Manuele II del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manuele II
Foto ufficiale dell'acclamazione di Manuele II nel 1908
Foto ufficiale dell'acclamazione di Manuele II nel 1908
Re di Portogallo
In carica 1º febbraio 1908 –
5 ottobre 1910
Predecessore Carlo I
Successore abolizione della monarchia
Nome completo Manuel Maria Filipe Carlos Amélio Luís Miguel Rafael Gabriel Gonzaga Francisco de Assis Eugénio de Bragança
Altri titoli Duca di Braganza
Nascita Lisbona, 15 novembre 1889
Morte Twickenham, 2 luglio 1932
Luogo di sepoltura Monastero di São Vicente de Fora
Casa reale Braganza
Padre Carlo I del Portogallo
Madre Amelia d'Orléans
Consorte Augusta Vittoria di Hohenzollern-Sigmaringen

Manuele di Braganza (Lisbona, 15 novembre 1889Twickenham, 2 luglio 1932) fu il trentaquattresimo nonché ultimo re del Portogallo e dell'Algarve.

Divenne re il 1º febbraio 1908, quando suo padre e il fratello maggiore Luigi Filippo di Braganza, primo erede al trono, furono assassinati in un attentato. Il suo regno durò solo due anni, il 4 ottobre 1910 venne deposto e in Portogallo fu proclamata la Repubblica. Da molti è ricordato con diversi soprannomi: O Patriota (Il patriota) per la sua preoccupazione per l'identità nazionale portoghese; O Desventurado (Lo sfortunato), per aver perso il trono a favore della Repubblica; O Estudioso o O Bibliófilo (Lo studioso o Il bibliofilo) per il suo amore per la letteratura portoghese. I monarchici lo chiamarono anche O Rei-Saudade (Il re nostalgia), per la mancanza che si sentì di lui nel regno dopo che la monarchia venne abolita.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

L'infante Manuele del Portogallo a 12 anni di età

Manuele nacque a Lisbona, figlio secondogenito del re Carlo I del Portogallo e di sua moglie, la regina Amelia d'Orléans. I suoi nonni paterni erano il re Luigi del Portogallo e la principessa Maria Pia di Savoia, figlia a sua volta di Vittorio Emanuele II di Savoia, quelli materni erano Luigi Filippo Alberto d'Orléans, conte di Parigi, e Maria Isabella d'Orléans, infanta di Spagna.

Manuele nacque al Palazzo di Belém e venne battezzato pochi giorni dopo nella medesima residenza reale, avendo per padrino il nonno materno, il conte di Parigi, oltre al deposto imperatore del Brasile, Pietro II che aveva perduto il trono proprio il giorno della sua nascita. Nel giorno del suo battesimo, il futuro sovrano ricevette anche i titoli di Infante del Portogallo e Duca di Beja.

A livello di educazione Manuele ebbe un'istruzione solida ma non eccessivamente incentrata nell'ambito politico, dal momento che la sua posizione di secondogenito ne rendeva improbabile la successione al trono. Sicuramente un tratto che acquisì sin dall'infanzia fu l'atteggiamento altezzoso e snob che poi perse con la salita al trono, al punto da eliminare il baciamano per i dignitari di corte. A sei anni già parlava e scriveva regolarmente in francese, ma si premurò di studiare anche altre lingue, oltre a storia e musica (ebbe come insegnante Alexandre Rey Colaco). Sin dall'inizio, ad ogni modo, dimostrò una chiara inclinazione allo studio a differenza del fratello Luigi Filippo, maggiormente dotato per le attività fisiche. Nel 1903 si recò con la madre ed il fratello maggiore in visita in Egitto a bordo dello yacht reale Amélia, così da approfondire maggiormente la sua conoscenza delle antiche civiltà. Nel 1907 iniziò gli studi preparatori per il suo ingresso all'Accademia Navale che gli aprivano la strada ad una rapida carriera nella marina portoghese.

Un matrimonio infelice ed un'amante troppo evidente[modifica | modifica wikitesto]

Il matrimonio di Manuele II del Portogallo con la principessa Augusta Vittoria di Hohenzollern-Sigmaringen.

Il 4 settembre 1913 Manuele II sposò, nella città tedesca di Sigmaringa, la principessa Augusta Vittoria di Hohenzollern-Sigmaringen, figlia primogenita del principe Guglielmo di Hohenzollern-Sigmaringen e della principessa Maria Teresa di Borbone-Due Sicilie, contessa di Trani. La cerimonia venne presieduta dal patriarca di Lisbona, il cardinale José Neto.

Dal matrimonio non nacquero figli anche perché tra i due coniugi, sebbene il clima fosse calmo e sereno, non vi fu mai vero amore e ne risultò un'unione sostanzialmente infelice ed insoddisfacente.

Nel mese di dicembre del 1909, mentre era in visita a Parigi, Manuele incontrò per la prima volta Gaby Deslys, una famosa attrice d'epoca. Tra i due nacque da subito un rapporto stretto che durò ben oltre il regno di Manuele, spesso con picchi di indiscrezione notevoli (nelle sue visite in Portogallo l'attrice pernottava al Palaçe de Necessidades), cosa che non passò inosservata al pubblico. Malgrado questo sia durante che dopo il regno di Manuele II, Gaby Deslys nego sempre l'evidenza e si rifiutò sempre di rilasciare commenti pubblici sulla sua relazione col re. I due continuarono a vedersi durante il periodo di esilio del sovrano a Londra sino all'estate del 1911 quando l'attrice partirà alla volta di New York, raffreddando inevitabilmente il rapporto tra i due. L'attrice morirà poi nel 1920 nella sua casa di Marsiglia, vittima di una polmonite.

Il regno[modifica | modifica wikitesto]

Re Manuele II all'apertura delle Cortes di Lisbona nel 1908

Il futuro di Manuele nella sua carriera in marina venne bruscamente ed inaspettatamente interrotto il 1º febbraio del 1908 col regicidio che colpì la casata reale portoghese in quell'anno. Da qualche tempo, infatti, Manuele era tornato a Lisbona dopo un breve viaggio a Vila Viçosa con tutta la famiglia, di modo da prepararsi per gli esami da sostenere presso la scuola navale. Prese parte coi genitori ad una pubblica cerimonia e quando partirono degli spari sulla carrozza che uccisero sul colpo suo padre e suo fratello maggiore, mentre Manuele venne ferito solo ad un braccio. Il ragazzo divenne così re del Portogallo.

La sua prima decisione da sovrano fu quella di convocare immediatamente il Consiglio di Stato, dimettendo il primo ministro Joao Franco che era stato ritenuto responsabile di una non completa vigilanza per l'accaduto e nominò in seguito un nuovo governo presieduto dall'ammiraglio Francisco Joaquim Ferreira do Amaral. Questo atteggiamento che in un primo tempo servì per placare gli animi, in realtà col tempo diede modo ai repubblicani di prendere il sopravvento e di riscontrare nel re delle debolezze.

Egli venne acclamato "re" dall'Assemblea Nazionale il 6 maggio del 1908. Malgrado le buone intenzioni mostrate dall'inizio, Manuele II si astenne sempre dall'intervenire direttamente negli affari di governo, seguendo il motto secondo il quale "il re regna, ma non governa", giudicando l'ingerenza di suo padre come una delle cause della sua tragica morte. Il re fu sempre tuttavia attento alle questioni sociali.

Le questioni sociali[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane re Manuele II a Porto con il governatore civile ed il parroco locali nel 1908

Per "questioni sociali" durante il regno di Manuele II si può parlare della preoccupazione della crescita nei confronti del proletariato urbano, fatto che comunque non interessò particolarmente il Portogallo, data la sua debole industrializzazione al confronto di quella di altri paesi europei. Tuttavia il peso del proletariato urbano crebbe moltissimo con l'azione del Partito Repubblicano che si fece pesantemente sentire durante il regno di Manuele, arrivando a colmare le lacune del partito socialista portoghese che, pur essendo nato nel 1875, non era mai arrivato ad avere una rappresentanza parlamentare.

Manuele II seppe appoggiarsi ai socialisti per giungere ad un accordo che generalmente migliorasse le condizioni di vita dei lavoratori, e questo staccò i socialisti dai repubblicani. Per meglio sopperire a queste esigenze, nel 1909 Manuele pagò a proprie spese il sociologo francese Leon Poinsard perché preparasse una relazione completa sul paese e trovasse nuove soluzioni per organizzare il lavoro e l'amministrazione locale. Entusiasta, il re scrive, nel giugno 1909, all'allora Presidente del Consiglio dei Ministri, Venceslao Lima, mettendolo al corrente della recente riorganizzazione del Partito socialista, poi unitosi sotto la guida di Aquiles Monteverde, ricordandogli inoltre l'importanza di una collaborazione con il regime socialista: "È in questo modo, deviando la classe operaia dal partito repubblicano, guidandoli, che essa diventerà una forza utile e produttiva."

Nonostante i contatti col socialista Sour Gneco, Venceslao Lima considerava comunque un'azione difficile conciliare le forze politiche, ancor più dopo il fatto che il Congresso Nazionale dei Lavoratori era stato boicottato da anarchici e repubblicani con un congresso rivale. Anche le commissioni che si crearono per appoggiare i lavori socialisti, ad ogni modo, si dimostrarono poco efficaci e non riuscirono a reificare i loro intenti, ancor più per il fatto che il regno di Manuele II durò troppo poco per pensare di attuare delle riforme efficienti anche a livello governativo.

La politica estera[modifica | modifica wikitesto]

thumb|right|200px|Manuele II in alta uniforme in una fotografia del 1910 Durante il suo regno, Manuele II visitò diverse località del nord del paese e si recò ufficialmente in visita in Spagna, in Francia ed in Inghilterra, occasioen quest'ultima dove, nel mese di novembre del 1909, venne nominato cavaliere dal prestigioso Ordine della Giarrettiera. Ricevette in Portogallo le visite ufficiali di Alfonso XIII di Spagna nel 1909 e di Hermes da Fonseca, presidente eletto del Brasile, nel 1910 . Generalmente egli tentò sempre di seguire una politica di ravvicinamento con la Gran Bretagna, non solo a fronte di un orientamento geopolitico già seguito da suo padre, ma per rafforzare la sua posizione al trono e questo fu probabilmente anche alla base del suo matrimonio con una principessa imparentata con la casata reale inglese.

La situazione interna e la rivoluzione repubblicana[modifica | modifica wikitesto]

La situazione politica dello stato in quegli anni si stava tuttavia deteriorando, col succedersi di ben sette governi in soli 24 mesi di regno. I vari partiti monarchici tornarono ai loro abituali litigi interni, divisioni e frammentazioni, mentre il Partito Repubblicano continuava a guadagnare terreno. Alle elezioni parlamentari del 28 agosto 1910, in parlamento vi erano solo 14 deputati repubblicani (il 9% degli oppositori, contro il 58% dei parlamentari a favore del governo ed il 33% di indecisi), ma la miccia della rivoluzione era ormai stata accesa.

Infatti, il 4 ottobre 1910, ebbe inizio una rivoluzione ed il giorno dopo, 5 ottobre, a Lisbona venne proclamata la Repubblica. Il Palço des Necessidades, residenza ufficiale del re, venne bombardata ed il monarca dovette trasferirsi al palazzo di Mafra dove si unirono a lui anche sua mamma e sua nonna paterna. Il giorno successivo, Manuele II decise a bordo dello yacht reale "Amélia" di dirigersi a Porto, ma di fatti egli venne "sequestrato" dagli ufficiali di bordo che lo portarono a Gibilterra dopo aver sentito la notizia che anche Porto era caduta nelle mani dei repubblicani. Da li pertanto la famiglia reale si recò nel Regno Unito ove venne ospitata in esilio da re Giorgio V.

L'esilio[modifica | modifica wikitesto]

Il re Manuele in esilio in Inghilterra, alla cerimonia annuale dei cavalieri dell'Ordine della Giarrettiera nel giugno 1911

Manuele si stabilì in una residenza a Fulwell Park, presso Twickenham, appena fuori Londra, circondandosi delle personalità che gli erano state fedeli durante il periodo del suo regno e tentando a più riprese di organizzare dei colpi di stato per essere restaurato (nel 1911, nel 1912 e nel 1919). Nella comunità dove risiedette fu sempre molto attivo: frequentava abitualmente la locale chiesa cattolica di San Giacomo, fu il padrino di battesimo di diverse decine di bambini ed ancora oggi molti esempi di toponomastica lo ricordano come la "Manuel Road", la "Lisbon Avenue" o i "Portugal Gardens".

Pur in esilio, Manuele continuò a seguire da vicino la politica portoghese, godendo di una certa influenza con alcuni ambienti politici, in particolare presso le organizzazioni monarchiche. Preoccupato che l'anarchia della Prima Repubblica potesse provocare un intervento spagnolo e quindi minacciare l'indipendenza nazionale, ottenne perlomeno la cacciata del generale Gomes da Costa Fragoso Carmona, e la nomina di un nuovo ambasciatore portoghese a Londra, sostituendo quello precedente designato. Sebbene deposto ed esiliato, Manuele fu sempre fautore di grande patriottismo che nel 1915 lo portò nel suo testamento a lasciare ogni suo bene allo stato portoghese, per la fondazione di un museo, anche esprimendo il desiderio di essere sepolto in Portogallo.

Manuele II nella Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

L'essere anglofilo e ammiratore dello spirito britannico, difese Manuele da alcune dichiarazioni che fece nell'ambito dello scoppio della Prima guerra mondiale. Egli infatti chiese ai realisti di prendere parte attivamente al conflitto per difendere la patria, mettendo da parte le ostilità contro la repubblica portoghese e combattere fianco a fianco per tutta la durata del conflitto, giungendo egli stesso seppur in esilio a chiedere l'incorporazione nell'esercito repubblicano portoghese.

Contrariamente a quanto previsto, però, gran parte dei monarchici portoghesi non corrispose le aspettative del sovrano sperando che l'appoggio al kaiser avrebbe potuto portare alla restaurazione della monarchia in Portogallo. Il re, dal canto suo, riteneva che solo il supporto alla Gran Bretagna avrebbe garantito al Portogallo il mantenimento delle sue colonie. Malgrado il suo appello all'esercito repubblicano portoghese fosse andato disperso, Manuele si accontentò anche se deluso di entrare nella Croce Rossa inglese e prestare servizio come meglio poteva, anche partecipando a conferenze sul tema ed organizzando delle raccolte fondi, visitando ospedali e soccorrendo i feriti al fronte, fatto che lo rese molto popolare. Giorgio V, che sempre apprezzò l'operato di Manuele durante tutto il conflitto ed a favore della sua patria adottiva, l'Inghilterra, lo ricompensò nel 1919 invitandolo a sedere al suo fianco nella tribuna d'onore durante la sfilata ufficiale per la vittoria della Grande Guerra.

Le incursioni realiste[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1911 le forze monarchiche portoghesi che si trovavano in esilio si concentrarono in Galizia da dove, con l'approvazione del governo spagnolo, si accordarono per penetrare in Portogallo e restaurare la monarchia. Il gruppo era guidato dal carismatico Henrique de Paiva Couceiro, veterano delle campagne in Africa e l'unico ufficiale che aveva colpito audacemente il regime durante il colpo di Stato del 5 ottobre. Creduto da molti il paladino della restaurazione monarchica portoghese (così lo indicava una certa stampa repubblicana in patria), egli credeva fosse sufficiente puntare sulle masse insoddisfatte di contadini per riottenere il sostegno alla corona, ma gli eventi diedero prova che egli si sbagliava e molti dei raid organizzati dalla Galizia fallirono.

Manuele decise di appoggiare questi raid anche se durante i primi anni del suo esilio le risorse disponibili per la sua persona apparivano molto limitate. Inoltre questa prima incursione venne fatta sotto le insegne della bandiera blu e bianca del Portogallo ma senza la corona reale, ed era stata preceduta da un manifesto di Paiva Couceiro che identificava il movimento come un "neutrale" il quale si riprometteva di liberare il paese e chiedere poi un regolare plebiscito per chiedere al popolo di scegliere la forma di governo da adottare per lo stato. Ora, dal momento che Manuele II era stato un monarca che aveva giurato sulla costituzione, mai accettò di essere sottoposto ad un referendum, accettando unicamente una restaurazione che appoggiasse la costituzione del 1826.

La seconda incursione avvenuta nel 1912 fu meglio preparata ed ebbe un maggior successo della prima. Ciò era dovuto al fatto che il governo spagnolo, inchinandosi alla pressione diplomatica, aveva in un primo momento appoggiato fortemente gli squadroni galiziani, salvo poi ritirare il proprio appoggio. Manuele II riteneva che la forza non fosse il modo migliore per riconquistare il trono, ma questo orientamento non era ben visto dai monarchici radicali. Il re quindi si limitò ad aggravare l'anarchia nel paese di modo che si potesse far ritorno alla monarchia.

Il patto di Dover[modifica | modifica wikitesto]

Manuele con la madre Amelia e la moglie Augusta nel 1913

Dopo il fallimento della prima incursione monarchica, e prima ancora a causa del mancato interesse di Manuele in persona nel voler arrivare con la forza alla conquista del trono, il sovrano in esilio si rese conto di dover meglio articolare le proprie forze e per fare questo decise di riconoscere il giusto trattamento di lignaggio ai discendenti di Michele I del Portogallo, capeggiati dal pretendente Michele II. I due principi si incontrarono con tutta probabilità a Dover il 30 gennaio 1912 ma sulla discussione che si ebbe tra i due ancora oggi vi è molta discussione tra gli storici. Alcuni sostengo che si fosse definito unicamente un patto di amicizia e di sostegno per la restaurazione del trono, col riconoscimento dei titoli degli ex pretendenti, mentre secondo altri in quell'occasione Manuele II avrebbe ceduto i propri diritti di successione a Michele II in cambio della restaurazione della monarchia in Portogallo, per il bene del paese.

La monarchia del nord[modifica | modifica wikitesto]

La "Monarchia del nord" venne proclamata a Porto il 18 gennaio 1919

Dopo il fallimento dei raid monarchici e la condanna del re a quanti ancora utilizzassero la forza per giungere alla restaurazione della monarchia, quest'ultima opzione sembrò riaprirsi con la fine della dittatura del generale Pimenta de Castro nel gennaio del 1915. fatto che brevemente ruppe il monopolio politico del Partito Democratico portoghese e, nel tentativo di catturare le simpatie più conservatori, rimosse le restrizioni alla libertà di associazione monarchiche che erano state limitate dalla costituzione della repubblica. Tra l'aprile ed il maggio del 1915 aprirono i battenti circa 55 circoli monarchici (33 nel nord e 12 nel centro del paese), ma già dal 14 maggio di quello stesso anno la rivoluzione era sbarcata nelle strade: 15.000 persone tra civili e militari fedeli al re si scontrarono lasciando sul campo oltre 500 morti e 1000 feriti tra le file dell'esercito repubblicano. Pur in questa situazione, tuttavia, Manuele II continuò ad invocare la calma degli animi ed a rifiutare l'idea di un intervento forzoso per la sua restaurazione, prevedendo piuttosto dei colloqui di pace da tenersi a Parigi, temendo che l'aumento dell'illegalità nel paese avrebbe potuto minarne la posizione negoziale. Paiva Couceiro e gli integralisti si servirono per la gestione della situazione del luogotenente generale Aires de Ornelas e proprio a lui Paiva indirizzò un telegramma, convinto in un appoggio immediato del re alle operazioni di un colpo di Stato di quelle dimensioni, scrivendo senza esitazioni "Si va avanti. Parola del re".

Il 19 gennaio 1919, con mille soldati e alcuni pezzi di artiglieria, Paiva Couceiro restaurò a Portola la monarchia costituzionale nella persona di Manuele II, istituendo anche un governo provvisorio a cui aderirono le città di Minho, Tras-os-Montes e parte del distretto di Aveiro, ma contrariamente a quanto previsto dallo stesso Couceiro, il resto del paese non si unì a questa proposta. Il governo repubblicano rimase saldo a Lisbona, dove Aires de Ornelas era rimasto con poche centinaia di monarchici alla guida del 2º reggimento di lancieri. Di fronte all'aumento del numero di rifugiati che temevano rappresaglie repubblicani, il comandante del reggimento, che era monarchico, fece ritirare la guarnigione e marciò verso Monsanto ove si unì con altre forze monarchiche per poi rivelarsi in un nulla di fatto.

Col fallimento della restaurazione nel centro e nel sud del paese, 13 febbraio di quello stesso anno la Guardia Nazionale era riuscita a ripristinare la repubblica a Porto e molti dei monarchici catturati vennero condannati a pene esemplari. Il re, in esilio, ricevette solo poche e sporadiche informazioni sugli eventi che si stavano verificando e seppe del fallimento dai giornali. Nei mesi successivi il sovrano trasferì la propria influenza presso i tribunali britannici di modo che potesse ottenere delle petizioni per richiedere l'amnistia per i propri conterranei. Questo fatto peggiorò un poco anche la figura dello stesso monarca che ora veniva accusato anche da alcuni monarchici di avere disinteresse verso gli sforzi da loro compiuti per salvare la patria e ridonargli un trono.

Il patto di Parigi[modifica | modifica wikitesto]

Il cosiddetto Patto di Parigi in una cartolina d'epoca fatta stampare dal gruppo Integralismo Lusitano nel 1922.

Nel 1922, col raffreddarsi delle relazioni tra monarchici, il movimento Integralismo Lusitano ed il re, e memore del fatto che il suo matrimonio con Augusta Vittoria non aveva prodotto eredi, Manuele fece delle aperture più concrete nei confronti dei discendenti di Michele II. In un incontro che si tenne a Parigi nell'aprile del 1922, rappresentati rispettivamente dal generale Aires de Ornelas, e dalla michelista infanta Adelgundes, che si era definita duchessa di Guimarães, e dal tutore Duarte Nuno, si dice che fossero state gettate le basi per la successione che sarebbe passata a Duarte Nuno. A quel tempo i monarchici costituzionalisti non si dichiararono soddisfatti dell'accordo perché esso negava le leggi della monarchia costituzionale in vigore nel 1910. Anche gli integralisti non furono particolarmente felici di questa scelta, dal momento che l'accordo riduceva il tutto ad una questione di famiglia senza parlare di voler ristabilire la monarchia tradizionale. Integralismo lusitano ritirò il proprio appoggio ai movimenti monarchici in corso, ma questo accordo portò alla definitiva riconciliazione dei due rami della Casa di Braganza.

L'attività di scrittore e bibliografo[modifica | modifica wikitesto]

Manuele era un avido lettore e, durante gli anni dell'esilio, si dedicò particolarmente allo studio della letteratura, stendendo trattati sulla letteratura portoghese medievale e rinascimentale. Dopo la prima guerra mondiale, con maggior tempo libero per sé stesso, oltre ai suoi contatti con le organizzazioni monarchiche, Manuele si dedicò ai suoi studi. Inizialmente si dimostrò interessato a voler scrivere una biografia su Manuele I del Portogallo che riteneva essere stato sottovalutato da alcuni storici. Per fare questo egli entrò in contatto col bibliografo Maurice Ettinghausen nel 1919, per acquisire informazioni e riferimenti per la sua opera, aiutato in questo dalla dissoluzione di molte collezioni private durante il periodo repubblicano.

Dal 1926, Manuele aveva già abbandonato l'idea della biografia per concentrarsi sulla descrizione dei libri antichi della sua biblioteca personale. Oltre che una lista, con questo lavoro Manuele aveva la possibilità di scrivere delle glorie del Portogallo, redigendo non solo bibliografie ma esaminandone anche gli autori ed i contesti nei quali scrivevano. La sua interpretazione fu scientificamente rigorosa, e ne risultò un lavoro scandito da nazionalismo e dall'esaltazione dei valori ancestrali. Il primo volume da lui realizzato, dal titolo Livros Antigos Portuguezes 1489–1600, da Bibliotheca de Sua Magestade Fidelíssima Descriptos por S. M. El-Rey D. Manuel em Três volumes venne pubblicato nel 1929. Manuele consegnò personalmente una copia della sua opera all'amico Giorgio V al Castello di Windsor. Il lavoro venne ben ricevuto dalla critica, e lo stesso re si dedicò al secondo volume che copriva il periodo compreso tra il 1540 ed il 1569. Ma il progetto si interruppe prematuramente nel 1932, con l'improvvisa morte del re. Il terzo volume venne pubblicato postumo sotto la supervisione del suo bibliotecario, Margery Winters. Per questa sua opera, il busto del re si trova oggi nell'atrio della Biblioteca Nacional de Portugal di Lisbona.

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Manuele II alcune ore prima della sua morte a Fulwell Park; 2 luglio 1932.

Il sovrano in esilio morì improvvisamente nella sua residenza il 2 luglio 1932 soffocato da un aumento abnorme delle corde vocali della sua laringe, o edema tracheale.[1] Il governo portoghese, a quel tempo guidato da António Oliveira de Salazar, autorizzò la sua sepoltura a Lisbona, dopo i funerali di stato. Il suo corpo giunse a Lisbona il 2 agosto 1932, a bordo dell'incrociatore britannico HMS Concord che aveva fatto il giro del Regno Unito ed era risalito per il fiume Tago per portare la bara del re. Il corpo venne ricevuto alla Praça do Comércio, dove una gran folla di persone scortò la bara sino a São Vicente de Fora. Il corpo venne sepolto nel Pantheon della casa di Braganza presso il Monastero di São Vicente de Fora.

La sua morte venne vista da alcuni con sospetto dal momento che solo il 1º luglio si era saputo che aveva sostenuto un torneo di tennis ed appariva in ottima salute. Un incidente circa la sua morte venne accennato anche nell'autobiografia di Harold Brust, un membro dei servizi segreti di Scotland Yard incaricato di proteggere le figure pubbliche. Nelle sue memorie, Brust parla di un incidente probabilmente accaduto nel 1931 nel quale un intruso scoperto nel giardino di Fulwell Park, una volta arrestato, venne confermato essere un membro di rilievo del gruppo terroristico repubblicano portoghese noto come Carbonária, che venne successivamente deportato a Lisbona. L'identità dell'intruso non venne mai confermata così come i motivi del suo ingresso nella tenuta del sovrano.[2]

Dal momento che i trattati di Dover e Parigi non avevano risolto la questione della successione e non vi sono documenti a prova dei due concordati, non vi era alcun erede diretto per il defunto trono. Manuele II ad ogni modo aveva acclarato che la dinastia dei Braganza si sarebbe potuta dire estinta solo alla morte dell'ultimo erede diretto maschio di tutti i rami della famiglia (includendo quindi anche la famiglia imperiale del Brasile, i Braganza-Orleans, i discendenti del duca di Loulé, ecc.). Il movimento Integralismo Lusitano acclamò Duarte Nuno, duca di Braganza quale re del Portogallo, dal momento che Michele I del Portogallo, alla morte del nipote, si trovava effettivamente a capo della famiglia reale portoghese.

Dopo la morte di Manuele, António de Oliveira Salazar autorizzò il ritorno in Portogallo della famiglia Braganza che era stata esiliata e fondò, con la vendita delle proprietà inglesi dell'ex sovrano ed il resto dei suoi possedimenti, la Fondazione della Casa di Braganza, secondo il desiderio dello stesso re Manuele di lasciare la sua fortuna personale al popolo portoghese.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Manuele II del Portogallo Padre:
Carlo I del Portogallo
Nonno paterno:
Luigi del Portogallo
Bisnonno paterno:
Ferdinando II del Portogallo
Trisnonno paterno:
Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Kohary
Trisnonna paterna:
Maria Antonia di Koháry
Bisnonna paterna:
Maria II del Portogallo
Trisnonno paterno:
Pietro I del Brasile
Trisnonna paterna:
Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena
Nonna paterna:
Maria Pia di Savoia
Bisnonno paterno:
Vittorio Emanuele II d'Italia
Trisnonno paterno:
Carlo Alberto di Savoia
Trisnonna paterna:
Maria Teresa d'Asburgo-Lorena
Bisnonna paterna:
Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena
Trisnonno paterno:
Ranieri Giuseppe d'Asburgo-Lorena
Trisnonna paterna:
Maria Elisabetta di Savoia-Carignano
Madre:
Amelia d'Orléans
Nonno materno:
Luigi Filippo Alberto d'Orléans
Bisnonno materno:
Ferdinando Filippo d'Orléans
Trisnonno materno:
Luigi Filippo di Francia
Trisnonna materna:
Maria Amalia di Borbone-Napoli
Bisnonna materna:
Elena di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonno materno:
Federico Ludovico di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna materna:
Carolina Luisa di Sassonia-Weimar-Eisenach
Nonna materna:
Maria Isabella d'Orléans
Bisnonno materno:
Antonio d'Orléans
Trisnonno materno:
Luigi Filippo di Francia
Trisnonna materna:
Maria Amalia di Borbone-Napoli
Bisnonna materna:
Luisa Ferdinanda di Borbone-Spagna
Trisnonno materno:
Ferdinando VII di Spagna
Trisnonna materna:
Maria Cristina di Borbone-Due Sicilie

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Trattamenti di
Manuele II del Portogallo
Stemma
Re del Portogallo
Trattamento di cortesia Sua Maestà Fedelissima
Trattamento colloquiale Vostra Maestà Fedelissima
Trattamento alternativo Sire
I trattamenti d'onore

Onorificenze portoghesi[modifica | modifica wikitesto]

Fascia dei tre ordini - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dei tre ordini
Gran Maestro dell'Ordine del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Cristo
Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada
Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada
Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
Gran Maestro dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1908
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1908
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1908
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 27 febbraio 1909

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Great Dynasties, 1980, p. 221
  2. ^ Luís Guerreiro, 2007–2010, Centenário do Regicídio

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re del Portogallo Successore Flag of Portugal.svg
Carlo I 1º febbraio 1908 - 4 ottobre 1910 titolo abolito
Predecessore Pretendente al trono del Portogallo Successore Flag of Portugal.svg
titolo inesistente 4 ottobre 1910 - 2 luglio 1932 Duarte Nuno di Braganza

Controllo di autorità VIAF: 816370 LCCN: n85092863