Maria di Trastámara (1482-1517)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Castiglia e León
Casa di Trastámara

Arms of the Crown Castile with the Royal Crest.svg

Maria di Castiglia e Aragona

Maria di Trastámara o Maria d'Aragona (in catalano: Maria d'Aragó, in castigliano: María de Aragón y Castilla; Cordova, 29 giugno 1482Lisbona, 7 marzo 1517) fu regina consorte del Portogallo dal 1500 al 1517.

Discendente dal casato di Trastámara, Maria d'Aragona e Castiglia era la figlia quartogenita dei Re Cattolici ovvero Ferdinando II di Aragona e Isabella di Castiglia.

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Mentre era incinta, Isabella pensava, dati i disturbi e i malesseri, di aspettare due gemelli. Pregò molto perché ciò non accadesse in quanto un tempo si credeva che i parti gemellari portassero immense disgrazie. Nacque invece, per la tranquillità di tutti, una bambina.

La piccola, come i suoi fratelli, si dovette abituare ai continui spostamenti della madre a dorso di mulo per il regno. Isabella infatti riteneva fosse indispensabile per mantenere l'ordine e il controllo da parte di un sovrano. I bambini seguivano la madre perfino quando si recava sui campi di battaglia per incitare le truppe. I figli di Isabella e Ferdinando erano quindi cresciuti senza una casa o un luogo familiare a cui fare riferimento.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Mentre i fratelli erano stati già da piccoli destinati in matrimonio a qualche lontano principe o principessa, Maria era invece stata tenuta "di scorta". Destino volle, infatti, che la sorella maggiore Isabella, poco tempo dopo le nozze con il re Manuele I del Portogallo, morisse di parto nel dare alla luce Michele, erede al trono del Portogallo, di Aragona e Castiglia, il quale sarebbe vissuto solo un anno.

Manuele, subito dopo la scomparsa del figlio, chiese la mano della cognata ai suoceri, i quali, visto l'aiuto che il genero aveva sempre mostrato loro durante gli attacchi della Francia, acconsentirono di buon grado. Dato che la dispensa papale (Maria ed Emanuele, essendo cognati, erano considerati "fratelli") tardava ad arrivare, per sbloccare la situazione i sovrani spagnoli nominarono Luigi Borgia, figlio del papa Alessandro VI, arcivescovo di Valencia.

Il 24 agosto 1500 a Granada vennero celebrate le nozze per procura. Il giorno seguente, accompagnata dal vescovo di Siviglia e da altri grandi di Spagna, Maria si mise in viaggio per Lisbona, città in cui visse tutta la vita e in cui morì nel 1517. Rimasto vedovo, Manuele si risposò con la nipote di Maria Eleonora d'Asburgo, primogenita di Giovanna di Castiglia detta " la pazza" e di Filippo I di Castiglia, dalla quale ebbe altri due figli.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Diede al marito dieci figli:

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Antenati di Maria d'Aragona per tre generazioni
Maria d'Aragona e Castiglia Padre:
Ferdinando II di Aragona, re di Sicilia, della corona d'Aragona e dell'Alta Navarra
Nonno paterno:
Giovanni II di Aragona, duca di Peñafiel, della corona d'Aragona e dell'Alta Navarra
Padre del nonno paterno:
Infante Fernando, duca di Viseu
Madre del nonno paterno:
Beatrice del Portogallo
Nonna paterna:
Giovanna Enriquez
Padre della nonna paterna:
Federico Enriquez, ammiraglio di Castiglia, signore di Medina de Rioseco, conte di Melgar de Abajo
Madre della nonna paterna:
Marina Fernández di Cordoba e Ayala
Madre:
Isabella di Castiglia
Nonno materno:
Giovanni II di Castiglia, re di Castiglia e di León
Padre del nonno materno:
Enrico III di Castiglia, re di Castiglia e di León
Madre del nonno materno:
Caterina di Láncaster
Nonna materna:
Isabella del Portogallo
Padre della nonna materna:
Giovanni d'Aviz[1]
Madre della nonna materna:
Isabella di Braganza[2]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Figlio di Giovanni I del Portogallo e di Filippa di Lancaster
  2. ^ Figlia di Alfonso I di Braganza e di Beatriz Pereira de Alvim, figlia di Nuno Álvares Pereira

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 28733409 LCCN: n92106776

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie