Löwenstein-Wertheim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma dei Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Stemma dei Löwenstein-Wertheim-Freudenberg

Löwenstein-Wertheim fu una contea del Sacro Romano Impero, parte della provincia di Franconia. Era formata dalle contee di Löwenstein (basata sulla città di Löwenstein) e di Wertheim (basata sulla città di Wertheim am Main). La contea venne soppressa nel 1806.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Luigi I, Conte di Löwenstein (1494–1524), figlio morganatico di Federico I, Elettore Palatino

La contea di Löwenstein venne affidata ad un ramo della famiglia dei conti di Calw prima del 1281, quando passò al re Rodolfo I d'Asburgo, che a sua volta la cedette al figlio naturale Alberto. Nel 1441 Enrico, discendente di Alberto, la vendette a Federico I del Palatinato.

Come contea indipendente si distaccò dai Wittelsbach palatini del ramo di Heidelberg nel 1471 con Ludwig (1463-1534), nato dal matrimonio morganatico di Friedrich I, elettore palatino, e Klara Tott di Augusta. Ludwig riceve dall'elettore Philipp la contea di Löwenstein (1488), le signorie di Scharffeneck e Abstatt e nel 1494 diviene conte dell'impero. Il figlio Friedrich (1502-41), fratello minore di Ludwig II, è conte di Scharffeneck; a lui succedono Wolfgang I (1571) e Georg Ludwig (-1633), con il quale si estingue la linea, che è privato di Scharffeneck e Habitzheim nel 1622, perché calvinista e dati dall'imperatore alla linea cadetta di Rochefort. Verso il 1613 Ludwig III (1530-11), conte di Rochefort, perduta la contea omonima (assorbita verso il 1504 dal Württemberg), aggiunge al cognome quello della contea sovrana rimasta: Wertheim (contea imperiale, 1581), mantenendo anche la signoria di Klein Heubach sul Meno. Alla sua morte la famiglia comitale si divide dei due rami di:

  • casa comitale di L. Wertheim Virneburg poi Freudenberg:

Il ramo protestante inizia con il conte Christoph Ludwig (1568,1611-18) ed Elisabeth contessa ereditaria von Manderscheid Schleiden und Virneburg che acquista la contea di Virneburg nella Renania (Eifel) aggiungendolo al proprio nome (1600), dopo aver acquisita la contea di Wertheim dall'ultima erede Dorothea Walpurga (1628-34). Nel 1613 gli è confermata la comproprietà familiare sulla contea di Wertheim. Friedrich Ludwig (1618-57), alleato del Palatinato calvinista, nel 1622 viene privato dei possessi, ma li riacquista nel 1648, eccetto Abstatt e Wildeck che sono ceduti al ramo cadetto dei Rochefort. Hanno un voto nella dieta del circolo di Franconia e collegiale nel collegio dei conti di Franconia e di Westfalia. Nel 1721 la famiglia si divide nelle due linee di Vollrath e di Karl. Con la convenzione del 14.4.1767 è definita la successione per la primogenitura, riconosciuta nel 1781. Dal 1424 al 1773 regnano sulla signoria di Saffenburg (Ahrweiler) poi ceduta al duca von Arenberg. Dal 1746 al 1806 sono comproprietari della contea di Limpurg Speckfeld. La contessa Karoline Christine (1719-93), sposata (1737) al conte Christian von Pueckler (1705-86), governa (1746-93) su parte della contea di Limpurg Speckfeld. Ultimi conti sovrani sono: Johann Ludwig Vollrath (1721-90), dal 1746 erede con i fratelli della contea di Limpurg Speckfeld, Johann Karl Ludwig (1786-06), dal 1786 sovrano anche della contea condominiale di Limpurg Speckfeld e dal 1790 sul resto dei feudi, Friedrich Ludwig (1721-96), e Friedrich Karl Gottlieb (1779-06) poi principe bavarese (1812-25). Con le annessioni francesi della Renania, Johann Karl Ludwig riceve quale indennizzo per la perduta Virneburg (1798) il baliaggio di Freudenberg sul Meno (Monsbach), divenendone conte correggente (25.02.1803) e l'abbazia sovrana di Gruenau. Viene mediatizzato nel 1801, cedendo Wertheim al Baden, le porzioni di Limpurg (Obersontheim e Michelbach) al Württemberg, il baliaggio di Triefenstein al principato di Aschaffenburg e diviene col cugino Friedrich Karl (1743-25), la cui linea si estingue nel 1852, principe zu Löwenstein Wertheim Freudenberg in Baviera (1812), poi in Württemberg (1813) col titolo di Durchlaucht, riconosciuto nella Dieta Germanica del 18.08.1825.

  • casa comitale e principesca di Löwenstein Wertheim Rochefort:

Il ramo cattolico, che nel 1574 acquista per matrimonio dagli Stolberg la contea di Rochefort, è generato dal conte Johann Dietrich (1585, 1611-44) che si fa cattolico e diviene conte co-reggente di Rochefort (1608) e poi per intero alla morte del fratello Wolfgang Ernst (-1636). Gli succede Ferdinand Karl (1644-72), che acquista l'abbazia di Grünau in condominio con la linea di Virneburg (1632), e riceve dall'imperatore il baliaggio di Abstatt e la signoria di Scharffeneck tolte ai Virneburg (1622). Maximilian Karl Albrecht (1656-18), acquista la signoria di Saffenburg e il 3.4.1711 viene elevato alla dignità principesca personale (feudo nel Lussemburgo), esteso con il titolo di Hochgeboren agli eredi, signori di Breuberg e conti di Püttlingen (Puttelange in Lorena) e Wertheim (-1806), con patente imperiale del 3 aprile 1712 (Furst von Löwenstein und Wertheim, Graf zu Rochefort, Montaigu, Prinz de Chassepierre, Herr zu Scharffeneck, Breuburg, Herbeumont, Neufchateau, Kerpen und Kasselburg). Dominik Marquard (1718-35) è secondo principe e nel 1730 acquista la signoria di Rosenberg, feudo del vescovo di Wuerzburg e mantiene il voto personale alla Dieta. Finalmente, dopo 150 anni di dispute familiari, con un accordo del 9.7.1755 la famiglia divide i possessi della Vallonia con i conti von Stolberg: gli Stolberg hanno la contea di Rochefort e altre proprietà vicine, mentre ai Loewenstein rimangono Cugnon, Chassepierre, Herbeumont, Orego, Havresse, La Feuilly. Nel 1768 è definito il diritto di primogenitura. Il principe Dominik Konstantin (1789-14) con l'invasione francese perde la contea diPuettlingen (Puttelange in Alsazia) e la signoria di Scharffeneck, Cugnon, Herbeumont, Agimont, Chassepierre e ½ di Neufchateau; alla pace di Luneville (1801) come indennizzo riceve Wörth, Trennfurt, il baliaggio di Rothenfels a titolo di contea (Bassa Franconia) poi assorbita nel 1806 dal principato di Ratisbona, l'abbazia di Bronnbach, Neustadt am Mein, Holzkirchen, Thalheim, e varie indennità economiche; mantiene invece i feudi di Breuberg, Habitzheim, Klein Heubach, Laudenbach, poi mediatizzati nel 1806 e cambiando così il nome in Löwenstein Wertheim Rosenberg (25.2.1803). Lo stato principesco, la cui residenza sovrana è a Kleinheubach sul Meno, viene mediatizzato nel 1806 ed assorbito dal Württemberg con le due exclaves in Baviera e nel Baden. Nel 1825 gli è riconosciuto il titolo di Durchlaucht. Tra i membri principali della famiglia: Maximilian Karl Albert (1656-1718), figlio del conte Ferdinand Karl (1616-72) e di Marianna von Fuerstenberg, è fedele dell'imperatore, ed amministratore austriaco della Baviera (1705-14), quando viene designato principe, durante la sua occupazione; diviene poi governatore generale dello stato di Milano, ove muore.

Sovrani di Löwenstein[modifica | modifica sorgente]

Conti di Lowenstein (14941571)[modifica | modifica sorgente]

Rovine del Castello di Löwenstein

Conti di Löwenstein-Scharffeneck (1571–1633)[modifica | modifica sorgente]

Sua figlia ed erede Maria Cristina di Löwenstein-Scharffeneck (1625–1673) sposò Gabriele Oxenstierna, Conte di Korsholm e Vaasa (1619–1673). I successivi conti di Korsholm e Vaasa furono loro discendenti.

Conti di Löwenstein-Wertheim (1571–1636)[modifica | modifica sorgente]

Castello di Wertheim am Main.

L'unica erede e figlia di Wolfgang Ernesto fu, Dorotea Walpurga di Löwenstein-Wertheim (1628–1634) che gli succedette. La linea si estinse con la morte dell'ultimo conte.

Conti di Löwenstein-Wertheim-Virneburg (1611–1812)[modifica | modifica sorgente]

Titolo cambiato in Principe di Löwenstein-Wertheim-Freudenberg

Conti e principi di Löwenstein-Wertheim-Rochefort[modifica | modifica sorgente]

Conti di Löwenstein-Wertheim-Rochefort (1611–1712)[modifica | modifica sorgente]

Elevato a Principato

Principi di Löwenstein-Wertheim-Rochefort (1712–1803)[modifica | modifica sorgente]

Titolo cambiato in Principe di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg

Principi di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg (1803–oggi)[modifica | modifica sorgente]

Castello di Kleinheubach, residenza dei principi di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg dal 1720

Principi di Löwenstein-Wertheim-Freudenberg (1812–1918)[modifica | modifica sorgente]

Castello di Kreuzwertheim, residenza dei principi di Löwenstein-Wertheim-Freudenberg dal 1736

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]