Ludovico di Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo politico, vedi Ludovico D'Aragona.
Ludovico I
Re di Sicilia
In carica 1342 - 1355
Predecessore Pietro II
Successore Federico IV
Nome completo Ludovico (o Luigi)
Nascita Catania, 1335 o 1337
Morte Castello di Aci, 16 ottobre 1355
Casa reale casato di Barcellona
Padre Pietro II
Madre Elisabetta di Carinzia
Figli Antonio e
Luigi, illegittimi

Ludovico (o Luigi) d'Aragona o di Sicilia, detto il Fanciullo (Catania, 1335 oppure 1337Castello di Aci, 16 ottobre 1355) fu re della Sicilia (con il titolo di re di Trinacria) dal 1342 alla sua morte.

Origini familiari[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio maschio primogenito del re di Trinacria, Pietro II[1], quarto re della dinastia aragonese e di Elisabetta di Carinzia, figlia di Ottone III del Tirolo e di Eufemia di Slesia-Liegnitz.[2][3][4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regno di Sicilia
Casa di Barcellona
Arms of the Aragonese Kings of Sicily.svg

Pietro I (Pietro III d'Aragona)
Giacomo I (Giacomo II d'Aragona)
Federico III
Figli
Pietro II
Ludovico
Figli
  • Antonio
  • Luigi
Federico IV
Figli
Maria
Figli
  • Pietro
Martino il giovane
Figli
Martino il vecchio
Figli
Modifica

Morto il padre Pietro, nel 1342, divenne a soli sette anni Re di Sicilia[2], sotto la duplice reggenza dello zio, il duca di Randazzo Giovanni d'Aragona e della madre, che provocò tensione ed instabilità nel Regno.

Ludovico risiedette fino al 1347 a Randazzo.

Il suo regno attraversò un delicato periodo di crisi economica e di instabilità politica. Nell'inverno del 1347 arrivò anche una tremenda epidemia di peste che imperversò per anni decimando la popolazione e che l'anno dopo, nel 1348, colpì anche il reggente, lo zio Giovanni[2], che, in punto di morte, designò come suo successore, alla reggenza insieme alla regina madre, Elisabetta, il catalano Blasco II d'Alagona, malvisto dalla locale nobiltà siciliana. La rivalità fra le famiglie latine, (ovvero i Chiaramonte, Palizzi, Ventimiglia e degli Uberti - avversi agli aragonesi) e quelle catalane (Peralta, Alagona, Moncada - invece di parte aragonese), che fino ad allora era stata contenuta dalla diplomazia del duca Giovanni, provocò ulteriore tensione nel Regno e degenerò in guerra civile. Negli anni successivi, infatti Ludovico dovette inviare l'esercito regio contro i Chiaromonte, sfidandoli a Milazzo. Solo nel 1350 si arrivò a un compromesso di pace.

Nel 1352, alla morte della madre, la reggenza fu assunta dalla sorella maggiore di Ludovico, Costanza[2], che la resse sino al 1354[2].

In seguito alla morte di peste del cugino Federico, Signore di Aci e figlio di Giovanni d'Aragona, avvenuta nel 1355, Ludovico si recò dalla fortezza di Agira dove aveva cercato riparo dalla tragica epidemia di Peste Nera, al Castello di Aci. La pandemia, però, non risparmiò neanche il Re che, contagiato, spirò nella fortezza acese il 16 ottobre, a soli 17 (o 19) anni[2].

Ludovico fu sepolto nella Cattedrale di Catania, accanto al Re Federico III d'Aragona e Giovanni d'Aragona.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ludovico da un'amante della quale non si conosce il nome ebbe due figli:[2][3][5]

  • Antonio (tra il 1350 e il 1355 - ?), che sposò Beatrice di Eierica
  • Luigi (tra il 1350 e il 1355 - ?), barone di Tripi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pietro II era il figlio primogenito del re di Trinacria, Federico III d'Aragona e di Eleonora d'Angiò
  2. ^ a b c d e f g (EN) Reali di Sicilia
  3. ^ a b (EN) Casa di Barcellona- genealogy
  4. ^ (DE) Pietro II di Sicilia genealogie mittelalter
  5. ^ (DE) Ludovico di Sicilia genealogie mittelalter

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Sicilia Successore Blason Sicile Insulaire.png
Pietro II 1342-1355 Federico IV