Fontainebleau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Fontainebleau (disambigua).
Fontainebleau
comune
Fontainebleau – Stemma
Fontainebleau – Veduta
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione France moderne.svg Île-de-France
Dipartimento Blason département fr Seine-et-Marne.svg Senna e Marna
Arrondissement Fontainebleau
Cantone Fontainebleau
Territorio
Coordinate 48°24′35″N 2°42′09″E / 48.409722°N 2.7025°E48.409722; 2.7025 (Fontainebleau)Coordinate: 48°24′35″N 2°42′09″E / 48.409722°N 2.7025°E48.409722; 2.7025 (Fontainebleau)
Altitudine 96 m s.l.m.
Superficie 172,05 km²
Abitanti 15 816[1] (2009)
Densità 91,93 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 77300
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 77186
Nome abitanti Bellifontain(e)s
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Fontainebleau
Sito istituzionale

Fontainebleau è un comune francese di 15.816 abitanti situato nel dipartimento di Senna e Marna nella regione dell'Île-de-France. La cittadina è capoluogo di Arrondissement e di Cantone.

I suoi abitanti si chiamano Bellifontains.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Fontainebleau si trova a sud-ovest del dipartimento della Senna e Marna, estendendosi per circa 17205 ettari, è il comune più vasto della regione Île de France. Gran parte del suo territorio è ricoperto da una grande foresta che conta complessivamente 25000 ettari. Questa foresta, fin dai secoli precedenti, fu un luogo di villeggiatura per i Parigini, i quali venivano per piacevoli passeggiate e per rinfrescarsi all'ombra degli alberi. Al giorno d'oggi inoltre, grazie alle grandi pareti rocciose, è rinomata anche per la pratica sportiva dell'arrampicata. Inoltre vi si possono trovare diversi minerali di quarzo allo stato grezzo. Negli ultimi anni il Dipartimento delle foreste vi ha piantato molte conifere (dell'ordine dei pinales) contro la deforestazione, ma questo provvedimento è stato duramente criticato da alcuni, che lo accusavano di alterazione distruttiva dell'ecosistema originale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal toponimo latino Fons Bellaquaeus deriva Fontaine Belle Eau o Fontaine Belleau, fontana dalla bell'acqua, contratta poi in Fontainebleau. All'inizio fu un ritrovo di caccia per il re Luigi VII, il quale vi fece costruire anche una piccola cappella, e successivamente fu apprezzata da Luigi IX che vi fece edificare una villetta personale e un ospedale. Nel XVII secolo venne notevolmente apprezzata da Elisabetta Carlotta del Palatinato, sposa di Filippo I.

Per più di sette secoli, da Luigi VI (1081-1137) a Napoleone III (1808-1873), numerosi sovrani vi hanno soggiornato per la bellezza della foresta circostante e la tranquillità che ci si poteva trovare così vicino a Parigi. Inoltre tra XVI e XVIII secolo, tutti i re effettuarono cambiamenti di ordine strutturale alla cittadina, e proprio da ciò deriva il carattere molto eterogeneo (ma al contempo armonioso) del Castello di Fontainebleau, dapprima residenza di caccia poi ingrandita sotto Francesco I.

Il 18 ottobre 1685 Luigi XIV vi firmò il famoso Editto di Fontainebleau, che costituiva la revoca dell'Editto di Nantes, costringendo così all'esilio molti protestanti. Nel 1725 vi si tenne il matrimonio di Luigi XV. Il 29 ottobre 1807 Manuel Godoy, allora cancelliere del re spagnolo Carlo IV e Napoleone I vi firmarono il trattato che autorizzava il passaggio delle truppe francesi in terra di Spagna dirette in Portogallo. Lo stesso imperatore vi firmò l'atto di abdicazione nel 1814.

Nel 1848 la foresta di Fontainebleau fu dichiarata, sotto pressione popolare, "riserva artistica", per difenderla dalla minaccia di un dissennato disboscamento. Lo scopo era quello di permettere agli artisti della scuola di Barbizon di ritrarre gli incantati paesaggi naturali che essa offriva ai pittori. Fu questo il primo provvedimento pubblico di tutela della natura della storia, anche se promosso e realizzato con finalità estetiche e non naturalistiche.
Proprio per questo primato, cento anni dopo (1948), fu deciso di fondare l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) proprio nella città di Fontainebleau [2].

La foresta è rinomata per la sua biodiversità e per la sua dimensione (17.000 ettari di foresta demaniale e 25.000 dell'intero complesso).

Château de Fontainebleau - pano façade.jpg
Ingrandisci
Facciata principale del Castello

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi INSEAD.

A Fontainebleau è attiva L'INSEAD (Institut Européen d'Administration des affaires), fondata nel 1957, una scuola di direzione aziendale e un istituto di ricerca di carattere internazionale. È considerata una delle migliori scuole del mondo, caratterizzata dall'attenzione alla diversità culturale e la prospettiva globale dei suoi corsi[3][4][5][6][7]. Offre corsi a livello di dottorato di ricerca e di MBA nei suoi due campus in Europa (Francia) e Asia (Singapore). È accreditata AACSB, EQUIS e AMBA.

Persone legate a Fontainebleau[modifica | modifica wikitesto]

Forêt de Fontainebleau, Jean-Baptiste-Camille Corot, 1830, National Gallery of Art, Washington, USA

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ V. Giacomini, V. Romani, Uomini e Parchi. Pag. 14 e 20. Ediz. FrancoAngeli, Milano, 1982, VI ediz. 2002 - ISBN 88-464-3814-0
  3. ^ (EN) [1]
  4. ^ (EN) [2]
  5. ^ (EN) FT.com business education: MBA and executive education rankings and news
  6. ^ (EN) 2006 Full-Time Profiles
  7. ^ Which MBA
  8. ^ Città in cui sono situati i templi di Angkor Wat

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]