Capetingi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capetingi
Arms of the Kingdom of France (Ancien).svg
Stato linea diretta: Francia, Navarra
altre linee: Borgogna, Portogallo, Napoli, Sicilia, Impero latino d'Oriente, Ungheria, Polonia, Dalmazia, Croazia, Romania, Durazzo, Acaia, Lorena, Spagna, Parma, Toscana, Brasile, Lussemburgo
Casata di derivazione Robertingi
Titoli Cross pattee.png Re di Francia
Cross pattee.png Re di Navarra
Fondatore Ugo Capeto
Ultimo sovrano Carlo IV il Bello (linea diretta)
Data di fondazione 987
Data di estinzione 1328 (linea diretta)
Etnia franca
Rami cadetti Valois, Borbone, Angiò, Courtney, Vermandois, Borgogna

La Dinastia Capetingia è un casato franco, uno dei più importanti e, secondo diversi studiosi, il più antico in Europa, essendo le sue origini più antiche rintracciabili, pur con qualche difficoltà, fino al VII secolo. Con la sua linea diretta regnò in Francia dal 987 al 1328, e per rami collaterali fino al XIX secolo. Essa consiste nei discendenti in linea maschile di Ugo Capeto e in linea femminile della Dinastia Merovingia e della Dinastia Carolingia.

Storia dei Capetingi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Francia medioevale.
Ugo Capeto, capostipite della dinastia, in un ritratto moderno.

Nel 987, alla morte di Luigi V "l'Ignavo", ultimo re carolingio, Ugo Capeto, duca di Francia e conte di Parigi, figlio di Ugo il Grande, fu eletto re dalla nobiltà e dal clero franco, fondando la nuova dinastia reale. Il dominio feudale dei Capetingi era costituito dall'Île de France, il territorio intorno a Parigi.

Gli avi di Ugo Capeto[modifica | modifica sorgente]

La famiglia di Ugo Capeto era quella dei Robertingi, tra i quali c'erano anche i re di Francia Oddone e suo fratello Roberto I (nonno di Ugo). Il più vecchio avo in linea maschile dei Capetingi era Lamberto, conte in Hesbaye. Da lui discendono, in ordine padre-figlio, i conti Roberto I, Turimberto, Roberto II e Roberto III (anche conte di Oberrheingau); quest'ultimo era padre di Roberto il Forte, padre a sua volte dei re di Francia Oddone e Roberto I.

Ugo Capeto discendeva anche da Carlo Magno, ma non per linea totalmente maschile. La nonna paterna di Ugo era infatti Beatrice di Vermandois, figlia di Erberto I di Vermandois, discendente per linea maschile dall'imperatore franco.

La Francia dei Capetingi diretti[modifica | modifica sorgente]

Nel 996 la corona passò al figlio primogenito di Ugo Capeto, Roberto II il Pio, che contribuì a consolidare la monarchia. I Capetingi rafforzarono notevolmente l'autorità regia in Francia, insistendo sui principi di ereditarietà maschile della successione al trono, di primogenitura e di indivisibilità dei territori del regno. Particolarmente importante fu il contributo di re Filippo II Augusto, che riuscì a strappare agli inglesi gran parte dell'Aquitania e dell'Angiò.

Successivamente all'estinzione del ramo principale nel 1328, subentrò il ramo collaterale dei Valois e in seguito quelli collaterali dei Borbone, e degli Orleans fino alla definitiva soppressione della monarchia con la rivoluzione del 1848[1].

Re di Francia capetingi[modifica | modifica sorgente]

Re di Francia
Capetingi

Arms of the Kingdom of France (Ancien).svg

Figli
Figli

Linea diretta[modifica | modifica sorgente]

Valois[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Valois.

Borbone[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Borbone di Francia, Borbone di Napoli e Borbone di Spagna.

Orleans[modifica | modifica sorgente]

Rami collaterali[modifica | modifica sorgente]

Segue l'elenco dei rami collaterali dei capetingi, stabiliti secondo i possedimenti dei capostipiti, indicati tra parentesi.

Stemmi[modifica | modifica sorgente]

Il seminato di fleur de lys in campo azzurro, blasone dei re di Francia fino al 1376. La fleur de lys divenne in uso con Luigi VII e Filippo II.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Armoriale dei Capetingi.

Genealogia[modifica | modifica sorgente]

Ugo Capeto (940 ca. –  24 ottobre 996)
=
Adelaide d'Aquitania
│
├── Edvige (970 ca - 1013 ca)
│
├── Gisèle (971 ca - 1002)
│
├── Roberto II (27 marzo 972 – 20 luglio 1031)
│   = Susanna
│   = Berta di Borgogna (964 – 16 gennaio 1010)
│   = Costanza d'Arles (986 – Melun, 25 luglio 1034)
│   │
│   ├── Edvige o Adele (ca. 1003-ca. 1065)  
│   │   = Rinaldo I di Nevers
│   │
│   ├── Ugo II (1007 - 1025)
│   │
│   ├── Enrico I (4 maggio 1008 – 4 agosto 1060)
│   │   = Matilda di Frisia (1024 circa – 1044)
│   │   = Anna di Kiev (1024/1032 – settembre 1075)
│   │   │
│   │   ├── Filippo I (23 maggio 1052 – Melun, 29 luglio 1108)
│   │   │
│   │   ├── Ugo il Grande (1057 – 18 ottobre 1102)
│   │   │
│   │   ├──  Roberto (prima del giugno 1054 - ca. 1060)
│   │   │
│   │   └── Emma
│   │
│   ├── Adele o Adelaide (1009-1079)
│   │   = Riccardo III di Normandia (ca. 1007-1027)
│   │   = Baldovino V delle Fiandre (1012-1067)
│   │
│   ├── Roberto I (1011 - 21 marzo 1076)
│   │
│   ├──  Oddone o Eudes (1013-1056) 
│   │
│   └──Constanza (1014-?)
│      = Manasse di Dammartin (?-1037)
│   
│ 
└── Adele (973 ca - 1063)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ In altri termini, ragionando secondo la moderna ereditarietà dei cognomi, tutti i re di Francia avrebbero avuto lo stesso cognome di Ugo Capeto, essendo tutti suoi discendenti in linea maschile. A tale principio si attenne anche il tribunale rivoluzionario che processò il re Luigi XVI iscrivendo agli atti l'imputato col nome di cittadino Luigi Capeto.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ingmar Krause: Konflikt und Ritual im Herrschaftsbereich der frühen Capetinger – Untersuchungen zur Darstellung und Funktion symbolischen Verhaltens. Rhema-Verlag, Münster 2006, ISBN 978-3-930454-62-4

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]