Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto
Il principe Alberto nel 1842 in un ritratto del pittore Franz Xaver Winterhalter
Il principe Alberto nel 1842 in un ritratto del pittore Franz Xaver Winterhalter
Principe consorte del Regno Unito
Stemma
In carica 10 febbraio 1840 - 14 dicembre 1861
Predecessore Adelaide di Sassonia-Meiningen
Successore Alessandra di Danimarca
Nome completo Francis Albert Augustus Charles Emmanuel
Trattamento Altezza Reale
Altezza Serenissima (1819-1840)
Altri titoli Principe di Sassonia Coburgo Gotha
Nascita Sassonia-Coburgo-Saalfeld, 26 agosto 1819
Morte Castello di Windsor, 14 dicembre 1861
Sepoltura 23 dicembre 1861 - 18 dicembre 1862 St. George’s Chapel
Dinastia Sassonia-Coburgo-Gotha
Padre Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Madre Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Consorte di Vittoria del Regno Unito
Figli Imperatrice Vittoria,
Re Edoardo VII,

Principessa Alice,
Principe Alfredo,
Principessa Elena,
Principessa Luisa,
Principe Arturo,
Principe Leopoldo,
Principessa Beatrice

Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha (Castello di Rosenau, 26 agosto 1819Windsor, 14 dicembre 1861) fu il marito della regina Vittoria e principe consorte del Regno Unito.

Nato in Sassonia, membro della famiglia dei duchi di Sassonia-Coburgo-Saalfeld, connessa con la maggior parte dei monarchi europei, all'età di 20 anni sposò la sua prima cugina, la regina Vittoria del Regno Unito, con la quale ebbe nove figli. In un primo momento Alberto si sentiva quasi costretto nella sua posizione di principe consorte che non gli conferiva alcun potere specifico. Col tempo egli seppe invece dare grande risalto alla sua persona e conseguentemente anche al suo ruolo sociale, prendendo posizione in molte cause pubbliche come le riforme sull'educazione e l'abolizione della schiavitù nei territori dell'Impero Britannico, oltre ad accollarsi il non facile compito di gestire la corte inglese.

Molto coinvolto nell'organizzazione della Great Exhibition del 1851, Alberto contribuì fortemente allo sviluppo della monarchia costituzionale inglese nell'Ottocento, persuadendo la moglie a divenire una figura predominante della scena politica nazionale. Morì all'età di soli 42 anni lasciando la regina in un profondo lutto che la accompagnò per tutto il resto della sua lunga vita.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Alberto nacque al Castello di Rosenau, presso Coburgo, in Germania, secondogenito del duca Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Saalfeld e di sua moglie, la duchessa Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg.[1] La futura moglie di Alberto, la regina Vittoria, nacque in quello stesso anno con l'aiuto della medesima levatrice.[2] Alberto venne battezzato secondo il rito evangelico-luterano il 19 settembre 1819 nella Sala di Marmo del castello di Rosenau con l'acqua derivata dal fiume locale, l'Itz.[3] Suoi padrini furono la nonna paterna, Augusta di Reuss-Ebersdorf, il nonno materno Augusto di Sassonia-Gotha-Altenburg, l'Imperatore Francesco II d'Asburgo-Lorena, il principe Alberto di Sassonia-Teschen e il conte Emmanuel von Mensdorff-Pouilly.[4] Nel 1825 il prozio di Alberto, Federico IV di Sassonia-Gotha-Altenburg morì e la sua dipartita portò ad una totale ristrutturazione nella suddivisione dei domini di famiglia. Il padre di Alberto si ritrovò così duca di Sassonia-Coburgo-Gotha.[5]

Alberto e suo fratello maggiore Ernesto trascorsero la loro giovinezza in un clima turbolento data la non facile relazione dei due genitori, la loro separazione ed il consequenziale loro divorzio.[6] Dopo che la loro madre venne esiliata dalla corte nel 1824, ella sposò il suo amante, Alexander von Hanstein, conte di Polzig e Beiersdorf, perdendo così l'occasione di rivedere i suoi figli morendo di cancro a soli 30 anni nel 1831.[7] L'anno successivo, il padre di Alberto si risposò con sua nipote, la principessa Antonietta Maria di Württemberg.[8]

I due fratelli, Ernesto ed Alberto, vennero educati privatamente in casa da Christoph Florschütz e poi a Bruxelles dove Adolphe Quetelet fu uno dei loro tutori.[9] Come altri principi, Alberto studiò all'Università di Bonn ove ebbe modo di frequentare i corsi di legge, economia politica, filosofia e storia dell'arte. Egli era un bravo musicista ed eccelleva nella ginnastica, in particolare nell'equitazione.[10] Tra i suoi insegnanti a Bonn ricordiamo il filosofo Immanuel Hermann Fichte ed il poeta August Wilhelm Schlegel.[11]

Il matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha in un ritratto giovanile ad opera di Franz Xaver Winterhalter.

Dal 1836, l'idea del matrimonio tra Alberto e sua cugina Vittoria iniziò a balenare nella mente del loro ambizioso zio, Leopoldo, che dal 1831 era divenuto re dei belgi.[12] A quel tempo, infatti, Vittoria era a tutti gli effetti l'erede al trono britannico in quanto il di lei padre, Edoardo Augusto di Kent, figlio quartogenito del re Giorgio III, era morto quando ella era ancora piccola. A quel tempo nel Regno Unito regnava Guglielmo IV, fratello maggiore di Edoardo Augusto e quindi zio di Vittoria. La madre di Vittoria, la duchessa Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld, era sorella del padre di Alberto e di Leopoldo del Belgio. Fu dunque il sovrano belga a convincere la sorella Vittoria a organizzare l'incontro tra Vittoria ed Alberto nel maggio del 1836. Il re Guglielmo IV, ad ogni modo, si era mostrato da sempre riluttante nel creare legami coi duchi sassoni, proponendo invece il principe Alessandro dei Paesi Bassi, figlio secondogenito del re Guglielmo II dei Paesi Bassi. Vittoria scriveva in quei giorni: "[Alberto] è molto carino; i suoi capelli sono dello stesso colore dei miei; i suoi occhi sono grandi e blu ed ha un bel naso oltre ad una bocca molto dolce con bei denti, ma è soprattutto il suo charme e il suo contegno nell'espressione a renderlo assolutamente delizioso."[13] Alessandro, d'altro canto, viene descritto come "piuttosto insignificante".[13]

Vittoria scrisse a suo zio Leopoldo per ringraziarlo "per la prospettiva di una grande felicità che avete contribuito a darmi nella persona del caro Alberto ... Egli possiede ogni qualità che io possa desiderare per essere completamente felice."[14] Il fidanzamento non venne ancora ufficializzato, ma le due famiglie mantennero un tacito accordo vista anche la felicità dei due giovani.[15]

Victoria ascese al trono appena diciottenne il 20 giugno 1837. Le sue lettere di questo periodo spostarono l'attenzione sulla formazione di Alberto in previsione del ruolo che avrebbe dovuto ricoprire al suo fianco, resistendo alla tentazione di sposarsi immediatamente.[16] Nell'inverno del 1838–39, il principe si recò in visita in Italia accompagnato dall'amico e consigliere Barone von Stockmar.[17]

Il matrimonio di Alberto e Vittoria in una stampa d'epoca

Alberto fece poi ritorno in Inghilterra col fratello Ernesto nell'ottobre del 1839 per recarsi in visita alla regina, con l'obiettivo di ufficializzare finalmente il matrimonio.[18] La proposta ufficiale da parte della regina (come era secondo la tradizione di un monarca di sesso femminile) avvenne il 15 ottobre 1839.[19] La regina inoltre confermò tale proposta di matrimonio al proprio consiglio privato il 23 novembre di quello stesso anno,[20] e la coppia si sposò il 10 febbraio 1840 nella Cappella Reale del St. James's Palace.[21] Appena prima del matrimonio, Alberto venne naturalizzato inglese attraverso un atto parlamentare,[22] e gli venne garantito il titolo di Altezza Reale per ordine del consiglio. In un primo tempo, Alberto non era molto popolare presso gli inglesi in quanto veniva percepito come uno straniero e ancora più come un provinciale, proveniente da una famiglia aristocratica secondaria.[23] Fu il primo ministro William Lamb, II visconte Melbourne a consigliare alla regina di non conferire il titolo di "Re Consorte" al marito. Persino il parlamento si rifiutò di accogliere Alberto nella parìa inglese a causa di un comune sentimento antitedesco tendente a escludere Alberto da ogni ruolo politico.[24] Il governo di Melbourne si trovò presto in minoranza e l'opposizione trasse vantaggio da questa situazione per indebolire ulteriormente le sue posizioni. Il parlamento si oppose alla nobilitazione di Alberto e gli garantì una pensione annua inferiore rispetto a quando concesso ai precedenti consorti di monarchi inglesi,[25] 30.000 sterline anziché l'usuale cifra di 50.000 sterline.[26] Alberto reagì duramente a queste critiche asserendo di non necessitare di entrare a far parte della parìa inglese; egli scriveva: "Sarebbe per me quasi un passo indietro, per me che sono un duca di Sassonia, mi sento più alto io di un duca di York o di Kent."[27] Per i successivi diciassette anni, Alberto ottenne formalmente il solo titolo di "Sua Altezza Reale il Principe Alberto" sino a quando, il 25 giugno 1857, Vittoria non prese in mano la situazione garantendogli il titolo di "Principe consorte".[28]

Il ruolo di Principe consorte[modifica | modifica wikitesto]

Trattamenti di
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Stemma
Principe consorte del Regno Unito
Trattamento di cortesia Sua Altezza Reale
Trattamento colloquiale Vostra Altezza Reale
Trattamento alternativo Sir
I trattamenti d'onore
Il principe consorte Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha, particolare da un ritratto di Franz Xaver Winterhalter.

La posizione in cui il principe Alberto si era trovato col suo matrimonio, oltre a molte distinzioni, gli contrapponeva anche non poche difficoltà, come si evince dalle sue stesse parole: "Sono molto felice e contento, ma le difficoltà maggiori che attentano alla mia dignità si concentrano nel farmi sentire solo un marito e non un vero e proprio padrone di casa."[29] La casa della regina era mandata avanti di fatto dalla sua corte, capeggiata dalla baronessa Louise Lehzen. Alberto la ricorda nelle sue lettere come il "Dragone di Casa" e fece di tutto per privarla del suo "potere" all'interno della casa e prendere personalmente le redini della direzione della corte.[30]

A due mesi dal matrimonio, Vittoria rimase incinta. Alberto iniziò dunque a ricoprire ruoli pubblici; egli divenne Presidente della Società per l'Estinzione della Schiavitù (la schiavitù era già stata abolita nei territori dell'Impero Britannico, ma era praticata ancora in alcune colonie oltre che negli Stati Uniti ed in alcune colonie francesi).[31] Nel giugno del 1840, durante una passeggiata pubblica in carrozza, Alberto e Vittoria subirono un attentato da parte di Edward Oxford, poi dichiarato pazzo, il quale esplose contro la reale coppia alcuni colpi di pistola andati a vuoto. Malgrado Alberto non fosse stato ferito, i giornali diedero grande risalto al suo coraggio di padre di famiglia nel difendere la moglie incinta e nel contempo la sua freddezza nell'attacco.[32] Alberto iniziò così non solo ad ottenere supporto da parte del pubblico, ma anche ad ottenere influenza politica a tal punto che nell'agosto di quello stesso anno il parlamento inglese varò il Regency Act con il quale egli veniva designato reggente al trono in caso che Vittoria fosse morta prima del raggiungimento della maggiore età del nascituro.[33] Il loro primo figlio fu Vittoria, che prese il nome della madre, nata nel novembre di quello stesso anno. Nel corso dei successivi diciassette anni nacquero altri nove figli, tutti sopravvissuti all'età adulta, un fatto che la biografa Hermione Hobhouse accreditò all'assoluta influenza benevola di Alberto sulla cura dei figli.[34] All'inizio del 1841 Alberto riuscì ad ottenere la rimozione della baronessa Lehzen dai suoi incarichi e nel settembre del 1842 ella venne costretta a lasciare l'Inghilterra in maniera permanente, il che contribuì ancora una volta a mettere in risalto la figura di Alberto.[35]

Dopo l'elezione generale del 1841, Melbourne venne rimpiazzato come primo ministro da Sir Robert Peel, il quale nominò il principe Alberto ad un posto nella Commissione Reale incaricata di ridecorare il nuovo Palazzo di Westminster. Il Palazzo era infatti bruciato in un incendio sette anni prima e doveva essere ricostruito. Il lavoro della commissione era molto lento e l'architetto Charles Barry prese molte decisioni esterne al lavoro della commissione circa la decorazione degli interni e del mobilio.[36] Alberto rimase in disparte ma si occupò invece privatamente di collezionismo e arte aumentando la sua collezione di dipinti tedeschi e italiani (tra i quali ricordiamo Apollo e Diana di Lucas Cranach il Vecchio e San Pietro Martire del Beato Angelico) oltre a pezzi contemporanei di Franz Xaver Winterhalter ed Edwin Landseer.[37] Il dottor Ludwig Gruner, di Dresda, assistette il principe Alberto nel comprare i quadri della migliore qualità.[38]

Alberto e Vittoria subirono un nuovo attentato il 29-30 maggio 1842 dal quale uscirono ancora illesi. L'attentatore, John Francis, venne incarcerato e poi condannato a morte.[39] Gran parte di questa impopolarità era dovuta essenzialmente all'estrema aderenza che i due portavano al protocollo in pubblico, anche se nella vita privata la famiglia aveva un carattere perlopiù colloquiale e familiare.[40] All'inizio del 1844, Vittoria e Alberto compirono un viaggio a Coburgo in occasione della morte del padre di Alberto.[41]

Dal 1844, Alberto si propose di modernizzare le finanze reali inglesi e, con le proprie finanze, acquistò Osborne House sull'Isola di Wight come residenza privata ove crescere i suoi figli,[42] pur apportandovi delle modifiche in stile rinascimentale italiano progettate dallo stesso Alberto e dall'architetto Thomas Cubitt.[43] Alberto spianò i terreni circostanti e promosse la trasformazione della residenza in una residenza di campagna vera e propria con tanto di stalle e terreni coltivati.[44] Le sue stalle erano un modello per tutti gli agricoltori inglesi e altre ne volle edificare a Windsor,[45] moltiplicando così anche le entrate della famiglia reale sfruttando le risorse e i possedimenti del Ducato di Cornovaglia, proprietà ereditaria del principe di Galles.[46]

Al contrario di molti altri proprietari terrieri, Alberto si mosse per l'approvazione di un decreto che stabiliva un'età minima per iniziare a lavorare, soprattutto in campo agricolo e industriale.[47] Il chierico del consiglio privato della regina, Charles Greville, scrisse di lui: "Egli è il re di tutti gli intenti e di tutti i propositi."[48]

Riformatore e innovatore[modifica | modifica wikitesto]

Il Principe Alberto di ritorno dalla caccia al castello di Windsor con la regina Vittoria

Nel 1847, Alberto venne eletto Cancelliere dell'Università di Cambridge, ma solo dopo una lunga contestazione interna che gli contrapponeva Edward Herbert, II conte di Powis,[49] il quale venne poi ucciso durante un incidente di caccia dal suo stesso figlio l'anno successivo.[50] Alberto sfruttò la sua posizione di Cancelliere per riformare e modernizzare i curricula universitari, espandendo le materie ed introducendo lo studio della storia moderna e delle scienze naturali.[51]

Quella stessa estate, Vittoria e Alberto trascorsero delle piovose vacanze nell'ovest della Scozia a Loch Laggan, quando appresero dall'archiatra di corte Sir James Clark, che il loro figlio avrebbe giovato maggiormente di un clima secco e soleggiato. Alberto iniziò quindi le contrattazioni per l'acquisto del Castello di Balmoral con James Duff, IV conte di Fife.[52] Nel maggio dell'anno successivo, Alberto raggiunse Balmoral per visitarlo e nel settembre 1848 vi portò tutta quanta la famiglia.[53]

Le rivoluzioni del 1848 portarono ad una grave crisi economica anche in Inghilterra. Durante quell'anno, Vittoria e Alberto furono particolarmente attenti alla politica estera del segretario per gli esteri Henry Temple, III visconte Palmerston, dal momento che molti dei regnanti europei imparentati con Vittoria ed Alberto erano stati deposti dai loro troni o costretti ad abdicare.[54] In quell'anno la coppia diede alla luce la principessa Luisa proprio a Osborne House, lontano da Londra sebbene l'Inghilterra non avesse subito direttamente episodi di rivoluzione. Durante un discorso per la Società per lo Sviluppo della Condizione della Classe Lavoratrice, di cui era Presidente, egli espresse la sua "simpatia e interesse per quelle classi della nostra comunità che sono meno fortunate perché possano essere più degne di essere parte di questo nostro stato".[55]

Alberto si dimostrò dunque un uomo dalle idee liberali e progressiste, aperto all'emancipazione, al progresso tecnologico e scientifico, all'educazione, alle teorie di Darwin e a molti altri campi disparati.[56] La Great Exhibition del 1851 sorse come esibizione annuale promossa dalla Society of Arts, di cui Alberto fu presidente dal 1843, e dovette gran parte del suo successo internazionale alla personale attenzione che Alberto vi ripose.[46][57] Alberto del resto fu presidente della Royal Commission for the Exhibition of 1851, conducendo dure lotte per ogni passo nella realizzazione dell'opera.[58] Nella Camera dei Lords, Lord Brougham protestò alacremente contro la proposta di tenere l'esibizione a Hyde Park[59] adducendo al fatto che l'esposizione sarebbe stata un rapido veicolo per far convergere in Inghilterra sovversivi e rivoluzionari.[60] Alberto del resto riteneva questi discorsi quantomai assurdi e perseverò nel suo intento, consentendo quindi alle industrie inglesi di esporre i loro prodotti e di favorire quindi l'esportazione della produzione nazionale all'estero.[46]

La regina aprì l'esposizione nell'area appositamente allestita denominata the Crystal Palace il 1º maggio 1851 e la manifestazione ebbe un successo colossale.[61] Il ricavato diede un surplus di 180.000 sterline che vennero impiegati dal governo per acquistare delle terre a South Kensington e stabilirvi strutture educative, oltre a quello che sarà poi noto col nome di Victoria and Albert Museum.[62] L'area divenne nota come "Albertopolis".[63]

Famiglia e vita pubblica (1852–1859)[modifica | modifica wikitesto]

"La Regina Vittoria e la sua famiglia", ritratto di Franz Xaver Winterhalter.

Nel 1852 Alberto iniziò i propri lavori per trasformare il castello di Balmoral ed espandere i suoi possedimenti.[64] Quello stesso anno, egli venne nominato alla guida di molti uffici di governo rimasti vacanti dopo la morte di Arthur Wellesley, I duca di Wellington, tra cui la guida della Trinity House ed il ruolo di comandante in capo dei Granatieri Reali.[65] Con l'esclusione del conservatore Wellington, Alberto fu in grado altresì di modernizzare l'esercito, che si presentava ormai antiquato negli armamenti e nelle strategie.[66] Egli ebbe un ruolo importante anche nella guerra russo-ottomana optando per una soluzione diplomatica. Palmerston si presentava invece maggiormente propenso alla guerra e favoriva una politica tesa a prevenire l'espansione russa.[67] Palmerston venne escluso con delle manovre di governo dal gabinetto nel dicembre del 1853, ma nello stesso tempo la flotta russa attaccò quella ottomana ancorata a Sinop. Palmerston venne accusato dai giornali inglesi di essere sostenitore di questo inutile massacro e venne destituito per poi essere riammesso però due settimane dopo e con lui ovviamente ne risentì la stessa figura di Alberto, iniziando a circolare voci di un suo arresto per tradimento nei confronti della corona inglese.[68] Dal marzo del 1854, Regno Unito e Russia vennero coinvolte nella Guerra di Crimea, anche se, fin dall'inizio, fu evidente la mancanza di preparazione ed equipaggiamento degli inglesi nello scontro. Il primo ministro, George Gordon, IV conte di Aberdeen, diede le proprie dimissioni e Palmerston gli succedette.[69] A questo punto fu però necessario negoziare la fine della guerra col Trattato di Parigi del 1856. Durante lo scontro, Alberto trovò anche il tempo di combinare un matrimonio tra la sua figlia quattordicenne Vittoria con il principe ereditario Federico Guglielmo di Prussia, anche se il matrimonio non venne celebrato sino al compimento del diciassettesimo anno della ragazza. Alberto, oltre al prestigioso matrimonio, si augurava che sua figlia, dotata di liberalità e acume come lui, fosse in grado di influenzare positivamente lo stato prussiano, aprendolo anche all'alleanza con l'Inghilterra.[70]

Il principe Alberto, la regina Vittoria e i loro nove figli. Da sinistra a destra: la principessa Alice, il principe Arturo, il Principe Consorte, il Principe di Galles, il principe Leopoldo (di fronte a lui), la principessa Luisa, la regina Vittoria con la principessa Beatrice, il principe Alfredo, la principessa Vittoria e la principessa Elena[71]

Alberto nel contempo continuava a svolgere brillantemente il suo ruolo pubblico e nel 1857 pubblicò una raccolta di suoi discorsi. Riconosciuto universalmente come il principale tra i promotori dell'educazione e del progresso tecnologico in Inghilterra, veniva sovente invitato a presenziare a convegni ed eventi pubblici.[72] Malgrado questo egli incontrò una certa opposizione da parte del mondo ecclesiastico in particolare dopo la sua proposta di concedere il cavalierato a Charles Darwin per la pubblicazione del suo L'origine delle specie, che venne rigettata dal parlamento.[73]

Alberto fu anche padre amorevole e la governante dei suoi figli, la baronessa Sarah Lyttelton lo descriveva come paziente e gentile, giocherellone e felice di trascorrere del tempo coi suoi figli.[74] Si mostrò commosso della partenza della figlia maggiore nel 1858 alla volta della Prussia dopo l'ufficializzazione del fidanzamento col principe ereditario tedesco,[75] e mostrò disappunto per il fatto che il figlio primogenito, il Principe di Galles, non rispondesse correttamente all'intenso programma educativo che egli personalmente aveva disegnato per lui, non esitando a punirlo personalmente.[76] All'età di sette anni il principe di Galles aveva sei ore al giorno di istruzione, tra le quali spiccavano un'ora di tedesco e un'ora di francese quotidiane.[77]

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Alberto nel 1860

Durante un viaggio a Coburgo nell'autunno del 1860, Alberto ebbe un incidente in carrozza e ne uscì leggermente leso, anche se le sue condizioni gli fecero presagire che il suo tempo era ormai giunto al termine.[78]

Nel 1861, morì la madre della regina Vittoria (zia anche di Alberto) e Alberto decise di prendersi anche le incombenze della suocera in campo pubblico malgrado fosse egli stesso malato di problemi cronici allo stomaco.[79] Nell'agosto di quell'anno, Vittoria ed Alberto visitarono il Curragh Camp, in Irlanda, dove il principe di Galles stava prestando servizio militare.[80]

Dal novembre, Vittoria e Alberto tornarono a Windsor ed il principe di Galles fece ritorno a Cambridge dove era studente. Due dei cugini di Alberto, il re Pietro V del Portogallo e il principe Ferdinando del Portogallo, morirono di febbre tifoidea.[81] Nel contempo, il principe di Galles venne coinvolto in un'avventura galante con l'attrice irlandese Nellie Clifden.[82] Alberto non esitò a recarsi personalmente dal figlio per discutere con lui della scandalosa relazione che stava intrattenendo.

Il 9 dicembre di quell'anno William Jenner, gli diagnosticò una febbre tifoidea alla quale si aggiunse poi un'improvvisa congestione polmonare che portò Alberto alla morte alle 22:50 del 14 dicembre 1861 nella Blue Room del Castello di Windsor, alla presenza della regina e di cinque dei suoi figli. La figlia Vittoria si trovava all'epoca in Germania, Leopoldo in Francia, Alfredo in mare con la marina inglese e Beatrice (la più piccola) era rimasta all'esterno della stanza (Hobhouse, p. 156).[83] Malgrado la diagnosi dell'epoca, moderni studi hanno dimostrato che con tutta probabilità Alberto doveva essere ammalato da almeno due anni e che con tutta probabilità la malattia che lo portò alla morte fu un cancro ai polmoni.[84]

Eredità e fama popolare[modifica | modifica wikitesto]

La regina Vittoria fu profondamente colpita dalla morte di Alberto e decise di vestire il lutto per tutti i restanti giorni della sua lunga vita da vedova, così come diede ordine di mantenere le stanze del principe consorte inalterate come al giorno della morte di Alberto, tradizione che ancora oggi si conserva.[85] Vittoria si ritirò quasi completamente dalla vita pubblica, il che parzialmente contribuì a rovinare quanto suo marito aveva costruito nel tentativo di mostrare al popolo una monarchia fresca ed attiva come istituzione nazionale e morale e come esempio per tutti.[86]

Il corpo di Alberto venne temporaneamente sepolto nella St. George's Chapel del Castello di Windsor.[87] Il mausoleo di Frogmore, ove le sue spoglie vennero poi traslate l'anno successivo, non venne completato però sino al 1871.[88] Il sarcofago, dove poi venne sepolta anche la regina, venne ricavato dal più grande blocco di granito mai scavato in Inghilterra.[89] Malgrado Alberto non avesse mai voluto che venisse eretto un monumento con la sua effigie in vita, la regina personalmente si preoccupò di erigere centinaia di monumenti alla sua memoria e non solo nel Regno Unito, ma in tutto l'Impero Britannico.[90] Tra i più importanti ricordiamo la Royal Albert Hall e l'Albert Memorial di Londra.

Allo stesso modo molti luoghi vennero dedicati alla memoria del principe Alberto, così come il Lago Alberto in Africa, le Montagne del principe Albert in Antartide, la città di Prince Albert nel Saskatchewan, oppure la Albert Medal voluta dalla Royal Society of Arts. Da lui presero il nome quattro reggimenti d'esercito: 11th (Prince Albert's Own) Hussars; Prince Albert's Light Infantry; Prince Albert's Own Leicestershire Regiment of Yeomanry Cavalry e The Prince Consort's Own Rifle Brigade.

Molte furono le biografie scritte su di lui dopo la sua morte, la maggior parte delle quali descritte con tono elogiativo ed enfatico a segno della devozione popolare acquisita da Alberto durante gli anni del suo operato. Theodore Martin compose una magnum opus di cinque libri su Alberto, opera che venne autorizzata e supervisionata personalmente dalla regina Vittoria, a tal punto che i critici letterari dicono che all'interno dell'opera è visibile la mano della regina inglese, anche se rimane una delle principali opere sul personaggio.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dalla consorte regina Vittoria Alberto ebbe:


Sassonia-Coburgo-Gotha
Casa reale del Regno Unito

Coat of Arms of Albert of Saxe-Coburg and Gotha.svg

Discendenti di Vittoria del Regno Unito e Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Figli
Edoardo VII (1901-1910)
Figli
Giorgio V (1910-1917)


Nome Nascita Morte Note
Vittoria, principessa Reale 21 novembre 1840 5 agosto 1901 sposata 1858, Federico III, imperatore di Germania e re di Prussia; ebbero figli
Re Edoardo VII 9 novembre 1841 6 maggio 1910 sposato 1863, principessa Alessandra di Danimarca; ebbero figli
Alice 25 aprile 1843 14 dicembre 1878 sposata 1862, Ludwig IV, granduca d'Assia e del Reno; ebbero figli
Alfredo, duca di Sassonia-Coburgo e Gotha e duca di Edimburgo 6 agosto 1844 31 luglio 1900 sposato 1874, granduchessa Marija Aleksandrovna Romanova; ebbero figli
Elena 25 maggio 1846 9 giugno 1923 sposata 1866, Federico Cristiano di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg; ebbero figli
Luisa 18 marzo 1848 3 dicembre 1939 sposata 1871, John Douglas Sutherland Campbell, IX duca di Argyll; non ebbero figli
Arturo, duca di Connaught e Strathearn 1º maggio 1850 16 gennaio 1942 sposato 1879, Principessa Luisa Margherita di Prussia; ebbero figli
Leopoldo, duca di Albany 7 aprile 1853 28 marzo 1884 sposato 1882, Elena di Waldeck e Pyrmont; ebbero figli
Beatrice 14 aprile 1857 26 ottobre 1944 sposata 1885, Enrico di Battenberg; ebbero figli

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Principe Alberto di Sassonia-Coburgo e Gotha Padre:
Ernesto I, Duca di Sassonia-Coburgo e Gotha
Nonno paterno:
Francesco, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Bisnonno paterno:
Ernesto Federico, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonno paterno:
Francesco Giosea, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna paterna:
Anna Sofia di Schwarzburg-Rudolstadt
Bisnonna paterna:
Sofia Antonia di Brunswick-Wolfenbüttel
Trisnonno paterno:
Ferdinando Alberto II, Duca di Brunswick-Wolfenbüttel
Trisnonna paterna:
Antonietta Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel
Nonna paterna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Bisnonno paterno:
Enrico XXIV, Conte Reuss di Ebersdorf
Trisnonno paterno:
Enrico XXIII, Conte Reuss di Ebersdorf
Trisnonna paterna:
Contessa Sofia Teodora di Castell-Remlingen
Bisnonna paterna:
Carolina Ernestina di Erbach-Schönberg
Trisnonno paterno:
Giorgio Augusto, Conte di Erbach-Schönberg
Trisnonna paterna:
Contessa Ferdinanda Enrichetta di Stolberg-Gedern
Madre:
Principessa Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Nonno materno:
Augusto, Duca di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonno materno:
Ernesto II, Duca di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonno materno:
Federico III, Duca di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonna materna:
Principessa Luisa Dorotea di Sassonia-Meiningen
Bisnonna materna:
Principessa Carlotta di Sassonia-Meiningen
Trisnonno materno:
Antonio Ulrico, Duca di Sassonia-Meiningen
Trisnonna materna:
Carlotta Amalia d'Assia-Philippsthal
Nonna materna:
Duchessa Luisa Carlotta di Meclemburgo-Schwerin
Bisnonno materno:
Federico Francesco I, Duca di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonno materno:
Duca Luigi di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna materna:
Principessa Carlotta Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Bisnonna materna:
Principessa Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonno materno:
Principe Giovanni Augusto di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonna materna:
Contessa Luisa Reuss di Schleiz

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Il monogramma personale del principe Alberto.
il monogramma personale della regina Vittoria e del principe Alberto.
Gran Maestro dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Bagno
Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera
— 16 dicembre 1839
Cavaliere dell'Ordine del Cardo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Cardo
— 1842
Cavaliere dell'Ordine di San Patrizio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Patrizio
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio
Cavaliere Gran Commendatore dell'Ordine della Stella d'India - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Commendatore dell'Ordine della Stella d'India
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro

Note[modifica | modifica wikitesto]

Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld/Gotha
Wettin
Wappen Sachsen Coburg Gotha.png

Giovanni Ernesto
Figli
Cristiano Ernesto
Francesco Giosea
Ernesto Federico
Figli
Francesco Federico
Ernesto I
Figli
Ernesto II
Modifica
  1. ^ Hobhouse, p. 2; Weintraub, p. 20 and Weir, p. 305
  2. ^ Weintraub, p. 20
  3. ^ Weintraub, p. 21
  4. ^ Ames, p. 1 and Hobhouse, p. 2
  5. ^ e.g. Montgomery-Massingberd, Hugh (ed.) (1977) Burke's Royal Families of the World1st edition. London: Burke's Peerage, London.
  6. ^ Weintraub, pp. 25–28
  7. ^ Hobhouse, p. 4 and Weintraub, pp. 25–28
  8. ^ Weintraub, pp. 40–41
  9. ^ Hobhouse, p. 16
  10. ^ Weintraub, pp. 60–62
  11. ^ Ames, p. 15 and Weintraub, pp. 56–60
  12. ^ Hobhouse, pp. 15–16 and Weintraub, pp. 43–49
  13. ^ a b Vittoria citata in Weintraub, p. 49
  14. ^ Weintraub, p. 51
  15. ^ Weintraub, pp. 53, 58, 64, and 65
  16. ^ Weintraub, p. 62
  17. ^ Hobhouse, pp. 17–18 and Weintraub, p. 67
  18. ^ Fulford, p. 42 and Weintraub, pp. 77–81
  19. ^ Fulford, pp. 42–43; Hobhouse, p. 20 and Weintraub, pp. 77–81
  20. ^ Fulford, p. 45; Hobhouse, p. 21 and Weintraub, p. 86
  21. ^ Fulford, p. 52 and Hobhouse, p. 24
  22. ^ No.19826, p.302 in London Gazette, 14 febbraio 1840. URL consultato il 26 marzo 2010.
  23. ^ Fulford, p. 45
  24. ^ Weintraub, p. 88
  25. ^ Weintraub, pp. 8–9 e 89
  26. ^ Fulford, p. 47 e Hobhouse, pp. 23–24
  27. ^ Citato in Jagow, Kurt (ed.) The Letters of the Prince Consort, 1831–61 (London, 1938).
  28. ^ No.22015, p.2195 in London Gazette, 26 giugno 1857. URL consultato il 26 marzo 2010.
  29. ^ Alberto a William von Lowenstein, maggio 1840, citato in Hobhouse, p. 26
  30. ^ Fulford, pp. 59–74
  31. ^ Weintraub, pp. 102–105
  32. ^ Weintraub, pp. 106–107
  33. ^ Weintraub, p. 107
  34. ^ Hobhouse, p. 28
  35. ^ Fulford, pp. 73–74
  36. ^ Ames, pp. 48–55; Fulford, pp. 212–213 e Hobhouse, pp. 82–88
  37. ^ Ames, pp. 132–146, 200–222 e Hobhouse, pp. 70–78. Nel 1863 la National Gallery di Londra ricevette in dono dal principe 25 dipinti (National Gallery list, accesso 4 agosto 2009) "Presented by Queen Victoria at the Prince Consort's wish".
  38. ^ Cust, Lionel, The Royal Collection of Pictures in The Cornhill Magazine, New Series, XXII, Jan. to June 1907, pp. 162-170.
  39. ^ Weintraub, pp. 134–135
  40. ^ Ames, p. 172; Fulford, pp. 95–104 e Weintraub, p. 141
  41. ^ Ames, p. 60 and Weintraub, p. 154
  42. ^ Fulford, p. 79; Hobhouse, p. 131 e Weintraub, p. 158
  43. ^ Ames, pp. 61–71; Fulford, p. 79; Hobhouse, p. 121 e Weintraub, p. 181
  44. ^ Hobhouse, pp. 127, 131
  45. ^ Fulford, pp. 88–89 e Hobhouse, pp. 121–127
  46. ^ a b c Weintraub, Stanley (September 2004; online edition January 2008). "Albert (Prince Albert of Saxe-Coburg and Gotha) (1819–1861)". Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press. Accessed 4 August 2009 (Subscription required)
  47. ^ Fulford, p. 116
  48. ^ Greville's diary volume V, p. 257 quoted in Fulford, p. 117
  49. ^ Fulford, pp. 195–196; Hobhouse, p. 65 and Weintraub, pp. 182–184
  50. ^ Weintraub, p. 186
  51. ^ Fulford, pp. 198–199; Hobhouse, p. 65 and Weintraub, pp. 187 and 207
  52. ^ Weintraub, pp. 189–191
  53. ^ Weintraub, pp. 203 e 206
  54. ^ Fulford, pp. 119–128 e Weintraub, pp. 193, 212, 214 e 264–265
  55. ^ Il testo è riportato in "The Condition of the Labouring Classes". The Times, 19 maggio 1848; p. 6
  56. ^ Fulford, pp. 216–217 e Hobhouse, pp. 89–108
  57. ^ Fulford, pp. 219–220
  58. ^ e.g. Fulford, p. 221
  59. ^ Fulford, p. 220
  60. ^ Fulford, pp. 217–222
  61. ^ Fulford, p. 222 e Hobhouse, p. 110
  62. ^ Hobhouse, p. 110
  63. ^ Ames, p. 120; Hobhouse, p. x and Weintraub, p. 263
  64. ^ Hobhouse, p. 145
  65. ^ Weintraub, pp. 270–274 e 281–282
  66. ^ Hobhouse, pp. 42–43, 47–50 e Weintraub, pp. 274–276
  67. ^ e.g. Fulford, pp. 128, 153–157
  68. ^ Fulford, pp. 156–157 e Weintraub, pp. 294–302
  69. ^ Weintraub, pp. 303–322, 328
  70. ^ Weintraub, pp. 326 and 330
  71. ^ Finestone, p. 36
  72. ^ Darby e Smith, p. 84; Hobhouse, pp. 61–62 e Weintraub, p. 232
  73. ^ Weintraub, p. 232
  74. ^ Il diario di Lady Lyttelton è citato in Fulford, p. 95 e la sua corrispondenza in Hobhouse, p. 29
  75. ^ Fulford, p. 252 e Weintraub, p. 355
  76. ^ Fulford, pp. 253–257 e Weintraub, p. 367
  77. ^ Fulford, p. 255
  78. ^ Weintraub, pp. 392–393
  79. ^ Hobhouse, pp. 150–151 e Weintraub, p. 401
  80. ^ Weintraub, p. 404
  81. ^ Weintraub, p. 405
  82. ^ Hobhouse, p. 152 e Weintraub, p. 406
  83. ^ Darby e Smith, p. 3; Hobhouse, p. 156 e Weintraub, pp. 425–431
  84. ^ Hobhouse, pp. 150–151
  85. ^ Darby e Smith, pp. 1–4 e Weintraub, p. 436
  86. ^ Weintraub, pp. 441–443
  87. ^ Darby e Smith, p. 21 e Hobhouse, p. 158
  88. ^ Darby e Smith, p. 28 e Hobhouse, p. 162
  89. ^ Darby e Smith, p. 25
  90. ^ Darby and Smith, pp. 2, 6, 58–84

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principe consorte del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda Successore Arms of Albert of Saxe-Coburg and Gotha.svg
Adelaide di Sassonia-Meiningen
Come regina consorte
18401861 Alessandra di Danimarca
Come regina consorte
Predecessore Linea di successione al trono di Sassonia-Coburgo-Gotha Successore Flagge Herzogtum Sachsen-Coburg-Gotha (1911-1920).svg
Ernesto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Poi sovrano col nome di Ernesto II
Principe ereditario
1844-1861
Alfredo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Poi sovrano col nome di Alfredo
Predecessore Cancelliere dell'Università di Cambridge Successore University of Cambridge coat of arms.svg
Hugh Percy, III duca di Northumberland 1847 - 1861 William Cavendish, VII duca di Devonshire
Predecessore Conestabile e Governatore del Castello di Windsor Successore Badge of the House of Windsor.svg
Augusto Federico, duca di Sussex 1843-1861 Vittorio di Hohenlohe-Langenburg
Predecessore Lord Warden of the Stannaries Successore
Francis Seymour-Conway, III marchese di Hertford 1842-1861 Henry Pelham-Clinton, V duca di Newcastle

Controllo di autorità VIAF: 25395950 LCCN: n/80/56905