Luisa Elisabetta di Borbone-Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Elisabetta di Borbone-Francia (disambigua).
Luisa Elisabetta di Borbone-Francia
Luisa Elisabetta di Borbone-Francia
Luisa Elisabetta di Francia, Duchessa di Parma, in abito di corte, ritratta da Jean-Marc Nattier (postumo 1761).
Duchessa consorte di Parma, Piacenza
e Guastalla
Stemma
In carica 18 ottobre 1748 – 6 dicembre 1759
Predecessore Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Successore Maria Amalia d'Asburgo-Lorena
Nome completo in francese: Marie Louise Élisabeth de France
Trattamento Altezza reale
Altri titoli Principessa reale di Francia, Infanta di Spagna
Nascita Palazzo di Versailles, Francia, 14 agosto 1727
Morte Palazzo di Versailles, Francia, 6 dicembre 1759
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis, Francia.
Casa reale Borbone di Francia
Dinastia Capetingi
Padre Luigi XV di Francia
Madre Maria Leszcyniska
Consorte Filippo, Duca di Parma
Figli Isabella, Arciduchessa d'Austria
Ferdinando, Duca di Parma
Maria Luisa, Regina di Spagna
Religione Cattolica
Firma Signature of Louise Élisabeth de France, daughter of Louis XV, 1753.jpg

Luisa Elisabetta di Borbone-Francia[1][2][3] (Marie Louise Élisabeth; 14 agosto 17276 dicembre 1759) nata principessa[4] di Francia, divenne duchessa di Parma per matrimonio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ritratto di Luisa Elisabetta con sua sorella gemella Enrichetta Anna, 1737 circa, di Pierre Gobert.

L'infanzia[modifica | modifica sorgente]

Marie Louise Élisabeth de France e la gemella Henriette de France nacquero al Palazzo di Versailles il 14 agosto 1727 da Luigi XV di Francia e da sua moglie, la regina di nascita polacca, Maria Leszcyniska. Con la sorella gemella, fu battezzata a Versailles il 27 aprile 1737. Era nota a corte come Madame Royale, Madame Première, Madame Élisabeth, ed anche Babette all'interno del suo circolo familiare.

Si diceva di lei che somigliasse a suo padre e che fosse la sua figlia preferita.[senza fonte]

Fu affidata alle cure di Marie Isabelle de Rohan, duchesse de Tallard.

Élisabeth crebbe a Versailles con la sorella gemella, Henriette, le sorelle minori Marie-Louise e Marie Adélaïde ed il loro fratello, il Delfino. Era nota per essere molto intelligente e per il fatto che imparasse in fretta. Lei e suo fratello furono gli unici a sposarsi, e soltanto Adélaïde e Victoire vissero per vedere la caduta dell'Ancien Régime sotto il regno del nipote, Luigi XVI.

Al contrario delle sorelle minori Sophie e Victoire, cresciute nel rigido ambiente della reale dell'Abbazia di Fontevrault, Élisabeth crebbe all'interno dell'amorevole circolo familiare a Versailles.

Il matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il suo fidanzamento con l'Infante Filippo di Spagna fu annunciato a corte nel febbraio 1739, quando aveva dodici anni. Filippo era il terzo figlio maschio dello zio di Luigi XV, Re Filippo V di Spagna, e della sua seconda moglie, Elisabetta Farnese, ed era quindi nella linea di successione al trono di Spagna. Era il terzo dei figli superstiti del re spagnolo.

Questo fidanzamento seguiva la tradizione di cementare le alleanze politiche e militari tra le potenze cattoliche di Francia e Spagna con matrimoni reali. La tradizione risaliva al 1559, quando Re Filippo II di Spagna sposò la figlia di Re Enrico II di Francia, Elisabetta di Valois, come uno dei termini della Pace di Cateau-Cambrésis. Nonostante ciò, l'annuncio dell'accordo matrimoniale non fu ben accolto alla corte francese, poiché vi erano poche probabilità che Filippo sarebbe diventato Re di Spagna.

La dodicenne Élisabeth si sposò per procura il 26 agosto 1739, senza aver incontrato il suo futuro marito in precedenza. Successivamente, fu nota, alla corte di Luigi XV, come Madame Infante. Dopo le solenni celebrazioni, partì in lacrime da Versailles per la Spagna il 30 agosto, lasciando dietro di sé l'amata sorella gemella.[senza fonte]

Incontrò il suo diciannovenne marito ad una trentina di chilometri a nord-est di Madrid, ad Alcalá de Henares, dove la cerimonia matrimoniale ebbe luogo il 25 ottobre 1739.

I figli[modifica | modifica sorgente]

Élisabeth con la figlia maggiore Isabella a Fontainebleau, ritratte da Jean-Marc Nattier.
Élisabeth con suo marito ed i loro figli Ferdinando e Maria Luisa; Isabella è raffigurata in un abito bianco; ritratto di Giuseppe Baldrighi.

Il matrimonio non fu felice.[senza fonte] La coppia ebbe tre figli:

Spagna[modifica | modifica sorgente]

Al tempo dell'arrivo di Élisabeth in Spagna, l'etiquette alla corte spagnola era molto più severa di quella a Versailles, ed, a peggiorare le cose, Élisabeth scoprì che sua suocera, Elisabetta Farnese, stava dominando. Di conseguenza, trascorreva la maggior parte del suo tempo lontano dalla Regina, giocando con le bambole. Élisabeth scrisse della sua infelicità a suo padre. Il 31 dicembre 1741, all'età di quattordici anni, diede alla luce il suo primo figlio, Isabella, che fu chiamata in onore della Regina, (Elisabetta e Isabel in spagnolo).

Nel 1745, la sorella minore di Filippo, l'Infanta Maria Teresa Rafaela di Spagna, sposò il fratello minore di Elisabetta, Luigi, Delfino di Francia.

Parma[modifica | modifica sorgente]

Élisabeth come Duchessa di Parma, ritratta da Charles-André van Loo.

Élisabeth fu in grado di lasciare la Spagna nel 1748. Nel Trattato di Aquisgrana (1748) che concludeva la guerra di successione austriaca, la Sacra Romana Imperatrice Maria Teresa dovette cedere i ducati di Parma, Piacenza e Guastalla al suo nemico, Filippo V di Spagna. Su istigazione di Luigi XV, Filippo ed Élisabetta diventarono Duca e Duchessa di Parma.

Versailles[modifica | modifica sorgente]

In viaggio verso Parma, Élisabeth andò prima a Versailles dove arrivò l'11 dicembre 1748. Era grata a suo padre per il nuovo ducato di suo marito. Durante i suoi numerosi mesi di permanenza a Versailles, fece la conoscenza di Madame de Pompadour, la maîtresse-en-titre di suo padre. Nel luglio del 1746, sua cognata, l'Infanta Maria Teresa Rafaela di Spagna, moglie del Delfino, morì di parto. Nel gennaio 1747, il Delfino sposò ls Principessa Maria Josepha di Sassonia che divenne molto legata ad Élisabeth.

Élisabeth in abito da caccia, ritratta da Jean-Marc Nattier

Durante questa prima visita di ritorno in Francia, un cortigiano descrisse Élisabeth come "affascinante" con "occhi penetranti" che "esprimeno intelligenza" mentre un altro, un osservatore meno comprensivo affermò che "una giovane donna ben dotata, maturata con la maternità".[5] Arrivò a Parma nell'ottobre del 1749, importando le maniere di corte e la cucina francese. A Parma, lei e suo marito vissero nel bellissimo Palazzo Ducale di Colorno ridecorato nel nativo stile francese della nuova duchessa. Nel 1751, diede alla luce i suoi figli Ferdinand e Maria Luisa, che diventò la sua preferita.

La gemella di Élisabeth, Henriette morì nel 1752, ed Élisabeth ritornò in Francia in settembre per visitare la sua tomba a Saint-Denis. Ci si aspettava un soggiorno di poche settimane, ma rimase a Versailles per quasi un anno.

Élisabeth era annoiata quando ritornò a Parma, e cercò un regno più vasto da governare. Si alleò con l'Imperatrice Maria Teresa, che promise ad Élisabeth il trono dei Paesi Bassi del Sud[senza fonte] (ora Belgio), che era stato restituito al dominio austriaco con il Trattato di Aquisgrana. Élisabeth ritornò nuovamente in Francia nel settembre del 1757, per organizzare il matrimonio di sua figlia Isabella con l'Arciduca Giuseppe d'Austria, il futuro Imperatore Giuseppe II. Il matrimonio ebbe luogo nel 1760.

Re Ferdinando VI di Spagna morì senza un erede nell'agosto 1759 e gli successe il fratello minore (fratello maggiore di Filippo) Carlo, che diventò Carlo III di Spagna. Sebbene Filippo ed Elisabeth raggiunsero un gradino più vicino al trono, la giovane famiglia di Carlo, includeva diversi figli maschi, significava che c'erano ancora poche possibilità per loro di salire al trono di Spagna.

Elisabeth si ammala mentre si trovava a Versailles, e morì di vaiolo il 6 dicembre 1759. Fu sepolta il 27 marzo 1760 nell'Abbazia di Saint-Denis accanto alla sorella gemella, Henriette. Le loro tombe furono profanate nel 1793, durante la Rivoluzione francese.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Luisa Elisabetta di Francia Padre:
Luigi XV di Francia
Nonno paterno:
Luigi, duca di Borgogna
Bisnonno paterno:
Luigi, il Gran Delfino
Trisnonno paterno:
Luigi XIV di Francia
Trisnonna paterna:
Infanta Maria Teresa
Bisnonna paterna:
Duchessa Maria Anna Vittoria di Baviera
Trisnonno paterno:
Ferdinando Maria, Elettore di Baviera
Trisnonna paterna:
Enrichetta Adelaide di Savoia
Nonna paterna:
Maria Adelaide di Savoia
Bisnonno paterno:
Vittorio Amedeo II di Sardegna
Trisnonno paterno:
Carlo Emanuele II, Duca di Savoia
Trisnonna paterna:
Maria Giovanna Battista di Savoia
Bisnonna paterna:
Anna Maria d'Orléans
Trisnonno paterno:
Filippo di Francia, duca d'Orléans
Trisnonna paterna:
Principessa Enrichetta d'Inghilterra
Madre:
Maria Leszczyńska
Nonno materno:
Stanislao Leszczyński
Bisnonno materno:
Rafał Leszczyński
Trisnonno materno:
Bogusław Leszczyński
Trisnonna materna:
Contessa Anna von Dönhoff
Bisnonna materna:
Anna Jablonowska
Trisnonno materno:
Principe Stanisław Jan Jabłonowski
Trisnonna materna:
Contessa Marianna Kazanowska
Nonna materna:
Caterina Opalińska
Bisnonno materno:
Jan Karol Opalinski
Trisnonno materno:
Conte Krzysztof Opaliński
Trisnonna materna:
Contessa Teresa Konstancya Czarnkowska
Bisnonna materna:
Zofia Czarnkowska
Trisnonno materno:
Conte Adam-Uryel Czarnkowski
Trisnonna materna:
Contessa Teresa Zaleska

Titoli, appellativi, onorificenze e stemma[modifica | modifica sorgente]

Titoli ed appellativi[modifica | modifica sorgente]

  • 14 agosto 1727 – 25 ottobre 1739 Sua Altezza Reale Madame Royale
  • 25 ottobre 1739 - 18 ottobre 1748 Sua Altezza Reale Doña Luisa Isabel, Infanta di Spagna
  • 18 ottobre 1748 – 6 dicembre 1759 Sua Altezza Reale la Duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla, Infanta di Spagna
    • In Francia la principessa e informalmente nota come Madame Infante.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Achaintre, Nicolas Louis, Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de Bourbon, Vol. 2, (Publisher Mansut Fils, 4 Rue de l'École de Médecine, Paris, 1825), p. 154.
  2. ^ American Historical Association, The American historical review, Volume 10, The Macmillan Company, 1905, 707.
  3. ^ Pajol, Charles Pierre Victor, Les guerres sous Louis XV, Vol. 2, (Imprimeurs de L'Institut, Rue Jacob, Paris, 1883), 7: .. à Louise-Elisabeth de France, fille de Louis XV, née le 14 aout 1727, morte le 6 décembre 1759...
  4. ^ Il titolo corretto dei figli dei re di Francia è Fille de France, figlia di Francia.
  5. ^ Lévêque, Jean-Jacques, Versailles: The Palace of the Monarchy, The Museum of the Nation, translated by Kirk McElhearn and Ellen Krabbe, ACR PocheCouler, Paris, 2000, p. 113.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sanger, Ernest, Isabelle de Bourbon-Parme: la Princesse et la Mort, Racine, Brussels, 2002.
  • Zieliński, Ryszard, Polka na francuskim tronie Czytelnik, 1978.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Madame Royale Successore Royal Standard of the King of France.svg
Maria Teresa di Borbone-Francia (1667-1672) 1727-1739 Maria Teresa di Borbone-Francia (1746-1748)
Predecessore Duchessa consorte di Parma, Piacenza e Guastalla Successore Flag of the Duchy of Parma.svg
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel 1748 - 1759 Arciduchessa Maria Amalia d'Austria

Controllo di autorità VIAF: 172989709