Filippo III di Spagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Filippo III d'Asburgo
Ritratto di re Filippo III di Spagna, eseguito da Andrés López Polanco.
Ritratto di re Filippo III di Spagna, eseguito da Andrés López Polanco.
Re di Spagna
Stemma
In carica 14 aprile 1598 – 31 marzo 1621
Predecessore Filippo II di Spagna
Successore Filippo IV di Spagna
Altri titoli Re di Sicilia
Re di Napoli
Duca di Milano
Duca di Borgogna
Re del Portogallo
Nascita Madrid, Spagna, 14 aprile 1578
Morte Madrid, Spagna, 21 marzo 1621
Sepoltura Monastero dell'Escorial
Casa reale Asburgo
Padre Filippo II di Spagna
Madre Anna d'Austria
Consorte Margherita d'Austria-Stiria
Figli Anna
Filippo IV
Maria Anna
Carlo
Ferdinando
Alfonso
Firma Firma del Rey Felipe III.svg

Filippo III (in spagnolo Felipe III; Madrid, 14 aprile 1578Madrid, 31 marzo 1621) , noto anche come Filippo il Pio (Felipe el Piadoso)[1] fu il secondo re di Spagna e il diciannovesimo re del Portogallo e Algarve come Filippo II (in portoghese: Filipe II) dal 1598 fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Nato a Madrid il 14 aprile del 1578,era il figlio ultimogenito di Filippo II di Spagna e della sua quarta moglie, la nipote Anna d'Austria, arciduchessa d'Austria, figlia dell'imperatore Massimiliano II.

Filippo III di Spagna

Ammaestrato dalla dolorosa vicenda del suo figlio primogenito, Don Carlos, la cui condizione mentale era stata gravemente compromessa dalle lotte continue tra le fazioni all'interno della corte asburgica[2], Filippo II decise di prestare maggiore attenzione all'educazione dei suoi figli nominando come loro precettore Juan de Zúñiga.

A seguito della morte dell'altro figlio Don Diego, Filippo II nominò quali tutori dell'unico figlio superstite, Filippo appunto, García de Loaysa e Cristóbal de Moura scegliendoli con cura tra le persone di sua fiducia in modo da dare al figlio un'educazione coerente e stabile.[3]

Oltre ai tutori fu estremamente importante nell'educazione del principe l'influenza di Padre Juan de Mariana che suggerì al re la necessità di mirare alla formazione della personalità più che della cultura del figlioletto per evitare che divenisse tirannico o eccessivamente influenzabile.[3]

Sotto la guida dei suoi precettori, il principe apprese il latino, il francese, il portoghese e forti rudimenti di astronomia[3] ma, per quanto descritto dai suoi contemporanei come di debole costituzione fisica, dinamico, buono e sincero, pio, vivace e con una pacifica disposizione d'animo[4], molti facevano notare che rispetto al fratellastro maggiore, il folle Don Carlos, era meno dotato e competente negli affari di governo[4].

In ragione a ciò gli storici sottolineano che, al di là delle competenze linguistiche, l'intelligenza del futuro re di Spagna, fosse limitata[5] né che i precettori l'avessero coltivata per quanto il futuro sovrano nella corrispondenza con le figlie, si dimostra cauto e prudente dando loro consigli su come affrontare gli intrighi a corte.[6]

Oltre ai suoi precettori in questi anni divenne importante la figura di Francisco Gómez de Sandoval y Rojas, duca di Lerma, che, gentiluomo di camera del re, divenne ben presto amico intimo del principe Filippo[7] nonostante la diffidenza dello stesso Filippo II che considerava l'amico del figlio inadatto ed una cattiva influenza.

Per tale motivo, Filippo II, nel 1595, nominò il duca di Lerma viceré di Valencia in modo da allontanarlo dal figlio[7] ma in seguito il duca, accusando gravi problemi di salute, chiese il ritorno a Madrid che ottenne due anni dopo.

Filippo II, la cui salute sempre più declinava, allora, cercò di rafforzare la posizione di de Moura e di de Loaysa (che fu nominato arcivescovo) in modo che potessero bilanciare l'influenza di Lerma e a loro affiancò un nuovo confessore, proveniente dai Domenicani[8].

L'anno seguente Filippo II morì a seguito di un cancro lasciando l'intero impero[9] al figlio che ascese al trono di Spagna con il nome di Filippo III.

Stile di Governo[modifica | modifica sorgente]

Monogramma personale di re Filippo III.

Nel 1599, Filippo III sposò la cugina, Margherita d'Austria-Stiria, sorella del futuro Ferdinando II d'Asburgo, la quale assunse sin dall'inizio un notevole ascendente sul re.[10].

La Regina Margherita era considerata dai contemporanei come estremamente religiosa, anche bigotta, abile ed astuta nei suoi rapporti politici per quanto malinconica a causa dell'eccessiva influenza del Duca di Lerma sul marito.[11] Ella, infatti, come Filippo II, considerava il duca come un incapace dalla pessima influenza sulla corte e sulla politica madrilena e continuò ad osteggiarlo fino alla sua morte, nel 1611.

La relazione tra i coniugi fu molto stretta ed affettuosa specialmente dopo che ella diede al marito un figlio maschio nel 1605.[12]

Oltre a Margherita ebbe una notevole influenza sua zia Maria, imperatrice del Sacro Romano Impero e la di lei figlia Margherita le quali indussero il re a sostenere senza compromessi la Chiesa cattolica[10] e l'arciduca Ferdinando d'Asburgo per il quale ottennero forti sostegni finanziari a partire dal 1600[12].

Con l'appoggio della moglie e delle altre congiunte, divennero importanti le figure di Padre Juan de Santa Maria - confessore alla figlia di Filippo, Maria Anna e della suora Mariana de San Jose, i cui ruoli furono importanti negli ultimi anni di vita dello stesso Filippo.[13]

La Burocrazia Spagnola[modifica | modifica sorgente]

Filippo III aveva ereditato il sistema amministrativo dal padre Filippo II il quale aveva fatto di Madrid il centro del suo impero.

Al vertice di tale sistema ovviamente si trovava la corona in capo alla quale dipendevano diversi consigli collegiali.

L'Impero Spagnolo nel 1598.

██ Territori di competenza del Consiglio di Castiglia

██ Territori di competenza del Consiglio d'Aragona

██ Territori di competenza del Consiglio del Portogallo

██ Territori di competenza del Consiglio d'Italia

██ Territori di competenza del Consiglio delle Indie

██ Territori di competenza del Consiglio delle Fiandre

I più importanti erano il Consiglio di Stato ed il Consiglio di guerra che avevano competenze generali sull'intero impero,a cui si affiancavano sei consigli incaricati di amministrare determinate aree sottoposte alla corona (Consiglio della Castiglia, delle Indie, della corona Portoghese, delle Fiandre, di Italia, dell'Aragona) e da quattro consigli specializzati in alcune materie: inquisizione, ordini militari, finanze e delle imposte per le Crociate[14].

Negli ultimi anni di regno Filippo II integrò i consigli con commissioni autonome le juntas tra le quali occorre ricordare la giunta della notte, lo strumento con cui Filippo II esercitò la propria autorità durante la sua malattia.[15]

Punto focale della politica di Filippo II fu da un lato l'affidamento di cariche di servizio e di governo alla piccola nobiltà degli Hidalgo allo scopo di bilanciare con essi l'eccessivo potere economico e politico del clero e dei Grandi[16] e dall'altro l'esercizio di un fortissimo controllo su costoro tale da non delegare ai membri del consiglio quasi nulla del lavoro di ufficio.

La conseguenza di tutto ciò fu un forte accentramento nelle mani del sovrano che generò un rigido appesantimento della macchina amministrativa[17] incentrata sul ruolo del sovrano come primo funzionario del regno incaricato della sua amministrazione sin dei minimi dettagli; un ruolo cui Filippo III non era adatto[18].

Tale macchina quindi si basava su di due presupposti: che il re la conoscesse a fondo e sapesse servirsi degli ingranaggi e che esercitasse un costante controllo; qualità di cui Filippo III difettava, per quanto fosse avviato all'amministrazione dello stato dal padre sin dall'età di 15 anni.[19]

L'amministrazione di Filippo III[modifica | modifica sorgente]

L'Amministrazione di Filippo III sembra essere stata influenzata da diversi fattori che la differenziarono profondamente rispetto a quella del suo predecessore.

In primo luogo, a differenza del padre, Filippo III sembrò interessarsi all'Irenismo, alle dottrine umanistiche, oltre che alla teoria di Machiavelli.[20]; il ruolo di scrittori, come Girolamo Frachetta, fu essenziale per concepire una definizione conservatrice dalla 'ragion di stato' incentrata sulla prudenza e su di una stretta obbedienza alle leggi ed ai costumi dei paesi dell'impero.[21]

In secondo luogo, Filippo III condivise l'idea dell'amico, il Duca di Lerma, che l'esclusione della grande nobiltà dalla burocrazia avesse causato forti conflitti negli ultimi anni del governo di Filippo II[22] e questo fece venire meno il contrappeso della piccola nobiltà sul potere economico dei Grandi di Spagna.

Infine, per via della sua personalità debole e della sua amicizia con Lerma, Filippo III esercitò un controllo più debole sull'apparato burocratico preferendo delegare vaste competenze al Duca, indebolendo il ruolo della corona.

Il Valimiento del Duca di Lerma[modifica | modifica sorgente]

Francisco Gómez de Sandoval y Rojas, duca di Lerma,

La differenza dei metodi di Filippo III rispetto a quelli paterni si vide all'ascesa al trono quando, conferendo a Francisco Gómez de Sandoval y Rojas il titolo di Duca di Lerma, lo nominò valido ovvero suo favorito[23].

Con tale titolo il sovrano dispose che tutte le pratiche amministrative sarebbero state esaminate da Lerma prima di giungere da lui medesimo e riguardo a ciò un duca commentò che questi era divenuto la porta d'accesso al Re.[24]

Di fatto, con tale conferimento, Filippo III delegò l'intero svolgimento delle pratiche amministrative al suo favorito riservandosi un blando compito di sovrintendenza tanto che conferì a Lerma la facoltà di convocare egli stesso e su propria istruttoria i consigli[25].

Infine, nel 1612 Il Re, subito dopo la morte della moglie, che sempre aveva osteggiato il Valido, impose ai consigli di obbedire a Lerma come se avessero di fronte lui stesso[26]

Nonostante tali deleghe, il ruolo di Lerma, non fu così attivo come potrebbe sembrare, infatti, egli, non particolarmente energico e zelante, non era in grado di imporsi a gran parte delle azioni di governo[27] e si limitava a presiedere il consiglio di stato[28] che trattava solo gli affari più importanti della monarchia, lasciando quindi un ampio spazio per una maggiore professionalizzazione dei consigli territoriali o di materia.[29]

Tale sistema di governo divenne progressivamente sempre più impopolare in primo luogo perché contrastava con l'idea radicata nel popolo per cui il re dovesse esercitare la sua autorità personalmente[30], in secondo luogo per via del nepotismo del Duca di Lerma.

Questi, infatti, approfittò dell'ascendente sul re per promuovere propri parenti o amici alle cariche di governo escludendo altri[31] anche se ciò contrasta con l'immagine dello stesso duca il quale evitò con ogni mezzo apparizioni pubbliche o di sottoscrivere i documenti pubblici con proprio nome, in modo da evidenziare il suo status di servitore fedele dell'autorità regia.[32]

La situazione nelle Fiandre ed in Italia[modifica | modifica sorgente]

L'assenza di una Leadership forte a Madrid, unita alle già forti difficoltà di comunicazione tra i diversi tronconi dell'Impero Spagnolo rese più evidente un processo, già presente negli ultimi anni di Filippo II, tale per cui i governatori periferici assunsero maggiore importanza a discapito dell'amministrazione centrale[33].

Infatti, Filippo II, aveva lasciato in eredità i suoi territori rimanenti nei Paesi Bassi a sua figlia l' Infanta Isabella Clara Eugenia e al di lei marito, l'arciduca Alberto d'Austria, alla condizione che , se fosse morta senza eredi, la provincia sarebbe tornata alla corona spagnola.

Essendo morti i figli della coppia, divenne chiaro che Filippo III avrebbe esercitato la propria politica per tramite dei volitivi arciduchi ma con la consapevolezza che la corona sarebbe tornata a lui[34].

Ambrogio Spinola, Marchese di Balbases, studio di Peter Paul Rubens, uno dei più influenti cortigiani di Filippo III

Tale politica ebbe un suo promotore: il generale genovese Ambrogio Spinola.

Costui, infatti, nominato comandante in capo dell'Armata di Fiandra, dimostrò ben presto il suo valore nell'assedio di Ostenda nel 1603 e progressivamente cominciò ad adottare una politica sempre più autonoma dalle direttive di Madrid tanto da ottenere vittorie militari senza il finanziamento della corte[35]

Il Duca di Lerma era incerto sulla questione; da un lato disprezzava il rango di Spinola e riteneva che potesse costituire una minaccia al suo potere, dall'altro aveva un disperato bisogno di un buon generale per tenere a bada gli Olandesi[36] e del resto il potere di Spinola nella regione era così vasto che nel 1618, senza consultarsi con Madrid, intervenne in Renania in modo da tagliare i Paesi Bassi in due e perciò meritò il titolo di ragno nella ragnatela[37]

In Italia, emerse una situazione analoga: Il governatore del Ducato di Milano Pedro Enríquez de Acevedo, conte di Fuentes, senza consultare Madrid, pose in atto una politica filo papale, invadendo nel 1607 la Repubblica di Venezia[38] ed alla sua morte tale politica fu continuata dai suoi successori, in particolar modo da Pedro Álvarez de Toledo, marchese di Villafranca.

Nel Vicereame di Napoli, il Duca di Osuna, che aveva sposato una parente del duca di Lerma, agì in modo analogo, anche se con risultati disastrosi, rispetto a Spinola.

Egli, infatti, con l'appoggio del Marchese di Bedmar, ambasciatore spagnolo a Venezia, impose pesanti tasse allo scopo di armare un poderoso esercito ed una forte marina da guerra da usarsi contro la Repubblica di Venezia, durante la tentata congiura che avrebbe dovuto rovesciarne il governo.

Oltre a tale fallimento, le tasse esacerbarono i napoletani e quando Osuna proibì ad una deputazione di riferire a Filippo III, questi si ribellarono.[39] Il duca di Osuna perse il potere una volta caduto il suo protettore, Lerma, ma la situazione precaria a Napoli, aveva compromesso i piani di Madrid in Germania.[39]

La Caduta del Duca di Lerma[modifica | modifica sorgente]

Rodrigo Calderón, condannato morte da Filippo III per soddisfare i nemici del Duca di Lerma, dipinto di Peter Paul Rubens

Progressivamente il potere del Duca di Lerma iniziò ad indebolirsi: il nepotismo aveva alienato al duca numerosi consensi a corte, il suo arricchimento personale lo rese inviso al popolo, i suoi debiti e le sue folli spese iniziarono ad impensierire il suo stesso figlio Cristóbal de Sandoval, duca di Uceda, infine, Padre Luis de Aliaga, confessore di Filippo, e Juan de Santa Maria, confessore della figlia del re e un ex cliente della defunta Regina Margherita,[13] avevano cominciato a esercitare una pressione personale e religiosa allo scopo di convincerlo a modificare i suoi metodi di governo.[40].

In un primo momento, Filippo III rimase vicino all'amico e nel 1618 riuscì a convincere Papa Paolo V a concedergli il cardinalato, ma il suo potere ormai stava venendo meno.

Infatti, quello stesso anno, il Duca di Uceda, per tutelare i propri interessi, si alleò con Don Baltasar de Zúñiga, il cui nipote, Gaspar de Guzmán y Pimentel, era vicino al principe ereditario, Filippo.

Lerma partì per la sua sede ducale, e per sei settimane Filippo non agì fino all'ottobre dello stesso anno quando con un decreto impose all'amico di rinunciare ai poteri annunciando che d'ora in avanti avrebbe governato di persona.

Il duca di Uceda, pur senza il potere del padre, mantenne una certa influenza a corte, mentre Baltasar de Zúñiga divenne ministro degli esteri[40]; l'unica vittima fu il segretario di Lerma, Rodrigo Calderón, che, sospettato di aver ucciso con un sortilegio la regina Margherita nel 1611 fu torturato ed in seguito ucciso per mano del soldato Francisco de Juaras[41]

Politica interna[modifica | modifica sorgente]

Filippo III di Spagna
Filippo III di Spagna giovane regnante in un ritratto del 1604.

Filippo III aveva ereditato dal padre un impero sterminato ma estremamente variegato, disomogeneo e con collegamenti difficili tra le varie e numerose province che lo componevano[42].

Ogni territorio aveva conservato i propri organi giuridici distinti ed autonomi tra loro per quanto soggetti alla corona spagnola ed alla sua burocrazia composta dalla nobiltà castigliana che, di fatto, si comportava quale una casta dominante.[43]

La stessa penisola iberica non era unita in un'unica entità statale ma bensì risultava divisa nei in diversi regni Castiglia, Aragona, Valencia e Portogallo riuniti attraverso una unione dinastica[44] In conseguenza ogni territorio conservava i propri livelli di tassazione, in genere inferiore rispetto alla Castiglia, cosa che le favoriva dal punto di vista economico e commerciale mentre la posizione privilegiata della nobiltà castigliana rispetto alle altre causava continui contrasti con le province periferiche.

La cacciata dei Moriscos[modifica | modifica sorgente]

Uno degli atti per cui è noto Filippo III fu il decreto di espulsione dei Moriscos, promulgato nel 1609 in concomitanza con la dichiarazione di una tregua nella guerra per i Paesi Bassi.[45]

I moriscos erano i discendenti di quei musulmani che si erano convertiti al cristianesimo durante la Reconquista dei secoli precedenti ma che avevano mantenuto una propria cultura, tra cui molte pratiche islamiche[46].

Filippo II aveva fatto dell'eliminazione della minaccia islamica un elemento chiave della sua strategia nazionale, tentando nel 1560 una politica di assimilazione la quale aveva causato una rivolta decennale[47].

Negli ultimi anni del suo governo, Filippo II aveva rinvigorito sforzi per convertire e assimilare pacificamente i Mori anche per prevenire la minaccia ottomana ma anche dopo di ciò nel sud della Spagna erano rimasti in 200.000: l'assimilazione era fallita[48].

L'idea di espellere completamente dalla Spagna i moriscos fu proposta da Juan de Ribera, Arcivescovo e Viceré di Valencia, le cui opinioni erano state influenti su Filippo III e del resto era agevolata dall'astio che gran parte della popolazione nutriva verso questa minoranza per via della loro particolare cultura.

Nel 1609, a seguito di una sommossa, Filippo III li accusò di collaborazionismo con i Pirati barbareschi[49] anche se dietro a ciò si trovava anche la ragione di rimpinguare l'erario con il ricavato dei sequestri, la stessa nobiltà, poi, premeva sul re, vogliosa di trarre beneficio da acquisti a buon mercato sui beni dei moriscos.

Se, tuttavia, esistevano tali pressioni, non bisogna sottovalutare il ruolo che ebbe l'ansia che questa popolazione, di origini musulmane potesse a tempo debito ribellarsi, come del resto aveva già fatto, per indebolire la Spagna.[50]

Le stime delle espulsioni variano da 275.000[48] ad oltre 300.000[49] Moriscos, costretti ad abbandonare la Spagna tra il 1609 e il 1614 mentre furono mobilitati la marina e 30.000 soldati con il compito di trasportare le famiglie a Tunisi o Marocco. Il re, inoltre, respinse l'idea, avanzata dall'arcivescovo Ribera, di destinare i bambini a lavori servili[51] e concesse ai genitori di portare con sé i bambini di età superiore ai sette anni e dispose per gli altri adozioni tra la popolazione proibendo con gravi sanzioni la loro riduzione in schiavitù[52].

Sebbene tale provvedimento fosse popolare, i danni economici furono immensi, specialmente nel Regno di Valencia, in Aragona e nella Murcia: Decadde l'offerta di manodopera a basso costo ed il numero di locatari per i campi e gli immobili, crollò la produzione agricola[53] tanto che la coltivazione dello zucchero e del riso dovette essere sostituita da quella del gelso bianco, vigna e dal frumento.

Il declino economico[modifica | modifica sorgente]

Il Regno di Filippo III fu caratterizzato da notevoli problemi economici: a seguito di una serie di cattivi raccolti, durante gli ultimi anni del XVI secolo, generò una Carestia, la quale, a sua volta, indebolendo le difese immunitarie della popolazione, fece sorgere una terribile epidemia di peste bubbonica che uccise oltre il 10% della popolazione.[54]

Quest'epidemia fu descritta da Mateo Alemán, uno dei romanzieri moderni in Europa il quale sottolineò che essa, avendo come nucleo la Castiglia, passata attraverso l'Andalusia, afferrò l'intero paese.[55] Di conseguenza, mentre la carestia colpì principalmente le regioni rurali, la carestia falcidiò le popolazioni cittadine deprimendo la domanda di manufatti e minando l'intera economia.[56].

Finanziariamente, l'impero era in condizioni ancor peggiori: Filippo II aveva dissanguato lo stato che si trovava sotto il fardello di una precaria situazione debitoria cui si aggiungeva il fatto che lo stato poteva contare di solido solo sul regno di Castiglia.

Infatti, ogni contributo fiscale alla monarchia richiedeva il consenso delle cortes e quelle di Aragona, del Portogallo, di Valencia e di Navarra, quasi sempre rifiutavano di ottemperare; nel 1616 la Castiglia (da cui inoltre dipendevano le Indie) garantiva il 65% delle spese[57].

Filippo III e Lerma non furono in grado di intervenire e ben presto le cortes cominciarono a legare le dotazioni di danaro a progetti specifici e vincolati alterando a loro vantaggio il rapporto tra le cortes stesse e la monarchia ed, a seguito della crisi finanziaria del 1607, le cortes imposero al sovrano di spendere il danaro secondo i piani concordati in precedenza con l'assemblea.[58]

A tale situazione si aggiunsero le forti spese assunte dalla famiglia reale allo scopo di aumentare il proprio prestigio in Europa[28] e a causa del calo delle entrate[59] Filippo III e Lerma decisero di emettere moneta specialmente di rame svalutando la moneta nel 1603-4, 1617 e 1621.

La svalutazione non ebbe altro effetto che accrescere l'instabilità finanziaria[57] esacerbata dai costi per la fallita campagna olandese e nel 1607 il Re dichiarò bancarotta, ovvero la sospensione dei pagamenti.

A seguito di ciò Filippo III convertì l'Asiento, ovvero i prestiti a tassi elevati garantiti dai ricavi sulle imposte sui prodotti agricoli in obbligazioni a più lungo termine e con interesse minore, i juros.

Ciò produsse un effetto di breve termine ma per il futuro impedì di adottare misure analoghe e nel 1618 quasi tutti i cespiti fiscali erano impegnati presso creditori diversi.[57] In tali condizioni divenne ancor più forte l'influenza dei banchieri genovesi, cosa che contribuì ad infastidire il popolo presso cui erano noti ormai come i musulmani bianchi[60].

Le Mancate Riforme[modifica | modifica sorgente]

Monarchia spagnola
Casa d'Asburgo
Royal Coat of Arms of Spain (1580-1668).svg

Carlo I
Filippo II
Filippo III
Filippo IV
Carlo II

In questi anni, in ragione alle precarie condizioni sociali ed economiche, nacque in Spagna un forte movimento che si sviluppò attraverso il ruolo degli arbitristas, o commentatori[61].

Queste voci, pur diverse tra loro, cercarono di studiare a fondo i temi economici, lo spopolamento, il disordine amministrativo e la corruzione e tentarono di offrire alla monarchia, che non intendevano discutere, soluzioni[62].

Tuttavia, Filippo III rimase quasi sempre sordo a tali istanze limitandosi a governare rispettando gli usi e le leggi locali, i fueros e vendendo gran parte dei possedimenti demaniali a creditori privilegiati o a nobili[63].

Mancò il ogni tentativo di rafforzare il ruolo dei Corregidor sul modello degli intendenti francesi allo scopo di rafforzare i legami con la corona essendo fortissime le opposizioni locali[63] e l'istituzione nel 1618, poco prima della caduta di Lerma, della Junta de Reformación giovò a ben poco[64].

Caduto Lerma, le istanze si rafforzarono per via dell'appoggio di Baltasar de Zúñiga fino a sfociare nei nuovi tentativi posti in atto dal Conte Duca di Olivares.

La politica estera[modifica | modifica sorgente]

La conferenza Anglo Spagnola della Somerset House, 19 agosto 1604, che pose fine alla Guerra anglo-spagnola

Dal padre, Filippo III ereditò due conflitti: la Guerra degli ottant'anni contro la ribelle Repubblica delle Sette Province Unite e la Guerra anglo-spagnola segnata dal fallimento Spagnolo di piegare una potenza militarmente e finanziariamente più debole; la politica estera di Filippo III può essere suddivisa in tre fasi.

Per i primi nove anni del suo regno, ha perseguito una serie molto aggressiva delle politiche, al fine di ottenere una 'grande vittoria'[65] come dimostrano del resto le sue istruzioni per Lerma al quale scrisse di condurre una guerra di sangue e ferro contro i sudditi ribelli nelle Fiandre[66].

Dopo il 1609, a causa della precaria situazione finanziaria, tentò di cercare una tregua per quanto le tensioni continuassero a crescere anche per via delle politiche personali di Spinola, del conte di Fuentes, del marchese di Vilafranca e del Duca di Osuna.[33]

Infine, Filippo III intervenne nelle lotte interne al Sacro Romano Impero per garantire l'elezione di Ferdinando II, come imperatore, i cui preparativi furono portati avanti oltre alla ripresa del conflitto con l'Olanda a seguito della caduta di Lerma e all'ascesa di un nuovo e bellicoso enturage alla corte di Madrid.

Trattato di Londra[modifica | modifica sorgente]

Monumento a Filippo III d Spagna a Madrid

In primo luogo Filippo si pose come obbiettivo quello di ottenere una decisiva vittoria[67] nella Guerra degli ottant'anni contro le province ribelli olandesi del Paesi Bassi spagnoli attuando nel contempo una rinnovata pressione sull'Inghilterra di Elisabetta I Tudor per indurla ad abbandonare il sostegno ai ribelli.

A tale scopo già Filippo II aveva provveduto a riarmare la marina spagnola[68], ma, dopo il fallimento dell' invasione dell'Irlanda e a seguito della sconfitta nella Battaglia di Kinsale, Filippo III comprese che nuove offensive navali avevano poche possibilità di successo[67].

Solo L'ascesa al trono di Giacomo I d'Inghilterra permise la conclusione la guerra, con la firma nel 1604 del Trattato di Londra[69]

Tregua dei Dodici anni[modifica | modifica sorgente]

Nei Paesi Bassi, Lerma intraprese una nuova strategia, mirante al ristabilimento del potere spagnolo sul lato nord dei grandi fiumi Mosa e Reno attraverso l'intensificazione della pressione militare sulle province ribelli e una lunga guerra di logoramento economico tra i Paesi Bassi Spagnoli e la Repubblica delle Sette Province Unite.

Nel 1607 la condizione di entrambi i contendenti era ormai divenuta assai precaria e Filippo III accettò di iniziare trattative per il raggiungimento di una tregua.

Nel 1609 fu stipulata la Tregua dei dodici anni con cui Filippo III ottenne ciò che voleva ovvero tempo per riordinare i propri bilanci dissestati e la garanzia che gli olandesi avrebbero cessato le loro molestie nei confronti dell'impero coloniale Ispano-Portoghese.

I Paesi Bassi, invece, ottennero un riconoscimento de facto della loro indipendenza da Madrid oltre che la possibilità di costituire il nucleo del loro impero coloniale.

Nello stesso periodo, l'assassinio di Enrico IV di Francia, sostenitore della guerra contro la Spagna, provocò in Francia un periodo di instabilità anche per via della minore età di re Luigi XIII; di ciò ne approfittarono i governatori spagnoli in Italia: Pedro Téllez-Girón, III duca di Osuna, viceré di Napoli ed il governatore di Milano, Pedro Álvarez de Toledo, V marchese di Villafranca.

Costoro, infatti, tentarono di aprire un corridoio attraverso la Valtellina, allora sotto il controllo dei Grigioni allo scopo eventuale di portare rinforzi in Germania mentre parimenti il tentativo del Duca di Osuna e del Marchese di Bedmar di rovesciare la Repubblica di Venezia, fallì con la scoperta del complotto.

L'Ingresso nella Guerra dei Trent'anni[modifica | modifica sorgente]

La Battaglia della Montagna Bianca, 1620, l'ultima vittoria della politica estera di Filippo III

Caduto il Duca di Lerma, si intensificò la politica di intervento della Spagna in aiuto agli Asburgo d'Austria in modo che, una volta consolidati i loro domini in Germania, si sarebbe potuto riprendere con maggior vigore la Guerra contro gli Olandesi.

Il conflitto verteva sull'elezione del Sacro Romano Imperatore, il cui attuale titolare, Mattia d'Asburgo, ormai anziano, non aveva eredi.

Candidato degli Asburgo d'Austria era l'Arciduca di Stiria Ferdinando mentre Filippo III complottava per assicurare anche quel trono al figlio, l'infante Filippo[70] temendo che un fallimento di Ferdinando potesse minare alla base il prestigio della casa d'Asburgo. e preoccupato che un tentativo fallito da parte di Ferdinando potrebbe ridurre collettiva prestigio asburgico.[71]

Fallita la candidatura del figlio[70], Filippo III decise di rafforzare il suo impegno a favore di Ferdinando in parte per via dell'influenza della moglie ormai defunta e del suo enturage ancora potente a corte, tra di essi Zúñiga, i quali vedevano essenziale un accordo tra i due rami degli Asburgo allo scopo di garantire il futuro della Spagna[72], in parte per la cessione da parte di Ferdinando, dei suoi possedimenti in Alsazia[73].

Nel 1618, Alla morte di Mattia, a seguito di editti filo cattolici della reggenza che governava in nome del non ancora imperatore Ferdinando, i Praghesi si ribellarono, deposero Ferdinando e nominarono L'elettore del Palatinato Federico V loro nuovo sovrano.

Tale situazione per certi versi apparve di buon auspicio alla corte spagnola la quale decise di rafforzare l'esercito delle Fiandre affinché, sotto il comando di Ambrogio Spinola, potesse occupare il Palatinato che controllava il Reno, eccellente via di trasporto dei rifornimenti tra le Fiadre, la Franca Contea e i domini spagnoli in Italia.

La Francia, debole, per quanto avesse inviato aiuti finanziari a Federico contro Ferdinando, era in realtà incline a rimanere neutrale[74] e pertanto le truppe spagnole guidate da Spinola poterono avanzare nel Palatinato mentre quelle di Johann Tserclaes, conte di Tilly, sconfissero l'esercito dei boemi ribelli nella battaglia della Montagna Bianca nel 1620.

Giudizio Storico[modifica | modifica sorgente]

Filippo III morì a Madrid il 31 marzo 1621, a 42 anni e gli succede il figlio sedicenne Filippo IV, il quale rimosse gli ultimi elementi della famiglia Lerma Sandoval dalla corte.

Il giudizio storico non fu lusinghiero: i contemporanei lo descrissero come uomo mediocre e insignificante[75], un monarca miserabile,[76] la cui sola virtù sembra risiedere in una totale assenza di vizi.[77]

Più in generale, Filippo ha sostanzialmente mantenuto la reputazione di un debole, stupido monarca che ha preferito la caccia ed i viaggi al governo[78] e, a differenza del figlio ed, in una certa misura anche del nipote, le cui reputazioni sono migliorate, Filippo III, rimase trascurato probabilmente per via del ruolo di Lerma[78].

Se, tradizionalmente, il declino della Spagna è posto a partire dal 1590, alcuni storici revisionisti sottolinearono che Filippo III mantenendo la pace con la Francia, era riuscito a consolidare e a rinforzare i domini nelle Fiandre e in Alsazia, iniziando la guerra con i Paesi Bassi in posizioni migliori rispetto al 1598.[79] mentre alcuni studi recenti[80] che analizzarono anche l'influenza delle donne alla sua corte pongono in una luce più sfumata il rapporto tra sovrano e valido, che, del resto, perdurò fino alla fine della casa d'Asburgo.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Margerita d'Austria-Stiria, in un ritratto ufficiale del 1609 come regina di Spagna

Nel 1599 Filippo III sposò l'arciduchessa Margherita d'Austria-Stiria. Da questo matrimonio nacquero otto figli, ma solo cinque arrivarono all'età adulta:

Titoli, stemmi e predicati d'onore[modifica | modifica sorgente]

Trattamenti di
Filippo III
Stemma
Re di Spagna
Trattamento di cortesia Sua Maestà Cattolica
Trattamento colloquiale Vostra Maestà Cattolica
Trattamento alternativo Sire
I trattamenti d'onore
  • Re di Castiglia come Filippo III: 14 aprile 1598 - 31 marzo 1598
    • Re di Castiglia, di León, di Granada, di Toledo, di Galizia, di Siviglia, di Cordova, di Murcia, di Jaen, delle Algarves, di Algeciras, di Gibilterra, delle isole Canarie, delle Indie, il isole e terraferma del Mare Oceano.[81] Signore di Molina.
    • Re di Navarra
    • Signore di Vizcaya.
  • Re del Portogallo come Filippo II: 14 aprile 1598 - 31 marzo 1621
    • Re del Portogallo e dell'Algarve, di entrambi i lati del mare in Africa, Signore della Guinea e della Conquista, Navigazione e Commercio di Etiopia, Arabia, Persia e India, ecc
  • Titoli patrimoniali: 14 aprile 1598 - 31 marzo 1621
    • Duca di Milano.
    • Arciduca d'Austria.
    • Conte d'Asburgo, del Tirolo
    • Re d'Ungheria, Dalmazia, Croazia
    • Principe di Svevia
  • Dominatore in Asia e Africa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stradling, pag.9
  2. ^ Feros, p.16.
  3. ^ a b c Feros, p.17
  4. ^ a b Feros, p.19.
  5. ^ Williams, p.38
  6. ^ Sánchez, p.101.
  7. ^ a b Williams, P.38
  8. ^ Williams, p.39
  9. ^ salvo i Paesi Bassi Asburgici che come concordato con la corte di Vienna sarebbero passati alla figlia Isabella Clara Eugenia ed al marito l'arciduca Alberto d'Asburgo
  10. ^ a b Sánchez, p.91
  11. ^ Sánchez, p.98/99
  12. ^ a b Sánchez, p.100
  13. ^ a b Sánchez, p.97
  14. ^ Williams, p.35
  15. ^ Williams, p.34.
  16. ^ Williams, p.34
  17. ^ Munck, p.49
  18. ^ Mattingly, p.74
  19. ^ Feros, p.19
  20. ^ Tuck, p.121.
  21. ^ Tuck, p.122
  22. ^ Williams, pp.47-8
  23. ^ Williams, p.42
  24. ^ Feros, p.112.
  25. ^ Feros, p.113
  26. ^ Williams, p.104
  27. ^ Williams, p.105
  28. ^ a b Feros, p.110
  29. ^ Williams, p.9.
  30. ^ Feros, pp.117-8
  31. ^ Feros, p.133.
  32. ^ Williams, p.10.
  33. ^ a b Polisensky, p.127
  34. ^ In realtà, gli Arciduchi sopravvissero a Filippo III e la riunificazione che si verificò solo sotto il regno di Filippo IV
  35. ^ Williams, p.127/128
  36. ^ Williams, pp.126/127
  37. ^ Wedgwood, pp.113/114
  38. ^ Parker, 1984, p.153-4
  39. ^ a b Williams, p.245
  40. ^ a b Williams, p.241
  41. ^ Williams, p.242.
  42. ^ Parker, 1984, p.146.
  43. ^ Zagorin, pp.3/4
  44. ^ Parker, 1984, p.61
  45. ^ Cruz, p 177
  46. ^ Parker, 1984, p.150
  47. ^ Zagorin, p.15
  48. ^ a b Parker,1984, p.150
  49. ^ a b Perry, p.133
  50. ^ Harvey, p.308.
  51. ^ Perry, p.157
  52. ^ Perry, p.148
  53. ^ De Maddalena, p.286.
  54. ^ Parker, 1985, p.235
  55. ^ Parker, 1984, p.147.
  56. ^ Parker, 1984, pp.146-7.
  57. ^ a b c Munck, p.51
  58. ^ Thompson, p.189.
  59. ^ Kamen, 1991, p.200
  60. ^ Cruz,p.102/103
  61. ^ Parker, 1984, pp 147-8
  62. ^ Parker, 1984, p.148
  63. ^ a b Munck, p.50
  64. ^ Kamen, p. 214.
  65. ^ Williams, p.125.
  66. ^ Williams, p.10
  67. ^ a b Williams, p.125
  68. ^ Vedi Goodman (2002), per una spiegazione approfondita di questa ripresa.
  69. ^ Parker, 2004, p.212
  70. ^ a b Wedgwood, p.75
  71. ^ Wedgwood, p.89.
  72. ^ Ringrose,p.320.
  73. ^ Wedgwood, p.57.
  74. ^ Wedgwood, p.110-1.
  75. ^ Wedgwood, p.55
  76. ^ Stradling, p.18.
  77. ^ Elliott, 1963, pp 300-301.
  78. ^ a b Sánchez, p.92
  79. ^ Parker, 1984, p.145 uso
  80. ^ In particolare, Feros (2006) e Williams '(2006) e Sánchez (1996)
  81. ^ Con la incorporazione del Portogallo alla Monarchia il titolo cambiò in Indie orientali e occidentali, le isole e la terraferma del mare Oceano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cipolla, Carlo M. (ed) The Fontana Economic History of Europe: The Sixteenth and Seventeenth Centuries. London: Fontana. (1974)
  • Cruz, Anne J. Discourses of Poverty: Social Reform and the Picaresque Novel. Toronto: University of Toronto Press. (1999)
  • Davenport, Frances G. European Treaties Bearing on the History of the United States and Its Dependencies. The Lawbook Exchange, Ltd. (2004)
  • Elliott, J. H. Imperial Spain: 1469–1716. London: Penguin. (1963)
  • Feros, Antionio. Kingship and Favouritism in the Spain of Philip III, 1598–1621. Cambridge: Cambridge University Press. (2006)
  • Goodman, David. Spanish Naval Power, 1589–1665: Reconstruction and Defeat. Cambridge: Cambridge University Press. (2002)
  • Kamen, Henry. Spain, 1469–1714: A Society of Conflict. Harlow: Pearson Education. (2005)
  • Harvey, Leonard Patrick. Muslims in Spain, 1500–1614. Chicago: University of Chicago Press. (2005)
  • Hoffman, Philip T. and Kathyrn Norberg (eds). Fiscal Crises, Liberty, and Representative Government 1450–1789. Stanford: Stanford University Press. (2001)
  • De Maddalena, Aldo. Rural Europe, 1500–1750. in Cipolla (ed) 1974.
  • Mattingly, Garrett. The Armada. New York: Mariner Books. (2005)
  • Munck, Thomas. Seventeenth Century Europe, 1598–1700. London: Macmillan. (1990)
  • Parker, Geoffrey. Europe in Crisis, 1598–1648. London: Fontana. (1984)
  • Parker, Geoffrey. The Dutch Revolt. London: Pelican Books. (1985)
  • Parker, Geoffrey. The Army of Flanders and the Spanish Road, 1567–1659. Cambridge: Cambridge University Press. (2004)
  • Perry, Mary Elizabeth. The Handless Maiden: Moriscos and the politics of religion in early modern Spain. Princeton: Princeton University Press. (2005)
  • Polisensky, J. V. The Thirty Years War. London: NEL. (1971)
  • Ringrose, David. Spain, Europe and the "Spanish Miracle", 1700–1900. Cambridge: Cambridge University Press. (1998)
  • Sánchez, Magdalena S. Pious and Political Images of a Hapsburg Woman at the Court of Philip III (1598–1621). in Sánchez and Saint-Saëns (eds) 1996.
  • Sánchez, Magdalena S. and Alain Saint-Saëns (eds). Spanish women in the golden age: images and realities. Greenwood Publishing Group. (1996)
  • Stradling, R. A. Philip IV and the Government of Spain, 1621–1665. Cambridge: Cambridge University Press. (1988)
  • Thompson, I. A. A. Castile, Constitionalism and Liberty. in Hoffman and Norburg (eds) 2001.
  • Wedgwood, C. V. The Thirty Years War. London: Methuen. (1981)
  • Williams, Patrick. The Great Favourite: the Duke of Lerma and the court and government of Philip III of Spain, 1598–1621. Manchester: Manchester University Press. (2006)
  • Zagorin, Perez. Rebels and Rulers, 1500–1660. Volume II: Provincial rebellion: Revolutionary civil wars, 1560–1660. Cambridge: Cambridge University Press. (1992)
  • Paul C. Allen, Philip III and the Pax Hispanica: The Failure of Grand Strategy

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Filippo III di Spagna Padre:
Filippo II di Spagna
Nonno paterno:
Carlo V d'Asburgo
Bisnonno paterno:
Filippo I di Castiglia
Trisnonno paterno:
Massimiliano I d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Maria di Borgogna
Bisnonna paterna:
Giovanna di Castiglia
Trisnonno paterno:
Ferdinando II di Aragona
Trisnonna paterna:
Isabella di Castiglia
Nonna paterna:
Isabella del Portogallo
Bisnonno paterno:
Manuele I del Portogallo
Trisnonno paterno:
Ferdinando d'Aviz
Trisnonna paterna:
Beatrice d'Aviz
Bisnonna paterna:
Maria di Trastamara
Trisnonno paterno:
Ferdinando II di Aragona
Trisnonna paterna:
Isabella di Castiglia
Madre:
Anna d'Austria
Nonno materno:
Massimiliano II d'Asburgo
Bisnonno materno:
Ferdinando I d'Asburgo
Trisnonno materno:
Filippo I di Castiglia
Trisnonna materna:
Giovanna di Castiglia
Bisnonna materna:
Anna Jagellone
Trisnonno materno:
Ladislao II di Boemia
Trisnonna materna:
Anna di Foix-Candale
Nonna materna:
Maria di Spagna
Bisnonno materno:
Carlo V d'Asburgo
Trisnonno materno:
Filippo I di Castiglia
Trisnonna materna:
Giovanna di Castiglia
Bisnonna materna:
Isabella del Portogallo
Trisnonno materno:
Manuele I del Portogallo
Trisnonna materna:
Maria di Trastamara

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Toson d'oro
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Santa Maria di Montesa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Santa Maria di Montesa
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Alcántara - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Alcántara
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Calatrava - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Calatrava
Gran Maestro dell'Ordine di Santiago - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Santiago
Gran Maestro dell'Ordine del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Cristo
Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada
Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada
Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Spagna Successore Armoiries Espagne Catholique.png
Filippo II 1598 - 1621 Filippo IV
Predecessore Re di Sicilia Successore Armoiries Espagne Catholique.png
Filippo I 1598 - 1621 Filippo III
Predecessore Re di Napoli Successore Armoiries Espagne Catholique.png
Filippo I 1598 - 1621 Filippo IV
Predecessore Re del Portogallo e dell'Algarve Successore Armoiries Espagne Catholique.png
Filippo I 1598 - 1621 Filippo IV
Predecessore Principe delle Asturie Successore Escudo de Asturias.svg
Diego, infante di Spagna 1582 - 1598 Filippo, infante di Spagna
Predecessore Principe di Portogallo Successore Coat of arms of the Kingdom of Portugal (Enciclopedie Diderot).svg
Diego, infante di Spagna 1582 - 1598 Anna, infante di Spagna

Controllo di autorità VIAF: 88888342 LCCN: n85049399