Maria Luisa di Borbone-Spagna (1745-1792)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Luisa di Borbone-Spagna
Maria Luisa di Borbone-Spagnain un ritratto di Anton Raphael Mengs, 1770
Maria Luisa di Borbone-Spagna
in un ritratto di Anton Raphael Mengs, 1770
Imperatrice del Sacro Romano Impero
In carica 20 febbraio 1790 –
1º marzo 1792
Predecessore Maria Giuseppa di Baviera
Successore Maria Teresa di Borbone-Napoli
Granduchessa di Toscana
In carica 18 agosto 1765 –
20 febbraio 1790
Predecessore Maria Teresa d'Austria
Successore Luisa Maria Amalia di Borbone-Napoli
Nome completo Maria Teresa Carolina Giuseppina di Borbone
Altri titoli Infanta di Spagna
Regina di Germania, Boemia e Ungheria
Arciduchessa d'Austria
Nascita Portici, 24 novembre 1745
Morte Vienna, 15 maggio 1792
Luogo di sepoltura Cripta Imperiale, Vienna
Casa reale Borbone-Spagna
Padre Carlo III di Spagna
Madre Maria Amalia di Sassonia
Consorte Leopoldo II d'Asburgo-Lorena
Religione cattolicesimo

Maria Luisa di Borbone, detta anche Maria Ludovica (Portici, 24 novembre 1745Vienna, 15 maggio 1792), infanta di Spagna, figlia di Carlo III di Spagna e di Maria Amalia di Sassonia, fu granduchessa di Toscana dal 1765 al 1790 come consorte di Pietro Leopoldo d'Asburgo-Lorena.

Quando il marito fu eletto Sacro Romano Imperatore come Leopoldo II, divenne imperatrice del Sacro Romano Impero, regina di Germania, Boemia e Ungheria dal 1790 al 1792.

Ebbe ben sedici figli, tra i quali Francesco II, Sacro Romano Imperatore e Ferdinando III, granduca di Toscana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Maria Luisa nacque nel 1745 vicino a Napoli, nella reggia di Portici, residenza favorita del padre Carlo di Borbone, già infante di Spagna e re di Napoli e Sicilia dal 1735. Pertanto ebbe il titolo di principessa di Napoli e Sicilia e il trattamento di Altezza reale. Nel 1759, alla morte del fratellastro Ferdinando VI, Carlo divenne re di Spagna e si trasferì con la famiglia a Madrid. Da quel momento i suoi figli e le sue figlie poterono fregiarsi del titolo di infanti di Spagna.

Maria Luisa era la quinta figlia femmina e la seconda tra i figli sopravvissuti dei suoi genitori. Fra i suoi fratelli vi furono: l'infante Filippo, duca di Calabria, il futuro Carlo IV di Spagna, Ferdinando IV di Napoli e l'infante Gabriele di Spagna. Maria Luisa e i suoi fratelli ricevettero un'educazione poco accurata, se non nelle buone maniere, equitazione, musica, canto e ballo, cioè tutto ciò che una principessa del XVIII secolo avrebbe dovuto imparare per stare a corte.

Maria Luisa di Spagna, granduchessa di Toscana. Ritratto di scuola austriaca, 1768 circa.

Nel 1760 intercorsero delle trattative matrimoniali tra Carlo III e Maria Teresa d'Austria per far sposare Maria Luisa al primogenito ed erede della sovrana austriaca, l'arciduca Giuseppe. Tuttavia, l'intervento di Luigi XV fece sfumare questa possibilità, dal momento che il re di Francia chiese ed ottenne le nozze di Giuseppe con sua nipote, Maria Isabella di Borbone-Parma[1]. L'infanta di Spagna venne quindi fidanzata nel 1762 con l'arciduca Pietro Leopoldo, figlio cadetto di Maria Teresa e di Francesco I, Sacro Romano Imperatore.

Il 16 febbraio 1765 avvennero le nozze per procura. Maria Luisa venne descritta alla famiglia imperiale come una giovane poco avvenente[2], ma diversa fu l'opinione dei suoi nuovi parenti quando la videro di persona: bionda e candida di carnagione, pur non essendo una bellezza, piacque a Pietro Leopoldo[3]. Le nozze ufficiali furono celebrate a Innsbruck il 5 agosto del 1765 e per l'occasione fu innalzato un arco di trionfo, prendendo a modello quello di Firenze, dal momento che la coppia era già stata destinata a regnare un giorno sul granducato di Toscana[4]. Pietro Leopoldo si sentì male proprio nei giorni precedenti al matrimonio e riuscì a stento a reggersi in piedi durante la funzione, dovendo anche far rimandare di diversi giorni la consumazione delle nozze[3]. Durante i festeggiamenti l'imperatore Francesco I morì improvvisamente, a causa di un infarto, il 18 agosto. La morte del padre rese Pietro Leopoldo il nuovo granduca di Toscana prima del previsto.

I genitori di Pietro Leopoldo, granduchi di Toscana dal 1737, erano stati nel loro regno soltanto tre mesi, lasciando le redini del governo a un consiglio di reggenza. Pietro Leopoldo, invece, fu sovrano di nome e di fatto e impegnò gli anni a venire a trasformare il granducato in uno Stato moderno e all'avanguardia. Come granduchessa di Toscana, Maria Luisa visse gran parte della sua vita a Firenze, a Palazzo Pitti, dove risiedette dal 1765 al 1790. Ancora oggi negli appartamenti monumentali della residenza fiorentina si può ammirare il “gabinetto ovale”, una sala da toilette in stile rococò, decorata appositamente per la granduchessa Maria Luisa.

Pietro Leopoldo e Maria Luisa furono una coppia molto affezionata ed ebbero sedici figli. Nonostante l'affetto per la moglie, il granduca ebbe alcune amanti. La granduchessa, conscia che la sua era stata un'unione matrimoniale dettata dalla ragion di Stato, era preparata e rassegnata a sopportare i tradimenti del marito[5]. Ci furono almeno due donne con cui Pietro Leopoldo ebbe delle relazioni durevoli: la prima era Lady Anna Gore Cowper[5], una nobildonna inglese, la seconda e più importante era la ballerina Livia Raimondi, conosciuta nel 1786, per la quale fece allestire una palazzina in Piazza San Marco[6]. Da Livia Raimondi il granduca ebbe un figlio illegittimo, poi noto come Luigi von Grün, nato nel 1788 e morto nel 1814[5]. Prima di morire, Pietro Leopoldo assicurò all'amante e al figlio delle pensioni. Maria Carolina, regina di Napoli e sorella del granduca, scrisse del fratello dopo la sua morte: «Aveva delle debolezze, ma era un buon padre di famiglia!»[5].

Nel 1790, alla morte del cognato Giuseppe II, che non aveva avuto eredi, Maria Luisa si trasferì a Vienna, dal momento che Pietro Leopoldo aveva ereditato il trono degli Stati ereditari asburgici (Austria, Boemia e Ungheria ecc.). Il 9 ottobre 1790 il marito fu incoronato Sacro Romano Imperatore e Maria Luisa divenne imperatrice consorte. Il 6 settembre 1791, a Praga, Leopoldo e Maria Luisa vennero incoronati re e regina di Boemia.

L'imperatore regnò per breve tempo e morì il 1º marzo del 1792. Maria Luisa seguì il marito nella tomba dopo meno di tre mesi, morendo il 15 maggio dello stesso anno. Fu sepolta nella Cripta Imperiale di Vienna, accanto a Leopoldo II.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

La famiglia del granduca Pietro Leopoldo. Dipinto di Johan Joseph Zoffany, 1776.

Maria Luisa e Leopoldo ebbero sedici figli:

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Borbone di Spagna

Escudo de España (mazonado).svg

Filippo V (1700-1746)
Figli
Luigi I (1724)
Ferdinando VI (1746-1759)
Carlo III (1759-1788)
Figli
  • Maria Isabella (1740-1742)
  • Maria Giuseppina (1742)
  • Maria Isabella (1743-1749)
  • Maria Giuseppina (1744-1801)
  • Maria Luisa (1745-1792)
  • Filippo (1747-1777)
  • Carlo (1748-1819)
  • Maria Teresa (1749-1750)
  • Ferdinando (1751-1825)
  • Gabriele (1752-1788)
  • Maria Anna (1754-1755)
  • Antonio Pasquale (1755-1817)
  • Francesco Saverio (1757-1771)
Carlo IV (1788-1808)
Figli
Ferdinando VII (1808-1833)
Figli
Isabella II (1833-1874)
Figli
Alfonso XII (1874-1885)
Figli
Alfonso XIII (1886-1939)
Figli
Giovanni (1939-1975)
Figli
Juan Carlos I (1975-2014)
Figli
Filippo VI (2014-oggi)
Figli


Maria Luisa di Borbone-Spagna Padre:
Carlo III di Spagna
Nonno paterno:
Filippo V di Spagna
Bisnonno paterno:
Luigi, il Gran Delfino
Trisnonno paterno:
Luigi XIV di Francia
Trisnonna paterna:
Maria Teresa di Spagna
Bisnonna paterna:
Maria Anna di Baviera (1660-1690)
Trisnonno paterno:
Ferdinando Maria di Baviera
Trisnonna paterna:
Enrichetta Adelaide di Savoia
Nonna paterna:
Elisabetta Farnese
Bisnonno paterno:
Odoardo II Farnese
Trisnonno paterno:
Ranuccio II Farnese
Trisnonna paterna:
Isabella d'Este
Bisnonna paterna:
Dorotea Sofia di Neuburg
Trisnonno paterno:
Filippo Guglielmo del Palatinato
Trisnonna paterna:
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt
Madre:
Maria Amalia di Sassonia (1724-1760)
Nonno materno:
Augusto III di Polonia
Bisnonno materno:
Augusto II di Polonia
Trisnonno materno:
Giovanni Giorgio III di Sassonia
Trisnonna materna:
Anna Sofia di Danimarca
Bisnonna materna:
Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth
Trisnonno materno:
Cristiano Ernesto di Brandeburgo-Bayreuth
Trisnonna materna:
Sofia Luisa di Württemberg
Nonna materna:
Maria Giuseppa d'Austria
Bisnonno materno:
Giuseppe I d'Asburgo
Trisnonno materno:
Leopoldo I d'Asburgo
Trisnonna materna:
Eleonora del Palatinato-Neuburg
Bisnonna materna:
Amalia Guglielmina di Brunswick e Lüneburg
Trisnonno materno:
Giovanni Federico di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Benedetta Enrichetta del Palatinato

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine dei Virtuosi - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dei Virtuosi
Gran Maestro dell'Ordine della Croce Stellata - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Croce Stellata
Gran Maestro dell'Ordine dell'amore verso il prossimo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'amore verso il prossimo
Protettrice dell'Ordine di Elisabetta Teresa - nastrino per uniforme ordinaria Protettrice dell'Ordine di Elisabetta Teresa

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Franz Herre, Maria Teresa. Il destino di una sovrana, Milano 2001, p. 272.
  2. ^ Franz Pesendorfer, La Toscana dei Lorena. Un secolo di governo granducale, Firenze 1987, p. 41.
  3. ^ a b Herre, pp. 277-278.
  4. ^ Pesendorfer, p. 42.
  5. ^ a b c d Adam Wandruszka, Pietro Leopoldo. Un grande riformatore, Firenze 1968, pp. 540-544.
  6. ^ Pesendorfer, pp. 67-68.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Franz Herre, Maria Teresa. Il destino di una sovrana, Milano, Mondadori, 2001, ISBN 88-04-48658-9.
  • Franz Pesendorfer, La Toscana dei Lorena. Un secolo di governo granducale, Firenze, Sansoni, 1987, ISBN 88-383-0081-X.
  • Adam Wandruszka, Pietro Leopoldo. Un grande riformatore, Firenze, Vallecchi, 1968.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Imperatrice del Sacro Romano Impero Successore Armoiries Saint-Empire bicéphale.svg
Maria Giuseppa di Baviera 20 febbraio 1790 - 1º marzo 1792
come moglie di Leopoldo II
Maria Teresa di Borbone-Napoli
Predecessore Granduchessa di Toscana Successore State flag simple of the Grand Duchy of Tuscany.svg
Maria Teresa d'Austria 18 agosto 1765 – 20 febbraio 1790
come moglie di Pietro Leopoldo I
Luisa Maria Amalia di Borbone-Napoli

Controllo di autorità VIAF: 29963491 LCCN: no2008122411