Michele del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michele I di Braganza
Dom miguel I 1830.png
Re del Portogallo e e dell'Algarve
In carica 26 febbraio 1828 – 6 maggio 1834
Predecessore Maria II
Successore Maria II
Duca di Braganza (Miguelisti)
In carica 6 maggio 1834 – 14 novembre 1866
Successore Michele (II)
Nome completo in portoghese Miguel Maria do Patrocínio João Carlos Francisco de Assis Xavier de Paula Pedro de Alcântara António Rafael Gabriel Joaquim José Gonzaga Evaristo
Nascita Palácio Nacional de Queluz, Lisbona, Portogallo, 26 ottobre 1802
Morte Schloss Karlshöhe nei pressi di Esselbach, Baviera, 14 novembre 1866
Casa reale Casato di Braganza
Padre Giovanni VI del Portogallo
Madre Carlotta Gioacchina di Spagna
Consorte Principessa Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Figli Infanta Maria das Neves
Michele (II), Duca di Braganza (Miguelisti)
Infanta Maria Teresa
Infanta Maria José
Infanta Aldegonda, Duchessa di Guimaraes
Infanta Maria Anna
Maria Antonia

Michele I di Braganza re del Portogallo e dell'Algarve, in portoghese Miguel I (nome completo: Miguel Maria do Patrocínio João Carlos Francisco de Assis Xavier de Paula Pedro de Alcântara António Rafael Gabriel Joaquim José Gonzaga Evaristo de Bragança) (Queluz, 26 ottobre 1802Karlsruhe, 14 novembre 1866) fu il secondo figlio di re Giovanni VI di Portogallo e Carlotta Gioacchina di Borbone-Spagna, fratello minore di Pietro I del Brasile e il trentesimo re del Portogallo e dell'Algarve dal 1828 al 1834.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Regno ed esilio[modifica | modifica sorgente]

Infante di Portogallo, fu un conservatore e un noto ammiratore dell'Impero austriaco sotto la guida di Klemens von Metternich: ordì due sommosse contro suo padre negli Anni Venti, finendo esiliato.

Nel 1826 il fratello maggiore Pietro I del Brasile, divenuto anche re del Portogallo (con il nome di Pietro IV), cedette il trono lusitano alla figlia Maria da Gloria, fidanzata allo zio Michele al fine di evitare dispute dinastiche: divenuto reggente il 26 febbraio 1828, Michele depose Maria proclamandosi re il 23 giugno 1828, abrogando la costituzione rilasciata da suo fratello.

Michele cercò la protezione internazionale per il suo regime, ma il governo di Wellington nel Regno Unito cadde poco prima di averne riconosciuto il regno. Nel 1831 Pietro I abdicò al trono del Brasile, occupò le Azzorre e da lì mosse guerra al Portogallo. Dopo una guerra civile triennale Michele fu costretto ad abdicare a Evoramonte il 26 maggio 1834 e venne esiliato. Nella costituzione monarchica del 1838 Dom Michele e tutti i suoi successori furono esclusi dalla successione al trono. Per tale motivo Duarte Pio di Braganza, nipote di Michele I, secondo la linea michelista è l'attuale duca di Braganza e pretendente al trono portoghese, mentre secondo gli oppositori della "linea costituzionale" non avrebbe diritti sulla successione al trono e sul titolo di duca di Braganza.

All'età di quarantotto anni, nel 1851, sposò la principessa Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg, da cui ebbe sei figlie e un figlio: come per la regina Vittoria del Regno Unito, egli divenne noto (seppur dopo la sua morte) con il soprannome di nonno d'Europa poiché la sua vedova combinò degli ottimi matrimoni a tutte le figlie.

Manuele II, non avendo discendenza, riconobbe in quella di Michele i suoi legittimi successori[senza fonte].

Michele visse il resto della sua vita in esilio[1], e morì a Karlsruhe, in Germania, il 14 novembre 1866.

Anche la Spagna, con legge votata dalle Cortes il 15 gennaio 1837 nel mezzo della Prima Guerra Carlista (1833-1839), escluse Michele dalla successione spagnola, essendo egli solidale nella guerra con lo zio Don Carlos, il primo pretendente carlista. Anche la sorella maggiore di Michele, l'infanta Maria Teresa di Braganza con suo figlio l'infante Sebastiano di Borbone-Spagna, e i tre figli dell'altra sorella, Maria Francesca di Braganza furono esclusi dalla successione.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Michele ed Adelaide ebbero sei figli:

Ebbe anche dei figli illegittimi:

  • Maria Assunta Carmo (marzo 1831 - 18 novembre 1910): nata da una relazione con la nobildonna portoghese Antónia Francisca Ribeiro e Carmo, venne riconosciuta nel 1839 e semilegittimata. Morta nubile e senza figli
  • Maria del Gesù di Braganza (Santarém, 1834 - Lisbona, 1905): figlia naturale nata da una relazione con una sconosciuta donna portoghese di Santarem, dove Michele viveva verso la fine della guerra civile. Sposò Don Tomás José Fletcher de Melo Homem, avendone discendenza femminile estintasi nella seconda generazione.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Trattamenti di
Michele del Portogallo
Stemma
Re del Portogallo
Trattamento di cortesia Sua Maestà Fedelissima
Trattamento colloquiale Vostra Maestà Fedelissima
Trattamento alternativo Sire
I trattamenti d'onore
Fascia dei tre ordini - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dei tre ordini
Gran Maestro dell'Ordine del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Cristo
Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada
Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada
Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
Gran Maestro dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Trascorse una parte di questo esilio a Porto d'Anzio. Inoltre passava il suo tempo in lunghe battute di caccia nei boschi in prossimità di Astura. Lo ricordava Gregorovius nei suoi Pellegrinaggi in Italia (Idilli delle spiagge romane, 1854, pp. 122-123). Un aneddoto drammatico su questo soggiorno si trova nella poesia in dialetto romanesco Cinquescudi, di Augusto Sindici, in 14 leggende della campagna romana: poesie in dialetto romanesco, con prefazione di Gabriele D'Annunzio, Milani[!], Treves, 1902.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re del Portogallo e delle Algarve
(usurpatore)
Successore Armas rei portugal.png
Maria II 26 febbraio 1828 – 6 maggio 1834 Maria II
Predecessore -TITOLARE-
Re del Portogallo
(linea miguelista)
Successore
detronizzato 6 maggio 1834 – 14 novembre 1866 Michele (II)

Controllo di autorità VIAF: 263880105 LCCN: n84229481