Luigi del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi I
Luigi I del Portogallo alla sua incoronazione nel 1861
Luigi I del Portogallo alla sua incoronazione nel 1861
Re del Portogallo
Stemma
In carica 11 novembre 1861 –
19 ottobre 1889
Predecessore Pietro V
Successore Carlo I
Nome completo Luigi Filippo Maria Ferdinando Pietro di Alcantara Antonio Michele Raffaele Gabriele Gonzaga Saverio Francesco d'Assisi Giovanni Augusto Giulio Valfando
Altri titoli Duca di Braganza
Nascita Lisbona, 31 ottobre 1838
Morte Cascais, 19 ottobre 1889
Luogo di sepoltura Monastero di São Vicente de Fora
Casa reale Braganza
Padre Ferdinando II
Madre Maria II
Consorte Maria Pia di Savoia
Figli Carlo
Alfonso Carlo

Luigi I di Braganza, in portoghese Luís I (Lisbona, 31 ottobre 1838Cascais, 19 ottobre 1889), fu il trentaduesimo re del Portogallo e dell'Algarve dal 1861 al 1889. Per le sue inclinazioni personali e per la mitezza del carattere, venne soprannominato dai contemporanei "il Buono".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Luigi di Braganza, duca di Oporto, in un ritratto di Franz Winterhalter del 1854.

Luigi nacque a Lisbona, figlio della regina Maria II e del Principe consorte Ferdinando II, venendo nominato ancora in tenera età Duca di Porto e Viseu.

Sin da giovane il duca Luigi si dimostrò molto acculturato e molto appassionato di poesia, distinguendosi soprattutto come scrittore dialettale, ma aveva poca abilità nelle questioni politiche. Molte erano le sue qualità artistiche essendo egli talentuoso pittore nonché compositore e musicista, suonando il violoncello ed il pianoforte. Poliglotta, parlava correttamente quattro lingue europee e si occupò personalmente di tradurre le opere di William Shakespeare in portoghese. Per il proprio servizio militare, entrò in marina e con questa carica visitò l'Africa, ottenendo nel 1858 il suo primo comando navale.

Il regno[modifica | modifica sorgente]

Luigi divenne re del Portogallo l'11 novembre 1861 alla morte del fratello Pietro V che non aveva lasciato eredi. Fu incoronato re il 22 dicembre di quello stesso anno ed il 27 settembre dell'anno successivo si sposò per procura con la principessa Maria Pia di Savoia, figlia del re Vittorio Emanuele II d'Italia.

Il regno di Luigi fu, come era prevedibile per la sua scarsa abilità di gestione, tedioso ed ineffettivo, caratterizzato da una serie di governi transitori che portarono al cosiddetto "rotativismo" tra i Progressistas (Liberali) ed i Regeneradores (Conservatori - il partito generalmente favorito dalla monarchia). Durante il suo regno, il rincaro della tassazione sui beni di consumo, portò ad una rivolta chiamata popolarmente Janeirinha (sul finire del 1867), disagi che si riproposero il 19 maggio del 1870 con una rivolta militare capeggiata dal duca di Saldanha che portò quindi alle dimissioni di quest'ultimo. I conservatori presero il potere nel settembre del 1871, quando venne nominato primo ministro Fontes Pereira de Melo, il quale mantenne la propria posizione sino al 1877 e poi nuovamente dal 1878, motivo per cui i progressisti accusarono più volte il monarca di voler sponsorizzare scandalosamente il movimento liberale, il che costituì un incentivo allo sviluppo del repubblicanesimo.

Luigi I del Portogallo negli ultimi anni di regno

Malgrado questo il regno di Luigi I è ricordato anche per la costruzione dei porti di Lisbona e Leixões, per l'ampliamento della rete stradale e ferroviaria nazionale, per la costruzione del Palácio de Cristal di Porto, per l'abolizione della pena di morte per reati civili, per l'abolizione della schiavitù nel Portogallo e per la pubblicazione del primo codice civile.

La politica di Luigi sembrò avere un salto di qualità attorno al 1870, quando divenne uno dei candidati al trono spagnolo a seguito della guerra di successione scoppiata dopo la guerra franco-prussiana, ma con la scelta di Amedeo di Savoia-Aosta tutto si risolse in un nulla di fatto. Il Portogallo tornò quindi alla propria stagnazione e si trovò sempre un passo dietro gli altri paesi europei in quanto a educazione pubblica, stabilità politica, progresso tecnologico e prosperità economica.

Sotto l'aspetto degli affari coloniali, la Baia di Delagoa venne confermata possedimento portoghese nel 1875, mentre in Africa il tutto andò peggiorando a causa dell'espansionismo belga e inglese nelle aree di Angola e Mozambico.

Luigi fu soprattutto un uomo di scienza, con una passione per l'oceanografia. Egli investì buona parte del proprio patrimonio personale in fondi per la ricerca negli oceani. Egli fu anche responsabile dell'istituzione di uno dei primi acquari del mondo, l'Aquário Vasco da Gama a Lisbona, ancora oggi aperto al pubblico e che ha tra i propri pezzi forti una seppia di 10 metri. Egli trasmise questa passione anche ai suoi figli, che continuarono la sua opera.

A Luigi I è dedicato il Ponte Dom Luís I ad Oporto, che varca il fiume Douro.

Morì improvvisamente nella sua residenza estiva nella cittadella di Cascais, il 19 ottobre 1889. Gli succede il figlio Carlo, col nome di Carlo I del Portogallo. La sua tomba si trova ancora oggi nel Pantheon dei Braganza, nel monastero di São Vicente de Fora a Lisbona .

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

La famiglia reale di Luigi I del Portogallo a caccia in un ritratto del 1872

Nel 1862 Luigi sposò Maria Pia di Savoia, figlia del re Vittorio Emanuele II d'Italia e di Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena. Il matrimonio della real coppia fu frutto di vero amore in un primo tempo, ma la presenza delle molte amanti di Luigi nella loro vita di coppia, portò ben presto Maria Pia in una profonda depressione. La coppia ebbe i seguenti figli:

Il re ebbe anche un figlio illegittimo:

  • Carlo Augusto, (n. 1874, Lisbona).

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Braganza
Re del Portogallo
Armoires portugal 1481.svg

Giovanni IV (1640-1656)
Figli
Alfonso VI (1656-1683)
Pietro II (1683-1706)
Figli
  • Isabella Luisa (1669-1690)
  • Giovanni (1688)
  • Giovanni (1689-1750)
  • Francesco Saverio (1691-1742)
  • Francesca Saveria (1694)
  • Antonio Francesco (1695-1757)
  • Teresa Maria (1696-1704)
  • Manuele Giuseppe (1697-1766)
  • Francesca Giuseppa
Giovanni V (1706-1750)
Figli
  • Barbara (1711-1758)
  • Pietro (1712-1714)
  • Giuseppe (1714-1777)
  • Carlo (1716-1730)
  • Pietro (1717-1786)
  • Alessandro (1723-1728)
Giuseppe I (1750-1777)
Figli
Maria I (1777-1816) e Pietro III (1777-1786)
Figli
Giovanni VI (1816-1826)
Figli
Pietro IV (I del Brasile) (1826)
Figli
Maria II e Michele (1826-1828)
Michele (1828-1834)
Figli
Maria II e Ferdinando II (1834 - 1853)
Figli
  • Pietro (1837 - 1861)
  • Luigi (1838 - 1889)
  • Maria (1840)
  • Giovanni (1842 - 1861)
  • Maria Anna (1843 - 1884)
  • Antonia Maria (1845 – 1913)
  • Ferdinando Maria (1845 - 1913)
  • Augusto (1847 - 1889)
  • Leopoldo (1849)
  • Maria da Gloria (1851)
  • Eugenio (1853)
Pietro V (1853-1861)
Luigi I (1861-1889)
Figli
Carlo I (1889-1908)
Figli
Manuele II (1908-1932)
Luigi I del Portogallo Padre:
Ferdinando II del Portogallo
Nonno paterno:
Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Kohary
Bisnonno paterno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonno paterno:
Ernesto Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna paterna:
Sofia Antonia di Brunswick-Wolfenbüttel
Bisnonna paterna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Trisnonno paterno:
Enrico XXIV di Reuss-Ebersdorf
Trisnonna paterna:
Carolina Ernestina de Erbach-Schönberg
Nonna paterna:
Maria Antonia di Koháry
Bisnonno paterno:
Francesco Giuseppe di Koháry
Trisnonno paterno:
Ignaz II József Csabragi di Koháry
Trisnonna paterna:
Maria Gabriella Cavriani
Bisnonna paterna:
Maria Antonia di Waldstein
Trisnonno paterno:
Giorgio Cristiano di Waldstein
Trisnonna paterna:
Maria Isabella di Ulfeldt
Madre:
Maria II del Portogallo
Nonno materno:
Pietro I del Brasile
Bisnonno materno:
Giovanni VI del Portogallo
Trisnonno materno:
Pietro III del Portogallo
Trisnonna materna:
Maria I del Portogallo
Bisnonna materna:
Carlotta Gioacchina di Borbone-Spagna
Trisnonno materno:
Carlo IV di Spagna
Trisnonna materna:
Maria Luisa di Borbone-Parma
Nonna materna:
Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena
Bisnonno materno:
Francesco II d'Asburgo-Lorena
Trisnonno materno:
Leopoldo II d'Asburgo-Lorena
Trisnonna materna:
Maria Luisa di Borbone-Spagna
Bisnonna materna:
Maria Teresa di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno materno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Trisnonna materna:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Trattamenti di
Luigi I del Portogallo
Stemma
Re del Portogallo
Trattamento di cortesia sua maestà fedelissima
Trattamento colloquiale vostra maestà fedelissima
Trattamento alternativo sire
I trattamenti d'onore

Onorificenze portoghesi[modifica | modifica sorgente]

Fascia dei tre ordini - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dei tre ordini
Gran maestro dell'ordine del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'ordine del Cristo
Gran maestro dell'ordine della Torre e della spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'ordine della Torre e della spada
Gran maestro dell'ordine di San Giacomo della spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'ordine di San Giacomo della spada
Gran maestro dell'ordine militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'ordine militare di San Benedetto d'Avis
Gran maestro dell'ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di gran croce dell'ordine reale di Kamehameha I - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'ordine reale di Kamehameha I
— 19 agosto 1881[1]
Cavaliere dell'ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'ordine del Toson d'oro
Cavaliere dell'ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'ordine della Giarrettiera
Cavaliere dell'ordine supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'ordine supremo della Santissima Annunziata
— 1855
Cavaliere di gran croce dell'ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1855
Médaille militaire (Impero francese) - nastrino per uniforme ordinaria Médaille militaire (Impero francese)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Archive

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re del Portogallo Successore Flag of Portugal.svg
Pietro V 11 novembre 1861 - 19 ottobre 1889 Carlo I

Controllo di autorità VIAF: 121595990 LCCN: n85055810