Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld - Stemma
Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome ufficiale Herzogtum Saxe-Coburg-Saalfeld
Lingue parlate tedesco
Capitale Saalfeld sino al 1764
Altre capitali Coburgo dal 1764
Dipendente da Sacro Romano Impero
Politica
Forma di governo ducato
duchi Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Nascita 1699 con Giovanni Ernesto di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Causa unione del Sassonia-Coburgo con il Sassonia-Saalfeld
Fine 1825 con Ernesto Antonio Carlo Luigi di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Causa passaggio al Sassonia-Coburgo-Gotha
Territorio e popolazione
Economia
Valuta tallero di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Commerci con Sacro Romano Impero, Sassonia
Religione e società
Religioni preminenti chiesa evangelica
Religione di Stato evangelismo
Religioni minoritarie cattolicesimo, cristianesimo ortodosso, ebraismo
Classi sociali patrizi, clero, cittadini, popolo
Evoluzione storica
Preceduto da Coats of arms of None.svg Sassonia-Coburgo
Coats of arms of None.svg Sassonia-Saalfeld
Succeduto da Coats of arms of None.svg Sassonia-Coburgo-Gotha

Il Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld fu un ducato tedesco retto della dinastia ernestina della Sassonia, con capitale la città di Coburgo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Sassonia-Saalfeld (1680-1735)[modifica | modifica wikitesto]

Come molti altri ducati tedeschi nei territori della Sassonia, anche quello di Sassonia-Coburgo-Saalfeld ricadde sotto l'amministrazione della linea ernestina dei Sassonia-Gotha, originatasi da Ernesto I di Sassonia-Gotha-Altenburg. Egli divise infatti i propri domini in numerosi ducati e li assegnò ai propri figli come segue:

  1. Federico I (1646-1691) ereditò il Ducato di Sassonia-Gotha-Altenburg
  2. Alberto (1648-1699) ereditò il Ducato di Sassonia-Coburgo
  3. Bernardo I (1649-1706) ereditò il Ducato di Sassonia-Meiningen
  4. Enrico (1650-1710) ereditò il Ducato di Sassonia-Römhild
  5. Cristiano (1653-1707) ereditò il Ducato di Sassonia-Eisenberg
  6. Ernesto (1655-1715) ereditò il Ducato di Sassonia-Hildburghausen
  7. Giovanni Ernesto (1658-1729) ereditò il Ducato di Sassonia-Saalfeld.

Nei possedimenti della casata rientrava anche Saalfeld che fu capitale del Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld dal 1680 sino al 1735.

I Sassonia-Coburgo-Saalfeld (1735-1826)[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte del Duca Giovanni Ernesto nel 1729 divennero reggenti i suoi figli Cristiano Ernesto e Francesco Giosea, dividendo il Ducato in due distretti. Cristiano Ernesto creò la propria capitale a Saalfeld, Francesco Giosea la stabilì invece a Coburgo. Nel 1735 il territorio prese il nome di Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld e come tale anche la casata mutò il proprio nome.

Nel 1826, all'estinzione della casata, il Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld venne compreso entro i territori di un nuovo ducato, retto dal ramo dei Sassonia-Coburgo-Gotha (che a loro volta erano derivati dall'unione dei Ducati di Sassonia-Coburgo e Sassonia-Gotha).

Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld[modifica | modifica wikitesto]

Sassonia-Saalfeld (1680-1735)[modifica | modifica wikitesto]

Sassonia-Coburgo-Saalfeld (1735-1826)[modifica | modifica wikitesto]


Stemma della Sassonia Ducati ernestini dopo la Divisione di Erfurt del 1572 Stemma della Sassonia

Sassonia-Weimar (1572–1806) • Sassonia-Coburgo-Eisenach (1572–1596) • Sassonia-Coburgo (1596–1633; 1681–1699) • Sassonia-Eisenach (1596–1638; 1640–1644; 1672–1806) • Sassonia-Altenburg (1603–1672; 1826–1918) • Sassonia-Gotha (1640–1680) • Sassonia-Gotha-Altenburg (1681–1826) • Sassonia-Marksuhl (1662–1672) • Sassonia-Jena (1672–1690) • Sassonia-Eisenberg (1680–1707) • Sassonia-Hildburghausen (1680–1826) • Sassonia-Römhild (1680–1710) • Sassonia-Saalfeld (1680–1735) • Sassonia-Meiningen (1681–1918) • Sassonia-Coburgo-Saalfeld (1735–1826) • Sassonia-Weimar-Eisenach (1806–1918) • Sassonia-Coburgo-Gotha (1826–1918)