Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Nome completo in tedesco: Sophie Amelie Adelheid Louise Johanne Leopoldine
Nascita Kleinheubach, 3 aprile 1831
Morte Ryde, Isola di Wight, 16 dicembre 1909
Casa reale Casato di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Casato di Braganza
Padre Costantino, Principe Ereditario di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Madre Agnese di Hohenlohe-Langenburg
Consorte Michele I del Portogallo
Figli Maria das Neves, Duchessa di San Jaime
Michele, Duca di Braganza
Infanta Maria Teresa
Infanta Maria José
Aldegonda, Duchessa di Guimaraes
Maria Anna, Granduchessa di Lussemburgo
Maria Antonia. Duchessa di Parma

Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg[1], il suo nome completo era Adelaide Sofia Amelia Luisa Giovanna Leopoldina di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg (3 aprile 183116 dicembre 1909), fu la moglie di Michele I del Portogallo ma solo in seguito alla sua deposizione. Da vedova, assicurò matrimoni vantaggiosi per le loro sei figlie.

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

La Principessa Adelaide Sofia Amelia di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg nacque a Kleinheubach, nei pressi di Miltenberg in Baviera il 3 aprile 1831, nella domenica di Pasqua. Era una delle figlie di Costantino, Principe Ereditario di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg (1802–1838), e della Principessa Agnese di Hohenlohe-Langenburg[1]. Adelaide aveva quattro anni e mezzo quando sua madre morì e sette quando perse anche suo padre. Adelaide e suo fratello, Carlo, furono allevati dai nonni paterni, Carlo Tommaso, Principe di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg (1783–1849) e suo moglie la Principessa Sofia di Windisch-Graetz. I suoi nonni materni furono Carlo Luigi, Principe di Hohenlohe-Langenburg e la Contessa Amalia Enrichetta di Solms-Baruth.

La Principessa Adelaide apparteneva alla famiglia Löwenstein-Wertheim, un ramo originariamente morganatico del di Casato di Wittelsbach, che alla fine fu elevato a status principesco e mediatizzata nel 1819.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 24 settembre del 1851[1] Adelaide sposò il re in esilio Michele I del Portogallo, figlio del re Giovanni VI di Portogallo e dell'Infanta Carlotta Gioacchina di Spagna. La sposa aveva vent'anni e lo sposo quasi quarantanove

Michele aveva in principio servito da Reggente in Portogallo per sua nipote e promessa spsosa Maria II ma si era impadronito del trono il 23 giugno 1828. Era un accanito conservatore ed estimatore di Klemens Wenzel von Metternich. Aveva invalidato la Carta Costituzionale scritta da suo fratello, Pietro I del Brasile, e cercato di governare secondo il concetto di monarchia assoluta. Ciò portò alle cosiddette Guerre Liberali (1828–1834), in realtà un prolungata guerra civile tra costituzionalisti progressisti e assolutisti autoritari.

La guerra terminò nel 1834 con la deposizione di Michele che rinunciò alle sue pretese sul trono del Portogallo in cambio di una pensione annuale. (Poiché egli rinnegò i termini della sua deposizione, non incassò mai la pensione.) Fu costretto a un esilio permanente. Mentre rimase il membro maschio più anziano della linea portoghese del Casato di Braganza, i suoi diritti di successione non furono mai ripristinati. Il 15 gennaio 1837, il suo appoggio all'Infante Carlo, Conte di Molina, il primo pretendente carlista al trono spagnolo, portò alla soppressione dei propri diritti al detto trono.

Anche se Adelaide si sposò fra i reali, il fatto che suo marito fosse un personaggio controverso per l'intera penisola iberica, così come un simbolo della monarchia assoluta e conservatorismo apparentemente lasciava scarse prospettive per ognuno dei suoi discendenti.

Figli[modifica | modifica sorgente]

Nome Nascita Morte Note
Maria das Neves 5 agosto 1852 15 febbraio 1941 Sposò Alfonso Carlos, Duca di San Jaime, Infante di Spagna. Pretendente al trono spagnolo (vedere: carlismo)
Michele 19 settembre 1853 11 ottobre 1927 Duca di Braganza. Nonno dell'attuale pretendente Duarte Pio, Duca di Braganza.
Maria Teresa 24 agosto 1855 12 febbraio 1944 Sposò l'Arciduca Carlo Ludovico d'Austria come sua terza moglie.
Maria José 19 marzo 1857 11 marzo 1943 Sposò Carlo Teodoro, duca in Baviera (fratello dell'Imperatrice Elisabetta d'Austria) come sua seconda moglie.
Adelgonda, Duchessa di Guimarães 10 novembre 1858 15 aprile 1946 Sposò il sposò Principe Enrico di Borbone-Parma, Conte di Bardi, figlio di Carlo III di Parma.
Maria Anna 13 luglio 1861 31 luglio 1942 Sposò Guglielmo IV, Granduca di Lussemburgo.
Maria Antonia 28 novembre 1862 14 maggio 1959 Sposò Roberto I, Duca di Parma come sua seconda moglie.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Suo marito, Michele, morì il 14 novembre 1866 prima che i loro figli avevano raggiunto l'età adulta. Adelaide avrebbe trascorso i successivi decenni tentando di combinare matrimoni importanti per i suoi figli.

Come risultato dei suoi tentativi riusciti in gran parte, i suoi nipoti dovrebbe includere (tra gli altri) Duarte Nuno, duca di Braganza, Elisabetta Amalia, principessa del Liechtenstein, Elisabetta, Regina dei Belgi, Marie Gabriella, Principessa della Corona di Baviera, Maria Adelaide, Granduchessa di Lussemburgo, Carlotte, granduchessa di Lussemburgo, Antonietta, principessa ereditaria di Baviera, Saverio, duca di Parma, Zita, imperatrice d'Austria, Felice di Borbone-Parma e l'Infanta Maria Adelaide di Portogallo. Molti dei suoi discendenti hanno ereditato la sua longevità.

Nel 1895, due anni dopo il matrimonio della sua ultima figlia, Adelaide, come una devota cattolica, si ritirò all'abbazia di Sainte-Cécile de Solesmes, nel nord-ovest della Francia. La comunità si trasferì a Cowes e poi a Ryde sull' Isola di Wight, dove Adelaide morì il 16 dicembre 1909 all'età di 76 anni. Nel 1967 sia il suo corpo che quello di suo marito sono stati spostati al mausoleo Braganza nel Monastero di São Vicente de Fora a Lisbona.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Principessa Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg Padre:
Costantino, Principe Ereditario di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Nonno paterno:
Carlo Tommaso, V Principe di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Bisnonno paterno:
Domenico Costantino, IV Principe di Löwenstein-Wertheim-Rochefort
Trisnonno paterno:
Principe Alessandro Teodoro di Löwenstein-Wertheim-Rochefort
Trisnonna paterna:
Contessa Luisa di Leiningen-Dachsburg-Hartenburg
Bisnonna paterna:
Principessa Leopoldina di Hohenlohe-Waldenburg-Bartenstein
Trisnonno paterno:
Luigi, Principe di Hohenlohe-Waldenburg in Bartenstein
Trisnonna paterna:
Contessa Polissena di Limburg-Stirum
Nonna paterna:
Contessa Sofia di Windisch-Grätz
Bisnonno paterno:
Giuseppe Nicola, Conte di Windisch-Grätz
Trisnonno paterno:
Leopoldo Carlo Giuseppe, Conte di Windisch-Grätz
Trisnonna paterna:
Contessa Maria Antonia di Khevenhüller
Bisnonna paterna:
Principessa e Duchesse Leopoldina d'Arenberg
Trisnonno paterno:
Carlo Maria Raimondo d'Arenberg, Principe e V Duca d'Arenberg, XI Duca di Aarschot
Trisnonna paterna:
Louise Margarete de la Marck-Schleiden, Contessa di Vardes
Madre:
Principessa Agnese di Hohenlohe-Langenburg
Nonno paterno:
Carlo Luigi, Principe di Hohenlohe-Langenburg
Bisnonno paterno:
Cristiano Alberto, Principe di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonno paterno:
Luigi, Principe di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonna paterna:
Contessa Eleonora di Nassau-Saarbrücken
Bisnonna paterna:
Principessa Carolina di Stolberg-Gedern
Trisnonno paterno:
Federico Carlo, Principe di Stolberg-Gedern
Trisnonna paterna:
Contessa Luisa di Nassau-Saarbrücken
Nonna paterna:
Contessa Amalia Enrichetta di Solms-Baruth
Bisnonno paterno:
Giovanni Cristiano II, Conte di Solms-Baruth
Trisnonno paterno:
Giovanni Carlo, Conte di Solms-Baruth
Trisnonna paterna:
Contessa Luisa di Lippe-Biesterfeld
Bisnonna paterna:
Contessa Federica Luisa Reuss di Köstritz
Trisnonno paterno:
Enrico VI, Conte Reuss di Köstritz
Trisnonna paterna:
Henrica Casado de Monteleone

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Darryl Lundy, Genealogia della principessa Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 5 ottobre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) C. Arnold McNaughton, The Book of Kings: A Royal Genealogy
  • (EN) Burke's Royal Families of the World, edited by Hugh Montgomery-Massingberd.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 15712562