Giovanni Ernesto di Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Ernesto di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Giovanni Ernesto di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Giovanni Ernesto di Sassonia-Coburgo-Saalfeld in una stampa d'epoca
Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
In carica 1675 –
1729
Predecessore Ernesto I di Sassonia-Gotha-Altenburg
Successore Cristiano Ernesto
Trattamento Ströhl-Rangkronen-Fig. 03.png
Nascita Gotha, 22 agosto 1658
Morte Saalfeld, 17 febbraio 1729
Dinastia Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Padre Ernesto I di Sassonia-Gotha-Altenburg
Madre Elisabetta Sofia di Sassonia-Altenburg
Consorte Sofia Edvige di Sassonia-Merseburg
Carlotta Giovanna di Waldeck e Pyrmont
Religione Protestantesimo
Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld/Gotha
Wettin
Wappen Sachsen Coburg Gotha.png

Giovanni Ernesto
Cristiano Ernesto
Francesco Giosea
Ernesto Federico
Francesco Federico
Ernesto I
Ernesto II
Modifica

Giovanni Ernesto di Sassonia-Coburgo-Saalfeld, detto anche Giovanni Ernesto IV (Gotha, 22 agosto 1658Saalfeld, 17 febbraio 1729), fu duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ernesto fu il decimo (il settimo dei figli sopravvissuti) di Ernesto I di Sassonia-Gotha-Altenburg e di Elisabetta Sofia di Sassonia-Altenburg.

Alla morte del padre nel 1675, Giovanni Ernesto inizialmente governò il Ducato di Sassonia-Gotha-Altenburg, assieme con i suoi sei fratelli maggiori, come era stato stabilito dal testamento del padre. Comunque, nel 1680 i fratelli di comune accordo fecero un trattato per la divisione dei beni paterni e Giovanni Ernesto divenne Duca di Sassonia-Saalfeld, con le città di Gräfenthal, Probstzella e Pössneck. Dal momento che era l'ultimo figlio nato, ottenne la minor porzione di territori.

Giovanni Ernesto e suo fratello Ernesto si trovarono presto in condizioni finanziarie pericolose come risultato della partizione (le terre più ricche erano infatti spettate al fratello primogenito, Federico), ed entrambi protestarono. Durante gli anni successivi, la controversia continuò ed aumentò, dal momento che i fratelli di Giovanni Ernesto, Alberto di Sassonia-Coburgo, Enrico di Sassonia-Römhild e Cristiano di Sassonia-Eisenberg erano morti senza eredi maschi. Durante questi anni, Giovanni Ernesto prese possesso di Coburgo (nel 1699), Römhild e di 5/12 di Themar (nel 1714).

La contesa di "Coburgo-Eisenberg-Römhild" (dopo un ulteriore intervento dell'Imperatore del Sacro Romano Impero) venne conclusa solo nel 1735, sei anni dopo la morte di Giovanni Ernesto. I suoi discendenti mantennero sede a Coburgo. La decisione venne generalmente accettata, soprattutto dal fratello Bernardo, che era pretendente di Coburgo.

Matrimoni ed eredi[modifica | modifica sorgente]

A Merseburg, il 18 febbraio 1680, Giovanni Ernesto sposò in prime nozze Sofia Edvige di Sassonia-Merseburg. Da questo matrimonio nacquero 5 figli di cui solo due raggiunsero l'età adulta:

Dopo la morte di Sofia Edvige, sposò a Maastricht, il 2 dicembre 1690, Carlotta Giovanna di Waldeck e Pyrmont. Dal matrimonio nacquero otto figli, di cui solo sei raggiunsero l'età adulta:

Predecessore Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld Successore
Ernesto I di Sassonia-Gotha-Altenburg 1675-1729 Cristiano Ernesto
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie