Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld/Gotha
Wettin
Wappen Sachsen Coburg Gotha.png

Giovanni Ernesto
Cristiano Ernesto
Francesco Giosea
Ernesto Federico
Francesco Federico
Ernesto I
Ernesto II
Modifica
Sofia di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld (nome completo Sophie Friederike Karoline Luise Prinzessin von Sachsen-Coburg-Saalfeld[1]) (Coburgo, 19 agosto 1778Tuschimitz, 9 luglio 1835) fu un membro del casato dei Wettin: nata principessa di Sassonia-Coburgo-Saalfed[1], divenne contessa di Mensdorff-Pouilly per matrimonio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sofia era la primogenita dei dieci figli del duca Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld[1], e della sua seconda moglie la principessa Augusta di Reuss-Ebersdorf[1].
Fu sorella maggiore del re Leopoldo I del Belgio e zia sia della regina Vittoria del Regno Unito che del marito di lei, il principe consorte Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld.

Il 23 febbraio del 1804, nella città di Coburgo[1], Sofia sposò il conte Emanuele di Mensdorff-Pouilly, figlio di Alberto Luigi di Pouilly (1731-1795) e di Maria Antonietta di Custine (1746-1800).

La coppia ebbe i seguenti figli:[1]

  • Alfonso Federico, nato nel 1810 e morto nel 1894, sposò in prime nozze la contessa Teresa Rosa Francesca von Dietrichstein-Proskau und Leslie e alla morte di questa si risposò con la contessa Maria Teresa von Lamberg;
  • Alessandro Costantino Alberto, nato nel 1813 e morto nel 1871, generale e primo ministro dell'Impero austriaco, sposò Alessandrina von Dietrichstein-Nicholsburg;
  • Arturo Augusto, nato nel 1817 e morto nel 1904, sposò in prime nozze Magdalena Kremzow e alla morte di questa si risposò con la contessa Bianca von Wickenburg.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Darryl Lundy, Genealogia della principessa Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld, thePeerage.com, 1º luglio 2003. URL consultato l'11 giugno 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]