritenere il fatto derivante da un'iniziativa autonoma dell'arcivescovo che nutriva per Manfredi un profondo odio personale; Clemente IV diede in realtà soltanto il proprio consenso, da Viterbo, a questa iniziativa[8] e il corpo riesumato fu deposto o disperso, quale scomunicato, fuori dai confini dello Stato della Chiesa.

Dante Alighieri nella Divina Commedia (Purgatorio canto III, vv. 103-145), lo pone tra coloro che si sono pentiti in punto di morte per due motivi:

  • non dà alcun valore alla scomunica ricevuta;
  • odia il fatto che il papa si occupi di faccende politiche.

Si era sparsa voce che moribondo avesse pronunziato la formula: Deus propitius esto mihi peccatori e riporta la notizia:

« [...] Io mi volsi ver lui e guardail fiso:
biondo era e bello e di gentile aspetto,
ma l'un de' cigli un colpo avea diviso.

...
Poi sorridendo disse: Io son Manfredi,
nepote di Costanza imperadrice
[...]
Se 'l pastor di Cosenza, che a la caccia
di me fu messo per Clemente allora,
avesse in Dio ben letta questa faccia,
l'ossa del corpo mio sarieno ancora
in co del ponte presso a Benevento,
sotto la guardia de la grave mora.
Or le bagna la pioggia e move il vento
di fuor dal regno, quasi lungo 'l Verde,
dov'e' le trasmutò a lume spento.
 »

(Dante Alighieri, Divina Commedia, Purg. c. III, v. 103-145)

Matrimoni e figli[modifica | modifica wikitesto]

Manfredi ebbe due mogli.

Alla fine del 1248 sposò Beatrice di Savoia, figlia del conte Amedeo IV di Savoia e di Margherita di Borgogna, da cui ebbe una figlia:

Il 2 giugno 1259 Manfredi, da poco vedovo di Beatrice di Savoia, sposò nel castello di Trani, Elena Ducas, figlia del despota d'Epiro Michele II. Dall'unione nacquero cinque figli:

L'eredità culturale[modifica | modifica wikitesto]

Lo scrittore Johensis consegna a re Manfredi la Bibbia

Alla corte di Federico, ebbe probabilmente occasione di frequentare i cantori della Scuola Poetica Siciliana e di scrivere composizioni.

Pur non potendosi paragonare al padre nel mecenatismo delle arti, Manfredi ha lasciato segni e documenti della sua liberale predisposizione nei confronti delle arti e della cultura.

La Bibbia di Manfredi è un codice miniato duecentesco scritto dall’amanuense Johensis: questa bellissima Bibbia - che presenta notevoli influssi dell'arte gotica francese e inglese - fu realizzata a Napoli per lo stesso Manfredi tra il 1250 e il 1258, come attesta la dedica al principe[9]: essa fu di prototipo per altri codici, che si pensa siano usciti da una bottega miniatoria di Napoli attiva per la corte e per l’ambiente universitario. A questa bottega si fa riferire anche il famoso esemplare del De arte venandi cum avibus della Biblioteca Vaticana che è una copia parziale ma splendidamente illustrata del famoso trattato di Federico II, certamente commissionata da Manfredi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Bernabò Silorata, Federico II di Svevia: saggezza di un imperatore Convivio, 1993, p. 17
  2. ^ la maternità di Bianca appare non unanimemente accettata; Federico potrebbe aver concepito Manfredi con un'altra donna, e poi aver legittimato l'erede sposando la Lancia - probabilmente nel 1248- in articulo mortis, anche se la Curia non riconobbe mai questa legittimazione
  3. ^ Walter Koller, MANFREDI, re di Sicilia, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. LXVIII, Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani
  4. ^ Tommaso Pedio, Storia della Basilicata raccontata ai ragazzi, pag. 57, Congedo Editore, 1994. ISBN 88-8086-007-0
  5. ^ Corse voce che Manfredi avesse fatto avvelenare il fratello, ma al riguardo non si hanno prove.
  6. ^ Hubert Houben, Federico II. Imperatore, uomo, mito, 2009 p. 78.
  7. ^ Attualmente, ogni anno, nella città di Trani, a cui il re era molto legato, viene rievocato il matrimonio avvenuto nel 1259.
  8. ^ Ferdinand Gregorovius, Storia della Città di Roma nel Medioevo, Torino 1973, pag. 1333; Cesare Pinzi,Storia della Città di Viterbo, Roma, 1667-89, VI, pag.178).
  9. ^ «Princeps Mainfride regali stirpe create / accipe quod scripsit Iohensis scriptor et ipsum / digneris solita letificare manu».

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Karl Hampe, Urban IV und Manfred: 1261-1264, (Heidelberger Abhandlungen zur mittleren und neueren Geschichte, 11), Carl Winter's Universitätsbuchhandlung, Heidelberg 1905.
  • Arnold Bergmann, König Manfred von Sizilien: Seine Geschichte vom Tode Urbans IV bis zur Schlacht bei Benevent 1264-1266, (Heidelberger Abhandlungen zur mittleren und neueren Geschichte, 23), Carl Winter's Universitätsbuchhandlung, Heidelberg 1909.
  • Adalbert Graf zu Erbach-Fürstenau, Die Manfredbibel, Leipzig 1910.
  • Helene Arndt, Studien zur inneren Regierungsgeschichte Manfreds: Mit einem Regestenanhang als Ergänzung zu Regesta Imperii V, (Heidelberger Abhandlungen zur mittleren und neueren Geschichte, 31), C. Winter's, Heidelberg 1911.
  • P.F. Palumbo, Contributi alla storia dell'età di Manfredi, Roma 1959.
  • Eucardio Momigliano, Manfredi, Dall'Oglio, Milano 1963.
  • Ferdinand Gregorovius, Geschichte der Stadt Rom in Mittelalter, Stuttgart 1859-1872 (ed. it. Storia della città di Roma nel Medioevo, Einaudi, Torino 1973).
  • Enrico Pispisa, Nicolò di Jamsilla: un intellettuale alla corte di Manfredi, Rubbettino, Soveria Mannelli 1984.
  • Enrico Pispisa, Manfredi nella storiografia dell'Otto e Novecento, in Mediterraneo medievale: scritti in onore di Francesco Giunta, vol. 3, pp. 1015-1044, Rubbettino, Soveria Mannelli 1989.
  • Enrico Pispisa, Il regno di Manfredi, Messina 1991.
  • Enrico Pispisa, I Lancia, gli Agliano e il sistema di potere organizzato nell'Italia meridionale ai tempi di Manfredi, in Bianca Lancia d'Agliano. Fra il Piemonte e il Regno di Sicilia, atti del Convegno (1990) a cura di Renato Bordone, Alessandria 1992, pp. 165-181.
  • H. Bresc, Manfredi (1232-1266), in Dizionario enciclopedico del Medioevo, II, 2, Roma 1998, pp. 1118 e segg.
  • Walter Koller, «MANFREDI, re di Sicilia», Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. LXVIII, Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani.
  • Walter Koller, «Manfredi, Re di Sicilia», Enciclopedia Federiciana, Vol. II, Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani.
  • M. Brantl, Urkunden- und Kanzleiwesen Manfreds von Sizilien 1250-1266, in "Archiv für Diplomatik", LI (2005), pp. 127-252.
  • Arsenio Frugoni, Scritti su Manfredi, con una presentazione di Enrico Pispisa, Istituto storico italiano per il Medio evo, Roma 2006.
  • Alessandra Rullo, Alcune novità sulla Bibbia di Manfredi della Biblioteca Apostolica Vaticana (Ms. Vat. Lat. 36), in "Arte Medievale", n.s., VI, 2007, 2, pp. 133-140.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Sicilia Successore Armoiries Manfred de Sicile.svg
Corradino di Svevia 12581266 Carlo I d'Angiò

Controllo di autorità VIAF: 268054772 LCCN: n86095946