Ferdinando II del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferdinando II di Sassonia-Coburgo-Gotha-Kohary
Ferdinando II del Portogallo, 1845.
Ferdinando II del Portogallo, 1845.
Re consorte del Portogallo
In carica 16 settembre 1837 –
15 novembre 1853
Predecessore Adelaide di Lowenstein
Successore Stefania di Hohenzollern-Sigmaringen
Nome completo Ferdinand August Franz Anton von Sachsen-Coburg-Saalfeld-Koháry
Altri titoli Principe di Sassonia-Coburgo-Saalfeld, Principe di Sassonia-Coburgo-Gotha, Principe di Koháry e Duca di Sassonia
Nascita Vienna, 29 ottobre 1816
Morte Lisbona, 15 dicembre 1885
Luogo di sepoltura Monastero di São Vicente de Fora
Casa reale Sassonia-Coburgo-Gotha
Padre Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Kohary
Madre Maria Antonia di Koháry
Consorte Maria II
Elisa Hensler

Ferdinando II di Sassonia-Coburgo-Gotha (in portoghese Fernando II; Vienna, 29 ottobre 1816Lisbona, 15 dicembre 1885) fu re consorte del Portogallo e dell'Algarve, dal 1837 al 1853, in quanto marito della regina Maria II, reggente per il figlio Pietro V (1853-1855)..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Ferdinando era figlio di Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Kohary e di Maria Antonia di Koháry. Dopo la sua nascita viaggiò in molti luoghi trascorrendo diversi anni nelle proprietà di famiglia nell'attuale Slovacchia, oltre che alla corte austriaca ed in Germania. Egli era nipote di Leopoldo I del Belgio e primo cugino di Leopoldo II del Belgio e di Carlotta del Belgio, imperatrice del Messico, così come della regina Vittoria del Regno Unito e di suo marito Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Il governo a fianco della moglie[modifica | modifica sorgente]

Dopo il fallimento del matrimonio della regina Maria II del Portogallo con suo zio Michele, architettato dal padre Pietro IV, la scelta per il marito della nuova sovrana portoghese venne scelto nella figura di Ferdinando. I due si sposarono nel 1836. Secondo le leggi portoghesi, il marito di una regina regnante poteva ottenere il titolo di re solo dopo la nascita del primo figlio (ragione per cui Augusto di Beauharnais, primo marito di Maria II, non aveva ottenuto il titolo di re). Dopo la nascita del futuro Pietro V del Portogallo, nel 1837, Ferdinando venne proclamato re col nome di Ferdinando II del Portogallo.

La coppia ebbe 11 figli:

Anche se l'intero potere di governo spettava di fatti a Maria, i due formarono un ottimo team di governo risolvendo insieme molti problemi del governo di Maria. Ferdinando stesso fu una pedina chiave nei momenti in cui la moglie si trovava incinta e come tale non poteva affaticarsi occupandosi degli affari di governo.

Braganza
Re del Portogallo
Armoires portugal 1481.svg

Giovanni IV (1640-1656)
Figli
Alfonso VI (1656-1683)
Pietro II (1683-1706)
Figli
  • Isabella Luisa (1669-1690)
  • Giovanni (1688)
  • Giovanni (1689-1750)
  • Francesco Saverio (1691-1742)
  • Francesca Saveria (1694)
  • Antonio Francesco (1695-1757)
  • Teresa Maria (1696-1704)
  • Manuele Giuseppe (1697-1766)
  • Francesca Giuseppa
Giovanni V (1706-1750)
Figli
  • Barbara (1711-1758)
  • Pietro (1712-1714)
  • Giuseppe (1714-1777)
  • Carlo (1716-1730)
  • Pietro (1717-1786)
  • Alessandro (1723-1728)
Giuseppe I (1750-1777)
Figli
Maria I (1777-1816) e Pietro III (1777-1786)
Figli
Giovanni VI (1816-1826)
Figli
Pietro IV (I del Brasile) (1826)
Figli
Maria II e Michele (1826-1828)
Michele (1828-1834)
Figli
Maria II e Ferdinando II (1834 - 1853)
Figli
  • Pietro (1837 - 1861)
  • Luigi (1838 - 1889)
  • Maria (1840)
  • Giovanni (1842 - 1861)
  • Maria Anna (1843 - 1884)
  • Antonia Maria (1845 – 1913)
  • Ferdinando Maria (1845 - 1913)
  • Augusto (1847 - 1889)
  • Leopoldo (1849)
  • Maria da Gloria (1851)
  • Eugenio (1853)
Pietro V (1853-1861)
Luigi I (1861-1889)
Figli
Carlo I (1889-1908)
Figli
Manuele II (1908-1932)

Maria II morì nel tentativo di dare alla luce l'undicesimo figlio della coppia e il regno di Ferdinando terminò nel 1853, ma proseguì di fatti sino al 1855 dal momento che l'erede al trono, Pietro V, aveva appena 16 anni al momento della morte della madre e come tale Ferdinando svolse per lui le funzioni di tutore.

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Dopo la rivoluzione e l'esilio di Isabella II di Spagna dalla sua patria, a Ferdinando ormai dimesso da ogni incarico effettivo venne proposta la corona del regno di Spagna nel 1869 ma egli rifiutò l'offerta per non destare contrasti col popolo spagnolo e soprattutto con la Francia che si sentiva accerchiata da principi tedeschi (Germania, Belgio, Regno Unito e Portogallo).

Ritiratosi definitivamente a vita privata, Ferdinando sposò la cantante d'opera Elisa Hensler che venne da lui creata contessa di Edla.

Soprattutto negli ultimi anni, Ferdinando manifestò in maniera chiara le sue doti e il suo carattere tipicamente liberale e dalla mentalità aperta e moderna. Una delle sue passioni più grandi era la pittura e si dilettava nell'acquarello. Egli fu anche presidente della Reale Accademia delle Scienze e delle Arti del Portogallo, protettore dell'Università di Coimbra e Gran Maestro dell'Ordine dei Rosacroce.

Nel 1838 progettò presso Sintra il Pena National Palace, un'architettura di stile eclettico piena di simbolismi comparabile solo al Castello di Neuschwanstein eretto dal re Ludovico II di Baviera. Egli trascorse gli ultimi anni della sua vita in questo castello dedicandosi a ricevere i maggiori artisti del suo tempo.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Fascia dei tre ordini - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dei tre ordini
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1849
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1849
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 30336432 LCCN: n85220576